Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ron Paul e pubblicato su Ron Paul Institute. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

explosion nuclear bomb in ocean
explosion nuclear bomb in ocean

 

Mentre la sconfitta dell’Ucraina nella guerra si avvicina, i neoconservatori cercano disperatamente di coinvolgere ulteriormente gli Stati Uniti nella lotta. Nel fine settimana, l’ex funzionario del Dipartimento di Stato americano Victoria Nuland ha dichiarato alla ABC News che gli Stati Uniti devono contribuire a facilitare gli attacchi missilistici ucraini in profondità nel territorio russo. L’amministrazione Biden ha finora evitato di essere coinvolta in tali attacchi, probabilmente perché il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che la Russia colpirà qualsiasi struttura che fornisca o faciliti attacchi all’interno della Russia, ovunque essa si trovi.

È un chiaro avvertimento da parte di una potenza nucleare, ma poiché Nuland e i suoi colleghi neoconservatori vedono fallire il loro progetto sull’Ucraina, chiedono un’escalation. È proprio quello che hanno fatto nei loro precedenti progetti disastrosi come la guerra in Iraq, gli attacchi alla Siria e alla Libia e l’occupazione ventennale dell’Afghanistan. Per loro il fallimento non è mai dovuto al fatto che l’idea iniziale fosse cattiva, ma al fatto che non sono state impiegate abbastanza vite e risorse in quella cattiva idea per creare un buon risultato.

Ma la Russia non è l’Iraq e nemmeno la Libia. Questa volta stanno giocando con la Terza Guerra Mondiale e la distruzione nucleare e nessuno a Washington sembra preoccupato.

Giovedì scorso il presidente dello Stato Maggiore, Charles Q. Brown, ha dichiarato che il dispiegamento di addestratori della NATO in Ucraina era inevitabile. “Ci arriveremo alla fine, col tempo”, ha detto. Questo, ovviamente, è esattamente il modo in cui siamo arrivati alla guerra del Vietnam, ma la Russia del 2024 non è certo il Vietnam della fine degli anni Cinquanta. La Russia di oggi è un Paese in grado di reagire e di proiettare la propria potenza militare fino alla fonte, cioè gli Stati Uniti.

Vale la pena morire in una guerra nucleare per il progetto ucraino di Nuland?

L’intero coinvolgimento degli Stati Uniti in questa guerra per procura si è basato su bugie su bugie. Hanno detto che dovevamo aiutare l’Ucraina a sconfiggere la Russia perché era in gioco la democrazia stessa. Poi il presidente ucraino Zelensky ha annullato le elezioni, quindi ci hanno detto che dovevamo aiutare l’Ucraina a sconfiggere la Russia perché Putin non si fermerà lì – presto marcerà a Berlino, Londra e forse anche a New York!

Non vi ricorda che i neocon ci avvertivano che Saddam avrebbe attaccato la terraferma degli Stati Uniti con i droni e che stava operando laboratori di armi mobili? Tutto pur di convincere l’opinione pubblica a sostenere la loro guerra.

Il fatto è che i neocon e i guerrafondai mentono costantemente. Faranno di tutto per ottenere le loro guerre e purtroppo negli Stati Uniti non abbiamo media indipendenti che li sfidino sulle loro bugie. I nostri media sono così strettamente legati al complesso militare-industriale che partecipano anche ai profitti della guerra, quindi non hanno intenzione di smuovere le acque.

Chiunque pensi che non possiamo essere risucchiati in un’altra guerra, come è successo con la menzogna di George W. Bush secondo cui Saddam Hussein aveva armi di distruzione di massa, non sta prestando attenzione. Sta accadendo di nuovo, in tempo reale.

Il fatto è che viviamo in una società profondamente corrotta, dominata da individui che non credono nella verità. Quando non si crede nella verità non ci si fa scrupoli a manipolare gli altri per fare la propria volontà. Quindi, a meno che non vengano fermati, i neocon come la Nuland chiederanno altri attacchi alla Russia, più truppe statunitensi in Ucraina, più escalation. Finché la Russia non reagirà. Allora sarà tutto finito. È questo che vogliamo?

Ron Paul

 

Ron Paul è un politico statunitense di lunga data. 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments