Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Lia Onely e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

ospedale terapia intensiva anziana infermiera dottoressa covid
(Rory Doyle/The New York Times)

 

Zero persone sane di età inferiore ai 50 anni sono morte a causa della COVID-19 in Israele, secondo i dati recentemente resi noti.

“Zero deceduti di età compresa tra i 18 e i 49 anni senza patologie di base”, ha dichiarato il Ministero della Salute israeliano (MOH) in risposta alla richiesta formale di un avvocato.

I funzionari hanno sottolineato che la dichiarazione si applica solo ai decessi per COVID-19 per i quali il MOH ha condotto un’indagine epidemiologica e ha ricevuto informazioni sulle malattie sottostanti.

“Zero è un numero molto, molto chiaro e non può essere soggetto a interpretazione”, ha dichiarato a The Epoch Times Yoav Yehezkelli, specialista in medicina interna e gestione medica ed ex docente del Dipartimento di gestione delle emergenze e dei disastri dell’Università di Tel Aviv in Israele.

“Perché sono state necessarie tutte le misure estreme di chiusura delle scuole, vaccinazione dei bambini e isolamento?”, ha aggiunto.

Il MOH ha risposto a una richiesta di commento.

 

Richiesta di libertà di informazioni

L’informazione è stata provocata da una richiesta di libertà d’informazione (trattasi di accesso agli atti, ndr)  presentata dall’avvocato Ori Xabi, che ha presentato diverse richieste di questo tipo nel tentativo di ottenere informazioni dal MOH sulla pandemia COVID-19 e sulle politiche COVID-19.

Xabi ha chiesto di conoscere l’età media delle persone decedute a causa della COVID-19, segmentata in base allo stato vaccinale al momento del decesso; quanti pazienti COVID-19 senza patologie sottostanti sono morti al di sotto dei 50 anni; e il numero annuale di casi di arresto cardiaco tra il 2018 e il 2022.

Secondo la risposta del MOH, l’età media dei pazienti COVID-19 vaccinati deceduti era di 80,2 anni. La media dei non vaccinati era di 77,4 anni.

Il MOH ha sottolineato che i dati in suo possesso sulle malattie di base dei pazienti sono parziali, poiché si basano sulle informazioni fornite dai pazienti o dai loro parenti, se hanno scelto di farlo. E poi, solo nei casi in cui il MOH ha condotto un’indagine epidemiologica.

Pertanto, “le informazioni disponibili non riflettono necessariamente lo stato di salute del paziente”, scrive il MOH, aggiungendo di non avere accesso alle cartelle cliniche dei pazienti.

Non è chiaro perché il MOH abbia risposto alla richiesta di Xabi utilizzando solo i casi in cui il MOH aveva condotto un’indagine epidemiologica, limitata ai pazienti deceduti per i quali le famiglie avevano collaborato, dal momento che nel 2020 il MOH ha dichiarato alla Knesset – il parlamento israeliano – di utilizzare un sistema di intelligence che fornisce al MOH ampie informazioni sui pazienti deceduti che includono “malattie sottostanti”.

Un documento (pdf) del Centro di Ricerca e Informazione della Knesset, datato 7 giugno 2020, afferma che il MOH ha fornito dati al Comitato Speciale per il Nuovo Virus COVID sui decessi COVID-19 – 298 entro quel giorno alle 16:30 – su richiesta di Yifat Shasha-Biton, membro della Knesset e presidente di tale comitato.

Secondo il documento, il sistema di intelligence del ministero dispone di dati su sesso, età, distretto di residenza e malattie di base dei deceduti. Il sistema ha mostrato che circa il 94% dei deceduti aveva 60 anni o più e che non c’erano deceduti con zero malattie di base.

Inoltre, il 4 maggio 2020, in una lettera (pdf), la Direzione medica del MOH ha dato istruzioni ai direttori degli ospedali e ai dipartimenti medici delle Health Maintenance Organizations (organizzazioni nazionali di assistenza sanitaria) su come compilare gli avvisi di morte COVID-19, indicando loro di includere le malattie sottostanti.

In una lettera del 22 dicembre 2020 (pdf), la Direzione medica ha comunicato ai direttori degli ospedali che per ogni paziente COVID-19 deceduto durante la fase acuta o a causa di complicazioni della malattia in seguito, o per le persone positive alla COVID-19 decedute, una notifica di decesso e un riassunto del caso “devono essere inviati alla COVID war room del MOH”.

Lo scopo è quello di “migliorare la sorveglianza”.

“È un po’ ingenuo” per il MOH dire di non avere i dati completi e l’accesso ai certificati di morte, ha detto Yehezkelli, che è stato anche uno dei fondatori di un team che consiglia il direttore generale del MOH.

Tuttavia questa risposta del MOH è significativa, ha detto Yehezkelli, perché “finalmente rivela la verità”.


Presentazione falsa

Studi e altri dati, tra cui uno studio guidato dall’epidemiologo di Stanford John Ioannidis, dimostrano che la mortalità da COVID-19, anche con la variante originale, dipendeva in larga misura dall’età.

“Era sicuramente una malattia che metteva in pericolo solo gli anziani”, ha detto Yehezkelli.

Al di sopra dei 60 anni, la mortalità raddoppiava ogni 5 anni, mentre al di sotto di quell’età la mortalità era trascurabile, e “ora vediamo che era pari a zero almeno al di sotto dei 50 anni”.

La risposta del MOH ha mostrato che l’età media delle persone decedute a causa della COVID-19 è di circa 80 anni, il che indica anche che “si tratta di una malattia degli anziani, quasi esclusivamente”, ha detto Yehezkelli.

“Questo significa solo che quello che ci è stato detto per 3 anni non era vero”, ha detto.

È possibile che non ci siano stati molti giovani che si sono ammalati gravemente, eppure il MOH ha enfatizzato i casi di donne incinte ricoverate in condizioni critiche e di giovani sani morti a causa della COVID-19″. Non era la situazione reale, ha detto.

“Hanno creato una falsa presentazione di un’epidemia molto grave che colpisce l’intera popolazione e quindi tutta la popolazione avrebbe dovuto essere vaccinata, indipendentemente dall’età”, ha detto Yehezkelli.

Se stiamo parlando di persone di età inferiore ai 50 anni, significa che nessuna donna incinta è morta a causa della COVID-19″, ha aggiunto.

La giustificazione data per la vaccinazione delle donne incinte, dei giovani e dei bambini era che anche loro sono affetti dalla COVID-19.

All’epoca si sapeva che non era così, “e ora lo vediamo chiaramente”, ha detto Yehezkelli, affermando che il MOH ha “perso la fiducia del pubblico” facendo una “falsa presentazione” dei pericoli della COVID-19.

 

Dati sugli arresti cardiaci

In risposta alla recente richiesta di informazioni di Xabi, il MOH ha fornito il numero di casi di arresto cardiaco dal 2018 al 2020. Hanno aggiunto: “Le informazioni per gli anni 2021-2022 non esistono in ufficio”.

Il MOH ha spiegato che “la registrazione delle cause di morte delle persone decedute viene effettuata, in conformità con la notifica di morte”, dall’Ufficio centrale di statistica, aggiungendo “i dati per gli anni 2021-2022 non sono ancora stati trasferiti al Ministero della Salute”.

Uno studio pubblicato nell’aprile 2022 che ha analizzato i dati dei servizi medici di emergenza israeliani (EMS) ha rilevato un aumento del 25% delle chiamate EMS dovute ad arresti cardiaci tra i 16 e i 39 anni tra gennaio e maggio 2021.

Il lancio del vaccino COVID-19 è iniziato nel dicembre 2020.

Retsef Levi, professore presso la Massachusetts Institute of Technology Sloan School of Management, è stato uno dei ricercatori dello studio.

Il MOH ha contestato i risultati dello studio in un post su Twitter in cui ha affermato che “non vi è alcun collegamento tra le chiamate EMS analizzate nello studio e i vaccini COVID”.

In un webinar del MOH dell’8 ottobre 2021, sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini COVID, la dott.ssa Sharon Elroy-Pries, responsabile dei servizi di salute pubblica del MOH israeliano, ha dichiarato a proposito dello studio di Levi: “Questa è una delle più grandi fake news che abbia mai visto”.

“Il Centro nazionale per il controllo delle malattie ha fatto un’analisi molto completa, compresi i dati di quello studio, [che erano] le chiamate al pronto soccorso”, ha detto, aggiungendo che “non c’era nulla. Non ci sono più [casi di] attacchi di cuore. Non ci sono più chiamate al pronto soccorso”.

Ha continuato dicendo che “nei dati sulla mortalità dall’inizio del 2021, non si nota un aumento della mortalità, tranne che per la mortalità COVID. Cioè, se guardiamo all’eccesso di mortalità nello Stato di Israele, lo vediamo proprio in corrispondenza dei picchi di morbilità [COVID] nello Stato di Israele”.

“Quando si rimuove la… morbilità da COVID a tutte le età, si vede lo stesso tasso di mortalità degli anni precedenti, o meno”, ha detto l’autrice, aggiungendo che “non c’è un aumento degli attacchi di cuore”.

In una riunione del Comitato per la Salute della Knesset del febbraio 2023 per l’estensione della legge sui poteri speciali del COVID, Elroy-Pries ha ribadito che il Ministero della Salute ha accesso ai dati sulla mortalità del COVID.

“La COVID ha ucciso più di 12.000 persone nello Stato di Israele”, ha detto durante l’incontro, spiegando che questa cifra è nota poiché “fin dall’inizio dell’epidemia, la Direzione medica ha ricevuto i certificati di morte delle persone”.

Alla domanda se in Israele ci sia un aumento dei casi di arresto cardiaco tra i giovani, Elroy-Pries ha risposto: “Non vediamo un aumento della morte dei giovani”, aggiungendo: “Lo stiamo verificando. Lo stiamo cercando”.

Levi ha dichiarato a The Epoch Times che il MOH ha attaccato lui personalmente e l’EMS, e ha chiesto: “Se non hanno dati per il 2021 e il 2022 [secondo la FOI], allora come possono sapere che non c’è un aumento [degli arresti cardiaci]?”.

Quando il MOH dice cose che sono contrarie alla scienza, ha detto Levi, o sono “contrarie ai fatti su base regolare, bisogna chiedersi se lo fanno perché non si sono preoccupati di leggere la scienza, o se lo fanno anche se… hanno letto la scienza”.

“Entrambi gli scenari sono molto gravi”, ha aggiunto.

 

I vaccini hanno salvato “milioni di persone nel mondo”: MOH

Il MOH non ha risposto a una richiesta di commento da parte di The Epoch Times.

Tuttavia, circa due ore dopo l’invio della richiesta, il 25 maggio, l’agenzia ha pubblicato sul suo account Twitter una dichiarazione riguardante la FOI di Xabi.

“A seguito della manipolazione che si è verificata negli ultimi giorni riguardo a una delle [risposte alle] richieste di Freedom of Information del Ministero della Salute, chiariamo che le risposte alle richieste presentate ai sensi della legge sulla libertà di informazione sono, naturalmente, risposte dirette alla domanda specifica che è stata posta”.

“In questo caso, al Ministero sono stati chiesti dati sulla mortalità e sulle malattie sottostanti. Il Ministero della Salute ‘non ha’ accesso alla cartella clinica [dei pazienti], quindi le informazioni si basano solo sui casi in cui è stata condotta un’indagine epidemiologica e la persona o la sua famiglia hanno risposto alla domanda [sulle patologie sottostanti]. Si tratta quindi di informazioni molto limitate. Naturalmente questo era scritto chiaramente nella risposta [al FOI].

“Chiariamo: finora, 356 giovani (18-49 anni) sono morti di COVID.

“Di questi, solo circa la metà ha la documentazione di un’indagine epidemiologica (184 deceduti).

“E solo il 7,5% (27 deceduti) ha risposto alla domanda sulle malattie di base. La risposta è stata fornita sulla base di queste informazioni.

“Il Ministero della Salute si impegna a preservare la salute di tutti i cittadini e a rendere trasparenti le informazioni disponibili presso il Ministero. È così che abbiamo agito [finora] e continueremo ad agire.

“Non dobbiamo dimenticare che l’epidemia di COVID ha finora ucciso più di 12.500 persone in Israele, ha causato una morbilità grave e critica, e sintomi post-COVID che accompagnano alcuni dei convalescenti fino ad oggi.

“La campagna di vaccinazione è iniziata nel bel mezzo di un terzo lockdown che ha comportato un aumento della morbilità e della mortalità e l’apertura dell’economia è stata resa possibile grazie all’attivazione del passaporto verde, il cui scopo era quello di ridurre il rischio di infezione negli eventi di massa”.

“I vaccini hanno salvato migliaia di persone nello Stato di Israele e milioni in tutto il mondo: il tentativo di riscrivere la storia è pericoloso”.

A seguito di un ricorso amministrativo presentato da Xabi e colleghi, il MOH si è impegnato a pubblicare la mortalità per tutte le cause segmentata per stato vaccinale ed età entro la fine di questo mese.

L’appello è un caso in corso che fa seguito a una richiesta FOI presentata al MOH il 10 ottobre 2021, alla quale non è stata data risposta entro i termini previsti dalla legge israeliana, e i dati forniti dall’agenzia durante una serie di udienze da allora sono risultati incompleti.

Lia Onely

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments