Mentre l’Ucraina inizia una controffensiva e i falchi di Biden stanno a guardare, la Russia indica una ripresa della minaccia nucleare…Del resto, è lo stesso Biden che dice che “E’ reale la minaccia di Putin sull’uso di armi nucleari tattiche“. 

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto dal prestigioso giornalista americano Seymour Myron “Sy” Hersh e pubblicato su ZeroHedge. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Esplosioine nucleare - Foto: shutterstock)

 

Avevo intenzione di scrivere questa settimana sulla guerra in espansione in Ucraina e sul pericolo che rappresenta per l’amministrazione Biden. Avevo molto da dire. Il vicesegretario di Stato Wendy Sherman si è dimessa e il suo ultimo giorno in carica è il 30 giugno. La sua partenza ha scatenato quasi il panico all’interno del Dipartimento di Stato per la persona che molti temono verrà scelta per sostituirla: Victoria Nuland. L’atteggiamento da falco della Nuland nei confronti della Russia e l’antipatia per Vladimir Putin si sposano perfettamente con le idee del Presidente Biden. La Nuland è ora sottosegretario per gli Affari politici ed è stata descritta come “in libera uscita”, secondo le parole di una persona che conosce direttamente la situazione, tra i vari uffici del Dipartimento di Stato mentre il Segretario di Stato Antony Blinken è in viaggio. Se la Sherman ha un’opinione sul suo potenziale successore, e deve averla, è improbabile che la condivida.

Alcuni membri dell’intelligence americana ritengono che Biden sia convinto che le sue prospettive di rielezione dipendano da una vittoria, o da una qualche soluzione soddisfacente, nella guerra in Ucraina. Il rifiuto di Blinken della prospettiva di un cessate il fuoco in Ucraina, espresso nel suo discorso del 2 giugno in Finlandia di cui ho scritto la settimana scorsa, è in linea con questo pensiero.

Putin dovrebbe essere giustamente condannato per la sua decisione di far precipitare l’Europa nella guerra più violenta e distruttiva dai tempi delle guerre balcaniche degli anni Novanta. Ma i vertici della Casa Bianca devono rispondere della loro volontà di lasciare che una situazione evidentemente tesa sfoci in guerra quando, forse, una garanzia inequivocabile che all’Ucraina non sarebbe stato permesso di entrare nella NATO avrebbe potuto mantenere la pace.

La controffensiva ucraina procede a rilento nei primi giorni, e così le notizie sulla guerra sono scomparse per breve tempo dalle prime pagine del New York Times e del Washington Post. La paura dei giornali di un’altra presidenza Trump sembra aver diminuito il loro appetito per un’informazione obiettiva, quando questa fornisce cattive notizie dal fronte. Le cattive notizie potrebbero continuare ad arrivare se la limitata potenza aerea e missilistica dell’esercito ucraino continuerà ad essere inefficace contro la Russia.

I servizi segreti americani ritengono che la Russia abbia distrutto la vitale diga di Kakhovka sul fiume Dnipro. Il motivo di Putin non è chiaro. Il sabotaggio aveva lo scopo di allagare e rallentare i percorsi dell’esercito ucraino verso la zona di guerra nel sud-est? C’erano siti nascosti di stoccaggio di armi e munizioni ucraine nell’area allagata? (Il comando militare ucraino sposta costantemente le proprie scorte nel tentativo di tenere a bada la sorveglianza satellitare e il puntamento missilistico russo). Oppure Putin stava semplicemente lanciando un segnale e facendo capire al governo di Volodymyr Zelensky che questo è l’inizio della fine?

Nel frattempo, all’interno della Russia si è assistito a un’escalation di retorica sulla guerra e sulle sue possibili conseguenze. Lo si può osservare in un saggio pubblicato in russo e in inglese il 13 giugno da Sergei A. Karaganov, accademico di Mosca e presidente del Consiglio russo per la politica estera e di difesa. Karaganov è noto per essere vicino a Putin; è preso sul serio da alcuni giornalisti occidentali, in particolare da Serge Schmemann, a lungo corrispondente da Mosca per il New York Times e ora membro del comitato editoriale del Times. Come me, ha trascorso i suoi primi anni come giornalista dell’Associated Press.

Uno dei punti principali di Karaganov è che la guerra in corso tra Russia e Ucraina non finirà nemmeno se la Russia dovesse ottenere una vittoria schiacciante. Rimarrà, scrive, “una popolazione ultranazionalista ancora più amareggiata e imbottita di armi, una ferita sanguinante che minaccia inevitabili complicazioni e una nuova guerra”.

Il saggio è soffuso di disperazione. Una vittoria russa in Ucraina significa una guerra continua con l’Occidente. “La situazione peggiore”, scrive, “potrebbe verificarsi se, a costo di enormi perdite, liberassimo l’intera Ucraina e questa rimanesse in rovina con una popolazione che per lo più ci odia. . . . La faida con l’Occidente continuerà perché sosterrà una guerriglia di basso livello”. Un’opzione più attraente sarebbe la liberazione delle aree filorusse dell’Ucraina, seguita dalla smilitarizzazione delle forze armate ucraine. Ma questo sarebbe possibile, scrive Karaganov, “solo se e quando saremo in grado di spezzare la volontà dell’Occidente di incitare e sostenere la giunta di Kiev e di costringerla a ritirarsi strategicamente”.

“E questo ci porta alla questione più importante, ma quasi indiscussa. La causa sottostante e persino fondamentale del conflitto in Ucraina e di molte altre tensioni nel mondo… è l’accelerazione del fallimento delle moderne élite occidentali al potere” nel riconoscere e affrontare il “corso della globalizzazione degli ultimi decenni”. Questi cambiamenti, che Karaganov definisce “senza precedenti nella storia”, sono elementi chiave dell’equilibrio di potere globale che ora favorisce “la Cina e in parte l’India che agiscono come motori economici, e la Russia scelta dalla storia come pilastro strategico militare”. I Paesi occidentali, sotto leader come Biden e i suoi collaboratori, scrive, “stanno perdendo la loro capacità di cinque secoli di travasare ricchezza nel mondo, imponendo, principalmente con la forza bruta, ordini politici ed economici e dominio culturale. Non ci sarà quindi una fine rapida al conflitto difensivo e aggressivo dell’Occidente”.

Questo sconvolgimento dell’ordine mondiale, scrive, “è in atto dalla metà degli anni Sessanta. … . . La sconfitta in Iraq e in Afghanistan e l’inizio della crisi del modello economico occidentale nel 2008 sono state tappe fondamentali”. Tutto questo fa pensare a un disastro su larga scala: “La tregua è possibile, ma la pace no. . . . Questo vettore di movimento dell’Occidente indica inequivocabilmente uno scivolamento verso la Terza Guerra Mondiale. Sta già iniziando e può esplodere in una vera e propria tempesta di fuoco per caso o a causa dell’incompetenza e dell’irresponsabilità dei moderni circoli dirigenti dell’Occidente”.

Secondo Karaganov – e non lo condivido in alcun modo – la guerra guidata dagli americani contro la Russia in Ucraina, con il sostegno della NATO, è diventata più fattibile, persino ineluttabile, perché la paura della guerra nucleare è scomparsa. Quello che sta accadendo oggi in Ucraina, sostiene, sarebbe “impensabile” nei primi anni dell’era nucleare. A quel tempo, anche “in un impeto di rabbia disperata”, “i circoli dirigenti di un gruppo di Paesi” non avrebbero mai “scatenato una guerra su larga scala nel ventre di una superpotenza nucleare”.

Da qui in poi l’argomentazione di Karagonov si fa ancora più spaventosa. Conclude sostenendo che la Russia può continuare a combattere in Ucraina per due o tre anni “sacrificando migliaia e migliaia dei nostri uomini migliori e abbattendo … centinaia di migliaia di persone che vivono nel territorio che ora si chiama Ucraina e che sono cadute in una tragica trappola storica. Ma questa operazione militare non può concludersi con una vittoria decisiva senza costringere l’Occidente a ritirarsi strategicamente, o addirittura ad arrendersi, e costringere [l’America] a rinunciare al suo tentativo di invertire la storia e preservare il dominio globale. . . . In parole povere, deve ‘smammare’ in modo che la Russia e il mondo possano andare avanti senza ostacoli”.

Per convincere l’America a “smammare”, scrive Karaganov, “dovremo rendere la deterrenza nucleare di nuovo un argomento convincente, abbassando la soglia per l’uso delle armi nucleari ad un livello inaccettabilmente alto e risalendo rapidamente ma prudentemente la scala della deterrenza-escalation”. Putin lo ha già fatto, afferma, attraverso le sue dichiarazioni e il dispiegamento anticipato di armi nucleari russe in Bielorussia. Non dobbiamo ripetere lo “scenario ucraino”. Per un quarto di secolo, non abbiamo ascoltato coloro che avevano avvertito che l’aggressione della NATO avrebbe portato alla guerra, e abbiamo cercato di ritardare e di ‘negoziare’. Il risultato è stato un grave conflitto armato. Il prezzo dell’indecisione ora sarà più alto di un ordine di grandezza.

“Il nemico deve sapere che siamo pronti a sferrare un attacco preventivo come rappresaglia per tutti i suoi atti di aggressione attuali e passati, per evitare di scivolare in una guerra termonucleare globale. . . . Moralmente, questa è una scelta terribile perché useremo l’arma di Dio, condannandoci così a gravi perdite spirituali. Ma se non lo facciamo, non solo la Russia può morire, ma molto probabilmente l’intera civiltà umana cesserà di esistere”.

L’idea di Karaganov di un’arma termonucleare come “arma di Dio” mi ha ricordato una strana ma simile frase usata da Putin in un forum politico a Mosca nell’autunno del 2018. Ha detto che la Russia lancerebbe un attacco nucleare solo se il sistema di allerta precoce dell’esercito avvertisse di una testata in arrivo. “Saremmo vittime di un’aggressione e arriveremmo in paradiso come martiri”, mentre coloro che hanno lanciato l’attacco “morirebbero e basta, senza nemmeno avere il tempo di pentirsi”.

Karaganov ha fatto molta strada nel suo pensiero sulla guerra nucleare rispetto alle sue osservazioni in un’intervista con Schmemann dell’estate scorsa. Ha espresso preoccupazione per la libertà di pensiero nel futuro e ha aggiunto: “Ma sono ancora più preoccupato per la crescente probabilità che un conflitto termonucleare globale ponga fine alla storia dell’umanità. Stiamo vivendo una crisi missilistica cubana prolungata. E non vedo persone del calibro di Kennedy e del suo entourage dall’altra parte. Non so se abbiamo interlocutori responsabili”.

Che cosa dobbiamo pensare del presagio di sventura di Karaganov? Le sue osservazioni riflettono in qualche modo la politica dei vertici? Lui e Putin discutono dell’idea di quando o dove sganciare la bomba? Oppure non è altro che un’espressione del pluridecennale complesso di inferiorità della Russia di fronte al luccicante Occidente, dove trova – come vediamo oggi nell’amministrazione Biden – un’infinita ostilità nei confronti della Russia.

“Questo potrebbe essere il segnale di un movimento in Russia”, mi ha detto un osservatore di lunga data del Cremlino, “per un pericoloso cambiamento di politica, oppure potrebbe essere il vaneggiamento fuori dalle righe di un accademico preoccupato ma profondamente russo”. Ha aggiunto che ogni serio stratega politico della NATO dovrebbe leggere e valutare il saggio.

Il futuro del mondo è davvero solo nelle mani della Russia e non nelle nostre?

Buona festa del papà.

Seymour Hersh 

 

Seymour Myron “Sy” Hersh (Chicago, 8 aprile 1937) è un giornalista e scrittore statunitense. Ha vinto il Premio Pulitzer per le sue numerose inchieste giornalistiche in ambito militare. È attualmente giornalista e autore per The New Yorker, per il quale si occupa di temi geopolitici, di sicurezza e militari, in particolare riguardo l’operato dei servizi segreti e di intelligence.  Seymour Myron “Sy” Hersh è uno dei giornalisti più noti degli Stati Uniti, è stato negli anni successivi autore di numerosi articoli e volumi sui retroscena dell’establishment politico-militare statunitense.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email