Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Michael Haynes, pubblicato su Per Mariam. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata.

 

messa tridentina
L’arcivescovo Salvatore Cordileone di San Francisco celebra la ‘Messa delle Americhe’ usando la forma straordinaria della Messa nella Basilica del Santuario Nazionale dell’Immacolata Concezione a Washington, D.C., 16 novembre 2019. (foto: EWTN/YouTube Screen Capture)

 

Negli ultimi giorni sono emerse notizie che suggeriscono che il Vaticano sta per introdurre restrizioni o addirittura vietare la Messa tradizionale: ma rimangono ancora numerosi interrogativi.

Poiché la confusione e le polemiche sulle possibili restrizioni hanno già fatto scalpore negli ambienti cattolici, Per Mariam cerca di analizzare le voci e di fornire un contesto suggestivo basato sull’esperienza diretta a Roma.

 

Voci iniziali

Il 17 giugno, il blog tradizionale Rorate Caeli ha pubblicato un rapporto che suggerisce che il Vaticano sta per pubblicare nuove misure che limitano la Messa tradizionale ancora di più di quanto non lo sia già. Rorate ha scritto:

Si sta tentando di implementare, il prima possibile, un documento vaticano con una soluzione severa, radicale e definitiva che vieti la Messa tradizionale in latino. Gli stessi ideologi che hanno imposto la Traditionis Custodes e la sua attuazione, e che sono ancora frustrati per i suoi risultati apparentemente lenti, soprattutto negli Stati Uniti e in Francia, vogliono vietarla e interromperla ovunque e immediatamente. Vogliono farlo mentre Francesco è ancora al potere. Vogliono renderlo il più ampio, definitivo e irreversibile possibile. {Le sottolineature sono originali.}

Descrivendo le loro fonti come “credibili”, Rorate e ha affermato che le fonti delle informazioni erano “le stesse fonti che hanno rivelato a Rorate che il Vaticano aveva inviato un sondaggio ai vescovi sul Summorum Pontificum (in preparazione di quella che sarebbe diventata la Traditionis Custodes), e Rorate è stata la prima fonte a pubblicarlo; e le stesse fonti che per prime hanno rivelato che un documento come la Traditionis Custodes sarebbe arrivato (e Rorate è stata anche la prima a rivelarlo all’epoca)”. {Sottolineatura originale}

Rorate ha continuato dicendo che queste ultime informazioni sono state corroborate da “altre fonti credibili che hanno ora menzionato le stesse voci attuali e che Rorate non conosceva al tempo della Traditionis Custodes, e che ora confermano le voci persistenti”.

Il rapporto di Rorate è stato pubblicato da uno dei redattori del sito noto come “New Catholic”: a questo corrispondente risulta che “New Catholic” abbia tenuto per sé informazioni sulle sue fonti.

Rorate non ha rivelato in che modo il Vaticano intenda limitare o vietare la Messa tradizionale, né da quale dicastero probabilmente emergerà. Parlando di una “soluzione finale”, il rapporto di Rorate ha naturalmente suscitato il sospetto che qualsiasi potenziale divieto si estenda alle comunità tradizionali che finora sono state ampiamente esentate dalle restrizioni della Traditionis Custodes – vale a dire gruppi come la Fraternità di San Pietro, l’Istituto di Cristo Re e l’Istituto del Buon Pastore.

Ciò richiederebbe almeno la collaborazione della Congregazione (Dicastero) per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica (CICLSAL).

 

Echi del 2023

Prima di valutare le ultime indiscrezioni, vale la pena dare uno sguardo alla storia recente.

Dopo l’abolizione da parte del Vaticano dell’ufficio Ecclesia Dei all’interno della CDF, le comunità tradizionali sono passate sotto il controllo della CICLSAL, grazie alle prescrizioni della Traditionis Custodes.

Infatti, a partire dal gennaio 2023, sono circolate voci insistenti sul fatto che il prefetto della CICLSAL – il cardinale João Braz de Aviz, strenuo oppositore della Messa tradizionale – fosse intenzionato a emanare un documento che avrebbe introdotto pesanti restrizioni sulle ex comunità Ecclesia Dei.

Si diceva che la data prevista per il documento fosse il 3 aprile, il lunedì della Settimana Santa. La voce è stata presa sul serio, anche tra le comunità tradizionali e i cardinali più importanti, tanto che sono stati organizzati eventi chiave prima della prevista pubblicazione del documento.

Il documento non è stato pubblicato il 3 aprile, anche se le testate giornalistiche che per prime ne hanno previsto l’uscita hanno suggerito che il documento sarebbe stato pubblicato entro pochi giorni o, al massimo, entro poche settimane.

Questo corrispondente è riuscito a incontrare Card. de Aviz il 5 aprile dello scorso anno, e il cardinale ha fermamente negato che il suo dicastero stesse per pubblicare un documento di questo tipo e che non fosse a conoscenza di alcun documento del genere.

Il testo di cui si vociferava non è mai emerso.

Lo stesso 5 aprile dell’anno scorso ha visto nel migliore dei casi confusione – e nel peggiore bugie – da parte di vari organismi vaticani. I funzionari della CICLSAL hanno detto a questo corrispondente che non sarebbe stato di competenza della Congregazione pubblicare un testo di cui si vociferava l’esistenza. Ma secondo i termini della Traditionis Custodes di Papa Francesco del luglio 2021, la CICLSAL sarebbe il dipartimento vaticano responsabile di trattare con le comunità tradizionali, mettendo così in dubbio la dichiarazione della Congregazione. Un funzionario della CICLSAL ha dichiarato che tale documento sarebbe stato di competenza della Congregazione per il Clero, ma quando è stato interrogato, la Congregazione ha affermato che tale documento non esisteva.

Tuttavia, le numerose fonti che hanno parlato con diversi organi di stampa e giornalisti hanno dimostrato che il documento esisteva davvero, nonostante la smentita di Mons. de Aviz. Le stesse fonti vaticane di questo corrispondente hanno attestato l’esistenza del documento, aggiungendo che l’unica questione era se sarebbe stato pubblicato o meno.

Il testo di Card. de Aviz del 2023, come già detto, non è emerso. È possibile che il testo sia stato in qualche modo rivisto e che sia al centro delle indiscrezioni pubblicate da Rorate . Senza ulteriori dettagli sul tipo di restrizioni probabili, qualsiasi altra cosa è una congettura a questo punto.

 

Ritorno al 2024: cosa è probabile?

Il 16 luglio ricorrono i tre anni dall’emanazione della sfortunata e contestatissima Traditionis Custodes da parte di Papa Francesco e del cardinale Arthur Roche, fortemente anti-tradizionale, che guida la Congregazione per il Culto Divino (CDW).

Considerato questo aspetto, John-Henry Westen di LifeSiteNews ha autorizzato un rapporto che attesta che fonti hanno informato LifeSite che le presunte restrizioni annunciate da Rorate potrebbero essere rivelate il 16 luglio. Rorate ha specificamente dichiarato che tale data non proviene dalle sue fonti.

Sono state fornite anche diverse date precise per l’uscita prevista del documento del 2023 (che non si è mai concretizzata), il che porta a concludere che tentare di prevedere la data precisa di uscita di un documento con così tanto anticipo è quasi sempre una scienza imprecisa e infruttuosa.

Le voci sono sempre voci finché non vengono provate dalla realizzazione di ciò che anticipano. Rorate ha riposto grande fiducia nelle sue fonti riguardo alle previste, non meglio specificate, restrizioni o proibizioni della Messa tradizionale, ma ha anche aggiunto che “Possiamo impedire che accada? Sì, possiamo: con la preghiera, il sacrificio, la penitenza, l’influenza e la pressione, di qualsiasi tipo, che possiamo esercitare. Il nemico è forte, ma il Signore e la Madonna sono più forti”.

In effetti, c’è una forte ragione per credere che il presunto testo del 2023 che Cdl de Aviz avrebbe dovuto emanare sia stato di fatto impedito dalla quantità di copertura mediatica che gli è stata data e dal fatto che egli sia stato messo nella posizione di negarne l’esistenza in un’intervista registrata.

 

Papa Francesco adotterebbe tali misure?

Tuttavia, per Papa Francesco emanare un testo del genere sarebbe in qualche modo molto singolare. Sebbene abbia dimostrato di non essere un amico o un sostenitore della tradizione o della Messa tradizionale, è altamente improbabile che non sia consapevole dell’impossibilità di vietare effettivamente una forma di liturgia della Chiesa.

Infatti, ha incontrato i superiori della Fraternità di San Pietro nel 2022 e anche questo marzo, confermandoli nel loro carisma di offrire la liturgia tradizionale.

A questo corrispondente risulta che nell’udienza papale del 2022, i superiori della FSSP hanno chiaramente sottolineato che i tentativi di limitare o proibire in qualche modo l’offerta della Messa tradizionale secondo la Traditionis Custodes sarebbero un attacco alle loro costituzioni approvate dal Papa, e quindi aprirebbero alla Santa Sede la possibilità di dover risolvere questa “difficoltà”, in mancanza di un termine migliore.

Se il Vaticano tentasse di imporre un qualche tipo di divieto, probabilmente si scatenerebbe una rivolta ben più grande del rifiuto, per certi versi senza precedenti, di Fiducia Supplicans.

Inoltre, anche i critici più severi di Papa Francesco hanno attestato che il suo apparente attacco a tutto ciò che è tradizionale non è incentrato solo sulla Messa tradizionale – da qui la sua relativa felicità nell’esentare così prontamente le comunità tradizionali dalla maggior parte della Traditionis Custodes.

Tali informazioni sono state confidate a questo corrispondente anche da fonti vaticane vicine a Francesco.

Per Francesco tentare di vietare del tutto la liturgia tradizionale sarebbe quindi – nel linguaggio sobrio della politica di Westminster – “audace” o semplicemente ridicolo. Una maggiore restrizione sarebbe forse più probabile di un tentativo di vietare definitivamente la Messa.

Ma qualsiasi testo che limiti o tenti di vietare la Messa tradizionale e che abbia un impatto anche sulle comunità tradizionali passerebbe probabilmente attraverso la CDW o la CICLSAL. Infatti, i rispettivi cardinali prefetti delle due congregazioni sono noti per la loro posizione anti-tradizionale e sono – con i loro segretari – probabilmente la forza trainante di qualsiasi futura restrizione della Messa tradizionale.

Questo corrispondente ha chiesto formalmente un commento ai Card. Roche e Braz de Aviz in merito alle presunte restrizioni o al divieto della Messa, ma non ha ricevuto alcuna risposta. Nel frattempo, Card. Roche ha bloccato questo corrispondente su una piattaforma di social media su Internet.

L’inviato di Per Mariam ha anche cercato conferma presso le sue fonti interne al Vaticano: nessuna ha confermato la notizia di Rorate, anche se nessuna ha sostenuto che sia falsa.

Come testimoniato dai notiziari e dalla chiusura sistematica delle Messe in latino negli ultimi anni, oltre che dalla graduale riduzione delle comunità religiose tradizionali in un arco di tempo ancora più lungo, gli sforzi congiunti di Card. Roche, del segretario della CDW, l’arcivescovo Vittorio Franceso Viola, e di Card. de Aviz sono concentrati nel porre fine all’offerta della Messa tradizionale così come è attualmente.

In effetti, Card. Roche ha dimostrato la sua dedizione a sradicare la Messa tradizionale seguendo la Traditionis Custodes attraverso i suoi stessi documenti successivi e i suoi sforzi per impedire ai vescovi di esentare i sacerdoti dalla Traditionis Custodes – in cui è stato poi sostenuto direttamente dal Papa – una mossa che i canonisti hanno detto a questo corrispondente essere probabilmente canonicamente illegale.

Insieme alla proibizione di Card. Braz de Aviz ai vescovi di creare autonomamente nuovi gruppi di fedeli nelle loro diocesi, una mossa ampiamente utilizzata per promuovere nuove comunità dedicate alla liturgia tradizionale, i due influenti prelati vaticani sono stati in grado di esercitare una morsa sulla Messa tradizionale.

Ma a questo mix va aggiunto l’aspetto che Francesco, secondo i vaticanisti, non va d’accordo con il Card. Roche. Pertanto, mentre il Card. Roche potrebbe essere personalmente desideroso di pubblicare un documento che limiti la Messa, non necessariamente otterrà il sostegno del Pontefice argentino.

Se si considerano i rapporti difficili di Francesco con il Card. Roche e il suo personale disinteresse per le questioni liturgiche, nuovi divieti alla Messa tradizionale non sono una conclusione scontata.

Tuttavia, non si deve dimenticare che quando questo corrispondente ha chiesto direttamente a Papa Francesco il motivo per cui ha implementato le restrizioni alla Messa tradizionale, Francesco ha semplicemente risposto: “Legga il motu proprio; tutto è lì per lei”.

Francesco ha accompagnato il motu proprio Traditionis Custodes del 2021 con una lettera che presenta le ragioni ufficiali delle restrizioni devastanti e di grande impatto. Ha scritto che le sue nuove misure sono state prese per “sollecitudine verso tutta la Chiesa, che contribuisce in modo supremo al bene della Chiesa universale”.

Da sempre peronista, le azioni di Francesco non dovrebbero mai essere sottovalutate, né i tentativi di prevedere le sue mosse dovrebbero escludere qualcosa. Come hanno notato biografi e commentatori, l’obiettivo principale di Francesco è il potere e le decisioni prese rifletteranno sempre questo fine.

In concomitanza con il reportage di Rorate, è stata pubblicata un’intervista cruciale condotta da Messa in Latino con l’italiano Andrea Grillo, che gli analisti ritengono essere il motore intellettuale della Traditionis Custodes.

“Il merito della Traditionis Custodes è quello di ristabilire l’unica ‘lex orandi’ in vigore per tutta la Chiesa cattolica”, ha detto Grillo a Messa in Latino. “Se qualcuno mi dice che è fedele allo stesso tempo al Novus Ordo e al Vetus Ordo, gli rispondo che non ha capito il senso della tradizione, all’interno della quale c’è un legittimo e insuperabile progresso che è irreversibile”.

“Il tradizionalismo non è ‘un movimento tra i tanti’ (anche se può avere caratteristiche in parte simili ad alcuni dei movimenti più fondamentalisti che sono stati inopportunamente favoriti negli ultimi 40 anni), ma una forma di ‘negazione del Concilio Vaticano II’ che non può non essere chiaramente ostacolata all’interno dell’esperienza ecclesiale”, ha aggiunto.

Insomma, non è affatto la prima volta che emergono voci che prevedono ulteriori restrizioni o il divieto della Messa tradizionale. Tuttavia, il credito che Rorate sta dando alle sue fonti sulla questione richiede una notevole attenzione e serietà.

È noto che Card. Roche ha dichiarato che la devozione e l’adesione alla Messa in latino è un segno di essere “più protestante che cattolico” e che la Messa in latino doveva essere limitata perché “la teologia della Chiesa è cambiata”.

Dal momento che Papa Francesco ha a disposizione tre prelati – il cardinale Roche, il cardinale Braz de Aviz e l’abate Viola – che sono così desiderosi di limitare la liturgia tradizionale, resta da vedere in che modo i loro obiettivi personali si allineeranno con i suoi e come verranno raggiunti.

Michael Haynes

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments