Geert Vanden Bossche (DVM, PhD) in questo articolo illustra la sua opinione sulla nuova variante Omicron del virus SARS-COV-2. Eccola nella mia traduzione.

 

VIrus, Coronavirus outbreak ,contagious infection
VIrus, Coronavirus outbreak ,contagious infection

 

Il mondo può essere colto di sorpresa, ma questo non include noi. Resta da vedere se Omicron possa superare Delta (da confermare). Se è così, sicuramente non siamo messi bene.

Nel caso del CoV, l’immunità innata protegge l’individuo e il ” gregge ” (immunità sterilizzante, nessuna pressione di selezione naturale, immunità di gregge) mentre l’immunità adattativa indotta con vaccini che perdono ha esattamente l’effetto opposto.

La grande domanda è se una tale variante di fuga immunitaria potrebbe anche resistere agli anticorpi acquisiti naturalmente nelle persone che sono guarite dalla malattia C19. Sono, infatti, cauto e preoccupato per l’ADE, anche nei non vaccinati che si sono rimessi dalla malattia C-19, perché potrebbero non essere più in grado di controllare l’infezione virale. L’ADE equivarrebbe a una “virulenza potenziata”. Difficile da prevedere.

La vaccinazione di massa ha compresso la traiettoria evolutiva del virus da alcune centinaia di anni (?) a un anno. Speriamo che gli individui naturalmente predisposti possano affrontare questa velocità.

 

Geert Vanden Bossche ha ricevuto il suo DVM dall’Università di Ghent, in Belgio, e il suo dottorato in virologia dall’Università di Hohenheim, in Germania. Ha avuto incarichi di facoltà aggiuntiva nelle università del Belgio e della Germania. Dopo la sua carriera accademica, Geert è entrato in diverse aziende produttrici di vaccini (GSK Biologicals, Novartis Vaccines, Solvay Biologicals) per ricoprire diversi ruoli nella R&S dei vaccini e nello sviluppo tardivo dei vaccini. Geert è poi passato a far parte del team Global Health Discovery della Bill & Melinda Gates Foundation a Seattle (USA) come Senior Program Officer; ha poi lavorato con la Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI) a Ginevra come Senior Ebola Program Manager. Alla GAVI ha seguito gli sforzi per sviluppare un vaccino contro l’Ebola. Ha anche rappresentato GAVI nei forum con altri partner, tra cui l’OMS, per esaminare i progressi nella lotta contro l’Ebola e per costruire piani di preparazione alla pandemia globale. Già nel 2015, Geert ha esaminato e messo in discussione la sicurezza del vaccino contro l’Ebola che è stato utilizzato nelle prove di vaccinazione ad anello condotte dall’OMS in Guinea. La sua analisi scientifica critica e il suo rapporto sui dati pubblicati dall’OMS sul Lancet nel 2015 sono stati inviati a tutte le autorità sanitarie e normative internazionali coinvolte nel programma di vaccinazione contro l’Ebola. Dopo aver lavorato per GAVI, Geert si è unito al Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni di Colonia come capo dell’ufficio per lo sviluppo dei vaccini. Attualmente è principalmente un consulente di biotecnologie/vaccini, mentre conduce anche una propria ricerca sui vaccini basati sulle cellule Natural Killer.

Facebook Comments