Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog la lettera scritta da Mons. Joseph E. Strickland e pubblicata su Osservatorio Internazionale Card. Van Thuan. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste.

 

Il vescovo Joseph Strickland di Tyler, Texas, USA
Il vescovo Joseph Strickland di Tyler, Texas, USA

 

Miei cari figli e figlie in Cristo:

Vi scrivo oggi per approfondire la quarta verità fondamentale di cui ho parlato nella mia prima lettera pastorale pubblicata il 22 agosto 2023, e per chiederci di riflettere più profondamente su questa importante verità della nostra fede: «Ogni persona umana è creati a immagine e somiglianza di Dio, maschio o femmina, e tutte le persone dovrebbero essere aiutate a scoprire la loro vera identità di figli di Dio, e non sostenute in un tentativo disordinato di rifiutare la loro innegabile identità biologica e data da Dio”.

l fatto che la comunità umana stia perdendo questo filo di verità è una delle tendenze più sorprendenti e devastanti del nostro tempo. La confusione e il danno che derivano dall’abbandonare la nostra identità biologica e dataci da Dio sono radicati nella tendenza moderna a negare la sovranità di Dio e, per molti, a negare persino la Sua stessa esistenza, trasformandoci così in “dei” nel nostro proprio mondo. Questa negazione del vero Dio è dimostrata in modo drammatico quando iniziamo a perdere il filo di chi siamo. Per rispondere alla domanda fondamentale sulla nostra identità, dobbiamo rivolgerci a Dio e alla verità che Egli ci ha rivelato. Quando proviamo a rispondere alla domanda su chi siamo senza prima cercare una risposta in Dio, troviamo noi stessi immersi nel caos che vediamo oggi intorno a noi. Per fortuna, Dio ha rivelato una bella immagine di chi siamo, e le Sacre Scritture e la Sacra Tradizione della nostra fede cattolica offrono molto per aiutarci a dipingere la meravigliosa immagine della persona umana. “Dunque Dio creò l’uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò”. (Gen 1,27).

La verità che Dio ci ha creato a Sua immagine e somiglianza ci porta oltre il livello naturale verso il destino soprannaturale che tutti condividiamo. Come afferma il Catechismo della Chiesa Cattolica, «Il corpo umano partecipa della dignità dell’immagine di Dio: è corpo umano proprio perché animato da un’anima spirituale, ed è tutta la persona umana che è destinata a diventare, nel corpo di Cristo, tempio dello Spirito”. (CCC 364-365).

Nella sua Esortazione Apostolica Christifideles Laici, San Giovanni Paolo II ha scritto di un “fondamento antropologico della mascolinità e della femminilità”. Si tratta, ha affermato, di un progetto che «fin dal principio» è rimasto indelebilmente impresso nell’essere stesso della persona umana – uomo e donna – e, quindi, nella costituzione, nel significato e nel funzionamento più profondo dell’individuo”. (Christifideles Laici, 30 dicembre 1988, par. 50).

Nella cultura odierna c’è una preoccupazione per la propria identità, che parla di un desiderio profondo, radicato nel cuore e nell’anima di ogni persona, di trovare un significato alla propria vita. Cerchiamo di esprimere in qualche modo, attraverso la realtà fisica della nostra vita, i fremiti che sentiamo nella nostra anima. Sebbene esista un’ampia diversità di esperienze umane, e sebbene ogni vita offra qualcosa di unico e irripetibile, tutti condividiamo una verità semplice, chiara e tuttavia inconcepibilmente profonda: noi siamo l’Amato, il che significa che siamo in relazione con Colui che Gli amori. Questa verità fondamentale è ciò che realmente dà alla nostra vita il significato che stiamo veramente cercando, se solo abbracciassimo la nostra vera identità in Dio ed entrassimo in relazione con Lui. Non possiamo e non creiamo il nostropropria identità: la nostra identità viene solo dal nostro Creatore. Il Catechismo della Chiesa Cattolica ci offre una bella citazione di Santa Caterina da Siena che ci fa intravedere la nostra identità agli occhi di Dio. Scrive Santa Caterina: «Che cosa ti ha spinto a costituire l’uomo in una dignità così grande? Certamente l’ amore incalcolabile con cui hai guardato la creatura che è in te! Sei preso d’amore per lei; perché per amore infatti l’hai creata, per amore le hai dato un essere capace di gustare il tuo eterno Bene”. (CCC 356).

Oggi nel mondo vediamo molti programmi che riguardano l’identità umana, in particolare l’“identità sessuale”. Uno che è molto davanti ai nostri occhi in questo periodo è l’agenda LGBTQ. Come ho affermato nella mia lettera pastorale del 12 settembre 2023: “La Chiesa insegna che coloro che provano sentimenti di attrazione per lo stesso sesso o disforia di genere non peccano semplicemente perché provano tali sentimenti, ma agire liberamente in base a questi sentimenti è peccaminoso e non secondo il disegno di Dio per i Suoi figli”.

Prima della sua elezione a Papa Benedetto XVI, il cardinale Joseph Ratzinger scrisse: “In Genesi 3, troviamo che questa verità riguardo alle persone che sono immagine di Dio è stata oscurata dal peccato originale. Ne consegue inevitabilmente una perdita di consapevolezza del carattere di alleanza dell’unione che queste persone avevano con Dio e tra loro. Il corpo umano conserva il suo “significato sponsale”, ma questo è ormai offuscato dal peccato. Così, in Genesi 19,1-11, il deterioramento dovuto al peccato continua nel racconto degli uomini di Sodoma. Non vi può essere dubbio sul giudizio morale espresso lì contro le relazioni omosessuali”. (Cardinale Joseph Ratzinger, Lettera ai Vescovi della Chiesa Cattolica sulla pastorale della Persone omosessuali , ottobre 1986, par. 6).

Il cardinale Ratzinger ha proseguito: “Scegliere qualcuno dello stesso sesso per la propria attività sessuale significa annullare il ricco simbolismo e significato, per non parlare degli obiettivi, del disegno sessuale del Creatore. L’attività omosessuale non è un’unione complementare, capace di trasmettere vita, e quindi ostacola la chiamata ad una vita di quella forma di donazione che il Vangelo dice essere l’essenza della vita cristiana. Ciò non significa che le persone omosessuali spesso non siano generose e generose; ma quando praticano attività omosessuali, confermano in sé un’inclinazione sessuale disordinata che è essenzialmente autoindulgente”. (Card. Joseph Ratzinger, Lettera ai Vescovi della Chiesa Cattolica sulla pastorale delle persone omosessuali, ottobre 1986, par. 7).

Dobbiamo essere amorevoli ma chiari, quindi, che coloro che portano il peso dell’attrazione per lo stesso sesso non devono agire in base a queste inclinazioni perché tali attività sono contrarie all’identità biologica e data da Dio all’individuo, e quindi contrarie alla volontà di Dio in tutti i casi. Noi, come loro clero, famiglia e amici, dobbiamo circondare queste persone con amore e sostegno in modo che possano abbracciare le loro croci e vivere la loro autentica identità donata da Dio.

Il movimento transgender è un altro volto dell’agenda LGBTQ, ed è anche in contrasto con la concezione cattolica dell’essere umano. Questo movimento cerca di alterare radicalmente il modo in cui il nostro mondo vede l’identità biologica e data da Dio di ogni persona. In questi tempi, un numero in rapido aumento di giovani viene coinvolto nel movimento transgender piuttosto che sentirsi dire la verità su chi stanno vivendo.sono come un amato figlio di Dio. Possiamo certamente riconoscere che ci sono ragioni complesse per cui una persona può provare sentimenti di disforia di genere, ma è importante che ogni persona comprenda che, indipendentemente dai sentimenti, l’identità biologica di una persona è data da Dio ed è immutabile dall’uomo. I genitori non dovrebbero aver paura di affrontare la falsità dell’ideologia di genere con i loro figli in modo adeguato all’età, e i genitori dovrebbero anche rafforzare il fatto che, sebbene gli ormoni e gli interventi chirurgici possano cambiare l’aspetto di una persona, tali procedure mediche non possono cambiare il sesso nemmeno di una cellula. del corpo.

Molti di coloro che sostengono l’agenda del “transgenderismo” affermerebbero che quando un maschio biologico si identifica come una femmina e ha una “riassegnazione di genere”, questa è in realtà una “conferma di genere” poiché la sua anatomia ora riflette il suo “vero genere”. Il Catechismo afferma però che: «L’ unità dell’anima e del corpo è così profonda che bisogna considerare l’ anima come la ‘ forma’ del corpo : è cioè a causa della sua anima spirituale che il corpo fatto di materia diventa un corpo vivo, umano; spirito e materia, nell’uomo, non sono due nature unite, ma la loro unione forma una sola natura”. (CCC 365). E ancora: «L’uomo e la donna sono stati creati, cioè voluti da Dio : da un lato , in perfetta uguaglianza come persone umane; dall’altro , nel loro rispettivo essere di uomo e di donna. ‘Essere uomo’ o ‘essere donna’ lo è una realtà buona e voluta da Dio» (CCC 369). Pertanto, gli interventi chirurgici di transizione o i trattamenti medici elettivi forniti allo scopo di tentare di “transire” una persona verso un genere diverso dal sesso biologico dato da Dio sono gravemente malvagi. (Nota: ci sono rari casi medici di individui intersessuali che sono nati con un sesso biologico o con caratteristiche sia maschili che femminili poco chiare. Questi casi vanno oltre lo scopo di questa lettera pastorale e dovrebbero essere affrontati con il vostro pastore e il vostro team medico.)

È importante notare qui che dobbiamo SEMPRE, SEMPRE trattare tutte le persone con rispetto, compassione e riconoscimento della loro dignità intrinseca. Pertanto, uomini e donne con tendenze omosessuali o con disforia di genere devono essere trattati con amore e compassione e dovrebbero essere sempre rispettati come i preziosi figli di Dio che sono. Ciò include dire loro la verità in carità.

Tutto ciò ci porta al prossimo Sinodo sulla sinodalità che sta emergendo come un tentativo da parte di alcuni di cambiare il focus del cattolicesimo dalla salvezza eterna delle anime in Cristo, al far sentire ogni persona affermata indipendentemente dalle scelte che ha fatto o farà in vita. Uno dei temi che, secondo quanto riferito, saranno discussi durante il Sinodo è la benedizione delle relazioni omosessuali. Mons. Victor Manuel Fernandez, Prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede, ha dichiarato nel luglio 2023, quando gli è stato chiesto delle benedizioni per le coppie omosessuali: “Se una benedizione è data in modo tale da non causare quella confusione, avrà da analizzare e confermare”. Dobbiamo però guardare a ciò che è perenne e immutabile insegnamento della Chiesa – una tale benedizione non sarebbe lecita e, pertanto, creerebbe indubbiamente confusione. Infatti, lo stesso ufficio, la Congregazione (ora Dicastero) per la Dottrina della Fede, ha rilasciato un comunicato il 15 marzo 2021, intitolato Responsum della Congregazione per la Dottrina della Fede a un dubium riguardante la benedizione delle unioni di persone dello stesso sesso. In questo Responsum, il precedente Prefetto della Congregazione, il Cardinale Luis Ladaria, affermava che Dio “non benedice e non può benedire il peccato” e che, “Per le ragioni sopra menzionate, la Chiesa non ha e non può avere il potere di benedire unioni di persone dello stesso sesso nel senso sopra inteso”. Poiché la verità non può cambiare, dobbiamo riconoscere che il Dicastero non può giungere ora a una conclusione diversa che ribalterebbe l’originaria dichiarazione di verità dello stesso ufficio. La verità si basa sulla Parola Divina di Dio rivelata nella Sacra Scrittura e nella Sacra Tradizione e custodita dal Magistero della Chiesa. Pertanto, qualsiasi tentativo di consentire la benedizione delle unioni tra persone dello stesso sesso costituirebbe un attacco al Sacro Deposito della Fede.

Inoltre, il Responsum affermava anche quanto segue: «Le benedizioni appartengono alla categoria dei sacramentali, per cui la Chiesa ‘ci chiama a lodare Dio, ci incoraggia a implorare la sua protezione e ci esorta a cercare la sua misericordia con la santità della nostra vita’. Inoltre, «sono state istituite come una sorta di imitazione dei sacramenti, le benedizioni sono segni soprattutto di effetti spirituali che si ottengono attraverso l’ intercessione della Chiesa ». Pertanto, per conformarsi alla natura dei sacramentali, quando si invoca la benedizione su particolari rapporti umani,oltre alla retta intenzione di chi partecipa, è necessario che ciò che è beato sia oggettivamente e positivamente ordinato a ricevere ed esprimere la grazia, secondo i disegni di Dio iscritti nella creazione, e pienamente rivelati da Cristo Signore. Pertanto, solo le realtà che sono di per sé ordinate al servizio di tali fini sono congruenti con l’essenza della benedizione impartita dalla Chiesa. Per questo motivo non è lecito impartire una benedizione alle relazioni, o alle unioni, anche stabili, che implicano l’attività sessuale al di fuori del matrimonio (cioè al di fuori dell’unione indissolubile di un uomo e di una donna aperta in sé alla trasmissione della vita). , come nel caso delle unioni tra persone dello stesso sesso. La presenza in tali rapporti di elementi positivi, di per sé da valorizzare e apprezzare,non ordinato al disegno del Creatore.” ( Responsum della Congregazione per la Dottrina della Fede a un dubium riguardante la benedizione delle unioni di persone dello stesso sesso , 15 marzo 2021).

Voglio ribadire che questo non è un tentativo di discriminare in alcun modo chi porta il peso dell’attrazione per lo stesso sesso, ma piuttosto è un richiamo alla verità del rito liturgico e alla natura dei sacramentali. Non possiamo onorare Dio che è la verità tentando di offrire benedizioni che vanno contro la Sua verità.

In chiusura, vorrei dire a chi soffre di attrazione per lo stesso sesso o disforia di genere: Cristo vi ama e la Chiesa cattolica vi accoglie. Stiamo tutti lottando per crescere nella santità. Vi invito a venire e sedervi con noi, pregare con noi, adorare con noi e sperimentare con noi il potere travolgente dell’amore e della misericordia di Dio . La verità è che al centro della nostra esistenza c’è l’Amore, e non c’è potere in Cielo o sulla Terra che possa impedire al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo di amarci pienamente e completamente. Siamo invitati in ogni momento ad abbracciare l’amore che Dio ci offre, ma nella Sua infinita saggezza e bontà non si impone a noi. L’amore è una scelta, ed è sempre un sacrificio, ma è un sacrificio che Egli ha fatto per primo per noi, ed è una scelta che ci chiama a fare per Lui. Lasciamo che le squame cadano dai nostri occhi affinché possiamo intravedere quanto Nostro Padre ci ama come Suoi Amati e corriamo sempre a Lui come fonte della nostra massima realizzazione. “Non temere, perché io ti ho redento; Ti ho chiamato per nome, sei mio”. (Isaia 43:1).

Possa il Signore benedirvi e possiate voi trovare la vera identità nell’abbondanza del Suo sconfinato amore.

Il vostro umile padre e servitore,

Mons. Joseph E. Strickland

Vescovo di Tyler, Texas

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments