Riporto l’estratto di uno studio sugli eventi avversi segnalati alla banca dati governativa VAERS degli USA riguardo alle miocarditi sviluppatesi dopo il vaccino covid nei ragazzi tra i 12 ed i 15 anni di età. Gli autori dello studio sono il prof. Peter A. McCulloughMD, MPH, uno dei più autorevoli cardiologi al mondo, e JessicaRosePhD, MSc, BSc, intervenuta nel settembre scorso nella audizione della FDA riguardo alla approvazione della terza dose dei vaccini COVID negli USA.

Lo studio è apparso sull’importante ScienceDirect, un sito Web che fornisce l’accesso a un ampio database bibliografico di pubblicazioni scientifiche e mediche dell’editore olandese Elsevier . Ospita oltre 18 milioni di contenuti di oltre 4.000 riviste accademiche e 30.000 e-book di questo editore. ScienceDirect è gestito dall’editore anglo-olandese Elsevier . 

Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

miocardite

 

A seguito del lancio globale e la somministrazione dei vaccini Pfizer Inc./BioNTech BNT162b2 e Moderna mRNA-1273 il 17 dicembre 2020, negli Stati Uniti, e del prodotto Janssen Ad26.COV2.S il 1 ° aprile st, 2021, in un modo senza precedenti, centinaia di migliaia di individui hanno segnalato eventi avversi (AE) utilizzando il Vaccine Adverse Events Reports System (VAERS). Abbiamo utilizzato i dati VAERS per esaminare gli eventi avversi cardiaci, principalmente la miocardite, riportati dopo l’iniezione della prima o della seconda dose dei prodotti iniettabili COVID-19. I tassi di miocardite riportati in VAERS erano significativamente più alti nei giovani di età compresa tra 13 e 23 anni (p<0,0001) con l’80% circa che si verificava nei maschi. Entro 8 settimane dall’offerta pubblica di prodotti COVID-19 alla fascia di età di 12-15 anni, abbiamo riscontrato 19 volte il numero previsto di casi di miocardite nei volontari vaccinati rispetto ai tassi di miocardite di fondo per questa fascia di età. Inoltre, è stato osservato un aumento di 5 volte del tasso di miocardite dopo la dose 2 rispetto alla prima dose nei maschi di 15 anni. Un totale del 67% di tutti i casi si è verificato con BNT162b2 (Pfizer, ndr). Del totale delle segnalazioni degli eventi avversi relative alle miocarditi, 6 persone sono morte (1,1%) e di queste, 2 avevano meno di 20 anni – 1 aveva 13. Questi risultati suggeriscono un rischio notevolmente più elevato di miocardite in seguito all’uso di prodotti iniettabili COVID-19 rispetto ad altri vaccini noti, e questo è ben al di sopra dei tassi di fondo noti per la miocardite. I prodotti iniettabili COVID-19 sono nuovi e hanno un meccanismo d’azione genetico e patogeno che causa l’espressione incontrollata della proteina spike di SARS-CoV-2 all’interno delle cellule umane. Quando si combina questo fatto con la relazione temporale dell’insorgenza degli eventi avversi e la segnalazione, la plausibilità biologica di causa ed effetto, e il fatto che questi dati sono internamente ed esternamente coerenti con fonti emergenti di dati clinici, supporta una conclusione che i prodotti biologici COVID-19 sono deterministici per i casi di miocardite osservati dopo l’iniezione.

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email