Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Courtney Mares e pubblicato su Catholic News Agency. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Papa Francesco e padre Rupnik
Papa Francesco e padre Rupnik

 

L’artista del mosaico padre Marko Rupnik dovrà affrontare un processo canonico per le accuse di abusi sessuali, psicologici e spirituali nei confronti di religiose, ha annunciato venerdì il Vaticano, con un apparente cambiamento di rotta.

Il Vaticano non ha specificato formalmente le accuse che Rupnik dovrà affrontare e l’ufficio stampa vaticano ha declinato le domande sulla sua dichiarazione.

La Sala Stampa della Santa Sede ha dichiarato il 27 ottobre che il processo si svolgerà dopo che Papa Francesco ha deciso di rinunciare alla prescrizione delle accuse, in seguito al clamore suscitato in tutto il mondo dalla notizia, emersa questa settimana, che Rupnik era stato accolto in una diocesi della sua nativa Slovenia dopo essere stato espulso dall’ordine dei gesuiti.

L’ufficio stampa ha detto che a settembre il Papa era stato informato di “gravi problemi” nella gestione del caso da parte del Vaticano dalla Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, un organismo vaticano dedicato alla salvaguardia dei minori e degli adulti vulnerabili.

L’ufficio stampa ha fatto notare che il Papa ha “di conseguenza” chiesto al Dicastero vaticano per la Dottrina della Fede di rivedere il caso, ma non ha specificato quando ha preso questa decisione.

Il comunicato completo del Vaticano diceva: “Nel mese di settembre, la Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori ha portato all’attenzione del Papa che c’erano seri problemi nella gestione del caso di padre Marko Rupnik e la mancanza di vicinanza alle vittime. Di conseguenza, il Santo Padre ha chiesto al Dicastero per la Dottrina della Fede di rivedere il caso e ha deciso di revocare la prescrizione per consentire lo svolgimento di un processo”.

“Il Papa è fermamente convinto che se c’è una cosa che la Chiesa deve imparare dal Sinodo è quella di ascoltare con attenzione e compassione coloro che soffrono, specialmente coloro che si sentono emarginati dalla Chiesa”.

In una conferenza stampa venerdì, il prefetto della comunicazione vaticana Paolo Ruffini ha detto ai giornalisti di non avere “nulla da aggiungere” alla dichiarazione del Vaticano sulla questione.


Cosa succederà ora?

Rupnik è accusato di aver abusato di diverse religiose per un periodo di anni, grazie alla loro volontà di farsi avanti. Ma non è chiaro quali accuse canoniche dovrà affrontare.

Il Papa ha dato istruzioni al DDF di rinunciare alla prescrizione canonica “per consentire lo svolgimento di un processo”, ma non è chiaro in quale fase inizierà tale processo.

Canonicamente, la prima parte di un’indagine penale è un’indagine preliminare destinata solo a stabilire se le accuse hanno una parvenza minima di verità per meritare un processo legale completo.

Nel caso di Rupnik, tale indagine preliminare sembrerebbe essere più volte superflua.

La Compagnia di Gesù, secondo i suoi superiori, ha già condotto una lunga indagine sui presunti abusi di Rupnik e ha trovato un “alto grado” di prove contro di lui.

Il DDF, da parte sua, ha esaminato in precedenza le accuse contro Rupnik e ha rifiutato di rinunciare alla prescrizione per consentire un’azione penale, ma così facendo ha essenzialmente confermato che il sacerdote deve rispondere di altre accuse.

Poiché è improbabile che il processo inizi con un’indagine preliminare, il passo successivo sarà probabilmente la presentazione di accuse penali formali.

La questione immediata sollevata dal caso di Rupnik e dal processo canonico in corso è la seguente: Quali accuse dovrà affrontare?

Sebbene diverse religiose si siano fatte avanti per denunciare abusi spirituali e sessuali da parte di Rupnik, l’abuso di un adulto vulnerabile non è, di per sé, un crimine che il DDF può perseguire.

Il dicastero vaticano ha una sezione disciplinare incaricata di trattare i casi penali più gravi del diritto canonico, ma si occupa solo di crimini contro la fede e i sacramenti e di abusi sessuali clericali su minori. I casi che coinvolgono “adulti vulnerabili” sono trattati dal DDF solo quando riguardano adulti con gravi disabilità di sviluppo.

Rupnik è stato precedentemente condannato e punito per aver tentato di assolvere un partner sessuale, un crimine contro il sacramento della confessione.

Non è chiaro se il DDF perseguirà ora altre accuse per lo stesso reato contro Rupnik, o se dovrà affrontare nuove accuse, tra cui forse l’adescamento in confessionale.

Tuttavia, una volta che il DDF ha stabilito la competenza sul caso a causa di un crimine riservato, è anche il dipartimento competente a supervisionare il perseguimento di tutti i crimini collegati, il che significa che se Rupnik deve affrontare un processo per un crimine contro il sacramento, il dipartimento dottrinale può spesso perseguirlo anche per le relative accuse di coercizione e abuso sessuale.

Questo scenario sembra molto probabile, alla luce della miriade di accuse di abusi sessuali forzati che Rupnik deve affrontare.

Il sacerdote potrebbe anche affrontare un processo nella sua nuova diocesi di Capodistria, a seconda del luogo in cui sarebbero avvenuti i diversi casi di abuso e se il DDF sceglierà di delegare il processo legale.

Anche la velocità con cui potrebbe procedere il processo canonico di Rupnik non è chiara.

Le indagini canoniche e i procedimenti giudiziari relativi a crimini che si presume siano avvenuti diversi anni fa, al di là dei termini di prescrizione, spesso richiedono mesi o talvolta anni per un’indagine completa. Ma nel caso di Rupnik, la Compagnia di Gesù ha già condotto un’indagine approfondita e ha identificato e interrogato decine di presunte vittime e testimoni, il che significa che gran parte del lavoro più lungo è già stato fatto.

In alcune circostanze, quando le prove sono particolarmente chiare e l’accusato ha avuto la possibilità di difendersi, il diritto canonico consente di ricorrere a un processo extragiudiziale accelerato, invece che a un processo canonico completo.

Un processo di questo tipo è stato utilizzato dalla DDF nel processo e nella laicizzazione dell’ex cardinale Theodore McCarrick, il cui intero processo canonico presso la DDF è durato poco più di un anno.

Come Rupnik, McCarrick ha dovuto affrontare una serie di accuse pubbliche di gravi crimini di abuso sessuale. Tuttavia, nonostante il processo accelerato utilizzato per perseguire e condannare l’ex cardinale, il dicastero vaticano non ha dichiarato pubblicamente i crimini esatti per cui McCarrick è stato condannato.


“Discesa agli inferi”

Rupnik è al centro di uno scandalo che ha scosso il mondo cattolico dal novembre 2022, quando i blog italiani hanno riportato che il 68enne era stato accusato di aver abusato di alcune religiose negli anni ’90.

Una presunta vittima, il cui nome è stato secretato per proteggere la sua privacy, ha descritto la sua esperienza con Rupnik come una “discesa agli inferi“.

Sono stati sollevati interrogativi sulla gestione del caso – noto come l’affare Rupnik – da parte dell’ordine dei gesuiti, del Dicastero vaticano per la Dottrina della fede e di Papa Francesco.

Tra i complessi colpi di scena del caso, il sacerdote sloveno è stato scomunicato per breve tempo per aver tentato di assolvere un complice in un peccato contro il sesto comandamento, che in effetti significa avere rapporti sessuali illeciti con un partner e poi ascoltarne la confessione.

L’ordine dei gesuiti ha dichiarato che nell’ottobre 2022 la DDF ha deciso di non perseguire le accuse canoniche contro Rupnik per le accuse delle religiose risalenti agli anni ’90, perché la relativa prescrizione – chiamata “prescrizione” nel diritto canonico – era scaduta e hanno scelto di non rinunciarvi.

Nel suo unico commento pubblico sulla vicenda, nel gennaio di quest’anno, il Papa ha dichiarato all’AP di essere intervenuto solo per garantire che le accuse delle religiose fossero esaminate dallo stesso tribunale che aveva esaminato il caso di scomunica.

Ha detto di aver deciso di “lasciare che continui con il tribunale normale, perché, in caso contrario, i percorsi procedurali si dividono e tutto si confonde”.

“Quindi non ho nulla a che fare con questo”, ha commentato, descrivendo le accuse contro l’artista come “una grande sorpresa, e una ferita”.

La diocesi slovena di Capodistria ha confermato questa settimana che Rupnik è stato incardinato nella diocesi.

Sebbene alcuni abbiano ipotizzato che la decisione sia stata dettata da necessità legali, ovvero che Rupnik dovesse essere incardinato in una diocesi per poter essere perseguito, ciò non è vero, poiché il DDF è sempre stato competente a rinunciare alla prescrizione e a ricevere le accuse contro un chierico per un reato riservato.

In una dichiarazione del 26 ottobre, la diocesi di Capodistria ha affermato che il suo vescovo Jurij Bizjak ha accolto Rupnik – che è nato nella diocesi – anche perché “non ha ricevuto alcun documento che attesti che il Rev. Rupnik sia stato giudicato colpevole dei presunti abusi davanti a un tribunale ecclesiastico o civile”.

La diocesi ha aggiunto che “finché il Rev. Rupnik non è stato giudicato colpevole in un processo pubblico in tribunale, gode di tutti i diritti e i doveri dei sacerdoti diocesani”.

La decisione della diocesi è stata ampiamente criticata, anche da Dan Juvan, segretario di Stato sloveno presso il Ministero del Lavoro, della Famiglia, degli Affari sociali e delle Pari opportunità.

Secondo i media locali, Juvan ha affermato che la Chiesa dovrebbe essere ritenuta responsabile per gli abusatori tra le sue fila, piuttosto che premiarli con incarichi nelle diocesi.

Secondo il sito web cattolico italiano Silere non possum, il vescovo Bizjak ha discusso la richiesta di incardinazione di Rupnik con il cardinale Angelo De Donatis, vicario generale di Sua Santità per la diocesi di Roma, e con l’avvocato canonista Giacomo Incitti, che a settembre, a seguito di un’indagine, ha rilasciato al Centro Aletti, l’ex comunità artistica di Rupnik, un certificato di buona salute.

Una dichiarazione del 18 settembre del Vicariato di Roma ha anche suggerito che ci sono “dubbi fondati” sul processo che ha portato alla scomunica di Rupnik.

Maria Campatelli, l’attuale direttrice del Centro Aletti che ha difeso pubblicamente Rupnik, ha avuto un’udienza privata con Papa Francesco pochi giorni prima della pubblicazione della dichiarazione.

La Compagnia di Gesù ha annunciato a giugno di aver deciso di espellere Rupnik a causa del “suo ostinato rifiuto di osservare il voto di obbedienza”.

L’ordine dei gesuiti ha dichiarato di aver ricevuto a febbraio un dossier contenente “numerose denunce di ogni tipo” contro Rupnik, relative a presunti episodi di abusi avvenuti nell’arco di oltre 30 anni.

I superiori di Rupnik hanno stabilito che “il grado di credibilità di quanto riferito o testimoniato è molto alto”.

L’ordine diceva che Rupnik aveva 30 giorni per appellarsi alla decisione, a partire dal 14 giugno, data in cui ha ricevuto il decreto di licenziamento.

Padre Johan Verschueren, S.J., ex superiore di Rupnik a Roma, ha dichiarato all’AP questa settimana di aver contattato il vescovo Bizjak dopo aver saputo che la diocesi di Capodistria era disposta ad accettare il sacerdote.

Verschueren ha detto: “Ho scritto immediatamente una lettera esaustiva al vescovo sulla situazione e sulle numerose lamentele o casi di cui ci stavamo occupando, e gli ho chiesto se avrebbe mantenuto la sua offerta dopo esserne stato informato”.

Rupnik era molto conosciuto nella Chiesa come direttore del Centro Aletti, un istituto fondato negli anni ’90 presso il Pontificio Istituto Orientale di Roma come centro di arte, teologia e cultura.

I suoi mosaici decorano alcune delle più popolari mete di pellegrinaggio cattolico, tra cui Lourdes e la cappella della cripta di San Giovanni Rotondo, che contiene la tomba di Padre Pio.

Nel 2020, Rupnik ha predicato una meditazione quaresimale per i sacerdoti che lavorano in Vaticano. Nel gennaio 2022 ha avuto un’udienza privata con Papa Francesco e nel novembre 2022 ha ricevuto un dottorato onorario da un’università cattolica in Brasile, poi revocato.

Nonostante il crescente numero di accuse di abusi spirituali e sessuali, Rupnik ha continuato a mantenere un profilo pubblico, concelebrando la Messa in una basilica di Roma a marzo. È rimasto anche un consulente ufficiale di diversi dicasteri vaticani.

Il quotidiano italiano Domani ha riportato che Rupnik ha sfidato le restrizioni intraprendendo viaggi di lavoro in Bosnia-Erzegovina e Croazia.

La Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori ha dichiarato in un comunicato del 27 ottobre: “La decisione del Santo Padre di permettere un processo canonico nel caso Rupnik è cruciale, non solo per le vittime ma per tutta la Chiesa. Come Commissione, rimaniamo preoccupati per i processi disciplinari della Chiesa e per le loro inadeguatezze. Continueremo a vigilare per assicurare un’adeguata amministrazione della giustizia”.

“Non c’è spazio nel ministero per coloro che violano così profondamente le persone affidate alle loro cure. Esortiamo tutti coloro che esercitano qualsiasi forma di guida a garantire che la nostra Chiesa sia un luogo di accoglienza, comprensione e cura per tutti, con una preferenza per coloro che sono emarginati nella nostra Chiesa”.

La commissione pontificia ha aggiunto: “Mentre il Sinodo si avvia alla conclusione, ribadiamo l’importante ruolo che una cultura della salvaguardia dovrebbe svolgere in qualsiasi teologia del ministero, della leadership o del culto. Il cuore del mandato della Chiesa è quello di rendere tutti sicuri, di proteggere i vulnerabili da qualsiasi cosa li minacci e di condurli alla pienezza di vita conosciuta attraverso le promesse di Dio stesso”.


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments