“È come se le persone fossero diventate ansiose di smantellare le proprie libertà, come se queste appartenessero a loro come mobili e non fossero doni eterni semplicemente presi in prestito dai posteri. È come se la “pandemia” fornisse una licenza per lasciar andare ogni responsabilità e soccombere all’abbraccio di un potere non responsabile.”

Un articolo scritto da John Waters, scrittore e cronista irlandese, autore di dieci libri e drammaturgo, e pubblicato su First Thing. La traduzione è a cura di Riccardo Zenobi

 

Oppressione libertà di espressione

 

Insieme alla mia cara amica Gemma O’Doherty, ho lanciato una sfida costituzionale alle misure di lockdown dell’Irlanda per il COVID-19, che il governo irlandese ha introdotto tre settimane fa. O’Doherty e io chiediamo una revisione giudiziaria della legislazione e dei regolamenti abilitanti e un’ingiunzione o una dichiarazione per porre fine a tutto.

In Irlanda, come in molti paesi, stiamo rapidamente scoprendo di essere stati ingannati, che la pandemia di COVID-19 non è lontanamente grave come i nostri leader, con i loro “esperti”, ci hanno chiesto di accettare. Eppure politici ed esperti hanno reso un cratere le economie del mondo, messo a rischio la vita di milioni di persone (un rischio maggiore di qualsiasi altra cosa rappresentato da COVID-19) e trasformato le democrazie occidentali in dispotismi totalitari pop-up.

È sorprendente quanto siano simili i pacchetti legislativi introdotti in tutto il mondo, e l’Irlanda non si distingue. Per la prima volta nella storia, una malattia infettiva è stata combattuta non mettendo in quarantena solo gli infetti, ma anche limitando radicalmente le libertà dei sani e dei non colpiti. Alle persone è stato ordinato di rimanere a casa tranne che per i viaggi “essenziali” e l’esercizio quotidiano, che era limitato con limiti specifici e non era consentito includere periodi di riposo. Alla nostra forza di polizia, An Garda Siochána (Guardiani della Pace), furono dati ampi poteri per mettere in discussione, sanzionare o detenere coloro che non rispettavano quando gli veniva dato l’ordine di tornare a casa. Ai cittadini è stato sommariamente negato il diritto di mescolarsi liberamente, andare in pub, caffè e ristoranti, tenere o partecipare a eventi sportivi, viaggiare per guadagnare il loro pane quotidiano, entrare in luoghi di bellezza e aree selvagge per essere soli con sé stessi e il loro Dio. Gli ufficiali del Garda hanno persino fermato persone che stavano semplicemente camminando o pedalando lungo una strada, interrogandoli sui loro movimenti più ordinari e abitudinari. In alcuni casi le persone hanno avuto i loro carrelli della spesa perquisiti per cercare articoli “non essenziali”. Incontrai un uomo che, dopo aver acquistato il materiale per dipingere un cancello, ricevette lezioni e istruzioni per restituire la merce al negozio in cui l’aveva acquistata, mentre sarebbe stato accettabile se avesse acquistato una dose considerevole di alcol e fosse tornato a casa a stare davanti alla TV.

L’Irlanda ha una Costituzione scritta che, nonostante una serie di violenti assalti dei politici negli ultimi anni, rimane tra le migliori al mondo. L’articolo 6, ad esempio, dichiara che “Tutti i poteri di governo, legislativo, esecutivo e giudiziario derivano, sotto Dio, dal popolo, il cui diritto è designare i governanti dello Stato e, in appello finale, decidere tutte le questioni di politica nazionale, secondo i requisiti del bene comune. ”

La nostra Costituzione e le nostre leggi sono radicate nella legge naturale e nei concetti di libertà di diritto comune inglese: Siamo persone libere sotto Dio, a meno che, per motivi eccezionali e proporzionati, il nostro governo – con il nostro permesso di cui sopra – sia costretto a ridurre quelle libertà nell’interesse del bene comune. Tali interventi sono vincolati da un’etica del proporzionalismo minimalista. Non riceviamo le nostre libertà dal governo, ma da Dio. Noi, il popolo, garantiamo al governo tutti i poteri che può avere. L’idea quindi che le persone vengano imprigionate nelle proprie case sulla base di una crisi che si rivela quotidianamente esagerata da modelli di proiezione spuri e ora screditati, è profondamente ripugnante per i nostri diritti costituzionali, che garantiscono libertà di parola, associazione, movimento, mezzi di sussistenza, coscienza e pratica religiosa.

La nostra Costituzione è chiara: l’abitazione di ogni cittadino è “inviolabile”, il che presumibilmente significa che non può essere requisita come cella di prigione improvvisata. Una “emergenza” può temporaneamente causare la limitazione di queste libertà solo nelle circostanze più rigorose e precise. L’articolo 28.3.3 della Costituzione dell’Irlanda (un principio rafforzato nell’ultimo decennio dalla Corte Suprema) prescrive che uno stato di emergenza può essere dichiarato solo in tempo di guerra o ribellione armata, che può, se così deciso da entrambe le Camere dell’Oireachtas (Parlamento), “includere un conflitto armato in cui lo stato non è un partecipante diretto”.

La sicurezza pubblica è un’area in cui tali interventi possono essere richiesti di volta in volta, ma devono soddisfare rigorosi standard di necessità e proporzionalità. Molti dei diritti della Costituzione irlandese sono “inalienabili” e “imprescrivibili”, il che significa che non possono essere ceduti e non possono essere tolti.

La cosa più sorprendente della reazione alle imposizioni COVID-19 è stata l’acquiescenza delle popolazioni quasi ovunque. Sotto la forza della propaganda statale e mediatica, i cittadini obbedivano docilmente ai comandi sommari della polizia che violavano ogni principio di protezione costituzionale e civile. In Irlanda, hanno applaudito alle “guardie” che le hanno incarcerate nelle loro case, hanno insegnato loro di sedersi tranquillamente vicino a una spiaggia a fissare il mare e talvolta sono giunte ad arrestarle con una coercizione senza cerimonie nell’incontrare il minimo dissenso o resistenza. Politici, sacerdoti e giornalisti apprezzano il cliché sulla banalità a sostegno e lode di queste misure.

Le persone sembravano non capire più che la libertà, e la parola “libertà”, non sono cose ordinarie, che sebbene naturali per la nostra condizione umana non si verificano spontaneamente, rimangono come un cane maltrattato e rispondono a un interruttore on-off. È stato veramente, incredibilmente sorprendente da vedere.

C’è un costo per mettere in discussione tali cose nel nostro clima attuale. Non mi impensieriscono tanto le persone che mi gridano per strada. “Ah! Il rivoluzionario! ” “Se non ti dispiace dire che sei una vera vergogna!” Molto peggio è che le persone che conosco bene cercano di attirarmi in argomentazioni fatue in cui, in breve tempo, respiro senza fiato mentre mi rendo conto che stiamo discutendo di un aspetto periferico della saga mentre l’altra persona rimane cieca di fronte al buco nero nel mezzo, dove la libertà di fare le cose ordinarie sedeva in bella vista. Il “virus” qui era un virus della ragione umana. Come scrisse Peter Hitchens: Amiamo il Grande Fratello. Questo è ciò che rimarrà, quando sarà finito, se mai in futuro si potrà dire che sia veramente finito.

Romano Guardini ha avvertito in Potere e responsabilità:

 

Nel lungo termine, il dominio richiede non solo il consenso passivo, ma anche la volontà di essere dominati, una volontà desiderosa di abbandonare la responsabilità personale e lo sforzo personale. In linea di massima, i dominati ottengono ciò che essi stessi desiderano; le barriere interne di rispetto e autodifesa possono cadere prima che il potere possa davvero violare.

 

È come se le persone fossero diventate ansiose di smantellare le proprie libertà, come se queste appartenessero a loro come mobili e non fossero doni eterni semplicemente presi in prestito dai posteri. È come se la “pandemia” fornisse una licenza per lasciar andare ogni responsabilità e soccombere all’abbraccio di un potere non responsabile. Le libertà ottenute attraverso la perdita di innumerevoli vite venivano ora erose, anche se nessuna prova era stata offerta da una correlazione, ancor meno una relazione causale tra azione ed effetto dichiarato. Siamo passati dagli interventi minimi necessari nell’interesse del bilanciamento della sicurezza pubblica e delle libertà a una situazione che ha reso queste libertà non più libertà, ma semplicemente concessioni dello stato o, più precisamente, del regime.

Nel modo in cui la tirannia si è evoluta – senza un dibattito significativo, senza un evidente dissenso, con un declino istantaneo diffuso nei livelli di spionaggio e di accaparramento che avevano richiesto molti anni alla Stasi per perfezionarlo – è diventato qualcosa che abbiamo fatto a noi stessi. L’Irlanda ha sperimentato, non per la prima volta negli ultimi anni, un fallimento di organi multipli da parte delle principali istituzioni, i grandi pilastri – Quattro Pilastri – della democrazia irlandese. Gli Oireachtas non sono riusciti a discutere queste imposizioni di grande importanza; il presidente non ha esercitato la sua prerogativa di deferirli alla Corte suprema. I media non sono riusciti a porre anche le domande più rudimentali. Nessun membro significativo della professione legale è emerso per mettere in guardia contro le implicazioni – nessun ex ministro della giustizia, nessun ex procuratore generale, nessun consulente senior o avvocato accademico.

Non c’era nessuno equivalente a Lord Sumption del Regno Unito, ex giudice della Corte suprema, che ha dichiarato in un’intervista alla BBC:

 

Il vero problema è che quando le società umane perdono la loro libertà, di solito non è perché i tiranni l’hanno portata via. Di solito è perché la gente rinuncia volontariamente alla propria libertà in cambio di protezione da qualche minaccia esterna. E la minaccia è solitamente una minaccia vera ma esagerata. Questo è quello che temo che stiamo vedendo ora… L’isteria è contagiosa. Stiamo preoccupandoci in una situazione della quale esageriamo la minaccia e smettiamo di chiederci se la cura può essere peggiore della malattia.

 

Questo, ha avvertito Lord Sumption, è “come le società diventano dispotismi”.

L’isteria, naturalmente, è emersa principalmente dai media – in Irlanda tanto quanto altrove – e questo ora solleva la questione se questi stessi media non siano ora, nella loro disperazione di sopravvivere a tutti i costi, un pericolo significativo per le nostre libertà democratiche e la sicurezza dei nostri popoli.

Qui in Irlanda, spetta a due laici – due persone che hanno lavorato per molti anni nel giornalismo mentre era ancora una professione dignitosa e onorata – sollevare queste questioni fondamentali relative alla libertà e allo stato di diritto. Ciò che ora cerchiamo di fare è quello che il nostro presidente avrebbe dovuto fare diverse settimane fa: far controllare questa legislazione dai tribunali in modo che le persone possano essere rassicurate sul fatto che almeno alcuni organi dello Stato funzionino ancora e che esistano alcuni mezzi di protezione per garantire che una calamità come questa non possa mai più ripetersi.

 

John Waters è uno scrittore e cronista irlandese, autore di dieci libri e drammaturgo.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1