vaccino-covid

 

Riportiamo gli estratti di due ricerche che si possono trovare sul motore Pub Med: 

  1. ricerca i cui autori sono Daisuke Hidaka et altri

La sindrome di Evans si presenta come anemia emolitica autoimmune (AIHA) e trombocitopenia immunitaria (ITP) concomitanti. Il lupus eritematoso sistemico (LES) è la malattia autoimmune più frequente associata alla sindrome di Evans. Riportiamo qui un caso di sindrome di Evans di nuova insorgenza associata a SLE dopo la vaccinazione contro la malattia da coronavirus BNT162b2 (Pfizer) mRNA 2019 (COVID-19) in una donna di 53 anni. L’esame del sangue alla diagnosi ha mostrato anemia emolitica con test di Coombs positivo e trombocitopenia. L’ipocomplementemia e la presenza di lupus anticoagulante hanno indicato una forte associazione con il LES. La somministrazione di prednisolone ha ripristinato rapidamente il livello di emoglobina e la conta piastrinica. Questo caso suggerisce che la vaccinazione con mRNA COVID-19 può causare una malattia autoimmune.

 

      2. ricerca, pubblicata su Nature, i cui autori sono Daisuke Hidaka et altri

Attualmente in molti paesi sono in corso vaccinazioni su larga scala per il COVID-19 in risposta alla pandemia di COVID-19. Qui, riportiamo, oltre alla generazione di anticorpi neutralizzanti, alterazioni consistenti dell’emoglobina A1c, dei livelli sierici di sodio e potassio, dei profili di coagulazione e delle funzioni renali in volontari sani dopo la vaccinazione con un vaccino SARS-CoV-2 inattivato. Cambiamenti simili erano stati riportati anche nei pazienti COVID-19, suggerendo che la vaccinazione imitava un’infezione. Il sequenziamento dell’mRNA di una singola cellula (scRNA-seq) delle cellule mononucleate del sangue periferico (PBMC) prima e 28 giorni dopo la prima inoculazione ha anche rivelato alterazioni consistenti nell’espressione genica di molti diversi tipi di cellule immunitarie. Riduzione delle cellule T CD8 + e l’aumento del contenuto di monociti classici erano esemplari. Inoltre, scRNA-seq ha rivelato un aumento della segnalazione di NF-kB e una riduzione delle risposte all’interferone di tipo I, che sono state confermate da test biologici e si è verificato anche dopo l’infezione da SARS-CoV-2 con sintomi aggravanti. Nel complesso, il nostro studio raccomanda ulteriore cautela quando si vaccinano persone con condizioni cliniche preesistenti, tra cui diabete, squilibri elettrolitici, disfunzione renale e disturbi della coagulazione.

 

      3. Ricerca su correlazione tra vaccino Janssen/Johnson & Johnson e sindrome di Guillain-Barré (GBS) di Emily Jane Woo et altri:

Nell’ambito della sorveglianza sulla sicurezza post-autorizzazione, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha identificato un potenziale problema di sicurezza per la sindrome di Guillain-Barré (GBS) a seguito della ricezione dell’Ad26.COV2.S (Janssen/Johnson & Johnson) COVID- 19 vaccino.

I rapporti di presunta GBS sono stati identificati in un sistema di segnalazione passiva statunitense (VAERS) nel periodo febbraio-luglio 2021 e caratterizzati, inclusi dati demografici, caratteristiche cliniche e storia medica pertinente.

Principali risultati e misure: GBS presuntivo; è stato analizzato il tasso di segnalazione, compreso il calcolo del rapporto osservato rispetto al previsto sulla base dei tassi di fondo e dei dati sulla somministrazione del vaccino. A causa della disponibilità limitata di cartelle cliniche, i casi non sono stati valutati secondo i criteri di Brighton Collaboration per la GBS.

Risultati: Al 24 luglio 2021, 130 segnalazioni di presunta GBS sono state identificate nel VAERS a seguito della vaccinazione Ad26.COV2.S (età media, 56 anni; IQR, 45-62 anni; 111 individui [86,0%] erano < 65 anni; 77 uomini [59,7%]). Il tempo mediano di insorgenza della SGB dopo la vaccinazione è stato di 13 giorni (IQR, 10-18 giorni), con 105 casi (81,4%) che iniziano entro 21 giorni e 123 (95,3%) entro 42 giorni. Centoventuno segnalazioni (93,1%) sono state gravi, incluso 1 decesso. Con circa 13 209 858 dosi di vaccino somministrate ad adulti negli Stati Uniti, il tasso di segnalazione grezzo stimato era di 1 caso di GBS per 100.000 dosi somministrate. Il rapporto tra i tassi complessivo stimato tra osservato e atteso era di 4,18 (IC 95%, 3,47-4,98) per la finestra di 42 giorni e, nell’analisi dello scenario peggiore per gli adulti di età pari o superiore a 18 anni, corrispondeva a un aumento del tasso assoluto stimato di 6,36 per 100.000 persona-anni (basato su un tasso di circa 8,36 casi per 100.000 persona-anni [123 casi per 1 472 162 anni-persona] rispetto a un tasso di fondo di circa 2 casi per 100.000 persona-anni). Per entrambe le finestre di rischio, il rapporto tra tasso osservato e tasso atteso era elevato in tutti i gruppi di età, ad eccezione degli individui di età compresa tra 18 e 29 anni.

Conclusioni e rilevanza: questi risultati suggeriscono un potenziale problema di sicurezza piccolo ma statisticamente significativo per la sindrome di Guillain-Barré a seguito della ricezione del vaccino Ad26.COV2.S. Tuttavia, i risultati sono soggetti alle limitazioni dei sistemi di segnalazione passiva e della definizione presunta del caso e devono essere considerati analisi preliminari in attesa delle cartelle cliniche per stabilire una diagnosi definitiva.

 

**********************

 

Ecco un esempio di possibile sindrome di Guillain-Barré (GBS):

Facebook Comments