Un vescovo cattolico inglese ha detto martedì che teme che il “cammino sinodale” della Chiesa tedesca porti a uno “scisma di fatto”.

Un articolo della CNA rilanciato dal Catholic News Register, nella mia traduzione.

 

Philip Egan, vescovo di Portsmouth
Philip Egan, vescovo di Portsmouth

 

Un vescovo cattolico inglese ha detto martedì che teme che il “cammino sinodale” della Chiesa tedesca porti a uno “scisma di fatto”.

Il vescovo Philip Egan di Portsmouth ha detto alla CNA il 16 marzo di credere di avere il dovere di parlare del processo pluriennale (il “cammino sinodale”, ndr) che riunisce laici e vescovi tedeschi per discutere quattro temi principali: il modo in cui il potere viene esercitato nella Chiesa; la moralità sessuale; il sacerdozio e il ruolo delle donne.

Egli ha detto: “Come vescovo, ho una responsabilità non solo per la Chiesa di questa diocesi, ma per la Chiesa universale. Ho amici tedeschi e, come me, sono da tempo preoccupati per il cammino sinodale e il suo processo”.

“Il modo in cui è impostato porterà inevitabilmente a conclusioni che compromettono e si scontrano con la Tradizione della Chiesa”.

Il vescovo Egan, che guida la sua diocesi dell’Inghilterra meridionale dal 2012, ha chiarito di non essere contrario alla discussione dei “temi caldi” scelti dagli organizzatori del Cammino sinodale.

“Ma una metodologia propriamente cattolica è necessaria perché tale discussione abbia luogo”, ha detto. “Questo stabilirebbe chiaramente i parametri dottrinali e renderebbe chiaro il significato e il valore di quelle dottrine per le persone di oggi”.

I vescovi cattolici della Germania stanno supervisionando il Cammino Sinodale – conosciuto anche come la Via Sinodale – in collaborazione con il Comitato Centrale dei Cattolici Tedeschi (ZdK), un influente organismo laico.

I gruppi di lavoro del Cammino sinodale stanno preparando proposte di riforma su questioni di insegnamento e disciplina della Chiesa su matrimonio, ordinazione, celibato clericale ed etica sessuale.

Gli organizzatori avevano inizialmente detto che il processo avrebbe portato a decisioni “vincolanti”, provocando un intervento del Vaticano.

Una manciata di vescovi tedeschi ha sollevato pubblicamente preoccupazioni sul processo.

Il cardinale Rainer Maria Woelki di Colonia ha detto lo scorso settembre che il risultato peggiore sarebbe se il cammino sinodale “portasse a una scissione e quindi fuori dalla Chiesa, fuori dalla comunione con la Chiesa universale”.

In un’intervista con l’agenzia di stampa cattolica tedesca KNA, il cardinale ha detto di essere preoccupato che questo possa creare “qualcosa come una chiesa nazionale tedesca”.

Il vescovo Rudolf Voderholzer di Regensburg ha criticato le procedure del Cammino Sinodale, accusando gli organizzatori di una mancanza di trasparenza.

Il vescovo Egan ha detto alla CNA: “La mia preoccupazione è che siamo molto vicini al punto di non ritorno con questo Cammino Sinodale – quando vescovi e persone promuoveranno posizioni in contrasto con il magistero universale e la disciplina della Chiesa, ad esempio l’ordinazione delle donne, l’intercomunione, ecc.”

“Questo porterà ad uno scisma di fatto che sarà molto difficile (e teologicamente complesso) da riparare”.

Gli organizzatori del Cammino Sinodale hanno ripetutamente respinto le affermazioni che il processo porterà a una scissione nella Chiesa.

Rispondendo ai commenti di Woelki lo scorso settembre, il vescovo Georg Bätzing, presidente della conferenza episcopale tedesca, ha insistito che la Chiesa in Germania è “parte della Chiesa universale e nulla cambierà questo”.

Il vescovo Bätzing ha espresso la speranza che i risultati del cammino sinodale saranno discussi dalla Chiesa mondiale.

In un’intervista del maggio 2020, ha detto di essere “molto favorevole a trasportare a Roma, a livello di tutta la Chiesa, le intuizioni e le decisioni che raccogliamo dal processo sinodale”.

Il vescovo Egan ha espresso per la prima volta pubblicamente le sue perplessità sul cammino sinodale il 14 marzo.

Scrivendo sul suo account Twitter, ha detto: “Roma dovrebbe intervenire nella via sinodale tedesca prima che sia troppo tardi. È giusto lavorare su questioni scottanti, ma allo stesso tempo Roma dovrebbe riaffermare i parametri dottrinali, insistendo che i cattolici tedeschi guardino all’esterno per il servizio e la missione”.

Alla domanda se stesse chiedendo al Vaticano di fermare completamente il Cammino Sinodale, ha detto alla CNA: “L’arma finale sarebbe naturalmente che Roma chiedesse ai vescovi tedeschi di chiuderlo. Non sono sicuro che ascolterebbero questo”.

Riferendosi al rifiuto della Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede della benedizione dello stesso sesso del 15 marzo, ha detto: “Invece, sarebbe meglio che Roma riaffermasse chiaramente i parametri dottrinali, come nella dichiarazione della CDF di ieri sulle unioni omosessuali”.

“Il papa stesso deve intervenire dando un insegnamento autorevole: questo è il ruolo del ministero petrino. Dovrebbe anche convocare i vescovi tedeschi a Roma e stabilire più chiaramente per loro una metodologia appropriata”.

Il vescovo Egan ha suggerito che Papa Francesco potrebbe anche discutere il futuro del sistema fiscale della chiesa con i vescovi tedeschi.

Se un individuo è registrato come cattolico in Germania, l’8-9% della sua imposta sul reddito va alla Chiesa. L’unico modo per smettere di pagare la tassa – conosciuta in tedesco come “Kirchensteuer” – è fare una dichiarazione ufficiale di rinuncia alla propria appartenenza. Non possono più ricevere i sacramenti o una sepoltura cattolica.

La Chiesa in Germania ha ricevuto più soldi in tasse ecclesiastiche che mai nel 2019, nonostante abbia perso un numero record di membri.

“Il papa potrebbe anche essere intenzionato a discutere con i vescovi tedeschi se è ancora culturalmente appropriato ricevere la Kirchensteuer, che l’anno scorso ha fruttato 7,5 miliardi di dollari”, ha detto Egan.

 

Facebook Comments