Il Dr. Makary, professore alla Johns Hopkins School of Medicine, scrive un articolo sul prestigioso Wall Street Journal contro i richiami dei vaccini per i giovani di 16 e 17 anni. Eccol l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccino_adolescenti

 

Il governo degli Stati Uniti sta spingendo i richiami del vaccino Covid-19 per i giovani di 16 e 17 anni senza dati clinici di supporto. Un grande studio israeliano sulla popolazione, pubblicato nel New England Journal of Medicine all’inizio di questo mese, ha trovato che il rischio di morte per Covid nelle persone sotto i 30 anni con due iniezioni di vaccino era zero.

I richiami per i giovani sani, che alcuni college stanno imponendo, causeranno danni medici per il bene di riduzioni transitorie di infezioni lievi e asintomatiche. In uno studio su 438.511 maschi dai 16 ai 24 anni, 56 hanno sviluppato una miocardite dopo la loro seconda dose Pfizer (o 1 su 7.830, almeno sette volte il tasso normale). È vero, la maggior parte dei casi erano lievi, ma nel gruppo più ampio di 136 persone (compresi i pazienti anziani e donne) che hanno sviluppato la miocardite dopo il vaccino, sette hanno avuto un “corso complicato” e un ventiduenne è morto. Il vaccino Moderna porta un tasso ancora più alto di complicazioni cardiache, motivo per cui alcuni paesi europei lo hanno limitato per le persone sotto i 30 anni. Ma negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration e i Centers for Disease Control and Prevention spingono indiscriminatamente per i richiami per tutti i giovani.

Queste raccomandazioni sono arrivate nonostante le obiezioni degli stessi esperti delle agenzie. L’ultimo voto dei consiglieri della FDA, a settembre, ha respinto la proposta 16-2. I leader della FDA hanno rivisto la proposta a novembre e hanno semplicemente scavalcato gli esperti. Lo stesso ha fatto il CDC, i cui consiglieri avevano respinto i richiami per le persone non ad alto rischio. Due scienziati di punta della FDA, tra cui il capo degli uffici per i vaccini dell’agenzia, si sono dimessi al momento del voto di settembre a causa delle pressioni della Casa Bianca per autorizzare i richiami per tutti. Hanno scritto in dettaglio le loro preoccupazioni.

Uno studio dei ricercatori di Oxford, pubblicato la settimana scorsa su Nature Medicine, ha convalidato queste preoccupazioni. Ha trovato che i giovani hanno sofferto di miocardite, pericardite e aritmie più frequentemente dal vaccino Moderna che dal Covid stesso. E gli effetti cardiaci a lungo termine dei richiami nei giovani sono sconosciuti.

I funzionari della FDA e del CDC hanno giustificato la loro pressione per i richiami indicando una riduzione dei livelli di anticorpi mesi dopo la vaccinazione. Questo non tiene conto di un’altra parte del sistema immunitario, le cellule T. L’attivazione di queste cellule non è facilmente misurabile con semplici prelievi di sangue, ma sono potenti protettori contro le malattie gravi. Nuovi dati sui risultati potrebbero emergere per dimostrare che il beneficio di booster per i giovani supera il rischio, ma i farmaci non dovrebbero essere autorizzati o approvati sulla base di speculazioni.

L’emergere della variante Omicron ha alimentato la spinta per i booster. Ma uno studio dell’Università di Hong Kong ha scoperto che Omicron è meno di un decimo più infettivo nelle cellule polmonari rispetto alla variante Delta. Questo spiega perché i pazienti Omicron riportano molti meno sintomi di tosse e febbre. Invece riportano comuni sintomi di raffreddore, simili ai quattro coronavirus stagionali conosciuti che hanno circolato per decenni, causando molti raffreddori. Angelique Coetzee della South African Medical Association ha descritto le sue osservazioni di Omicron dal suo posto: “Non c’è motivo di farsi prendere dal panico”. Eppure gran parte degli Stati Uniti settentrionali è ora in piena modalità panico.

Omicron elude in parte l’immunità anticorpale, ma non sfugge all’immunità esistente delle cellule T, secondo un nuovo studio della Johns Hopkins. Questo è coerente con i dati della popolazione su Omicron. Il numero di casi sta precipitando nell’epicentro, nella provincia sudafricana di Gauteng. Il ministro della salute sudafricano Joe Phaahla riferisce che solo l’1,7% dei pazienti di Covid sono stati ricoverati nella seconda settimana dell’onda dominante di Omicron, rispetto al 19% allo stesso punto dell’onda Delta. Ora abbiamo dati di laboratorio, dati epidemiologici e dati al letto che Omicron è mite per la stragrande maggioranza dei pazienti infetti.

Pfizer ha rilasciato un comunicato stampa l’8 dicembre annunciando un esperimento di laboratorio che dimostra che un’iniezione di richiamo aumenta i livelli di anticorpi contro Omicron. Non hanno rilasciato i dati sottostanti. Il giorno dopo, la FDA ha autorizzato i richiami per i 16 e 17 anni, e il CDC ha seguito l’esempio.

Allo stesso tempo, la FDA è stata deludente nell’autorizzare le pillole antivirali di Merck e Pfizer che sono progettate per funzionare contro tutte le varianti. Il Molnupiravir della Merck ha ricevuto un voto positivo dagli esperti della FDA tre settimane fa, ma l’agenzia non lo ha ancora autorizzato. Il Paxlovid della Pfizer ha ridotto a zero i decessi per il Covid (rispetto ai 10 decessi nel gruppo di controllo), ma la FDA è stata ferma sulla domanda per cinque settimane senza nemmeno programmare una riunione consultiva per esaminarla. Il farmaco già disponibile, la fluvoxamina, ha ridotto le morti per Covid del 91% tra i pazienti sintomatici ad alto rischio in un secondo studio randomizzato e controllato che ha valutato il suo effetto. Eppure non ho mai sentito i funzionari della sanità pubblica menzionarlo.

La settimana scorsa ho testimoniato davanti al Congresso che molte politiche di Covid non sono più guidate dalla scienza. I dati vengono selezionati per supportare programmi predeterminati, mentre il ruolo dell’immunità naturale e le terapie salvavita vengono messe da parte.

Abbiamo già visto il pensiero del carrozzone medico danneggiare il paese. Il falso presupposto che la Covid si diffonda per trasmissione superficiale ha ancora gli americani impegnati in futili rituali di disinfezione. Abbiamo sofferto di politiche barbariche che proibivano alla gente di dire addio o di tenere per mano i propri cari che stavano morendo. I bambini sono stati esclusi dalla scuola per una variante meno contagiosa. I nostri leader della salute pubblica commettono errori critici e si affermano a vicenda con il pensiero di gruppo, mentre i giornalisti rinunciano al loro dovere di porre domande chiave.

Costringere studenti immuni, giovani, sani e a basso rischio a fare una terza iniezione di vaccino è eccessivo e dispendioso. Queste preziose dosi di vaccino dovrebbero andare ai paesi poveri che ancora non ne hanno abbastanza.

 

Il Dr. Makary è professore alla Johns Hopkins School of Medicine e autore di “The Price We Pay: What Broke American Health Care and How to Fix It”.

 

 

Facebook Comments