Da Newsweek nella mia traduzione.

 

Volodymyr Oleksandrovyč  Zelenskyy, Presidente dell'Ucraina
Volodymyr Oleksandrovyč Zelenskyy, Presidente dell’Ucraina

 

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha accettato che il suo paese non diventerà membro della NATO, una delle richieste fatte dalla Russia prima della sua invasione.

Secondo una traduzione dei suoi commenti fatti via collegamento video ad una riunione dei leader della Joint Expeditionary Force (JEF) del Regno Unito a Londra martedì mattina, Zelensky ha riconosciuto che l’adesione dell’Ucraina alla NATO non avverrebbe.

“Per anni abbiamo sentito il contrario, porte aperte, ma non è così”, ha detto secondo l’emittente ucraina Trukha. “Il nostro popolo lo capisce, e stiamo cominciando a contare sulle nostre forze”, ha aggiunto.

La testata Nexta ha citato Zelensky: “Ci siamo resi conto che l’Ucraina non diventerà un membro della NATO. Lo capiamo, siamo persone capaci”.

L’ammissione che Kiev non entrerà nella NATO potrebbe cambiare la posta in gioco per la diplomazia, che finora non è riuscita a porre fine alle ostilità a quasi tre settimane dall’inizio dell’invasione il 24 febbraio. Newsweek ha contattato i ministeri degli esteri ucraino e russo per un commento.

La settimana scorsa, Zelensky ha detto a ABC News che si era ” calmato” sull’offerta dell’Ucraina di unirsi all’alleanza “molto tempo fa”. Ha detto che questo è venuto “dopo che abbiamo capito che la NATO non è pronta ad accettare l’Ucraina”.

La Russia ha chiesto una garanzia che Kiev non si unisca all’alleanza e l’ammissione di Zelensky potrebbe essere presentata come una concessione a Mosca che potrebbe aprire la strada alla fine della guerra.

Tuttavia, le altre richieste del presidente russo Vladimir Putin includono la cosiddetta “denazificazione” e “smilitarizzazione” dell’Ucraina.

Zelensky ha ripetutamente chiesto alla NATO di istituire una no-fly zone sopra l’Ucraina per prevenire la raffica di attacchi provenienti dalle forze russe.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha respinto la mossa, dicendo che avrebbe messo l’intera alleanza in conflitto diretto con la Russia, una potenza nucleare.

Tuttavia, le azioni militari della Russia sono già alle porte della NATO dopo che un attacco missilistico su una base a nord-ovest di Lviv, nell’Ucraina occidentale, ha ucciso almeno 35 persone a soli 10 miglia dal confine della Polonia, membro dell’alleanza.

Secondo l’articolo 5 del trattato della NATO, un attacco a un membro è un attacco a tutti, e farebbe entrare in vigore la forza collettiva dell’alleanza di 30 membri.

Martedì, Stoltenberg ha avvertito che la Russia stava gettando le basi per un’ulteriore escalation in Ucraina, sostenendo che il paese sta sviluppando armi chimiche nei laboratori biologici.

“Questa è solo un’altra bugia”, ha detto. “Siamo preoccupati che Mosca possa mettere in scena un’operazione ‘false flag'”.

 

 

 

Facebook Comments