Un articolo preso dal blog di Eugyppius. Data la lunghezza dell’articolo, abbiamo usato un traduttore automatico, controllando la traduzione ove possibile. Ci scusiamo per eventuali refusi o errori. 

 

 

È innegabile: I vaccini Corona causano una vasta gamma di eventi avversi, non tutti compresi. Al momento è difficile valutare il loro impatto su tutta la popolazione, oltre a dire che sono sostanzialmente più pericolosi dei vaccini ordinari. Calcoli approssimativi dai dati VAERS suggeriscono che hanno almeno diverse centinaia di volte più probabilità di farti male rispetto ai vaccini antinfluenzali.

Oltre alle reazioni acute al vaccino – febbre, mialgia, linfonodi gonfi e dolore al sito di iniezione nei giorni successivi alla vaccinazione – molti di voi hanno anche discusso una serie di sintomi più inquietanti, tra cui gravi acufeni, aumento della pressione sanguigna, dolori al petto, sanguinamento mestruale irregolare e mancanza di respiro. Ho anche ricevuto molte lettere che descrivevano l’herpes zoster e la paralisi di Bell dopo la vaccinazione; e di problemi neurologici più sconcertanti e potenzialmente più seri, dalle vertigini ai tremori muscolari alle convulsioni. Per la maggior parte, i sintomi acuti più lievi sono scomparsi in pochi giorni, ma alcuni riportano braccia doloranti e acufeni che durano molti mesi.

Tra le reazioni gravi, la miocardite e l’ictus hanno un posto di rilievo nei vostri rapporti; ho avuto meno rapporti di aborti spontanei, ma erano anche presenti. Coerentemente con la discussione su internet altrove, alcuni di voi riportano anche lo sviluppo improvviso o la ricomparsa del cancro dopo la vaccinazione Corona.

In generale, la dose 3 sembra essere stata peggiore della dose 2, e la dose 2 peggiore della dose 1. Molti, molti dei vaccinati tra di voi hanno preso Corona dopo la vaccinazione. C’è la preponderanza di infezioni nella settimana successiva alla prima e alla terza dose, che già conoscevamo, ma queste non sono che una frazione delle infezioni post-vaccino nel complesso. Probabilmente una grande cosa che ha bloccato lo slancio politico che spinge la vaccinazione di massa, è la prevalenza di cattive reazioni di richiamo seguite da infezioni di rottura.

Un altro punto che è emerso dalle vostre lettere, è la soglia generalmente alta per ottenere un’esenzione da ulteriori vaccinazioni a seguito di una reazione avversa. E’ stato inquietante leggere diverse storie di persone che sono state essenzialmente vaccinate a morte – morendo dopo la dose 3, a seguito di una brutta reazione alla dose 1 e un quasi incidente con la dose 2.

Infine, quasi tutti voi siete stati vaccinati sotto costrizione. Alcuni di voi hanno accettato la vaccinazione semplicemente per porre fine alla sorveglianza medica o per riconquistare una certa libertà di movimento. Questo era sorprendentemente raro, però; quelli che hanno ceduto alle piccole molestie dei vaccinatori hanno generalmente detto che non hanno apprezzato il rischio dei vaccini, o l’oltraggio del regime legale che li circonda, fino a dopo. Il più delle volte, le persone hanno ceduto per mantenere il loro lavoro o per placare i membri insistenti della famiglia. Alcuni genitori hanno accettato la vaccinazione per poter partecipare agli eventi scolastici che coinvolgevano i loro figli; altre persone volevano vedere i parenti anziani in ospedale o nelle case di cura.

Come sempre, sono molto, molto grato per tutto il tempo che avete impiegato per inviare rapporti dettagliati e strutturati delle vostre esperienze con questo esperimento coercitivo senza precedenti. Ho letto ogni e-mail che avete inviato; questa volta, infatti, le ho studiate ancora più attentamente del solito, ed è per questo che questo post ha richiesto un po’ di tempo. Mi dispiace come sempre di non poter pubblicare tutto. Quello che segue è il mio miglior tentativo di essere rappresentativo, e di evidenziare alcune prospettive uniche.

Ho mantenuto tutte le segnalazioni anonime, e ne ho tagliate alcune per la lunghezza o per rimuovere dettagli potenzialmente identificativi.

*****

Cominciamo con alcuni punti di vista dall’interno del sistema.

Questo medico ospedaliero in Scozia spiega la “cultura della sottodenuncia” che esiste nella sua professione:

Come medico ospedaliero di Edimburgo, Regno Unito, sono in grado di valutare da solo l’impatto delle misure di salute pubblica sul mio lavoro quotidiano e il carico di malattia nei miei pazienti.

Vorrei concentrarmi sui cartellini gialli della MHRA, ed evidenziare l’effettiva cultura della sottodenuncia.

Penso che questo sia una funzione di qualche problema più profondo nella società moderna e “illuminata”, dove gli individui sono completamente dissociati dalle loro capacità di problem solving, scettiche e di osservazione. Non sono consapevoli dell’esistenza di potenziali lesioni o razionali, e nemmeno dei sistemi di monitoraggio in atto come VAERS o cartellino giallo.

La domanda: “compiliamo un cartellino giallo?” si risponde con: “cos’è un cartellino giallo?”. Questa è la mia esperienza.

I pazienti rispondono: “No”, quando si chiede loro: “Ha fatto delle iniezioni dal suo medico di base?

Rispondono: “No”, di nuovo, quando glielo chiedi di nuovo, finché non li spingi abbastanza forte da ricordare che una pandemia sta imperversando.

In definitiva, la maggior parte degli individui ha un evento di salute – o, curiosamente, nessun evento di salute – da riferire. Non sono autorizzati ad attribuire la causalità a qualche sintomo nuovo o esacerbato nella loro vita. Spesso, un episodio di confusione è completamente non attribuibile a un’iniezione, a causa della stessa incapacità cognitiva che confonde una storia medica prodromica. Le famiglie non si lamentano della causalità quando danno storie collaterali, e gli stessi iniettori non ricevono un feedback sulle loro azioni.

Gli infermieri girano per l’ospedale con zaini e liste di soggetti da inoculare, e i medici sono motivati ad aumentare la copertura vaccinale.

I pazienti incapaci ricevono prodotti sperimentali.

Raramente si vede un’anamnesi farmaceutica completa documentata. Questa deve includere le immunizzazioni e i loro numeri di lotto associati nei casi di potenziale danno.

Le mie presentazioni MHRA Yellow Card hanno incluso descrizioni di eventi avversi con tutti i dati clinici e di laboratorio che ho potuto organizzare e riportare. Ho tenuto la mia lista personale.

Un caso ha richiesto un’indagine radiografica CT dalla testa al bacino del più grande trombo che avessimo mai visto (dai seni facciali fino all’ascella) – senza una malignità visibile sulle scansioni. Più tardi ho saputo che il paziente era morto poco dopo la dimissione, e che la causa della morte era un cancro di origine sconosciuta (una diagnosi comune in assenza di prove patologiche di cancro). Il medico di base del paziente era stato irritato dalle lamentele del cartellino giallo, che è un altro fattore interessante da considerare nella nostra vita professionale.

L’MHRA mi ha rincorso solo per avere più dati da questo singolo caso. Un secondo modulo con informazioni identiche è stato presentato.

Ci sussurriamo l’un l’altro i gravi eventi avversi che siamo venuti a sospettare; la morte per infarto miocardico della madre di un compagno di appartamento, un amico con l’epatite in ospedale, la morte di un altro amico, la sindrome di Guillain-Barre di qualcuno. Contemplare lo scenario peggiore è così triste per me, e devo navigare nella complessità di serie conversazioni faccia a faccia con i pazienti, le famiglie e i miei colleghi. La ferita morale che subisco è molto significativa.

Ho avuto questa lettera da un’infermiera, che lavorava in una clinica locale di vaccini e aveva conoscenza diretta di migliaia di vaccinazioni, prima che i mandati la costringessero a lasciare il suo lavoro. Tra le altre cose, riferisce di un’iniziale apertura alle segnalazioni di eventi avversi, che presto finì, presumibilmente quando le autorità si resero conto che gli effetti collaterali sarebbero stati un problema:

1. All’inizio del rollout c’era un apparente interesse a notare gli eventi avversi e spesso vedevo le note dei fornitori nelle cartelle dei pazienti quando il workup dei nuovi sintomi d’insorgenza era correlato alla data del vaccino. Ad esempio, “di nota paziente ricevuto dose 1 di Moderna in data xyz”. È importante notare che questo tipo di documentazione si è interrotto bruscamente poche settimane dopo il lancio. Non ricordo esattamente quando, ma ho smesso di vederlo. Non sono sicuro se sia arrivato un comando dall’alto o se i fornitori abbiano semplicemente rinunciato a esercitare questa continua vigilanza.

2. I colleghi che hanno ricevuto il vaccino si sono ammalati al punto che si è sparsa rapidamente la voce: “fatti fare il vaccino il venerdì, così puoi stare meglio nel fine settimana”.

3. Stranamente, una piccola minoranza (3 nella mia esperienza personale) ha riferito: “Non ho notato nulla. Il mio braccio non era nemmeno indolenzito come con l’iniezione dell’influenza”. Ricordo di aver pensato quanto questo sembrasse bizzarro, dato il meccanismo d’azione ecc, ma è successo.

4. Tutti i certificati di morte filtrano attraverso la coda di lavoro delle infermiere (sono un RN), quindi ho molta familiarità con il numero di pazienti che in genere muoiono di mese in mese. Nel corso di una carriera di 12 anni in questa posizione, ho osservato che il tasso normale di decessi della nostra pratica (gruppo di medicina interna molto occupato) sarebbe circa una morte ogni mese o due. Anche durante le grandi ondate pandemiche questo non è mai cambiato. Poi, a poche settimane dalla seconda dose (nella mia clinica somministravamo principalmente Moderna) c’è stato un periodo di 2,5 settimane (credo fosse fine marzo) in cui sono morti 7 pazienti anziani. Questo è un tasso eccessivamente anormale. In ogni caso (ho fatto personalmente le revisioni delle cartelle) i decessi si sono verificati entro 3 settimane dal ricevimento della seconda dose e sono stati altrimenti morti inaspettate (ad esempio non cancro o pazienti in ospizio, non in recente recupero da eventi di salute importanti, ecc) e in ogni caso le morti erano improvvise.

5. Ho notato personalmente i seguenti potenziali eventi avversi (nel senso che questi sintomi sono apparsi improvvisamente ed erano nuovi per il paziente e non legati a nessun precedente stato di malattia noto. Tutti si sono verificati entro 6 settimane dal 1 ° o più comunemente 2 ° dose di vaccino) Nessuno è stato documentato come essere correlati al vaccino e nessuno naturalmente segnalato a VAERS: Insufficienza epatica ad insorgenza improvvisa, lesione renale acuta con ematoma addominale massivo, demenza di Parkinson ad insorgenza improvvisa, vomito e diarrea intrattabili che hanno richiesto più visite al pronto soccorso, esami specialistici (3 pazienti con questa serie di sintomi), debolezza improvvisa degli arti inferiori fino al collasso improvviso e al ricovero in terapia intensiva per possibile ictus (nessun ictus notato nell’imaging), innumerevoli casi di vertigini gravi di nuova insorgenza, 2 casi di herpes zoster grave, diversi casi di dolori lombari gravi che hanno spinto i pazienti a cercare cure di emergenza, innumerevoli mal di testa gravi, cambiamenti visivi che hanno portato a riferimenti specialistici. In tutto diverse decine di eventi gravi, nessuno dei quali è stato riconosciuto o segnalato come collegato. Ognuno di essi avrebbe sicuramente dovuto essere segnalato a causa della stretta relazione temporale con la dose di vaccino.

Alcuni di voi sono acuti osservatori delle vostre comunità. Un professore ci scrive:

Non sono vaccinato, ma l’università ha richiesto sia il vaccino che il richiamo (ho avuto una lotta a tappeto con l’amministrazione su questo, e non era molto chiaro se io, insieme a un gruppo di docenti e studenti dalla mentalità simile, avrei mantenuto il mio lavoro questo semestre. Fortunatamente, abbiamo prevalso), quindi ho incontrato effetti collaterali, anche se le persone che li subiscono non li riconoscono come tali.

Un membro della facoltà, maschio, sui 60 anni: dopo il suo richiamo, ha avuto un caso così grave di miocardite che ha dovuto essere messo in coma farmacologico e ha ricevuto un trapianto di cuore. Fortunatamente, sia lui che la sua famiglia (che in precedenza erano fanatici dei vax), sono stati schietti sul fatto che questo è stato causato dal richiamo.

Membro della facoltà, maschio, sui 50 anni: dopo la sua seconda dose di vax, ha avuto un attacco di cuore, ha avuto un pacemaker. Non ha visto/non ha voluto vedere la connessione perché aveva avuto problemi cardiaci in precedenza. Dopo il richiamo, ha avuto un altro evento cardiaco circa una settimana dopo – il pacemaker lo ha salvato. Di nuovo non riconosceva il collegamento.

Studente, maschio, 20 anni: ha dovuto essere portato via dal campus in ambulanza 5 giorni dopo il richiamo. Miocardite. Sa che era dovuto al richiamo.

Studente, femmina, 19 anni: da quando ha ricevuto il richiamo, ha avuto più volte lo streptococco. Mi ha detto questo: “Non sono più stata sana da quando ho ricevuto il richiamo”.

Dirò anche che in generale, da quando ci sono i vaccini, gli studenti sono stati molto più spesso malati di quanto io abbia mai sperimentato come professore. Abbiamo tenuto lezioni di persona lo scorso semestre (ibrido), e non c’è stato alcun problema di malattia – simile ai miei altri anni come professore. Quest’anno è stato un bambino malato dopo l’altro. E tutti hanno preso il covid a gennaio, nonostante il fatto che la popolazione studentesca sia vaccinata al 99%, e il fac/staff sia al 95%.

E ho avuto questa fantastica lettera di una donna che ha tranquillamente sondato e documentato le reazioni dei conoscenti suoi e di suo marito:

Ho deciso … avrei chiesto alle persone che conoscevo. Ho tenuto un semplice foglio a 2 colonne sul frigorifero con gli effetti collaterali o nessun effetto collaterale insieme al loro nome. Ho chiesto a mio marito di informarsi nel suo campo da golf e nei bar che frequenta e ho aggiunto anche le sue segnalazioni.

All’inizio la colonna “nessun effetto collaterale” vinceva sul primo giro di vaccini con l’eccezione di una donna di 74 anni che, sebbene in ottima salute, ebbe un leggero ictus 3 giorni dopo il primo vaccino. Naturalmente nessun medico avrebbe collegato l’iniezione all’ictus, quindi dannazione se non è andata avanti e ha fatto la seconda iniezione. Ma ora stava bene e non soffre di effetti negativi. Tutti quelli che la conoscono considerano molto insolito che abbia avuto l’ictus in primo luogo. Non ha mai avuto una cattiva abitudine, non è in sovrappeso, camminava per chilometri ogni giorno. Quando le è successo questo, è stato il fattore decisivo per me.

Comunque, tornando al mio registro degli effetti collaterali del frigorifero, il primo turno di scatti è stato un gioco da ragazzi per la maggior parte delle persone e la colonna “nessun effetto collaterale” stava vincendo. Ma il seconda dose ha cambiato tutto, 2 braccia rosse dalla spalla al polso che ci sono volute settimane per risolvere, le donne, giù a letto malato per giorni dopo, alcuni hanno avuto terribili raffreddori. Poi gli effetti collaterali peggiori cominciarono ad essere sentiti, una giovane donna di 32 anni, le sue mani e braccia diventarono così formicolanti che non si sentiva sicura di guidare e cominciò a chiedere passaggi ai suoi amici. Non abbiamo mai sentito quale sia stato il risultato per lei. Poi un uomo di 50 anni ha avuto la stessa cosa, ma alle gambe, e forse è ancora in cura per questo. Un altro uomo, più vecchio, forse 70 anni, non in buona salute, 1 delle sue gambe si è gonfiato, da sopra il ginocchio a quasi l’anca senza una causa apparente e solo la gamba. E’ stato curato e gli è andata via.

Ci sono state parecchie morti che sembravano premature, in particolare in uomini giovani, 5 di loro, ma non sono mai stato in grado di incolpare definitivamente il vaccino. Ma questi erano ragazzi sui 40 anni, 1 sui 30, amici dei miei amici figli, che erano ragazzi normali con famiglia che andavano al lavoro e tornavano a casa, non in cattiva salute, senza cattive abitudini e tutti erano attacchi di cuore. Ci sono stati anche un bel po’ di necrologi qui intorno di altre persone, più anziane, della mia età, o più giovani nei loro 50 anni, persone che non conoscevo ma che sembravano essere più del normale numero di morti. E dubito che nessuno di questi sia stato segnalato al VAERS.

Questo suona male rileggendolo e naturalmente lo è, ma devo dire che conosco dozzine di persone che hanno preso l’iniezione e non hanno avuto problemi che conoscono. E questo è il vero problema, ‘di cui sono a conoscenza’, ma sono fiducioso che tutto andrà bene per loro.

Un partecipante alla sperimentazione Johnson & Johnson ha scritto, con osservazioni interessanti, in particolare sull’assenza di un modo ovvio per segnalare eventi avversi agli investigatori:

… Mi è stato chiesto di partecipare alla sperimentazione del vaccino Johnson & Johnson. Questo era uno studio in doppio cieco in modo che né il partecipante né la persona che somministrava l’iniezione sapessero se si trattava di un placebo o del vaccino. Ho fatto la prima iniezione nel dicembre 2020. Nessuna reazione. C’era un 50/50 di possibilità che fossi nel gruppo di controllo e che quindi non avessi avuto la vaccinazione. Ho passato l’inverno del 2020 e la primavera del 2021 quando tutto si è bloccato di nuovo e c’è stata un’enorme operazione per vaccinare tutti quelli considerati “vulnerabili”. Questo avrebbe teoricamente incluso me, a 63 anni, anche se non ho problemi di salute significativi. Non mi è stata offerta la vaccinazione attraverso lo studio in quel momento. Avrei rifiutato comunque, altrimenti avrebbero perso il loro gruppo di controllo. Ma non è interessante che una volta che si è iniziato a parlare di passaporto obbligatorio per il vaccino, nell’estate del 2021, quando in realtà le cose stavano migliorando, mi è stato improvvisamente offerto di avere il mio trattamento non blindato in modo che se avessi scoperto di non aver avuto il vaccino, avrei potuto scegliere di farlo, e rimanere ancora all’interno dello studio. Questa è stata chiaramente un’azione guidata dalla politica, non dalla salute. Questo significa che praticamente tutto il gruppo di controllo ha finito per essere vaccinato. Sto ancora cercando di capire come questo sia un modo per condurre uno studio.

Più o meno nello stesso periodo una delle newsletter inviate ai volontari dello studio sul vaccino includeva il consiglio che la vaccinazione non era necessaria per motivi di salute, ma che probabilmente ne avresti avuto bisogno per viaggiare. … Ho accettato di fare la vaccinazione perché sembrava che altrimenti sarei stato escluso da quasi tutte le cose della vita. I postumi non sono stati gravi, ma ho avuto palpitazioni cardiache per alcune settimane dopo. …

Una nota interessante, almeno per me, è che lo studio richiedeva di segnalare due volte alla settimana, tramite un’applicazione, se si avevano o meno sintomi di covid. Tuttavia, non sembrava esserci alcun protocollo per segnalare le reazioni avverse al vaccino. Questo mi ha sorpreso perché avrei pensato che avrebbe dovuto essere una parte significativa di uno studio sui vaccini. Quando ho chiesto questo mi è stato detto che avrei dovuto semplicemente telefonare a qualcuno del team e riferirlo. Non credo che ci sia mai stato alcun riferimento all’uso di VAERS. Nel caso sembri paranoico (!) non credo che lo studio sia stato deliberatamente progettato per nascondere le reazioni avverse. Avrebbero solo potuto essere progettati meglio.

Nel dicembre 2021 ci fu il panico da omicron. Mi è stato offerto un richiamo attraverso lo studio – niente a che fare con lo studio, ma tutto a che fare con il panico in cui tutti si trovavano. Ho chiesto allora perché lo studio stava cercando di fare dei richiami e cosa avrebbe fatto al gruppo di controllo che era rimasto. Dissero solo che tutto il personale era stato vaccinato e che anche tutti gli altri avrebbero dovuto esserlo.

 

Un altro medico ha avuto un’esperienza indiretta degli studi Moderna, ma colpisce anche una serie di altri punti, tutti rilevanti e interessanti:

Non ero direttamente coinvolta, ma … la mia squadra … è stata “prestata” al gruppo Moderna per aiutare a gestire gli studi giorno per giorno. Ho chiesto al mio coordinatore della ricerca come stava andando lo studio Moderna, e cosa aveva visto riguardo agli effetti collaterali. Questo era probabilmente nel novembre 2020 o giù di lì. Mi disse che non avevano visto nulla di chiaro, ma che erano stati segnalati “molti eventi strani”. Ha menzionato reazioni neurologiche in particolare, come contrazioni, formicolio di mani e piedi, e “solo sentirsi strani”. La maggior parte dei sintomi riportati potevano essere facilmente spiegati da altre cause ed erano così vaghi che di solito non venivano segnalati come eventi avversi (richiesto per questi studi, ma limitato da: primo – è stato notato, secondo – il coordinatore della ricerca è stato abbastanza impressionato da segnalarlo al ricercatore principale, terzo – il PI voleva considerarlo un sintomo abbastanza chiaro da segnalare allo sponsor dello studio?)

In secondo luogo, un’amica di chiesa, sui 40 anni, senza altre storie mediche significative, ricevette una singola iniezione di Pfizer e cominciò ad avere delle crisi. Ha avuto crisi quasi ininterrotte per due settimane. Era molto malata. Si è ripresa, e ha rifiutato altre vaccinazioni nonostante il fatto che lavora come appaltatore della difesa e il suo sostentamento è stato colpito dal suo rifiuto.

Infine, mio padre, che aveva 84 anni ed era un cardiologo in pensione, si è trattenuto per mesi nel fare la vaccinazione, nonostante una serie di comorbidità. Infine, quando ha sentito al telegiornale che i “vaccini avevano ricevuto l’approvazione della FDA”, è stato vaccinato. Non so quali vaccini ha ricevuto, ma era o Pfizer o Moderna perché ha avuto due vaccini. Questo accadeva nell’estate del 2021. Due mesi dopo, nel settembre 2021, gli fu diagnosticato un grande (6x3x9 cm) glioblastoma. Era stato asintomatico fino a poche settimane prima che venisse trovato alla TAC. Aveva fatto una TAC al cervello un anno prima e non c’erano prove del glioblastoma, quindi è stato molto improvviso. È morto nel gennaio 2022 a causa del glioblastoma. La neurooncologa ha detto che era scioccata da quanto grande fosse il tumore al momento della diagnosi, e quanto velocemente fosse progredito. Spesso, in persone della sua età, questi tumori sono molto più indolenti.

Naturalmente, non posso provare nulla sul tumore di mio padre, ma penso che sia sospetto.

Ho chiesto sia le reazioni lievi che quelle gravi, che sono particolarmente utili per la prospettiva.

Molte delle vostre lettere erano più o meno su questa linea:

Io e mio marito ci siamo fatti l’iniezione lo scorso maggio. Non ho sentito nulla tranne un leggero dolore al braccio la notte del primo, lui ha sentito dei brividi e un po’ di malessere il giorno dopo il secondo. La maggior parte dei miei amici sono vaccinati e molti si sono vaccinati, se dovessi indovinare probabilmente la metà o 2/3 non hanno sentito nulla e il resto lo stesso tipo di malessere lieve con brividi che ha avuto mio marito. I miei nonni e genitori, lo stesso. Le uniche reazioni più preoccupanti di cui ho sentito parlare personalmente sono state la mia vicina e la sua amica (sui 50 o forse 60 anni) che hanno avuto entrambe palpitazioni cardiache che sono durate per diversi giorni e le hanno preoccupate. Anche mia suocera ha palpitazioni cardiache che possono o non possono essere iniziate dopo il vaccino – difficile da dire e non possono dirle cosa le sta causando. Penso che sospetti che sia stato il vaccino a causarle, ma non vuole dirlo al 100%. Queste due storie sono parte di ciò che ha attirato la mia attenzione quando ho sentito che la miocardite è un effetto collaterale, però.

E’ utile leggere una serie di questi rapporti, perché fanno luce sulla gamma di reazioni che andranno totalmente non denunciate. È difficile sapere quanto sia appropriato chiamare molte di queste reazioni “lievi”, dato che sono provocate da un vaccino che non ha alcun vantaggio calcolabile per persone sane sotto i 30 anni, e che è ovunque associato a tassi di trasmissione più elevati.

Un’altra reazione “lieve”:

Dopo la prima iniezione

Solo lievi vertigini per circa due ore, ma per il resto nessun effetto collaterale o problema. Le lievi vertigini sono iniziate circa 3-4 ore dopo aver ricevuto il vaccino.

Dopo la seconda iniezione

Ho ricevuto la mia seconda iniezione di sabato e all’1:35 circa di domenica sono stato svegliato da forti brividi e da sensazioni di estrema stanchezza e debolezza muscolare. Mi ci sono volute tre ore per riaddormentarmi, ma dopo non sono riuscito a dormire per più di due ore. Questi sintomi persistevano la domenica quando finalmente mi sono svegliato e ho dovuto cancellare tutte le mie attività perché non avevo la forza di fare nulla. Questi sintomi sono diminuiti ma erano ancora presenti lunedì, così ho dovuto aspettare fino a martedì per riprendere le mie normali attività. Non ho mai sperimentato effetti collaterali così gravi con nessun altro vaccino o iniezione (vaccino per l’influenza, per le allergie, ecc.).

Un altro:

Ho fatto la prima iniezione del vaccino della Pfizer nell’aprile 2021. Confesso che non ero particolarmente entusiasta di farlo, ma ero … preoccupato di essere un vettore di trasmissione, dato che andavo regolarmente a trovare i miei genitori anziani …

… Non ho avuto alcuna reazione immediata all’iniezione, ma a partire, credo, da qualche ora dopo e continuando per circa una settimana, ho avuto il peggior caso di orticaria che abbia mai sperimentato. Fondamentalmente, c’erano piccole bolle rosse su tutto il mio corpo, ed erano estremamente pruriginose. …

Ho contattato [l’operatore sanitario] un paio di volte durante il periodo, e fondamentalmente mi hanno solo detto di aspettare, ma poi ho iniziato a cercare davvero di coinvolgerli in una conversazione quando si è avvicinato il momento della mia seconda iniezione. Essenzialmente, nella mia mente, avrei dovuto essere esentato dalla seconda iniezione in termini di essere considerato “pienamente vaccinato” data la mia reazione … ma secondo il mio medico, la mia reazione è stata “non grave” perché non ho dovuto venire al pronto soccorso per questo …

Il consiglio finale … era di fare la seconda iniezione, ma prendere un antistaminico prima, cosa che ho fatto … L’antistaminico apparentemente ha funzionato, e non ho avuto alcuna reazione alla seconda iniezione oltre al previsto po ‘di leggero raffreddore / influenza-tipo sintomi come il mio corpo montato la sua reazione immunitaria.

Un altro:

Donna di 47 anni.

Ho ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer nel febbraio dello scorso anno. Tre settimane dopo ho ricevuto la seconda dose.

Circa una settimana dopo la seconda dose, ho notato una strana eruzione cutanea non pruriginosa sul lato sinistro del mio corpo (il vaccino è stato iniettato nel braccio sinistro).

L’eruzione è apparsa sul torso sinistro avvolgendo le costole. Cominciava anche sul fianco sinistro e si estendeva lungo la coscia sinistra fino al ginocchio.

Un’altra eruzione cutanea è andata su per l’interno del mio braccio sinistro e sopra la mia spalla sinistra.

Ho pensato che fosse molto strano, ma non era doloroso o pruriginoso e ho pensato che sarebbe andato via (non l’ho collegato al vaccino a quel punto).

Dopo un paio di settimane, sono andata dal medico. Era abbastanza sprezzante, ma ha detto che avrebbe fatto rapporto alla Pfizer.

Qualche settimana dopo, sono andato dal medico della pelle. Ha ordinato una biopsia. Nel frattempo, l’eruzione cutanea sulla coscia è diventata piuttosto rossa e pruriginosa a volte, soprattutto dopo essere stata al sole o aver nuotato. Ma per lo più non mi dava fastidio. Aveva solo un aspetto terribile.

La biopsia ha concluso che si tratta di lichen striatus, una condizione benigna della pelle che è un’interruzione della crescita cellulare. Nessuno voleva dire che fosse sicuramente dovuto al vaccino, ma il dottore disse che ‘probabilmente’ lo era. A me sembrava abbastanza chiaro che lo fosse.

L’eruzione cutanea ha impiegato un anno per sparire. Non è ancora sparito del tutto, ma sta svanendo.

L’ho segnalato al sistema di segnalazione online degli effetti collaterali dei vaccini del Ministero della Salute.

Basti dire che non ho mai sentito alcun seguito da nessun medico, ministero del governo o Pfizer, prima o dopo la biopsia. Nessun interesse. Nonostante il fatto che la popolazione israeliana fosse il laboratorio sperimentale della Pfizer…

Inoltre, ho rifiutato di fare il terzo vaccino anche se il dermatologo ha risposto “sì, perché no?” quando gli ho chiesto se dovevo farlo.

Non ho mai avuto alcuna reazione cutanea a nessun altro vaccino prima. Ho fatto tutti i vaccini standard tranne il vaccino contro la varicella e non ho mai fatto neanche il vaccino contro l’influenza.

L’escalation dei sintomi “lievi” ad ogni dose era comune:

Prima iniezione Moderna gennaio 2021:

Lieve affaticamento, leggera febbre a partire da 12 ore dopo il vaccino, diminuita dopo 12 ore.

Secondo vaccino Moderna febbraio 2021: (4 settimane dopo il 1°)

Affaticamento moderato e dolori del corpo, febbre di basso grado 12 ore dopo l’iniezione. Si sentiva come l’influenza ma senza mal di gola. Diminuita in 1 giorno.

Terza iniezione di Moderna novembre 2021:

Costretto a letto con febbre e dolori al corpo per due giorni. Recuperato abbastanza per andare al lavoro il terzo giorno. La visita di routine è stata programmata circa 5 giorni dopo il vaccino. L’analisi delle urine di routine ha mostrato proteinuria, chetonuria ed ematuria, ma era asintomatica in quel momento. Ripetere l’analisi delle urine in tre settimane era normale. (Non sono diabetico).

Il medico ha consigliato: “Sì, hai avuto una brutta reazione al vaccino, e l’ho già visto prima. Ma non lo dica a nessuno, perché abbiamo un tasso di vaccinazione molto basso in questa zona”.

Un altro lettore, la cui vaccinazione è stata seguita da gravi acufeni e problemi muscolari, nota quanto sia frustrante essere sellati con queste lesioni debilitanti e odiose, mentre tutta la società continua a promuovere i vaccini e a negare che questo sia un problema:

Una delle cose frustranti di questa lesione è naturalmente che difficilmente posso parlare del suo aspetto farmaceutico senza che la gente mi guardi come se fossi pazzo. Quando gli amici mi chiedono se sono stato “boosterato”, spiego che non voglio correre il rischio di peggiorare questa lesione, con un pizzico di “le iniezioni non sembrano prevenire la trasmissione e non sono preoccupato della malattia stessa”. La gente è scettica sul fatto che le iniezioni possano essere la causa, e non pretendo di saperlo con certezza, ma tutti i miei problemi sono stati notati come effetti collaterali nelle prove. Quello che non hanno notato, o misurato, è che gli effetti continuano a tempo indeterminato.

E, passando a questioni più serie, un uomo con una lieve reazione, il cui buon amico è ferito in modo permanente e quasi morto:

Il vaccino, ovviamente, non ha fatto nulla per me. Tutto quello che ho ottenuto da esso dove tre giorni di stanchezza, dolore muscolare e febbre … Ma questa non è la parte brutta. La parte peggiore è arrivata il secondo giorno del mio forzato ozio post-vaccino, quando ho saputo che una buona amica, una donna sulla cinquantina come me, in forma e in salute, con dieci anni di meno, che conduceva una vita molto attiva come traduttrice di successo, aveva appena subito un ictus pochi giorni dopo la sua iniezione AstraZeneca. Sentendo le vertigini è andata nell’ufficio del suo medico, così si racconta, dove è crollata ed è stata portata di corsa in ospedale per un intervento chirurgico urgente al cervello. È sopravvissuta a malapena. Dopo mesi di intensa riabilitazione ha recuperato la maggior parte delle sue capacità motorie, ma soffre ancora di una grave afasia. Non sarà mai in grado di riprendere il suo lavoro di traduttrice. (La sua lesione da vaccino è ufficialmente riconosciuta dai medici e dal Versorgungsamt come uno degli oltre 200 casi simili in Germania, come riportato al Paul-Ehrlich-Institut).

Inutile dire che questo tragico incidente, tra molte altre cose, ha cambiato la mia percezione dei vaccini, e più di questo, la mia intera visione del mondo. Dannazione, avrei potuto essere io (anche se la TTS dopo il vaccino sembra verificarsi soprattutto nelle donne più giovani, risparmiando i vecchi scoreggioni come me). Sicuro ed efficace un cazzo! Libertà, quali libertà? Nessuno si preoccupa del mio agognato passaporto vaccinale, perché ogni posto che lo fa lo boicotto per principio.

Molte delle mie lettrici hanno riportato inquietanti irregolarità mestruali. Questa lettrice parla della terribile esperienza di sua figlia con la Pfizer:

L’8 ottobre 2021, mia figlia, 20 anni, ha ricevuto la dose 1 del vaccino Comrinaty della Pfizer. Non ci sono stati effetti collaterali immediati, ma circa 7-10 giorni dopo ha iniziato a sanguinare pesantemente e ad avere dolori uterini/ovarici paralizzanti che non si sono placati nemmeno con i farmaci da banco. Era fisicamente incapace di lasciare il letto per i primi 2 giorni a causa del dolore. Ci siamo preoccupati molto perché, a quel punto, avevamo sentito molti rapporti di donne che avevano effetti avversi con conseguenti problemi di salute riproduttiva. Mia figlia aveva avuto le mestruazioni la settimana della vaccinazione (iniziata il 4 ottobre), quindi questo avrebbe anticipato il “periodo” di 2 settimane. Prima di questo momento non aveva mai avuto niente del genere; le sue mestruazioni erano sempre puntuali (ogni 28 giorni come un orologio), leggere e duravano +/- 5 giorni senza crampi. Ha deciso di non andare subito dal medico ma di “aspettare”. L’emorragia si è fermata dopo 3-4 giorni, ma il dolore no. Circa una settimana dopo (27 ottobre) mia figlia è andata al pronto soccorso perché il dolore era ancora debilitante. Le hanno fatto un esame del sangue, un’analisi delle urine e un’ecografia interna ed esterna, tutti risultati normali, e l’hanno dimessa con la raccomandazione di andare da un medico. Intorno al 1° novembre il dolore si è finalmente placato (più di 2 settimane dopo l’inizio) e l’8 novembre ha ricevuto la sua seconda dose di Pfizer Comrinaty. In breve, il 9 febbraio 2022, 3 mesi dopo, mia figlia ha finalmente avuto il suo prossimo ciclo. Per fortuna non c’era dolore o crampi, e sembrava essere tornata al suo flusso pre-vaccinazione, ma una ventenne sana che ha avuto periodi regolari, normali, sani dall’età di 13 anni non dovrebbe sperimentare questo tipo di interruzione del suo ciclo.

Questi problemi non si limitano a periodi irregolari. Un’altra donna, per esempio, riferisce di aver sperimentato la menopausa adiacente alla vaccinazione:

Al momento dei vaccini, avevo 54 anni, e anche se ho avuto una isterectomia 4 anni prima, ho mantenuto le mie ovaie e non ho avuto segni di menopausa …

Ho ricevuto la mia prima dose Pfizer il 5 marzo 2021 … Ho avuto qualche lieve dolore che non era allarmante e onestamente più lieve di quello che si verifica dopo un allenamento più duro del normale. Ho avuto la mia 2a dose di Pfizer esattamente 3 settimane dopo … il 2 aprile 2021. La notte seguente [3 aprile], ho avuto la mia prima vampata di calore. Potrei essere entrata in menopausa entro 24 ore dal ricevimento della 2a dose? Voglio dire che credo che avrei potuto, ma non sono un grande credente nelle coincidenze. Le vampate di calore persistevano, così nel giugno 2021, ho ripetuto il test ormonale di cui sopra e ho scoperto che i miei livelli di progesterone erano a 1/3 del loro livello precedente [rispetto ai livelli di novembre 2019 e settembre 2020]. Il chiropratico ha indicato che potrebbe effettivamente essere la causa delle vampate di calore. I livelli di estrogeno e testosterone erano più o meno gli stessi dei livelli precedenti.

Penso che ci siano voluti circa 6 mesi perché le vampate di calore si attenuassero [è difficile notare quando qualcosa se ne va, ma questo era circa settembre 2021]. Speravo che questo significasse che i miei livelli ormonali si fossero stabilizzati e che il mio corpo avesse superato con successo qualsiasi cosa il vaccino potesse aver fatto. Ho rifatto il test dei livelli nel dicembre 2021 – estrogeni e progesterone mostrano ora livelli post-menopausa. Sì, la menopausa avrebbe potuto verificarsi comunque – ma la vicinanza di questo al vaccino mi sembra sospetta. A causa di questo e di molte altre cose che sto leggendo su questi vaccini, non avrò un altro vaccino mRNA.

Altri – soprattutto uomini – soffrivano in particolare di preoccupanti problemi cardiaci e dolori al petto. Solo circa la metà delle volte, nel mio campione non scientifico di rapporti dei lettori, si è rivelato diagnosticabile come miocardite o pericardite specifica:

Dopo la prima iniezione, sono finito in ospedale. Palpitazioni cardiache, dolore al petto, problemi di respirazione. Mi è stato detto che ero uno dei tanti in ospedale per la stessa cosa quel giorno. Hanno fatto esami del sangue, ECG, radiografie al petto e non hanno trovato “niente”, ma il dolore e i problemi continuavano. Non potevo ricevere un’esenzione medica a meno che non mi fosse stata diagnosticata esplicitamente una miocardite o una pericardite. Così ho dovuto fare la seconda iniezione.

Da lì le cose sono solo peggiorate. Il mio lato sinistro è immobile e non posso usare il braccio sinistro la maggior parte dei giorni. Le mie mestruazioni sono ora più pesanti e irregolari. Il dolore al petto e le palpitazioni cardiache sono continuate. Purtroppo, mi considero fortunata dopo aver letto ciò che altri hanno sofferto.

Mi sono fondamentalmente rassegnata al pensiero di morire e ora mi sono concentrata solo sul fatto di assicurarmi che mia figlia non riceva l’iniezione.

Particolarmente irritanti sono i rapporti degli operatori sanitari, che hanno accettato vaccinazioni che non volevano, e poi hanno sperimentato sintomi cardiaci potenzialmente gravi. Questo chirurgo era uno dei diversi medici che i suoi cardiologi hanno trattato per “problemi cardiaci”:

Sono un chirurgo di 54 anni con una lunga storia di reazioni avverse a vari vaccini e farmaci. Ho colesterolo/trigliceridi elevati, ma un punteggio di calcio pari a ZERO. Mi alleno quotidianamente e mantengo un BMI di 24. Ho avuto inequivocabilmente la COVID nel febbraio 2020 dopo aver partecipato a un grande concerto. Nessun test in quel momento. Molte persone che si sono ammalate dopo quel concerto hanno fatto il test (? Anticorpi? PCR) e l’hanno riportato sulla pagina FB del concerto. Sono stato costretto a fare le iniezioni di mRNA dai 2 ospedali dove lavoro.

Entro 72 ore dalla prima iniezione, ho iniziato ad avere palpitazioni. Ho pensato che probabilmente stavo bevendo troppo caffè. Sono continuate, ma si sono attenuate nelle due settimane successive. Dopo la seconda iniezione, le palpitazioni erano orribili. Il mio medico di base mi ha fatto indossare un monitor Holter, fare un ecocardiogramma e un test da sforzo. Mi è stato detto che avevo “PVC benigni” che non erano collegati al vaccino. Per inciso, il cardiologo che ha fatto il mio test da sforzo, mi ha detto che suo suocero è morto per un’aritmia dopo aver fatto l’iniezione e che altri 2 medici locali stavano avendo problemi cardiaci.

Contemporaneamente, ho iniziato ad avere problemi con il mio secondo dito del piede sinistro. Questo è iniziato circa 5 giorni dopo il secondo vaccino. Inizialmente, un amico podologo ha detto che dovevo essermelo fratturato. A quanto pare, questo è ora possibile mentre si dorme nel letto durante la notte. Ho fatto una risonanza magnetica per escludere una frattura. Ha mostrato un’infiammazione articolare. Potevo a malapena camminare entro 24 ore dall’inizio.

Ho insistito per un dosaggio di steroidi che ha prontamente risolto i miei sintomi. Il mio medico di base ha diagnosticato la gotta e mi ha prescritto la colchicina. Nelle 8 settimane successive circa, lo stesso dito del piede si è comportato due volte e non ha risposto alla colchicina. Ha risposto prontamente agli steroidi, come farebbe qualsiasi artrite autoimmune.

Sono stato esposto a COVID, il figlio di un amico e mia moglie, a circa 3 mesi dall’iniezione. Ho avuto un piccolo solletico in gola e il mio secondo dito del piede sinistro ha iniziato a diventare di nuovo leggermente tenero. Sicuramente una coincidenza!

A circa 4,5 mesi dopo la seconda dose, le palpitazioni sono improvvisamente cessate. Strano tempismo visti i recenti rapporti sulla durata della persistenza dell’mRNA.

A suo credito, il mio podologo ha detto che il mio alluce era chiaramente un problema autoimmune. Il mio medico di base non crede affatto che tutto questo possa essere collegato alle iniezioni.

Un rapporto correlato:

Ho fatto il vaccino Pfizer dopo la coercizione del mio lavoro di infermiera anestesista.

Ho avuto la mia 2a dose la sera presto del 9 gennaio 2021, che era un sabato. Dopo diverse ore, ho sentito il mio cuore iniziare a “fluttuare”. Anche se era inquietante, non avevo dolori al petto o altri sintomi angoscianti. Questo flip-flopping è continuato quando sono andato a lavorare al mio ospedale il lunedì mattina. Mi misi su un monitor cardiaco e mi resi conto che stavo avendo contrazioni ventricolari premature (un’aritmia cardiaca). A quel tempo, il pubblico non sapeva dei problemi di infiammazione del cuore che circondano i vaccini mRNA. Le PVC sono continuate per 3-4 giorni. Ho parlato con uno dei nostri cardiologi che non ha fatto alcuna raccomandazione specifica, solo aspettare e vedere cosa succede. Ho anche sperimentato un altro problema circa 8 settimane dopo, mentre ero in volo. Ho avuto un dolore lancinante all’occhio sinistro, intorpidimento intorno all’occhio e a metà del naso, e il mio naso ha sanguinato a intermittenza per 2 giorni. Vorrei dare la colpa all’altitudine o a qualcosa del genere… Ma, ho volato sugli aerei per tutta la mia vita e non ho mai sperimentato anche solo uno schiocco dell’orecchio durante il volo.

I dolori al petto dopo la vaccinazione sembrano essere relativamente comuni, specialmente con Moderna:

Ho preso due dosi di Moderna. Il giorno dopo la seconda iniezione mi sentivo un po’ male, ma tutto qui. Ad un certo punto, ho iniziato ad avere dei dolori al petto molto molto lievi. Erano così lievi che non ci avrei pensato, ma avevo cominciato a sentire le notizie sulla miocardite. Ho 35 anni, sono sposato e ho 4 figli, quindi ho deciso che dovevo farmi controllare. Hanno fatto un ECG e hanno detto che tutto sembrava normale. Anche in questo caso, probabilmente non avrei pensato a nulla del disagio se non fosse che 1) è stato a fasi alterne per diversi mesi, e 2) ho ricevuto 2 dosi di Moderna, e secondo Vinay Prasad Moderna ha il più alto rischio di MCD perché è una dose maggiore.

E naturalmente, ci sono stati vari rapporti di miocardite, che sono anche relativamente frequenti nelle giovani donne. Contrariamente alle molte bugie dei media, la miocardite abbastanza significativa da metterti in ospedale sarà un evento serio, potenzialmente in grado di cambiare la vita:

… Mia figlia è un’atleta di D-1 al college. Una sua amica, che era un’atleta di grande talento del college D-1, è stata vaccinata subito dopo la conferenza all’inizio della bassa stagione, è andata a trasferire le scuole e hanno scoperto la miocardite durante il suo esame fisico. Non potrà mai più fare sport. Il suo cuore è irreparabilmente danneggiato. Ha perso la sua borsa di studio sportiva completa.

E questo rapporto:

Mia moglie non ha mai preso Corona nonostante sia stata in quarantena con me. È stata vaccinata e ha avuto zero sintomi oltre al dolore locale nel punto di iniezione. Sono un chiropratico e ho trattato solo uno o due pazienti che hanno preso il coronavirus originale nel 2020 2021. Tuttavia ho avuto decine di pazienti che sono stati infettati dalla variante omicron. Il caso più lieve era una ragazza adolescente che si è ammalata per un giorno. Gli uomini di mezza età in sovrappeso e fuori forma si sono ammalati per diverse settimane. Il caso più interessante è stato quello di una giovane donna di 20 anni relativamente in forma che ha avuto una miocardite acuta in una settimana dopo aver ricevuto il vaccino. Sono in pratica da 34 anni e in tutto questo tempo non ho mai avuto un solo paziente con miocardite acuta, tanto meno uno di 20 anni.

Ci sono stati, ahimè, vari rapporti di ictus. Una lettrice riporta l’esperienza del marito 50enne. Era in forma, anche se aveva avuto un’operazione al cuore nel 2019 per riparare un difetto congenito. Dieci settimane dopo la sua vaccinazione AstraZeneca, è andato a correre:

Poco dopo essere tornato …, prima ancora di aver avuto il tempo di fare la doccia/ripararsi, mio marito mi disse che non si sentiva bene. Non riusciva a sentire le mani e la sua testa si sentiva ‘strana’. Potevo vedere il panico crescente nei suoi occhi, e stava cominciando a sembrare un po’ traballante in piedi, così l’ho fatto sedere sul divano di fronte a me. Quando gli chiesi di spiegarmi cosa c’era che non andava, le sue parole uscirono confuse e biascicate. L’espressione di panico sul suo volto si è poi trasformata in uno sguardo di puro terrore. È stata la nostra figlia quindicenne a suggerire per prima che potesse avere un ictus. A questo punto, anche mio marito sapeva che stava avendo un ictus e in qualche modo è riuscito, con grande difficoltà, a far uscire la parola ‘aspirina’. Gli ho dato due aspirine a basso dosaggio e ho chiamato l’ambulanza. È interessante notare che una delle prime domande che i paramedici hanno fatto al loro arrivo è stata: “Ha fatto il vaccino Covid-19?”.

I test effettuati in ospedale hanno rivelato che aveva avuto sia un ictus trombotico che una piccola emorragia cerebrale in un’altra parte del cervello. I medici hanno detto che è stato il suo pensiero veloce riguardo all’aspirina che probabilmente ha evitato un ictus più grande e potrebbe anche avergli salvato la vita. Dopo tre notti in ospedale fu mandato a casa. Passarono due mesi e, a parte la continua letargia e la diminuita capacità atletica, sembrava che si stesse riprendendo ragionevolmente bene… o almeno così pensavamo. Poi ci sono stati diversi giorni di dolori lancinanti al petto! Furono fatti altri esami e arrivò la diagnosi successiva: pericardite. Furono prescritti dei farmaci e, col tempo, il dolore scomparve. Curiosamente, in nessuna fase un solo operatore sanitario che si occupava di mio marito gli ha consigliato di segnalare questi incidenti medici al TGA (Therapeutic Goods Administration = equivalente australiano del VAERS) come una possibile reazione avversa.

Il pover’uomo è recentemente risultato positivo a Corona.

Penso che una delle ragioni per cui le autorità sono state pronte a riconoscere la miocardite come effetto collaterale, è che lascia l’impressione che i vaccini siano tutti al rialzo per le fasce demografiche più vulnerabili. Questo non è vero. Ho avuto molti, molti rapporti di reazioni avverse negli anziani. Questa è stata forse la categoria più grande di vittime in tutto ciò che mi avete mandato.

In primo luogo, le infezioni dopo la prima e la terza dose in questo gruppo erano estremamente comuni:

Mia madre di 88 anni è scesa con il covid poco meno di 2 settimane dopo essere stata potenziata (sono sicuro al 90% che tutte e 3 le dosi erano Pfizer – primo vaccino 2/21, richiamo 11/21). Lei è sana ed era “solo come un raffreddore”. Forse era un raffreddore con il test PCR che ha trovato detriti dall’iniezione? Ad ogni modo, mio padre di 89 anni, richiamato nello stesso periodo, anche lui sano, non si è ammalato. Si “fidano del sistema” e non vogliono sentire niente di quello che dico. Non vogliono nemmeno guardare le prove. Penso che sia troppo difficile pensare di non fidarsi del CDC, della FDA, ecc.

Ma questo non è certo un problema, visti i molti eventi avversi:

La madre della mia sorellastra ha fatto il vaccino. Ha 83 anni e soffriva del normale declino cognitivo di molti anziani. Ma era indipendente, nuotava ogni giorno, navigava da e per la Pennsylvania a Naples, FL in treno e poi guidava le ultime 2 ore.

Ha avuto il vaccino nel giugno 2021, i suoi amici l’hanno sfinita. In pochi giorni, è crollata in un ristorante ed è stata portata in ospedale. Aveva un’emorragia cerebrale microvascolare. Mio cognato è un medico ed era inorridito. Ha proceduto a fare la seconda iniezione e, prevedibilmente, le cose sono peggiorate molto.

Dopo il secondo vaccino, le cose si sono accelerate. Era in grado di vivere da sola e si recava in auto nei posti in cui si trovava molto bene: drogheria, parrucchiere, palestra, ecc. Sono tutti nel raggio di 2 miglia. Poi il suo medico le ha tolto la patente. Poi ha perso la capacità di vivere da sola. E ora mia sorella sta cercando di trovarle una casa dove possa passare dalla vita assistita alla cura. Spera di trovarne una entro il prossimo mese, dato che la situazione attuale non funziona. Mia sorella ha detto che le conversazioni sono dolorose perché sua madre si perde in una frase.

Questo ha solidificato il rifiuto di mio padre di fare il vaccino. E mi si spezza il cuore per mia sorella. Mio cognato l’ha sottoposto a VAERS ma lei sta sputando nel vento. Non credo che il governo americano/farmaceutico risarcirà mai le vittime qui. Il mio veterinario ha avuto un problema vascolare benigno che è diventato serio e ha avuto bisogno di un intervento chirurgico di emergenza perché un coagulo si è spostato dopo aver fatto l’iniezione.

E ci sono stati, naturalmente, i morti. Gli anziani e i più vulnerabili sono fortemente rappresentati tra coloro che sono stati probabilmente uccisi dalla vaccinazione:

Mio padre di 90 anni ha ricevuto il suo richiamo all’inizio di gennaio di quest’anno (moderno). È abbastanza fragile, soffre di demenza moderata ed è un diabetico di tipo 2. Entro 3 settimane dal richiamo non poteva più camminare e ha iniziato a diventare agitato e aggressivo nei confronti di mia madre di 90 anni (anch’essa sottoposta a richiamo). È andato in ospedale e dopo il terzo giorno ha contratto l’omicron. Morì 7 giorni dopo. A mia madre fu permesso di visitarlo. Ha avuto un leggero mal di gola ma per il resto è stata bene durante il funerale. Nessun altro membro della famiglia ha avuto il permesso di vederlo a causa delle regole ridicole. È morto da solo la sera tardi perché mia madre è dovuta andare a casa a riposare. Ha 90 anni, dopo tutto.

Sono morte anche persone più giovani:

Mia figlia è morta dopo aver fatto il secondo vaccino della Pfizer. Glielo avevo sconsigliato, ma lei vive in Oregon, amava le sue teste parlanti del MSM, e ha creduto a tutto ciò che hanno propagandato. Naturalmente la sua morte non sarà attribuita al vaccino, soprattutto perché suo padre e la sua matrigna che vivevano vicino a lei sono pienamente “credenti” di tutta questa roba della maschera/vaccino.

Ha fatto il richiamo il 20 maggio e poi è stata in Urgent Care entro 4 giorni, che sarebbe stata la prima di 5 visite di emergenza nelle cinque settimane successive.

Durante questo periodo di 5 settimane c’è stato anche un soggiorno di 3 giorni in ospedale perché i suoi reni stavano cedendo e la sua pressione sanguigna era così bassa.

Alla fine è morta per un coagulo di sangue al cuore. Avevo appena parlato con lei 90 minuti prima. Pensava di passare una bella giornata a casa con suo figlio di 15 anni.

Quando hanno preparato il suo corpo per l’esposizione, l’impresario delle pompe funebri ha detto che i suoi polmoni erano pieni di piccoli coaguli di sangue, di cui lei non aveva precedenti.

Queste morti non saranno mai riconosciute per quello che sono veramente. Anche condividendo questo con la famiglia e le persone che pensavo fossero amici, il risultato è stato o il loro silenzio (nemmeno un “mi dispiace molto sentirlo”, solo niente, come se avessero “letto la stanza” su ciò che è accettabile credere o meno a livello narrativo e fossero terrorizzati anche solo a offrire privatamente le loro condoglianze) o loro che “controllano attivamente i fatti” la morte improvvisa di mia figlia.

I nostri media e i nostri leader politici possono passare al prossimo spauracchio della Russia mentre finiscono le restrizioni nel tentativo di assolvere se stessi dalla colpevolezza per tutto quello che hanno fatto, ma non dimenticherò mai quello che è stato fatto alla mia famiglia.

Probabilmente non sarà mai possibile stabilire un solido legame causale tra i vaccini e la maggior parte di queste morti, ma, voglio dire, leggete alcune di queste:

Uno dei miei dipendenti, che non ho mai avuto modo di conoscere di persona a causa delle chiusure, ecc, è morto poco dopo aver ricevuto il richiamo. Aveva 36 anni. Non conosco la sua storia medica completa… so che era un po’ sovrappeso, ma non sono a conoscenza di particolari condizioni di salute che avrebbero causato la morte improvvisa di un uomo di 36 anni altrimenti sano. Nessun problema cardiaco precedente… lo so perché ne abbiamo parlato specificamente.

Dopo la sua seconda dose nell’estate del 2021, ha iniziato a lamentarsi di dolori al petto. Andò dal suo medico, che fece un ECG e vide qualcosa di cui non erano sicuri… così lo mandarono da un cardiologo. Il cardiologo non ha trovato nulla di conclusivo…. ha prescritto una dieta più sana, esercizio fisico, una certa perdita di peso, e un follow-up tra 6 mesi. In gran parte, i sintomi che stava sperimentando si sono risolti e lui non era più preoccupato.

Qualche tempo dopo il Ringraziamento del 2021, ha fatto l’iniezione di richiamo. Qualche giorno dopo, cominciò a lamentarsi con me di avere molto fastidio nella zona del petto, diverso da prima, vicino allo sterno. Tornò dal medico, che disse che sembrava GERD, gli prescrisse uno steroide e un antiacido e gli chiese di tornare tra una settimana per un controllo. Qualche giorno dopo, tornando da una passeggiata con mia moglie, trovai un messaggio che mi diceva che era morto quella mattina stessa.

Forse alcune di queste persone sarebbero ancora vive, se i burocrati medici fossero meno concentrati a proteggere la reputazione dei vaccini a tutti i costi, e più aperti a curare i loro pazienti gravemente feriti e morenti.

Qui in fondo, come epilogo a tutta questa sofferenza umana intenzionalmente inflitta, questa toccante nota di una lettrice che alla fine ha accettato la vaccinazione su insistenza della sua comunità religiosa.

Sono un membro della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (alias “Mormone”), e nell’agosto del 2021 il profeta della mia chiesa è uscito con una dichiarazione che incoraggiava tutti i membri della chiesa ad essere vaccinati. Questo è stato molto difficile per me, perché ero stato scettico sui vaccini fin dall’inizio. …

Ho dovuto conciliare questo con il mio desiderio di vivere fedelmente la mia vita seguendo il consiglio di un Profeta di Dio vivente. Per fortuna, Dio non chiede un’obbedienza cieca, vuole che scegliamo di seguirlo. Ho lottato per settimane e ho pregato molto. Alla fine sono arrivato a un punto in cui ho sentito che sarebbe stato nel mio interesse spirituale – se non fisico – sottomettermi al vaccino. …

Avevo sentito parlare del “dolore al braccio” come effetto collaterale, ma avevo già deciso di non prendere alcun farmaco da banco per questo. Volevo abbracciare completamente le conseguenze delle mie azioni, e intorpidire il dolore mi sarebbe sembrato sbagliato. Ero totalmente impreparato a quanto avrebbe fatto male. “Dolore al braccio?” HA. Nel corso delle ore successive potevo sentire il dolore che lentamente si insinuava lungo il braccio, dal bicipite al gomito e al polso, finché il mio intero braccio si sentì come se stesse per cadere. … Il dolore non è andato via fino a metà mattina del giorno successivo.

Psicologicamente ho avuto davvero un periodo difficile per diverse settimane dopo. Chiamarlo il mio sacrificio abramitico non era un’iperbole. Mi sentivo come se avessi contaminato il mio corpo – i membri della mia chiesa si astengono dall’uso di droghe illecite, alcool, e persino tè e caffè, e ho rigorosamente aderito a questo comandamento tutti i giorni della mia vita (non è un’esagerazione). Crediamo che i nostri corpi siano doni divini e debbano essere trattati con rispetto. E ora avevo degli incubi sulle proteine spike che intasavano il mio muscolo cardiaco. Stavo ancora allattando il mio piccolo in quel periodo, e lui è diventato nervoso, irritabile e incapace di dormire. Ho versato lacrime per questo e ho anche pianto: “Cosa ho fatto?

Spingere i vaccini su persone che non li vogliono è molto sbagliato. È sbagliato perché sono pericolosi, e non sapremo mai quanto pericolosi siano veramente, finché i vaccinatori non saranno fuori dal potere e ognuno potrà giudicare il rischio e la ricompensa in modo ragionevole per se stesso. Ma è anche sbagliato, perché siamo esseri umani, non bestiame, e questo significa che ci è permesso di prendere qualsiasi decisione medica che vogliamo per noi stessi, e di rifiutare procedure che non vogliamo, anche se questo si rivela essere sconsigliato. I vaccinatori hanno fatto un danno morale e psicologico incalcolabile nella loro ottusa e idiota mania di vaccinare, e milioni di noi si ricorderanno di loro e di quello che hanno fatto per il resto della nostra vita.

 

Facebook Comments