Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog la testimonianza scritta da Ernest Williams e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Vaccino COVID-19 e Bandiera dello Stato del Vaticano sullo sfondo - (foto: Shutterstock)
Vaccino COVID-19 e Bandiera dello Stato del Vaticano sullo sfondo – (foto: Shutterstock)

 

Nessun atto di carità

“Come Io vi ho amato, così anche voi amatevi gli uni gli altri. È così che tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri.” (Matteo 22:37-40)


Se il Nuovo Comandamento dato da Gesù a tutti i credenti fosse uno “specchio”, cosa vedremmo guardando la Chiesa all’indietro nel tempo, verso l’inizio visibile della pandemia all’inizio del 2020? Riconosceremmo Colui che ci ha dato il comandamento di amarci gli uni gli altri? Lo riconosceremmo in mezzo al suo popolo, mentre insegna e serve un gregge oppresso e appesantito dalla paura e dalla malattia? Ascolteremmo le parole: “Come Io vi ho amato, così anche voi amatevi gli uni gli altri“? E se avessimo sentito queste parole, cosa avremmo visto? Saremmo testimoni del potere di guarigione e dell’amore dello Spirito Santo all’opera, come quando Gesù rispose ai discepoli di Giovanni Battista: “Tornate indietro e riferite a Giovanni ciò che avete udito e visto” (Matteo 11:4)?

I ciechi ricevono la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano e la buona novella è annunciata ai poveri. Beato chi non inciampa per causa mia“. (Matteo 11:5-6)


E queste parole profetiche di Nostro Signore, riguardanti tutti noi che siamo chiamati a professare ed esercitare un’autentica Fede in Lui – il Mondo ha riconosciuto la loro realtà?

Ecco come tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri” (Giovanni 13:35).

Temo che lo “specchio” possa andare in frantumi o che chi lo guarda possa essere accecato dal dolore. Probabilmente entrambe le cose.

Uso questi passi della Scrittura per cercare di capire, alla luce degli eventi che si sono verificati negli ultimi tre anni, la risposta vissuta della Chiesa cattolica, prima di tutto tra i suoi stessi membri. La gerarchia religiosa, le istituzioni cattoliche e tutti i fedeli. Ci siamo amati gli uni gli altri? Il Nuovo Comandamento di Gesù è stato adempiuto? Il mondo può ora dire con maggiore convinzione: “Vediamo che siete davvero suoi discepoli”?

Se si guarda attraverso la lente delle istituzioni secolari globali come l’ONU, l’OMS, i governi sovrani, le agenzie sanitarie, le case farmaceutiche e i media, sembra che la Chiesa cattolica abbia avuto successo. Le istituzioni secolari globali dicevano che tutti dovevano vaccinarsi come dovere verso il prossimo, come atto di carità. La Sede di Pietro (va sottolineato che anche quasi tutti i leader delle altre confessioni cristiane) ha detto lo stesso, in un nuovo compendio del Comandamento del Signore: ” Vaccinatevi per amarvi gli uni gli altri”.

Per riassumere le parole di Papa Francesco:

“Essere vaccinati con vaccini autorizzati dalle autorità competenti è un atto di amore. Contribuire a far sì che la maggioranza delle persone sia vaccinata è un atto d’amore. Amore per sé stessi, amore per i propri familiari e amici, amore per tutte le persone”. (Papa Francesco – I vaccini sono un atto d’amore per salvarci – Vatican News agosto 2022).

Naturalmente le “autorità competenti” che hanno promosso i vaccini COVID sono a favore dell’aborto, dell’eutanasia, della “transizione di genere” dei bambini e sostengono che “gli uomini possono partorire”.

Se si sbagliano su questioni morali così fondamentali, cosa ne sanno della carità? Perché dovrebbero avere ragione sulla vaccinazione di massa COVID-19 con terapie geniche sperimentali?

Ma se voi, come me, non guardavate attraverso la lente di queste istituzioni globali secolari, probabilmente vedevate le cose in modo molto diverso. Avete visto la Chiesa abbandonare il Vangelo di Gesù Cristo e seguire i dettami dell’OMS e delle autorità sanitarie nazionali allineate.

Chiese chiuse. Sacerdoti mascherati. I fedeli sono stati rinchiusi, limitandosi a “partecipare” alle funzioni religiose in diretta streaming. A coloro che stavano morendo in ospedale – a causa di quello che in molti casi sembra sempre più un trattamento medico sbagliato – sono stati negati i sacramenti.

Si è assistito a istituzioni cattoliche, compresa la gerarchia della Chiesa, che costringevano i fedeli a vaccinarsi con terapie genetiche sperimentali a base di mRNA; chi si rifiutava, in alcuni casi, perdeva il lavoro. Vergognosamente molti medici e infermieri cattolici hanno abbandonato l’etica medica e hanno somministrato queste terapie geniche tossiche, anche a bambini che non erano mai stati a rischio. Sembrava che la Chiesa cattolica avesse abbandonato l’altare del suo Signore e Salvatore Gesù Cristo e si trovasse a servire l’altare secolare del complesso industriale farmaceutico corrotto.

Una volta che la campagna di vaccinazione globale ha ingranato la marcia, si è visto che alcune chiese cattoliche in tutto il mondo, tra cui quella di San Pietro a Roma, hanno chiesto ai fedeli di presentare le tessere COVID per partecipare alle funzioni religiose. Tragicamente, in una situazione che potrebbe tornare a perseguitare la Chiesa, si è assistito a un completo fallimento da parte della gerarchia nel riconoscere il danno arrecato ai fedeli dalle terapie sperimentali a base di mRNA genico – un fallimento che persiste ancora oggi.
Andate su VAERS-USA, EMA Eudra-Vigilance, OMS Vigi-Access, TGA-Australia e il database online del Regno Unito “Yellow Card” sugli eventi avversi ai vaccini e cercate sotto la voce COVID-19.

Già a metà del 2022, gli eventi avversi segnalati a livello globale erano più di 11,5 milioni e i decessi quasi 75 mila. Questi database medici sono volontari e riflettono solo il dieci per cento del quadro reale.

L’aspetto più inquietante è che alcuni genetisti di fama hanno espresso il timore che le sequenze di codice sintetico presenti nelle terapie geniche mRNA COVID non siano naturali per la nostra umanità. A tutt’oggi, le aziende farmaceutiche hanno resistito alle pressioni per una piena divulgazione del contenuto delle fiale di vaccino.

 

La mia esperienza di corridore di lunga distanza mi ha insegnato la resistenza

Se qualcuno profana il tempio di Dio, Dio lo distruggerà. Perché il tempio di Dio è santo, e voi siete il tempio” (1 Cor 3, 17).

Che cosa predicherebbe oggi San Paolo su questo danno inflitto all’umanità dei fedeli? Ma Pietro non ha parlato…?

Qui voglio condividere la mia storia: Alla fine del 2020 avevo già messo da parte un progetto sulla rimozione dell’inquinamento da plastica dall’ambiente, a cui avevo lavorato nei due anni precedenti. Le restrizioni COVID sugli spostamenti rendevano molto difficili i progressi. Allarmato dalla crescente ondata di eventi avversi al vaccino COVID-19 e informato da amici che erano stati danneggiati o avevano perso i loro cari subito dopo la vaccinazione COVID, all’inizio del 2021 ho iniziato a sollevare le mie preoccupazioni con il Dicastero Vaticano per lo Sviluppo Umano Integrale.

Il fatto che la leadership della Chiesa Cattolica avesse preso una posizione pubblica così a occhi chiusi, sostenendo terapie geniche sperimentali a base di mRNA “come sicure” e incoraggiando i fedeli sotto la bandiera del “vaccinare per amore del prossimo”, era fonte di grave preoccupazione. Per il Successore di Pietro, che non è un immunologo competente, promuovere questi interventi farmaceutici, per i quali non esistevano dati di test di sicurezza a lungo termine, sembrava a dir poco fuorviante. Il Vaticano aveva persino firmato un contratto con Pfizer per fornire iniezioni di mRNA Covid-19 ai membri della curia, ai religiosi, al personale e alle loro famiglie. Reduce da tre decenni di ferite per la tragica saga degli abusi sessuali dei chierici, potevo già vedere la scritta di un altro triste capitolo sul muro.

Il cardinale Peter Turkson, allora prelato del Dicastero, si dimostrò ricettivo nei confronti delle mie preoccupazioni e consapevole dei religiosi che avevano subito conseguenze negative sulla salute a causa delle iniezioni di mRNA Pfizer. Accettò di organizzare un seminario di due giorni per esaminare le preoccupazioni che avevo sollevato, insieme ad altre. Per tre volte è stato fissato e poi riprogrammato nel corso del 2021, infine per l’inizio di gennaio 2022. Purtroppo, dopo aver consegnato al Papa le sue dimissioni alla fine del 2021, come da scadenza del suo mandato quinquennale, non è stato reintegrato.

Con la nomina del cardinale Michael Czerny a nuovo prelato a capo del Dicastero Vaticano per lo Sviluppo Umano Integrale, ho dovuto ricominciare il dialogo da capo. Già stanco per un anno di sforzi persi, all’inizio del gennaio 2022 sono stato spinto da un sogno a continuare la maratona.

Nell’aprile 2022 sono stato finalmente invitato a presentare una proposta di dialogo che affrontasse le preoccupazioni sui vaccini che avevo sollevato. Con l’aiuto e il sostegno della Truth for Health Foundation, di importanti medici specialisti negli Stati Uniti e di importanti genetisti e immunologi francesi, all’inizio di giugno 2022 ho presentato una proposta. È stata esaminata internamente dal Dicastero e riconosciuta con gratitudine, per essere infine inviata all’alta gerarchia per l’approvazione.

Abbiamo aspettato; Roma può essere notoriamente lenta. Ma purtroppo la proposta di dialogo sul vaccino Covid-19 è stata bloccata.

Il Dicastero ci ha fornito la scusa, piuttosto banale, di non avere le risorse per organizzare un dialogo di questo tipo, anche se ci eravamo già offerti di organizzare tutto (costi inclusi) per loro. Evidentemente le argomentazioni che avevamo presentato per un’immediata inversione della posizione della Chiesa a sostegno delle terapie geniche con mRNA COVID-19 erano troppo impegnative per essere respinte e probabilmente avevano fatto “arruffare non poche piume” al loro interno. Forse non sorprende che in questo periodo la promozione della vaccinazione COVID da parte del Vaticano sia continuata senza sosta, con un’altra approvazione pubblica tramite Vatican News.

Tuttavia, non mi sono arreso. In gioventù ero un corridore di lunga distanza. Essendo stato escluso dalla società svizzera e dalla partecipazione alla maggior parte delle Messe cattoliche durante il 2021 e l’inizio del 2022 perché mi rifiutavo di sottopormi alla vaccinazione COVID-19 e di esibire la tessera di riconoscimento COVID, ho protetto la mia salute mentale correndo per tutto l’inverno e immergendomi nel gelido lago di Zurigo per nuotare la maggior parte delle mattine. Ma è stato un tormento. Questi pastori amano e si preoccupano davvero delle loro pecore?

Finalmente, verso la fine del 2022 sono stato informato che l’Accademia Vaticana delle Scienze, ora sotto la guida spirituale del Cardinale Turkson, aveva in programma di affrontare le questioni e le preoccupazioni relative ai vaccini mRNA in una sessione sul COVID e sulle lezioni apprese, nel settembre 2023. Chiaramente, mentre alcune altre istituzioni stanno iniziando ad ammettere gli errori di una risposta tirannica al COVID, la Chiesa non ha fretta di ascoltare punti di vista opposti.

Ho anche chiesto il sostegno di alcuni cardinali di orientamento conservatore. Il defunto cardinale George Pell, due mesi prima di morire per insufficienza cardiaca dopo un’operazione, mi disse che avrebbe accolto con favore la discussione sui vaccini in Vaticano.

Mi chiedo quanti altri fedeli subiranno conseguenze negative che cambieranno la loro vita, in particolare i giovani? Quante altre tragiche morti improvvise, prima che questo dialogo sul vaccino COVID-19 abbia luogo? Si arriverebbe all’ammissione da parte del Vaticano che la vaccinazione COVID non è mai stata un “atto di carità” verso il prossimo, ma piuttosto un abuso a rischio della vita dell’individuo costretto a farla? E l’ennesimo insulto morale alla memoria di bambini innocenti le cui vite sono state strappate nelle malvagie fabbriche di aborti per fornire feti per il profitto dell’industria farmaceutica dei vaccini?

Il giorno di Natale mi sono recato con la mia famiglia nel luogo storico del battesimo di Gesù in Giordania, rinnovando le mie promesse battesimali. È stata personalmente una celebrazione spirituale molto profonda della nascita di Cristo, proprio nel luogo in cui il Cristianesimo ha avuto inizio quasi 2000 anni fa. Mentre ci avviciniamo a quell’anniversario nel 2030, una data molto significativa per tutti i cristiani, mi chiedo: se San Giovanni fosse vivo e battezzasse oggi e i nostri leader religiosi lo avvicinassero, cosa avrebbe da dire loro?
Sappiamo come si rivolse agli scribi e ai farisei, ai capi religiosi ebrei del tempo di Gesù. (Matteo 3:7-12)

Con le crepe che ora appaiono sempre di più a livello globale nella narrazione ufficiale del COVID e con la puzza di corruzione sia governativa che istituzionale che circola nell’aria, concludo questa riflessione personale sulla promozione della vaccinazione COVID-19 da parte del Vaticano, ponendomi questa domanda: Quando verrà il giorno della resa dei conti, la Sede di Pietro avrà l’umiltà di inginocchiarsi davanti ai fedeli e chiedere perdono, per aver esposto con noncuranza il gregge che Gesù aveva affidato alle sue cure, con parole sconsiderate che distorcevano il Comandamento dell’Amore, che ha aperto la porta delle pecore ai lupi?

E quei cardinali e vescovi che hanno seguito ciecamente dettami errati che sapevano essere sbagliati? Quelli che sono rimasti in silenzio quando avrebbero dovuto parlare in difesa della verità? Non so davvero come il Signore si comporterà con i pastori se rimarranno impenitenti. Ma mi vengono in mente le parole di Gesù: “E non pensate di poter dire a voi stessi: “Abbiamo Abramo come padre”. Io vi dico che da queste pietre Dio può far nascere dei figli per Abramo” (Matteo 3:9).

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments