Il vescovo Johan Bonny di Anversa ha dichiarato alla fine di aprile che 700 persone della sua diocesi hanno lasciato la Chiesa cattolica e altre 2.000 hanno cancellato le loro registrazioni battesimali per protestare contro il recente Responsum della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) che chiarisce che le unioni omosessuali non possono essere benedette in alcun modo.

Un articolo di Jeanne Smits, pubblicato su Lifesitenews, nella mia traduzione. 

 

Johan Bonny, vescovo
Johan Bonny, vescovo

 

Il vescovo Johan Bonny di Anversa ha dichiarato alla fine di aprile che 700 persone della sua diocesi hanno lasciato la Chiesa cattolica per protestare contro il recente Responsum della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) che chiarisce che le unioni omosessuali non possono essere benedette in alcun modo. 

Bonny ha aggiunto che circa altre 2.000 hanno cancellato le loro registrazioni battesimali – come se il carattere permanente del Battesimo potesse essere cancellato. Bonny stesso ha contestato la recente dichiarazione della CDF come una decisione “dolorosa e incomprensibile”, e ha detto che ha provato “vergogna riflessa” per l’esclusione delle coppie LGBT.

È stato sicuramente l’op-ed scritto da Bonny che attacca la dichiarazione della CDF che gli ha fatto guadagnare un posto nel  recente dibattito online ospitato da The Tablet con il titolo “Tutti figli di Dio – una discussione sul ministero della Chiesa verso i cattolici LGBT e le coppie dello stesso sesso”.

In realtà non c’è stata una grande discussione durante l’evento, poiché tutti i quattro partecipanti scelti che hanno “dibattuto” sotto l’occhio vigile di Christopher Lamb erano più o meno d’accordo nella loro opposizione al Responsum della CDF. E’ stata lì che Bonny ha reso pubblica l’emorragia di fedeli che, a suo dire, erano rimasti scioccati dalla dichiarazione. E’stato descritto come segue: “Il vescovo Bonny è un teologo che ha lavorato nell’ufficio dell’unità dei cristiani in Vaticano. Ha partecipato ai sinodi sulla famiglia a Roma e ha chiesto che la Chiesa offra benedizioni alle coppie dello stesso sesso”.

A lui si è unita la professoressa Lisa Cahill, che è apertamente pro-aborto e che ha cofirmato un documento pro-LGBT del Wijngaards Institute for Catholic Research che chiedeva un nuovo “Documento Magisteriale” per “revocare la condanna assoluta delle relazioni non eterosessuali libere, fedeli e durature, e stabilire i criteri per la loro valutazione morale, accompagnamento pastorale e celebrazione liturgica”. Nel panel c’era anche la teologa e direttrice spirituale suor Gemma Simmonds, della Congregazione di Gesù, che denuncia il “passato ufficiale della Chiesa” e i “giudizi e le dichiarazioni molto generiche che allontanano tante donne”. Infine, un prete autodefinitosi omosessuale, padre James Alison ha dato il suo punto di vista come uno che ha ampiamente e simpaticamente scritto sulle “questioni LGBT”.

The Tablet aveva chiaramente un tornaconto e la sua scelta dei “partecipanti al dibattio” ha mostrato che il webinar era più un’operazione di propaganda che altro.

L’uscita di circa 2.700 cattolici – “principalmente persone etero” secondo Johan Bonny – che hanno lasciato la Chiesa entro due settimane dal Responsum – è stata propagandata come una sorta di prova che la Chiesa ha perso il contatto con i fedeli ed è bloccata in un modello di esclusione sia nel definire le tendenze omosessuali come “disordinate” e gli atti omosessuali come peccaminosi.

Durante il webinar di The Tablet, Bonny ha definito l’ondata di proteste a favore della benedizione delle unioni omosessuali un contraccolpo “drammatico” contro il “passo troppo lungo” fatto dalla CDF e ha criticato duramente la “debolezza teologica” del Responsum.

“È come se fosse stato scritto ai tempi di Pio XII”, si è lamentato. 

Bonny ha insistito che la CDF dovrebbe essere “al top dell’erudizione biblica e teologica, e non al di sotto di un livello ordinario di qualità”, e che il suo documento “non ha tenuto conto di ciò che le scienze umane stanno dicendo sulla sessualità e sugli sviluppi della società civile, poiché molti paesi hanno legalizzato il matrimonio o la partnership civile per le coppie LGBT e questo fa ormai parte dell’esperienza di molte famiglie cattoliche”. 

Secondo Bonny, la CDF “non è affatto in sintonia con Amoris Laetitia”. La sua propria interpretazione dell’Esortazione Apostolica e la sua esperienza dei Sinodi sulla Famiglia lo hanno portato a dire al panel che non è “vero” dire che “non ci sono possibili somiglianze o analogie” tra il matrimonio e le unioni dello stesso sesso. 

“Quello che proponiamo qui non è di estendere il matrimonio sacramentale”, ha affermato. 

“Ci sono modi diversi di amare e di prendersi cura l’uno dell’altro e di assumere la propria responsabilità nella Chiesa e nella società. Quindi non tutti dovrebbero essere uguali, ci sono differenze. Ma ci sono tante possibilità che vengono dalla Scrittura e dalla tradizione della Chiesa, per camminare insieme alle persone, per portarle davanti a Dio e chiedere la benedizione di Dio su di esse”, ha continuato Bonny.

“Non è una questione di matrimonio sacramentale o niente”.

La professoressa Lisa Cahill è stata d’accordo, opponendosi alla dichiarazione della CDF e dicendo che “sembrava un irrilevante contraccolpo e persino una regressione, in particolare alla luce di Amoris Laetitia, che dice molto fortemente che anche le persone in situazioni familiari cosiddette irregolari sono ancora veicoli di grazia santificante”. 

Nella sua parziale trascrizione del “dibattito”, The Tablet ha anche citato Suor Gemma Simmonds dicendo di essere delusa dal Responsum della CDF “perché è così in contraddizione con ciò che Papa Francesco stesso ha detto, e con il suo intero approccio pastorale alla questione dell’attrazione per lo stesso sesso”. 

“Ho cercato nel documento qualche elemento di comprensione pastorale o della missione pastorale della Chiesa e non ne ho trovato nessuno”, ha detto Simmonds. “Mi sono chiesto cosa fosse successo alla nostra comprensione che Dio è amore. E chiunque vive nell’amore, vive in Dio, e Dio vive in loro. Questo sembrava essere completamente assente dal documento”.

Quanto a padre James Alison, ha applaudito padre James Martin, di fama “costruttore di ponti”, per aver chiesto che il Catechismo della Chiesa Cattolica sostituisca le parole “oggettivamente disordinato” sull’attrazione per lo stesso sesso con i termini “diversamente ordinato”.

“La domanda è: quali sono le conseguenze morali? Se si dice che le persone sono diversamente ordinate, in questo caso, allora i loro atti sarebbero buoni o cattivi a seconda delle circostanze, piuttosto che intrinsecamente cattivi. E penso che questo significhi concedere effettivamente ciò che la CDF ha negato dal 1975, cioè che l’orientamento dello stesso sesso è una cosa positiva. Hanno scelto di definirlo rigorosamente come una cosa negativa, al fine di preservare il male intrinseco dell’atto”, ha commentato Alison.

Il professor Cahill ha detto che anche questo equivarrebbe a “legare tutti in definizioni molto attente, in modo da sapere esattamente dove mettere tutti e come impostare i confini intorno a loro”. 

“Io vedo Amoris Laetitia come qualcosa di veramente diverso”, ha detto Cahill.

Il catechismo dovrebbe essere modificato? Il vescovo Bonny pensa che possa e debba esserlo. “È stato scritto 30 anni fa e ci sono aree, come quella di cui stiamo discutendo, in cui la società, la cultura, la teologia morale si sono sviluppate velocemente e radicalmente negli ultimi 20-30 anni”, ha detto Bonny. “Il Catechismo non è di diritto divino, può essere cambiato dal Papa. Papa Benedetto ha cambiato alcuni paragrafi del Catechismo. (…) Il Catechismo è un libro aperto alla storicità e al progresso. Penso che ci sono paragrafi che, in modo collegiale, potrebbero essere cambiati per il meglio della Chiesa e per il meglio del nostro lavoro pastorale che dobbiamo fare”.

Qui le parole chiave sono “un modo collegiale”. Un’analisi pubblicata da Christopher Lamb su The Tablet dopo il webinar, ha suggerito che l’accettazione delle coppie dello stesso sesso da parte della Chiesa sarebbe solo un esempio di ciò che dovrebbe essere fatto per “recuperare il gregge che se ne sta andando”. La questione, ha scritto, “solleva questioni ecclesiologiche profondamente importanti, tra cui come vivere diversamente la ‘cattolicità’ della Chiesa”.

Questo richiede “sinodalità”, ha detto Lamb, riecheggiando l’idea radicata che viene portata avanti in tutto il pontificato di Francesco. In effetti, sia il Sinodo dei giovani che il Sinodo dell’Amazzonia erano molto chiaramente [congegnati] soprattutto per portare il cambiamento attraverso la collegialità e le decisioni sinodali, in modo molto simile al “percorso sinodale” tedesco che sta confondendo gli insegnamenti sulle realtà del matrimonio, del sacerdozio, del posto delle donne nella Chiesa e così via.

“Non si può avere una vera unità o comunione se le chiese locali non possono trovare le migliori soluzioni per i loro problemi”, ha detto Bonny. “Ci sono linee di base, questo è chiaro, ma per tante questioni come il ministero nella Chiesa o la teologia morale, abbiamo bisogno di soluzioni più differenziate, poiché le questioni non sono le stesse”. In altre parole, una fede fluttuante e una morale elastica che si adatti alle condizioni di tempo e di luogo.

Bonny ha anche invocato un approccio “familiare” da parte della Chiesa, che significherebbe non respingere nessuno perché “se la Chiesa è una famiglia, allora sarà sempre doloroso sentire che qualcuno se ne va”.

Sulla stessa linea, ha suggerito che le coppie dello stesso sesso dovrebbero ricevere visite dal loro vescovo locale, consigliando ai cattolici gay di invitare il (loro) vescovo per una cena a casa e parlare con lui. “Sarà una conversione per lui”, ha detto.

Una conversione? Verso cosa? Il nuovo credo pro-LGBT?

 

 





Facebook Comments
image_pdfimage_print
1