Spiriti pagani sono stati invocati mediante il rullo di tamburo, il canto e una danza rituale prima della messa di ordinazione di un diacono sposato in Australia. 

Ne parla Dorothy Cummings McLean nel suo articolo pubblicato su LifeSiteNews che vi proponiamo nella nostra traduzione.

 

(Se il video qui sopra non si carica, fare il refresh di questa pagina o cliccare qui)

 

Spiriti pagani sono stati invocati mediante il rullo di tamburo, il canto e una danza rituale prima della messa di ordinazione di un diacono sposato in Australia. 

Philip e Bee Butler hanno cantato, e Philip ha ballato, un rituale che hanno chiamato “Welcome to Country” (“Benvenuti nel paese”, ndr) prima della messa serale del 28 agosto nella parrocchia cattolica di St. Mary Star of the Sea a Milton, NSW, Australia. 

In precedenza Philip Butler aveva dichiarato che lui e sua moglie sono membri del popolo Budawang della nazione Yuin.

In un’introduzione al rituale aborigeno, Philip Butler ha detto che lui e la sua famiglia erano orgogliosi di accogliere Justin Stanwix, l’ordinando, nella loro comunità. Ha detto che i loro canti e la sua danza avrebbero chiesto a una serie di uccelli e animali dello spirito di “prendersi cura di tutti noi e tenerci al sicuro mentre siamo nel paese”.

Dopo la prima canzone, Butler ha ballato davanti all’altare, cantando e battendo insieme bastoni o sonagli. 

“Ho chiesto protezione dall’aria, dalla terra e poi dall’oceano”, ha spiegato quando è tornato all’ambone.

“E poi quella danza per chiamare gli spiriti di tutti quegli animali perché si prendano cura di tutti noi e ci tengano al sicuro”. 

Il breve discorso di Butler è stato accolto con un applauso e seguito dall’inno d’ingresso, “The Power of the Spirit” dell’australiano Paul Mason. 

Durante la Messa, il vescovo Brian G. Mascord della diocesi di Wollongong ha invitato Butler a unirsi a lui per purificare la congregazione. Mentre il vescovo cospargeva i fedeli di acqua santa, Butler lo seguiva con un cestino fumante di vegetazione. Secondo le credenze aborigene tradizionali australiane, il fumo di certe piante può scacciare gli spiriti maligni.  

La messa è stata postata su Youtube, e alcuni spettatori hanno espresso il loro sdegno. 

“Perché oh perché sono stati usati purificanti di fumo pagani in una cosiddetta Santa e Consacrata Chiesa?; questo Vescovo non crede in Dio e nella Sua Santa Chiesa?” ha chiesto padre Neivandt.

Il Vescovo Mascord ha detto a LifeSiteNews via e-mail che il “Benvenuti nel Paese” non è un rituale religioso, ma un rituale culturale di “rispetto e accoglienza dei visitatori nella terra dei Proprietari Tradizionali”.

“Fa parte delle culture degli aborigeni e delle isole dello Stretto di Torres da decine di migliaia di anni. Gli elementi essenziali per accogliere i visitatori e offrire un passaggio sicuro rimangono ancora oggi”, ha scritto Mascord. 

Un “Benvenuti nel Paese” avviene all’inizio di un evento formale e può assumere molte forme, tra cui canti, balli, cerimonie di fumo o un discorso in lingua tradizionale e/o inglese”, ha continuato.

Il vescovo ha aggiunto che il rituale ha salutato sia San Giovanni Paolo II che Papa Benedetto XVI quando hanno visitato l’Australia.

“La comprensione di questo antico rituale culturale dell’ospitalità è in linea con la particolare cura dell’ospitalità che si impone ai cristiani (cfr. Romani 12, 13)”, ha scritto Mascord. 

“Ciò conduce e incoraggia le virtù della carità, della fraternità e dell’amicizia sociale in persone di ogni razza e lingua, di cui Dio solo conosce la fede”.

Durante la visita di San Giovanni Paolo II in Australia nel 1986, egli onorò la cultura aborigena e disse ai primi popoli australiani di mantenere “ciò che è meglio” dei loro usi tradizionali. Allo stesso tempo, disse loro che Gesù Cristo li stava chiamando. 

“Gesù vi esorta ad accogliere le sue parole e i suoi valori nella vostra cultura.”, ha detto in un discorso ben noto ai cattolici australiani. 

“Svilupparvi in questa maniera vi renderà più che mai autenticamente aborigeni”. 

Secondo l’Australian Geographic, il “Welcome to Country”, che in passato è stato celebrato quando un gruppo di aborigeni desiderava viaggiare attraverso le terre di un altro, è stato diffuso in Australia solo dal 1976. Il concetto è stato presentato in occasione di un festival di Perth Arts su richiesta di una troupe Maori in visita, ed è stato promosso con entusiasmo dagli enti turistici australiani. 

Il “Welcome to Country” non deve seguire un insieme prescritto di parole e cambia da persone a persone e da evento a evento. L’artista australiano Dr. Richard Walley, descrivendo ciò che aveva fatto per placare i visitatori Maori, ha dichiarato di aver invocato lo “spirito buono” dei suoi antenati e dei visitatori e della terra. 

“Ho chiesto agli spiriti buoni dei miei antenati e agli spiriti buoni degli antenati della terra di vegliare su di noi e di tenere al sicuro i nostri ospiti mentre sono nel nostro Paese”. E poi ho parlato con gli spiriti dei loro antenati, dicendo che ci prenderemo cura di loro qui e li rimanderemo nel loro Paese”, ha spiegato.

Nel dicembre 2019 è iniziato anche un festival dei giovani cattolici organizzato dalla Conferenza Episcopale Australiana (ACBC) con una cerimonia di “Benvenuti nel Paese”.  Alla sua conclusione, l’oratore ha detto: “Che tutti gli dei vi benedicano e che tutti i nostri spiriti vi facciano venire la pelle d’oca, non solo oggi ma per il resto della vostra vita, e sappiamo di essere sulla strada giusta”.

In seguito un commentatore cattolico ha detto a LifeSiteNews che iniziare un festival della gioventù cattolica con la benedizione degli “dei” dovrebbe essere scioccante, ma non lo è grazie all’apparizione della “Pachamama” andina in Vaticano.  

“E difficilmente può essere una sorpresa quando questo festival è iniziato con un “Benvenuto nel Paese” poiché è davvero il rituale pubblico più centrale e moderno della religione pagana, animista e panteista praticata prima che il cristianesimo arrivasse in Australia”, ha detto Bernard Gaynor, un laico cattolico e commentatore di spicco.

Viviamo in un momento di crisi per la Chiesa. I giovani hanno bisogno di un insegnamento chiaro e di una leadership. Invece vengono incoraggiati ad abbandonare i principi centrali della fede”, ha continuato.

“È davvero un terribile scandalo che questo festival cattolico si sia aperto nel modo più anticattolico possibile”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1