“Le nostre pseudo-élites globaliste forse non potevano fare a meno di essere relativamente stupide e moralmente corrotte. Forse non potevano fare a meno della mentalità della guerra fredda e scuotere l’ossessione mondialista di non ridursi mai, ma di espandere sempre le alleanze e le unioni internazionali. Ma non c’è bisogno di credere che Putin sia un bravo ragazzo – basta non essere uno stupido – per capire che andare d’accordo con una potenza nucleare è un imperativo e richiede di essere ragionevoli.”

Un articolo di Selwyn Duke, pubblicato su American Tinker, che vi propongo nella mia traduzione.

 

explosion nuclear bomb in ocean

 

È difficile trovare un americano, ovunque, che creda che l’invasione della Russia in Ucraina sia una buona cosa. Io non faccio eccezione. La guerra è brutta, e persone innocenti soffrono mentre le pseudo-élite giocano le loro partite a scacchi geopolitiche guidate dalla sete di potere, dal portafoglio e dalla politica. Non si tratta nemmeno di fare il tifo per i “buoni”. Perché Vladimir Putin non può essere annoverato tra loro, e, per questo, nemmeno l’ex attore e presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy o i nostri “leader” globalisti. Piuttosto, questo riguarda qualcos’altro.

Quando qualche tempo fa prendevo dei farmaci e volevo prendere anche il Benadryl, per un motivo più frivolo, ho esitato perché non potevo determinare come i farmaci avrebbero interagito. Non ho preso il Benadryl; come ha detto qualcuno vicino a me, “Non vuoi rischiare di morire per qualcosa di stupido”.

Lo stesso punto potrebbe essere fatto qui dai nostri leader, che non riescono nemmeno a capire cosa siano i ragazzi e le ragazze, e che girano in punta di piedi intorno alla terza guerra mondiale nel cortile della nazione con la più grande riserva di armi nucleari del mondo:

Vogliamo davvero rischiare di morire in un olocausto atomico per qualcosa di stupido?

Non si tratta di paure dettate dall’emozione. Il previsore di tendenze BCA Research prevede un 10% di possibilità di una guerra nucleare che porrà fine alla civiltà entro il prossimo anno – e temo che la probabilità possa essere ancora maggiore.

Prima che qualcuno cominci a parlare dell’imperativo morale di prendere le clave per l’Ucraina – con le pretese su come “i prezzi del gas più alti ne valgano la pena” (“vaccinare” era il precedente obbligo morale) – rivediamo la stupidità in questione.

Nel 1991-’92 l’Unione Sovietica, in preda ai riformatori, permise la caduta del Muro di Berlino, si dissolse in 15 nazioni, riportò l’Armata Rossa all’interno dei confini russi e cominciò persino a comportarsi, probabilmente, in modo più filo-americano. Per esempio, “la Russia non ha usato il suo veto nel Consiglio di Sicurezza per bloccare la guerra degli Stati Uniti per cacciare Saddam Hussein, un alleato, dal Kuwait”, ha ricordato il commentatore Pat Buchanan nel 2007. “Quando l’11 settembre ha colpito, Putin ha dato la sua benedizione alle truppe statunitensi che usavano le ex repubbliche come basi per l’invasione degli Stati Uniti”.

In altre parole, abbiamo avuto un’opportunità, forse unica nella vita, di riavviare il nostro rapporto con la Russia. Forse avremmo anche potuto trasformare l’Orso in un alleato, un bene prezioso in quella che è l’attuale guerra fredda contro il nostro principale avversario geopolitico: La Cina. Per certo è che gli Stati Uniti e la Russia hanno molto più in comune di entrambi i paesi con Pechino, condividendo sia l’eredità europea che essenzialmente la stessa religione di base.

Ma le nostre pseudo-élites globaliste non hanno colto questa opportunità. Quello che hanno fatto invece è stato prendere la NATO – che aveva perso la sua ragion d’essere, essendo stata creata per contrastare un impero non più esistente, l’URSS – ed espanderla fino ai confini stessi della Russia.

Infatti, nonostante l’allora segretario di stato americano James Baker abbia assicurato al leader sovietico Mikhail Gorbaciov nel 1990 che la NATO si sarebbe estesa “non un centimetro [più lontano] verso est”, ci sono ora ai confini della Russia quattro membri della NATO: Polonia, Lettonia, Lituania ed Estonia.

Le nostre pseudo-élites globaliste forse non potevano fare a meno di essere relativamente stupide e moralmente corrotte. Forse non potevano fare a meno della mentalità della guerra fredda e scuotere l’ossessione mondialista di non ridursi mai, ma di espandere sempre le alleanze e le unioni internazionali. Ma non c’è bisogno di credere che Putin sia un bravo ragazzo – basta non essere uno stupido – per capire che andare d’accordo con una potenza nucleare è un imperativo e richiede di essere ragionevoli.

Ora, domanda: Come reagiremmo se la Cina forgiasse un’alleanza di difesa reciproca con il Messico e poi, più tardi, vi attirasse il Canada, Cuba e le Bahamas? Lo considereremmo amichevole? Abbiamo certamente chiarito con la nostra Dottrina Monroe e durante la crisi dei missili di Cuba che tale ingerenza era una linea rossa per noi.

E così Putin ha chiarito ripetutamente – dopo decenni di espansione della NATO – che le incursioni della NATO in Ucraina costituiscono una linea rossa per lui.

Nonostante questo, le nostre pseudo-élites hanno intrattenuto l’adesione dell’Ucraina alla NATO per anni e hanno armato la nazione con armi occidentali. E la stupida politica estera “bull-in-a-china-shop” continua a scorrere e ad aggravare la crisi. Kamala Harris ha detto recentemente, mentre faceva “diplomazia” in Europa, che ha apprezzato il desiderio del presidente Zelenskyy di entrare nella NATO. Stiamo anche conducendo una guerra economica totale contro Mosca (anche se l’esperto di Russia Clint Ehrlich sostiene che le sanzioni hanno aumentato l’indice di approvazione di Putin di 10 punti). Ci sono anche più spedizioni di armi occidentali in Ucraina, che Mosca ora avverte essere “obiettivi legittimi”. Sei a tuo agio con questo?

I demagoghi chiamerebbero il mio discorso “antiamericano”; questa etichetta è già stata applicata ai realisti dell’Ucraina proprio come quelli che rifiutano i “vaccini” e i regolamenti COVID sono stati chiamati antipatriottici. Questa non è solo una reazione infantile in un momento molto pericoloso, ma è l’esatto contrario della verità.

La realtà: I nostri Padri Fondatori ci hanno messo in guardia contro le alleanze e il coinvolgimento nelle guerre europee. Eppure, contro ogni ragione, questo è precisamente ciò che le nostre pseudo-élite stanno facendo – a palate. Sono loro ad essere antiamericani.

Per essere chiari, non sono mai stato uno che dice “Meglio rosso che morto” anche quando “rosso” significava comunista e la Russia era ancora l’Unione Sovietica Marxista (sapete, quando i nostri sinistrorsi avevano simpatia per essa e molto prima che iniziassero a inchinarsi a Pechino). Se la Cina o la Russia sbarcano sulle nostre coste, allora facciamo quello che dobbiamo; forse combattiamo anche fino all’ultimo uomo. Ma proprio come la crisi dei missili di Cuba era alle nostre porte, l’Ucraina è nel cortile di casa della Russia.

E bisogna procedere con cautela nel cortile di un’altra grande potenza, che ci piaccia o no. Perché quella potenza non può tirarsi indietro alle sue porte senza perdere la faccia e la credibilità inaccettabili. È come quando si insegue un uomo che ha ripetutamente evitato il conflitto fino alla porta di casa sua, urlando e gridando e rifiutando di andarsene. Potreste forzare la sua mano e scatenare una lotta che finireste per desiderare di non aver iniziato.

Notate anche che molti si sono divertiti a paragonare Putin ad Adolf Hitler. Mentre i paragoni nazisti sono esagerati (anche da Putin stesso), se qualcuno ci crede davvero, quali sono le implicazioni?

Beh, immaginate che sia l’aprile del 1945, Hitler sa che la seconda guerra mondiale è persa ed è seduto nel suo bunker. Ora però immaginate anche che abbia le 6.000 armi nucleari di Putin a portata di bottone. Cosa farebbe?
Lo sappiamo tutti.

Il punto: Molti hanno teorizzato che Putin possa essere fisicamente e/o anche mentalmente malato. Un rinomato psichiatra sostiene che potrebbe persino avere un disturbo paranoide di personalità. Inoltre esercita qualcosa di scomodamente vicino al potere assoluto in Russia, ed è stato detto che ha puntato tutto su questa guerra e non può perderla. Quindi, anche se non possiamo leggere la sua mente, vogliamo davvero rischiare di trasformarlo in un uomo che non ha nulla da perdere, un uomo che forse, solo forse, potrebbe scendere ad un punto in cui tutto ciò che vuole è vedere il mondo bruciare?

Non in una situazione tipo Alba Rossa, sia chiaro, ma in Ucraina?

Se potessi schioccare le dita e annullare l’invasione della Russia, lo farei; inoltre, se potessi, invertirei i decenni di sciocco espansionismo della NATO. Ma questa è acqua passata. Quindi qual è la soluzione ora?

Come ha sottolineato il professor Thomas Sowell, a volte nella vita non ci sono soluzioni, solo compromessi. Il miglior compromesso qui, credo, è una rapida vittoria russa in Ucraina. Perché più a lungo questa crisi continua, maggiori sono le possibilità che le nostre pseudo-élites e un Putin verosimilmente impazzito possano scatenare una carneficina nucleare.

In secondo luogo, vale anche la pena menzionare che più a lungo la guerra continua, maggiore è la probabilità che ci sia un pericoloso rilascio accidentale dai laboratori biologici ucraini (Figlio di COVID?), che il sottosegretario di Stato per gli affari politici Victoria Nuland ha recentemente ammesso che esistono.

Forse questo vale per certe pseudo-élites. Alcuni hanno eleganti rifugi antiatomici in cui ritirarsi, dopo tutto, e uccidere miliardi di persone sarebbe sicuramente un “grande reset”. Ma per il resto di noi, sarebbe un motivo piuttosto stupido per morire.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email