• venerdì , 19 ottobre 2018

VITTORIA: La Corte Suprema del Regno Unito si schiera all’unanimità a favore del rifiuto dei cristiani di preparare la torta “del matrimonio” gay

Dorothy Cummings McLean ci porta una ottima notizia dall’Irlanda del Nord. La Corte Suprema del Regno Unito ha riconosciuto ad una giovane coppia che gestisce una panetteria il diritto alla libera espressione e alla libertà di non condividere un pensiero che non è proprio, nella fattispecie il pensiero che passa sotto la sigla LGBT.

Ecco l’articolo nella mia traduzione.  

 

foto. Daniel e Amy McArthur della Ashers Baking Company.

foto. Daniel e Amy McArthur della Ashers Baking Company.

Un panificio cristiano a conduzione familiare ha fatto ricorso con successo contro una sentenza secondo cui era colpevole di aver discriminato un attivista LGBT non preparando una torta a sostegno del “matrimonio” omosessuale.

I cinque giudici della Corte Suprema del Regno Unito, riunitisi questa mattina a Belfast, sono stati unanimi sul fatto che la McArthurs’ Ashers Baking Company non ha discriminato un cliente a causa del suo orientamento sessuale e delle sue convinzioni politiche.

I giudici hanno sottolineato l’importanza del diritto alla libertà dal discorso forzato.

“I diritti alla libertà di pensiero, coscienza e religione, e alla libertà di espressione sono stati chiaramente coinvolti in questo caso…..”, hanno scritto i Giudici.

“Includono il diritto di non essere obbligati a manifestare convinzioni che non si possiedono…..”, hanno aggiunto.

Ashers Baking Co era stata al centro di una causa intentata dall’attivista LGBT Gareth Lee. Nel maggio 2014, Lee ha richiesto una torta con i personaggi di Sesame Street Ernie e Bert e il motto “Sostieni il matrimonio gay”. Anche se l’ordine è stato inizialmente accettato dalla madre del manager che non voleva fare questione, Ashers ha annullato l’ordine due giorni dopo.

L’azienda ha dichiarato che fare la torta sarebbe stato contrario alle loro convinzioni religiose.

Daniel e Amy McArthur e i genitori di Daniel Karen e Colin McArthur, i proprietari di Ashers, sono cristiani. Di tutte le nazioni che compongono il Regno Unito, l’Irlanda del Nord ha mantenuto in gran parte la sua identità cristiana e solo i matrimoni eterosessauli vengono contratti lì.

La Commissione per l’uguaglianza del Regno Unito per l’Irlanda del Nord, agendo per conto di Gareth Lee, ha scritto al panificio chiedendo un risarcimento per il cliente e poi ha portato l’azienda in tribunale.

Nel marzo 2015, il caso è stato ascoltato, con Lee che ha testimoniato che il rifiuto di preparare la sua torta lo aveva fatto sentire come una “persona inferiore“.  Daniel e Amy McArthur, la giovane coppia di sposi che gestisce Ashers, hanno sostenuto di non aver rifiutato l’ordine a causa del cliente, ma a causa del messaggio stesso. Ashers e i suoi proprietari sono stati giudicati colpevoli di discriminazione e multati di 500 sterline.

I McArthurs fecero appello, ma dopo aver perso il loro appello, portarono il loro caso alla Corte Suprema del Regno Unito. Sono stati sostenuti da The Christian Institute charity, che ha speso più di 200.000 sterline per il caso. La Equality Commission ha speso più di 250.000 sterline di entrate fiscali per le spese legali.

Nella loro decisione odierna, i giudici della Corte Suprema hanno stabilito che Ashers “non ha rifiutato di eseguire l’ordine del sig. Lee a causa del suo orientamento sessuale effettivo o percepito. L’obiezione era al messaggio sulla torta, non alle caratteristiche personali del richiedente, o di chiunque fosse associato a lui“.

I McArthur non potevano rifiutarsi di fornire i loro prodotti al signor Lee perché era un uomo gay o perché sosteneva il matrimonio gay, ma questo era diverso dal costringerli a fornire una torta-gelato con un messaggio con il quale erano profondamente in disaccordo….” hanno scritto.  

Daniel McArthur ha detto oggi che la sentenza odierna renderebbe felici molte persone perché protegge la libertà di parola e la libertà di coscienza per tutti.

Siamo particolarmente lieti che la Corte Suprema abbia accettato con enfasi quello che abbiamo sempre detto, non abbiamo rifiutato quest’ordine a causa della persona che l’ha fatto, ma a causa del messaggio stesso“, ha detto ai giornalisti fuori dal tribunale.

I giudici hanno dato un chiaro segnale oggi….. Le aziende familiari come la nostra sono libere di concentrarsi sul dare a tutti i loro clienti il miglior servizio possibile senza essere costretti a promuovere campagne altrui“.  

Ashers Baking Co, ora una catena di nove negozi e caffè, prende il nome dalla famiglia biblica di Asher.

Il nome del panificio deriva da un versetto del Libro della Genesi che mio padre lesse quando aveva circa 15 anni“, ha detto Daniel McArthur al Belfast Telegraph nel 2016.  

“Dice il versetto: ‘Da Asher il suo pane sarà grosso ed egli produrrà prelibatezze reali’. Suo padre e suo nonno erano stati panettieri con sede a Sandy Row a Belfast, e mio padre decise che se mai avesse gestito la propria panetteria lo avrebbe chiamato Ashers dopo quella tribù di Israele“, ha detto.

McArthur ha detto oggi ai giornalisti che è grato ai giudici e grato a Dio per la sentenza.

Ha detto che lui e la sua famiglia sono contenti perché il lungo calvario è finito e che è sicuro che anche il signor Lee lo è. McArthur ha assicurato il pubblico che il signor Lee “sarà sempre il benvenuto in tutti i nostri negozi“.

 

Fonte: LifeSiteNews

Facebook Comments

Related Posts