“È profondamente inquietante e tragico che un presidente possa lodare e impegnarsi a codificare (cioè produrre una legge del Parlamento, ndr) una sentenza della Corte Suprema che nega ai bambini non ancora nati il loro più fondamentale diritto umano e civile, il diritto alla vita, sotto il travestimento eufemistico di un servizio sanitario”, ha detto l’arcivescovo Joseph Naumann, presidente della commissione per la Vita della Conferenza episcopale americana.

Di seguito un articolo dello staff della CNA, nella mia traduzione.  

 

Arciv.-Naumann-e-Joe-Biden
Arciv. Joseph Naumann e Joe Biden

 

La dichiarazione del presidente Joe Biden a sostegno dell’aborto legale nell’anniversario di Roe v. Wade (la sentenza della Corte Suprema USA che ha reso legale il diritto all’aborto, ndr) ha suscitato la rapida reazione della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, il cui presidente pro-vita ha detto che nessun presidente degli Stati Uniti dovrebbe mai difendere la negazione del diritto alla vita dei bambini non nati.

“Esortiamo con forza il presidente a rifiutare l’aborto e a promuovere l’aiuto alla vita per le donne e le comunità in difficoltà”, ha detto il 22 gennaio il capo del Comitato dei vescovi statunitensi per le attività pro-vita, l’arcivescovo Joseph Naumann di Kansas City in Kansas.

“È profondamente inquietante e tragico che un presidente possa lodare e impegnarsi a codificare (cioè produrre una legge del Parlamento, ndr) una sentenza della Corte Suprema che nega ai bambini non ancora nati il loro più fondamentale diritto umano e civile, il diritto alla vita, sotto il travestimento eufemistico di un servizio sanitario”, ha detto.

La conferenza episcopale degli Stati Uniti ha risposto alla dichiarazione del presidente Joe Biden e del vicepresidente Kamala Harris nell’anniversario di Roe v. Wade, la decisione della Corte Suprema del 1973 che ha imposto leggi sull’aborto permissive a livello nazionale.

Il presidente e la vicepresidente hanno sottolineato il loro impegno per l’aborto legale, dicendo: “L’amministrazione Biden-Harris è impegnata a codificare Roe v. Wade e a nominare giudici che rispettino precedenti fondamentali come Roe”.

Anche se Roe v. Wade è stata una decisione critica a favore dei diritti di aborto, la dichiarazione non ha menzionato l’aborto per nome, preferendo usare eufemismi come “salute riproduttiva” e “assistenza sanitaria”.

“Negli ultimi quattro anni, la salute riproduttiva (cioè l’aborto, ndr), compreso il diritto di scegliere (l’aborto, ndr), è stata sottoposta a un attacco implacabile ed estremo [da parte di Donald Trump, ndr)”, hanno detto.  “Mentre l’amministrazione Biden-Harris inizia in questo momento critico, ora è il momento di ridedicarci a garantire che tutti gli individui abbiano accesso all’assistenza sanitaria (cioè all’aborto, ndr) di cui hanno bisogno”.

La conferenza episcopale degli Stati Uniti ha detto che la dichiarazione ha erroneamente caratterizzato la decisione Roe v. Wade come “un progresso dei diritti delle donne e della salute”. Mentre la dichiarazione di Biden-Harris non ha menzionato la religione, i vescovi hanno detto che i cattolici non possono sostenere l’aborto.

Biden ha ripetutamente sottolineato il suo cattolicesimo, partecipando alla messa la mattina del suo insediamento e citando Sant’Agostino di Ippona nel suo discorso inaugurale. Ha messo una foto di Papa Francesco nello Studio Ovale.

Anche il primo giorno di Biden in carica, l’addetta stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha citato il cattolicesimo di Biden quando gli sono state poste domande sull’aborto.

In una conferenza stampa del 20 gennaio, Owen Jensen di EWTN News ha chiesto a Psaki cosa intende fare Biden riguardo all’emendamento Hyde e alla Mexico City Policy, a cui Biden si è opposto perché limitano il finanziamento dell’aborto.

[La Mexico City Policy è una politica del governo degli Stati Uniti che blocca i finanziamenti federali statunitensi per le organizzazioni non governative (ONG) che forniscono consulenza sull’aborto o che sostengono la depenalizzazione dell’aborto o lo sviluppo dei servizi di aborto, ndr]

“Beh, penso che avremo più cose da dire sul Mexico City Policy nei prossimi giorni”, ha detto Psaki.

“Ma voglio solo cogliere l’occasione per ricordare a tutti voi che lui (Biden) è un cattolico devoto, e qualcuno che frequenta regolarmente la chiesa”, ha detto ai giornalisti. “Ha iniziato la sua giornata frequentando la sua chiesa questa mattina”.

Nella dichiarazione della conferenza episcopale, tuttavia, l’arcivescovo Naumann ha sottolineato l’insegnamento della Chiesa sull’aborto.

“Colgo l’occasione per ricordare a tutti i cattolici che il Catechismo afferma: ‘Fin dal primo secolo la Chiesa ha affermato il male morale di ogni aborto procurato. Questo insegnamento non è cambiato e rimane immutabile”, ha detto.

La dichiarazione ha anche sottolineato le responsabilità dei politici nel rifiutare il diritto all’aborto.

“I funzionari pubblici sono responsabili non solo delle loro convinzioni personali, ma anche degli effetti delle loro azioni pubbliche. L’elevazione dell’aborto da parte di Roe allo status di un diritto protetto e la sua eliminazione delle restrizioni statali ha aperto la strada alla morte violenta di più di 62 milioni di bambini innocenti non nati e a innumerevoli donne che sperimentano il dolore della perdita, dell’abbandono e della violenza”, ha detto Naumann.

Anche il presidente dell’Università Francescana di Steubenville, P. Dave Pivonka, ha reagito alla dichiarazione di Biden-Harris, dicendo che la loro “dichiarazione aggressiva pro-aborto … è triste per i cattolici di tutto il mondo. Le politiche che hanno promesso di proporre sono dannose per la dignità della persona umana e sono contrarie agli insegnamenti della Chiesa”.

Papa Francesco ha spesso respinto l’aborto come parte di una “cultura dell’usa e getta”, ma alcuni avvocati e politici americani pro-aborto, e i loro sostenitori, hanno cercato di sostenere che il Papa abbia adottato un approccio non conflittuale in contrasto con la maggior parte dei vescovi statunitensi. 

Il giorno dell’insediamento di Biden, l’arcivescovo Jose Gomez di Los Angeles, nel suo ruolo di presidente della conferenza episcopale statunitense, ha detto che stava pregando per Biden. Ha notato aree di accordo e disaccordo tra i vescovi e Biden.

“I vescovi cattolici non sono attori di parte nella politica della nostra nazione”, ha detto Gomez in una dichiarazione. “Siamo pastori responsabili delle anime di milioni di americani e siamo difensori dei bisogni di tutti i nostri vicini”.

“Per i vescovi della nazione, la continua ingiustizia dell’aborto rimane la ‘priorità preminente'”, ha detto, aggiungendo che “preminente non significa ‘unico’”, e ci sono una grande varietà di sfide e minacce alla dignità umana che il paese deve affrontare oggi”, ha detto.

I vescovi statunitensi si impegneranno con Biden con l’obiettivo di iniziare “un dialogo per affrontare i complicati fattori culturali ed economici che spingono all’aborto e scoraggiano le famiglie”, ha detto l’arcivescovo Gomez.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email