George Weigel, biografo e amico di Giovanni Paolo II, dice che “l’unica autorità che la Santa Sede ha oggi nella politica mondiale è l’autorità morale; che l’autorità morale si esaurisce quando la Chiesa non dice la verità al potere, soprattutto al potere totalitario e autoritario.”

L’articolo di George Weigel è pubblicato su Catholic World Report e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

ATTENZIONE FOTO CON LINK A FILM Basilica di San Pietro a Roma

Basilica di San Pietro a Roma

 

Durante un breve volo papale da Boston a New York, il 2 ottobre 1979, padre Jan Schotte (poi cardinale, ma allora funzionario curiale di basso rango) scoprì che il cardinale Agostino Casaroli, segretario di Stato vaticano, aveva fatto una importante revisione del discorso che il Papa Giovanni Paolo II avrebbe pronunciato alle Nazioni Unite più tardi quel giorno. Schotte, che aveva contribuito a sviluppare il testo, trovò con sgomento che il cardinale Casaroli aveva tagliato quasi tutto ciò che l’Unione Sovietica e i [paesi] satelliti del blocco comunista potevano trovare offensivo – come [ad esempio] una robusta difesa papale della libertà religiosa e di altri diritti umani. Schotte portò il testo rivisto e censurato nella cabina privata di Giovanni Paolo II sull’aereo Shepherd One e spiegò perché pensava che Casaroli, l’architetto del tentativo del Vaticano di riavvicinamento ai regimi comunisti alla fine degli anni Sessanta e Settanta, avesse torto ad annacquare il discorso.

Giovanni Paolo II guardò il testo rimaneggiato, pensò un po’, e poi seguì il consiglio di Schotte. Parlando a quello che il mondo immaginava essere il suo più grande podio, egli avrebbe fatto una difesa forte e di principio dei diritti umani. E se i regimi tirannici ne fossero stati turbati, peccato.

E furono davvero sconvolti, e il loro disagio era palpabile per tutti noi nella sala dell’Assemblea Generale quel giorno. Ma ai cattolici sotto attacco dietro la cortina di ferro fu ricordato che a Roma avevano un campione che non avrebbe giocato a fare politica mondiale secondo le regole del mondo. Il Papa avrebbe giocato secondo le regole evangeliche.

I ricordi del cardinale Schotte di quell’incidente, che mi raccontò nel 1997, hanno assunto una nuova importanza, perché la diplomazia vaticana sembra tornare a una struttura in stile Casaroli dei regimi criminali. All’inizio di questo mese, per esempio, un discorso dell’Angelus domenicale in cui Papa Francesco avrebbe espresso, nel modo più blando possibile, le sue preoccupazioni per la nuova legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong e il suo agghiacciante effetto sui diritti umani è stato distribuito ai giornalisti un’ora prima dell’Angelus di mezzogiorno. Poi, poco prima della comparsa del Papa, ai giornalisti è stato detto che le osservazioni sulla Cina e su Hong Kong non sarebbero state fatte, dopo tutto.

Non è difficile immaginare cosa sia successo: un discepolo del defunto cardinale Casaroli probabilmente ha convinto il Papa a non dire nulla che potesse essere considerato una critica al regime comunista cinese.

In Il prossimo Papa: L’Ufficio di Pietro e una Chiesa in missione (recentemente pubblicato da Ignatius Press), suggerisco che le posizioni istituzionali di default nella diplomazia vaticana non riflettono due lezioni insegnate dalla fine del XX secolo: l’unica autorità che la Santa Sede ha oggi nella politica mondiale è l’autorità morale; che l’autorità morale si esaurisce quando la Chiesa non dice la verità al potere, soprattutto al potere totalitario e autoritario. La verità può essere detta con prudenza e con carità; ma deve essere detta. Se la verità non viene detta, il Vaticano confessa tacitamente la sua debolezza e gioca sempre in difesa su un campo definito dai nemici di Cristo e della Chiesa.

La recente diplomazia papale ha costantemente sottolineato l’importanza del “dialogo”. E sì, “La mascella, la mascella è meglio della guerra, della guerra”, come diceva Winston Churchill. Ma gli sforzi vaticani per il dialogo che non partono dalla consapevolezza che i regimi autoritari e totalitari considerano il “dialogo” come una tattica per mantenere il loro potere non andranno molto lontano. L’attuale regime cinese, per esempio, non è interessato al “dialogo” su o all’interno di Hong Kong; è interessato a schiacciare le libertà che ha giurato di onorare dopo il ritorno della città alla sovranità cinese nel 1997. Fingere il contrario peggiora la situazione. La stessa cautela vale per Cuba, Nicaragua, Venezuela, Russia e per altri violatori sistemici dei diritti umani.

In Il prossimo Papa, sottolineo che la narrazione della verità nella diplomazia vaticana è essenziale anche per ragioni evangeliche. Nei Paesi che abusano sistematicamente del loro popolo, la missione della Chiesa di proclamare il Vangelo è compromessa quando queste persone non percepiscono la Chiesa cattolica come il loro difensore. Così il prossimo papa, propongo, dovrebbe imporre una revisione completa della diplomazia vaticana del periodo successivo alla seconda guerra mondiale, portando esperti laici qualificati nella discussione. Questo studio deve includere una valutazione approfondita e senza paraocchi dell’eredità di Casaroli, che rimane una forza nel servizio diplomatico papale e nella burocrazia curiale – nonostante le prove incontrovertibili e documentate che l’approccio del cardinale Casaroli ai poteri comunisti è fallito, e di fatto ha peggiorato la situazione.

Sono in gioco l’autorità morale della Santa Sede e la missione evangelica della Chiesa.

 

Facebook Comments