Dagli appunti di un’omelia di don Guissani durante la Messa per la solennità dell’Ascensione, celebrata nella chiesa di Santo Stefano a Milano ai primissimi inizi di Gioventù Studentesca. Essa è stata trascritta da un vecchio quaderno di oltre cinquant anni fa.

Ascensione di Gesù al cielo

 

 

di Luigi Giussani

 

La giornata di oggi è l’inizio del nostro destino di uomini, ciò per cui ognuno di noi, l’umanità è stata fatta. Questo destino di felicità, armonia esuberante di tutto il cosmo per il Primo di noi si è già avverato. Egli è già nella felicità che sarà di tutti con il corpo nella scadenza che Dio fisserà. Il mistero dell’Ascensione segna questo inizio. Gli Apostoli senza capirlo bene, con un’adesione fedele, rimasero pieni di gioia. Con il cuore pieno, nella lontananza, anche noi sappiamo che è gioia. È mistero, ma mistero di gioia. Questo destino, il mistero di oggi, è ciò per cui Egli compì la Sua missione, restò nel silenzio, nel nascondimento di trent’anni, in quella lunga tensione, nella lotta con gente cattiva e ignorante, nella Sua morte. In ogni momento della Sua vita era questo giorno la componente ultima, visse per questo giorno, per porre così la parola fine. Destino Suo e per ognuno di noi, per ogni nostro corpo, per ogni nostra anima, così intero sarà questo mistero di Ascensione.

Ci sconcerta, è quasi un peso, quando la nostra coscienza si lascia così facilmente andare. Ogni volta che ci alziamo la mattina dovrebbe riapparirci questo mistero. Egli ascese al cielo per porre l’inizio al compimento del Suo regno. Per tutti si avveri questo regno. Nel primo svegliarsi – peso, disagio, lavoro da riprendere – ci deve venire in mente il destino di questa fatica, che razionalizzi la sensazione iniziale con cui ci svegliamo. «Mando voi fino agli estremi confini della terra». Andandosene come fenomeno umano, ha lasciato il compito a noi (per questo gli Atti chiamano a uno a uno per nome gli Apostoli), il compito di essere Sua carne, Sua parola, Sua presenza. Esiste con certezza la proclamazione della felicità dell’uomo – «Io sarò con voi fino alla fine dei tempi» -, miracolo di resurrezione, di tempra che si crea all’improvviso. Il corpo mistico di Cristo in noi continua.

 

Fonte: CLonline

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1