GABRIEL VILA VERDE, Sacerdote cattolico, scrive:

 

Viviamo in un’epoca in cui si vuole che i preti si sposino e che le persone sposate divorzino.

Vogliono che gli eterosessuali abbiano relazioni senza impegno, ma vogliono che i gay si sposino in chiesa.

Vogliono che le donne si vestano da uomini e assumano ruoli maschili e che gli uomini diventino ‘fragili’ come le donne.

Un bambino di soli cinque o sei anni ha il diritto di decidere se sarà un uomo o una donna per il resto della sua vita, ma un bambino sotto i diciotto anni non può rispondere dei suoi crimini.

Non ci sono posti per i pazienti negli ospedali, ma ci sono incentivi e sponsorizzazioni per coloro che vogliono cambiare sesso.

C’è un sostegno psicologico gratuito per coloro che vogliono lasciare l’eterosessualità e vivere l’omosessualità, ma non c’è nessun sostegno per coloro che vogliono lasciare l’omosessualità e vivere la loro eterosessualità, e se cercano di farlo, è un crimine.

Essere pro-famiglia e pro-religione è dittatura, ma pisciare sui crocifissi è libertà di parola.

Se non è la fine dei tempi, deve essere la prova.



fonte: Karla Castro

Facebook Comments
image_pdfimage_print