“La prova che il tasso di aborti spontanei dopo i vaccini COVID è molto più alto di quello reale e che le multinazionali farmaceutiche hanno cercato di nasconderlo.”

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Dr Ah Kahn Syed (pseudonimo di un ricercatore molto esperto) e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

feto
feto

 

La prova che il tasso di aborti spontanei dopo i vaccini COVID è molto più alto del tasso reale di fondo e come le multinazionali farmaceutiche lo nascondono

Questa storia non si placa, per quanto lo vogliano le aziende farmaceutiche e i loro soldati di fiducia della vaccinazione in gravidanza. Le recenti rivelazioni dello scandalo #Placentagate l’hanno portata alla ribalta e noi continueremo a rosicchiare.

 

Attività delle nanoparticelle lipidiche (LNP) nell'utero di topi gravidi dopo l'iniezione a distanza, dimostrando che raggiungono ogni parte del corpo. PBS = controllo (senza LNP). Da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9992266/
Attività delle nanoparticelle lipidiche (LNP) nell’utero di topi gravidi dopo l’iniezione a distanza, dimostrando che raggiungono ogni parte del corpo. PBS = controllo (senza LNP). Da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9992266/

 

Poiché so che la capacità di attenzione di tutti è breve, metterò qui un riassunto di questo articolo.

Il tasso normale di aborto spontaneo in una popolazione sana si aggira intorno al 5-6%. Per anni, gli studi hanno falsato i tassi del 15-20% in modo che, quando vengono testati nuovi farmaci in gravidanza, il raddoppio del tasso di aborto spontaneo passi inosservato.

È così che il vaccino COVID è riuscito a essere venduto come “sicuro in gravidanza”, quando non lo era affatto. Questo articolo mostra come i dati siano stati travisati dal CDC e da altri per coprire lo scandalo.
Cambiando rotta, cercherò anche di suddividere l’articolo in sezioni con riassunti laici per ogni punto. Fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti.

 

Prima di tutto, un riassunto

Nell’ultimo articolo vi ho mostrato che le aziende farmaceutiche hanno abusato delle statistiche sugli aborti spontanei per decenni. In sostanza, hanno fatto in modo che i tassi di aborto spontaneo fossero registrati come più alti del dovuto, utilizzando vari metodi, tra cui l'”analisi di sopravvivenza” che può sovrastimare il rischio. Perché l’hanno fatto? Per confondervi, in modo che quando un farmaco viene immesso sul mercato con un tasso di aborti spontanei più alto del previsto, possano dire “oh, è normale”.

Vi invitiamo a leggerlo, se non l’avete ancora fatto (leggete qui).

In quell’articolo ho fornito un modello preliminare in grado di confrontare l’analisi pubblicata di Naert 2021 (era pre-vaccino COVID) sui tassi di aborto spontaneo con i tassi di aborto spontaneo V-safe (coorte vaccinata COVID) del CDC, come discusso in modo approfondito qui.

Poiché le menti di alcune persone funzionano per immagini, diamo un volto agli studi:

 

 

Si può quindi pensare alla coorte Naert come al gruppo di controllo e al set di dati Zauche come al gruppo vaccinato – ovviamente questo è tutto ciò che abbiamo perché il CDC ha scelto di non invitare un gruppo di controllo al suo studio (mi chiedo perché).

Il set di dati Naert è la più grande pubblicazione (fino ad oggi) di dati sull’aborto spontaneo in cui gli autori hanno potuto seguire un’intera coorte di gravidanze. Sebbene si tratti di uno studio retrospettivo (che guarda indietro dopo aver raccolto i dati, tradizionalmente suscettibile di pregiudizi), cerca di ricreare (modello) uno studio prospettico sulla base del fatto che tutte le pazienti sono state incluse e trae conclusioni sui tassi di aborto spontaneo come se ci si fosse presentati a 6 settimane di gravidanza. Questo è quanto di più vicino a uno studio prospettico sulla gravidanza, perché per fare un vero studio prospettico bisognerebbe reclutare migliaia di donne e seguirle per anni (ed è per questo che non viene mai fatto!).

Una critica mossa al lavoro di Naert (una volta che il mondo dei medici affiliati a Pharma si è reso conto che poteva smascherarli) è che ignora le perdite di gravidanza prima delle 6 settimane. Questo è vero, ma perché è impossibile misurarle. Tra queste ci sono le donne che si sottopongono a interruzione medica di gravidanza e quelle che un giorno hanno un test di gravidanza positivo e il giorno dopo negativo. Queste non verrebbero normalmente registrate come gravidanze in uno scenario clinico; quindi, sono per lo più escluse da qualsiasi studio. Tuttavia, Zauche (che ha raccolto i dati sulle gravidanze V-safe per il registro del vaccino COVID) ha rimosso anche queste pazienti dalla sua analisi.

 

 

Le coorti Naert (indipendente, controllo) e Zauche (CDC, vaccinati) dovrebbero poter essere confrontate direttamente, con alcuni aggiustamenti che illustrerò di seguito.

Per questa analisi assumerò che la distribuzione degli aborti nei dati di Zauche sia semplicemente dovuta al modo in cui sono stati assegnati, ma non possiamo escludere che il grande aumento di aborti nella settimana 8 e 9 sia dovuto all’impatto del vaccino COVID.

 

Proportion of miscarriages in each of the two cohorts. Y-axis = proportion of all miscarriages of the cohort registered in that week. X-axis = gestational age
Proportion of miscarriages in each of the two cohorts. Y-axis = proportion of all miscarriages of the cohort registered in that week. X-axis = gestational age

 

Quindi andiamo al sodo. Cercherò di riassumere ogni sezione man mano che procediamo…

 

1. Zauche ha sovrastimato il tasso di aborto spontaneo nel suo primo lavoro

Nel primo lavoro di Lauren Zauche ha stimato il tasso di aborto al 14,1%, per 165 aborti su 2217 gravidanze (7,4%). Come è possibile?
Proverò a ripeterlo perché è difficile capire perché un calcolo così semplice possa essere così complicato da presentare. In sostanza, si tratta di un doppio conteggio intenzionale.

Ecco la tabella tratta dal primo articolo di Zauche

 

Se non volete fare il calcolo da soli, si tratta di 165 SAB (aborti spontanei) e del numero totale di gravidanze nel numero a rischio alla fine del periodo di studio (2052) più i 165 aborti spontanei, cioè 2217. Il “numero a rischio” nell’analisi di sopravvivenza, che è il modo in cui è stato calcolato, è il numero di persone rimaste in ogni momento, perché alcune persone sono state perse dal follow-up. Nell’analisi dei dati sul cancro questo avviene di solito perché sono morti o hanno avuto una recidiva. In questo caso è perché hanno abortito.

Per arrivare a un rischio complessivo di aborto del 14,1%, gli autori hanno effettivamente sommato le percentuali per ogni settimana [1], raddoppiando così il rischio grezzo, il numero a cui la maggior parte delle persone fa riferimento.

Per evitare di passare dall’uso di “rischio grezzo” a quello di “stima del rischio dell’analisi di sopravvivenza”, tutto ciò che dobbiamo fare per confrontare direttamente i tassi è trattare le coorti allo stesso modo. Semplice, no?

Purtroppo le due coorti sono distribuite in modo diverso per settimana, ma possiamo ipotizzare quanto segue:

Poiché il tasso di aborti spontanei salta all’ottava e alla nona settimana, si presume[2] che il momento in cui si verifica l’aborto spontaneo nella coorte di Zauche (vaccinata) sia la settimana di gestazione riportata nella tabella.

Al contrario, nell’analisi di Naert (controllo) si assume che il momento in cui si verifica l’aborto spontaneo sia irrilevante e che l’aborto spontaneo sia attribuito alla settimana in cui la donna si è presentata allo studio.

In realtà, non importa che la distribuzione degli aborti per settimana (ad esempio, su 100 aborti spontanei ci sono stati per le settimane 6-12: 20,20,15,15,10,10,10 per settimana o ci sono stati 10,10, 30,20,10,10,10 per settimana) perché li faremo coincidere.

Nell’analisi che segue ho preso l’intera coorte di gravidanze e ho distribuito gli aborti esattamente nello stesso modo, secondo la distribuzione di Lauren Zauche. In altre parole, il numero di aborti rimane lo stesso delle pubblicazioni, ma il modo in cui sono distribuiti nelle settimane è ora in grado di corrispondere tra le coorti, in modo che non vi siano confusioni dovute alla tecnica di reporting. Questi sono i nuovi set di dati “modellati” (in blu e rosa):

 

 

I più attenti avranno notato la colonna verde, di cui parleremo presto. Per ora possiamo tracciare (come abbiamo fatto in precedenza, ma con una corrispondenza molto migliore) le due coorti su una curva di sopravvivenza (ricordate che personalmente non approvo questa tecnica, ma abbiamo bisogno di far coincidere le coorti)

 

 

 

Da questo confronto in stile analisi di sopravvivenza si può notare che la coorte Zauche fa molto peggio. Infatti, possiamo quantificare questo dato con un Hazard Ratio che in questo caso è di 1,5, ovvero un aumento di 1,5 volte degli aborti spontanei nella coorte Zauche rispetto alla coorte storica Naert. Il valore di p su questo calcolo era 0,001, il che significa che c’era una possibilità su mille che si trattasse di un evento casuale.

Riassunto della sezione:

In un’analisi comparativa adeguatamente abbinata tra una coorte storica di aborti spontanei pubblicata al momento e la serie di dati CDC (post-vaccino), si osserva un chiaro aumento del rischio di aborto spontaneo nel gruppo dei vaccinati.

 

2. Zauche non ha mai pubblicato i dati di follow-up, ma li ha presentati al CDC.

Ora arriva la parte interessante. Poiché questo modello è ora comparabile tra le coorti, possiamo esaminare nuovamente i dati successivi di Zauche, che ha presentato al CDC i dati sugli aborti spontanei alcuni mesi dopo. In quella presentazione sono stati stimati 775 aborti spontanei su 6.352 gravidanze del primo trimestre[3]. A nostra conoscenza, questi dati non sono stati pubblicati ufficialmente. Non c’è una spiegazione logica del perché questi dati non siano stati pubblicati, dato che l’articolo originale di Shimabukuro è stato pubblicato poche settimane dopo l’iniezione alle prime pazienti incinte.

Inserendo questi numeri nel nostro modello otteniamo un tasso di aborto “grezzo” del 12,2% (775/6352), che vi è stato detto essere “entro i limiti storici”….

Ma aspettate, questo è un tasso “grezzo”, non una “stima dell’analisi di sopravvivenza”. Ed è aumentato. Molto.

Per ricapitolare. Il tasso di aborto “grezzo” è la percentuale di gravidanze totali che si concludono con un aborto spontaneo. Dovrebbe essere intorno al 5-6%. È ciò che la maggior parte delle persone pensa come tasso di aborto spontaneo.

Il tasso di “stima dell’analisi di sopravvivenza” è una sovrastima del tasso di aborto spontaneo ottenuta utilizzando (impropriamente) i metodi di analisi di sopravvivenza del cancro ai dati sull’aborto spontaneo.

I due metodi sono così diversi che non è possibile confrontarli, ma se si volesse nascondere un tasso “grezzo” del 10-14% invece che del 5-6% si direbbe che corrisponde ai “tassi storici”, dimenticando di dichiarare che i tassi storici sono stati calcolati con il metodo del tasso più alto.


Ora possiamo mostrarvi[4] come appaiono queste cifre se si apportano gli aggiustamenti necessari per far coincidere le coorti e si esegue un’analisi di sopravvivenza simile. In questo modo le coorti sono direttamente confrontabili.

La curva rosa è la coorte originale di Naert (pre-vaccino) e la curva verde è la coorte finale di Zauche CDC (post-vaccino) presentata all’ACIP in ottobre.

 

 

Ora si vede che la curva verde si stacca molto più drasticamente rispetto ai dati storici di Naert o ai dati preliminari di Zauche.

Per vedere quanto sia significativa la differenza, possiamo confrontarli tutti su un diagramma a foresta che mostra gli “hazard ratio” comparativi, cioè i rischi relativi.

 

 

Questa volta vediamo che i dati “completi” di V-safe (coorte vaccinale COVID), che sono stati ritardati e presentati da Zauche in ottobre, hanno un hazard ratio (rischio di morte, cioè di aborto) più che doppio rispetto ai dati “storici” di Naert.

Per rendere l’idea, possiamo fare a meno della versione “lettera al NEJM” dei dati della coorte vaccinata COVID di Zauche e mostrare un confronto tra i dati storici e i dati interpolati del vaccino COVID del CDC con un’analisi di sopravvivenza.

 

 

Come ha detto John Campbell all’inizio della settimana, questo dato dovrebbe essere considerato una schiacciante vittoria. I colori sfumati intorno alle linee sono gli intervalli di confidenza (l’intervallo in cui si possono prevedere gli errori) e sono così distanti l’uno dall’altro che ci si potrebbe infilare un autobus.

Perché l’aumento del tasso di aborti spontanei nei dati V-safe è così drammatico ed evidente se presentato in questo modo? Lo ripeto

Lauren Zauche ha confuso e ingannato il pubblico – per intenzione o per incompetenza – travisando i dati sugli aborti spontanei in diversi momenti, fornendo misure diverse del tasso di aborto spontaneo e sostenendo che fossero uguali.

Il reale aumento del tasso di aborti spontanei mostrato dai dati del CDC è drammatico – più del doppio – e avrebbe dovuto indurre immediatamente a sospendere la somministrazione dei vaccini COVID alle donne in gravidanza.

 

3. Cosa ci dicono i dati del mondo reale sui normali tassi di aborto spontaneo?

Dalla nostra parte dell’isola non ci piace molto fare affidamento su un singolo dato. Allora, abbiamo qualche conferma dell’affermazione del 5-6% di cui parlo a gran voce da oltre un anno? Certo che sì.

Il Servizio sanitario nazionale del Regno Unito pubblica annualmente i dati relativi agli “Hospital Episode Statistics” (HES) e quindi se ci fosse un forte aumento degli aborti spontanei ci aspetteremmo di vederlo. Ebbene, sì e no. Ricordiamo che la maggior parte delle donne con intenzioni riproduttive si è opposta ai vaccini, per cui solo una piccola percentuale (guidata per lo più da operatori sanitari costretti a farli) li ha assunti durante la gravidanza. La maggior parte di quelle che hanno ceduto, a parte le più indottrinate, avrebbero ritardato il più possibile la gravidanza. Poiché la maggior parte degli aborti spontanei richiede che il danno si verifichi tra le 4 e le 8 settimane, ora stiamo parlando di un effetto facile da nascondere.

In altre parole, se il vaccino raddoppiasse il tasso di aborto spontaneo ma fosse assunto solo nella “finestra di aborto” pertinente dal 5% delle donne, per ogni 10.000 gravidanze ci sarebbero solo 25 aborti in più (cioè un aumento assoluto dello 0,25% del tasso di aborto).

È un altro modo per nascondere i danni che gli interventi farmaceutici causano in gravidanza, motivo per cui non li usiamo, soprattutto nel primo trimestre.

Ricordiamo che lo scandalo della talidomide – il peggiore e più grave atto di frode farmaceutica mai perpetrato ai danni delle donne – ha fatto sì che solo il 2% delle donne che assunsero il farmaco avesse un figlio affetto da questa malattia. Ci sono voluti quasi 5 anni per identificare il problema e oltre 50 anni per ottenere il riconoscimento delle vittime.

L’aumento stimato del tasso di aborti spontanei attribuito al talidomide era circa doppio, simile a quello che stiamo vedendo con i vaccini COVID mRNA.

In un altro modo, possiamo simulare vari scenari per il tasso di aborto prima o dopo l’assunzione di un farmaco (nella “finestra dell’aborto”).

 

 

Si noti che la “% di aumento degli aborti” è l’aumento del tasso assoluto… cioè gli aborti in più come percentuale delle gravidanze totali. Potreste avere familiarità con questo concetto dopo il clamore suscitato da ARR e RRR nell'”efficacia” dei vaccini di cui abbiamo parlato in “Don’t be ARRsey”.

Come potete vedere, anche un’alta percentuale di donne che assumono un farmaco che raddoppia il tasso di aborto spontaneo sarà appena percettibile nelle statistiche complessive degli aborti spontanei. Al contrario, qualsiasi aumento del numero di aborti spontanei è estremamente significativo. Infatti, secondo il grafico, sarebbe necessario che il 40% delle donne assumesse il farmaco con un tasso di aborto triplicato per produrre anche solo un aumento del 4% del tasso di aborto complessivo!

Cosa dicono quindi i dati HES del Regno Unito? Questo argomento è stato trattato a lungo dal topo (altro pseudonimo del ricercatore, ndr) in questo thread (archiviato). Ecco il punto cruciale:

 

 

Quello che è successo con i dati HES del Regno Unito è che nel 2020, durante il “COVID” (quando gli ospedali sono stati chiusi per permettere alle infermiere di fare video di tiktok e gli anziani nelle case di cura sono stati sottoposti a eutanasia in massa) i medici sono stati istruiti a gestire aborti spontanei e aborti fuori dall’ospedale. C’è stato quindi un calo del numero di “aborti spontanei” registrati in ospedale e questo rende difficile il confronto. Tuttavia, tra il 2021 e il 2022 si è registrato un aumento di circa il 5%. Si tratta di un aumento significativo, considerato quanto detto sopra.

E qual è stato il tasso complessivo di aborti spontanei nei dati HES del Regno Unito? Era del 15% come sostenuto da Caz Sampson? Era del 20% come sostiene Viki Male?

Assolutamente no.

Secondo le ultime statistiche HES del Regno Unito, 103.277 aborti su 1.889.974 gravidanze per il periodo 2018-2021, pari al 5,5%.

Questa cifra è rimasta relativamente costante al di sotto del 6% dal 2013.

I dati HES non includono le interruzioni di gravidanza (“aborti indotti”), che sono rimaste al di sopra di 200.000 all’anno dal 2018.

L’aggiunta degli aborti al denominatore riduce il tasso di aborto spontaneo di fondo nel Regno Unito al 4,1%.

Sì, 4,1%. Ora capite come Viki Males, Lauren Zauches, Tom Shimabukuros, Kevin Aults e Caz Sampsons del mondo medico abbiano mentito per mantenere in piedi la loro amata truffa della “sicurezza in gravidanza”.

Ma lasciatemi ripetere (ancora e ancora se necessario)…

Il tasso di aborto spontaneo di una popolazione normale nel 2023 è del 5-6%. Dopo l’introduzione dei vaccini COVID, tutte le prove presentate dimostrano che il tasso di aborto spontaneo nelle donne vaccinate è salito al 15%.

L’affermazione che ciò rientra nei limiti storici è una menzogna.

Inoltre, il fatto che solo una piccola percentuale di donne avrebbe scelto di assumere il vaccino COVID all’inizio della gravidanza dimostra che il pericolo reale è massicciamente sottostimato, e potrebbe essere molto più di un raddoppio del rischio di aborto.

 

4. Gli aborti spontanei da talidomide

Mi rendo conto che continuo a tornare sullo scandalo del talidomide, ma una lezione importante che avremmo dovuto imparare è che qualsiasi aumento del tasso di aborti spontanei è un enorme segnale di allarme per le anomalie congenite gravi.

Sebbene le cifre non siano facilmente accessibili, si stima che due milioni di donne abbiano assunto il talidomide in tutto il mondo e che il Regno Unito abbia avuto circa un decimo dei bambini colpiti, con 2000 vittime. Per questa popolazione è stato stimato che ci sono stati anche altri 6.000 aborti spontanei, pari al 3%.

 

Bambino con danni (vedere gli arti) da Talidomide assunto dalla mamma per le nausee in gravidanza. Per l’articolo cliccare sulla foto o qui.

Effetti teratogeni del Talidomide sugli arti dei nati. Il talidomide fu poi per questo ritirato.

 

Questo dato è di vitale importanza. Il farmaco più teratogeno della storia ha causato un aumento del rischio di aborto solo del 3%, eppure ecco che le terapie mRNA-LNP “sicure ed efficaci” (ovvero “mai testate”) mostrano un aumento del 6% del tasso di aborto grezzo, più del doppio di quello registrato con la talidomide.

Solo per sottolineare il punto, un’altra enorme bandiera rossa per questo tipo di teratogenicità è stato questo grafico che ha aperto un enorme vaso di Pandora ora noto come #Placentagate, spiegato in termini più profani in questo piccolo e grande sottofascicolo.

 

 

La figura a cui si fa riferimento mostra un piccolo calo del numero di feti vitali in tutti i gruppi trattati con mRNA o mRNA-in-nanoparticelle lipidiche. Quasi tutti i tipi di nanoparticelle lipidiche utilizzati in questo studio sono arrivati alla placenta. Ma ciò che non viene mostrato è l’inverso dei numeri, cioè “quante perdite fetali pre-impianto si sono verificate in ciascun gruppo?”. Ovviamente, per forza di cose, i gruppi trattati devono averne avute di più per avere meno feti vitali. La “perdita pre-impianto” in un modello animale è un surrogato dell’aborto spontaneo in un modello umano.

Ma sapevamo già che i test sugli animali del vaccino Pfizer avevano mostrato un raddoppio delle perdite pre-impianto. Ne ho parlato ad nauseum, ma in modo più evidente in “Un aborto della medicinaqui:

 

 

Si noti anche l’avvertenza: “all’interno dell’intervallo di controllo storico”. Non si può fare questo in uno studio contemporaneo, mi spiace. Il riferimento a un controllo storico era una truffa proprio come lo è la bugia “un tasso di aborto del 15% nelle donne dopo il vaccino rientra nei limiti storici”.

Non finisce qui. Le persone che hanno approvato questa roba avrebbero dovuto sapere che qualsiasi segnale come questo doveva essere studiato a fondo. A loro non importava nulla. L’unica cosa che contava – per qualsiasi motivo – era far somministrare quei farmaci a base di mRNA alle donne incinte.

E indovinate cosa succede quando si trattano piccoli animali pelosi con il talidomide? Stranamente non perdono gli arti. Succede esattamente quello che è successo nello studio Pfizer: il numero di perdite preimpianto (“riassorbimenti precoci” nella tabella sottostante) aumenta, con una piccola riduzione del numero complessivo di feti vivi.

Ecco uno studio sulla talidomide nei conigli che mostra esattamente questo fenomeno:

 

Aumento dipendente dei riassorbimenti precoci (perdite fetali) nei conigli a cui è stata somministrata la talidomide in gravidanza. Le perdite raddoppiano a partire da 10 mg/kg.

 

Fortunatamente, sembra che la notizia sia stata finalmente resa nota da alcuni ricercatori COVID più mainstream: John Campbell mostra il suo shock per l’incompetenza della TGA in questa intervista con l’immunologo più esperto in Australia, il professor Robert Clancy. Egli spiega (intorno al minuto 20:20) che le perdite preimpianto sono un segnale di allarme per l’aborto spontaneo (e altre anomalie congenite).

 

 

Riassumiamo questa sezione:

Il TGA disponeva di informazioni contenute nei rapporti preclinici che indicavano un aumento delle perdite preimpianto negli studi sugli animali. L’aumento riscontrato era dello stesso ordine di grandezza degli studi sulla talidomide negli animali.

Sebbene la talidomide sia famosa per le anomalie degli arti dei bambini sopravvissuti, si è registrato anche un piccolo aumento degli aborti spontanei, che avrebbe dovuto essere un segnale di allarme per la teratogenicità (tossicità fetale).

L’aumento di aborti spontanei osservato con i vaccini COVID a base di mRNA è maggiore di quello osservato con la talidomide.

Il TGA, l’MHRA, la FDA e l’EMA e i collegi di ginecologi avevano tutte queste informazioni e non solo le hanno ignorate, ma hanno fatto in modo che chi lanciava l’allarme fosse soppresso con attacchi coordinati sui social media.

 

5. Il CDC è coinvolto in un massiccio insabbiamento.

Quindi, la domanda che tutti voi dovreste porvi è: se un account anonimo su substack ha scritto di questo per oltre un anno, perché il CDC non ha prestato attenzione?

La risposta è semplice e l’unica ipotesi logica che si può trarre è questa:

Il CDC sapeva che questo sarebbe stato un problema, ma gli è stato detto di tacere e insabbiare la storia. Hanno collaborato e colluso per imporre alle donne incinte i vaccini sperimentali di terapia genica, mentendo per dichiararli sicuri e giustificando così l’imposizione di vaccini obbligatori alle donne incinte.

(…)

 

Lo scandalo “Placentagate” riguarda il fatto che le stesse persone coinvolte nella promozione dei vaccini COVID sulle donne incinte sapevano che il vettore di nanoparticelle avrebbe raggiunto la placenta e non era mai stato testato in gravidanze umane.

 

Di quante altre prove abbiamo bisogno?

Ora che abbiamo indagato il più possibile, mi limiterò a elencare le prove che abbiamo che il lancio del vaccino COVID non solo ha provocato una marea di aborti spontanei, ma che il CDC, Viki Male e Kevin Ault, in quanto principali sostenitori del dogma “è sicuro, onesto”, lo hanno coperto.

  1. Abbiamo stabilito oltre ogni ragionevole dubbio che il tasso di aborto spontaneo dovrebbe essere inferiore al 6%

  2. Zauche, Shimabukuro e altri hanno affermato che il tasso di aborto spontaneo post-vaccino è di circa il 14%

  3. Ci sono fattori di confusione significativi nei dati sull’aborto spontaneo e poiché il CDC si rifiuta di rilasciare i dati V-safe per analisi indipendenti, dobbiamo interpolare i dati su ciò che abbiamo

  4. Il CDC avrebbe potuto risolvere questo problema creando un gruppo di controllo (donne di età simile che non hanno assunto il vaccino) per V-safe. Centinaia di migliaia di donne sarebbero state felici di partecipare. Hanno deliberatamente scelto di non farlo, per nascondere l’aumento degli aborti spontanei.

  5. Utilizzando modelli direttamente comparabili che non sono mai stati eseguiti prima, abbiamo dimostrato in questo articolo che il tasso di aborto spontaneo presentato da Lauren Zauche, a seguito della vaccinazione COVID, è almeno il doppio di quello che dovrebbe essere.

 

Quindi, cosa succede dopo?

Spero che questo articolo abbia dimostrato, al di là di ogni ragionevole dubbio, che è assolutamente certo che il tasso di aborto spontaneo è aumentato in coloro che hanno assunto i vaccini COVID all’inizio della gravidanza.

Ciò che deve accadere ora è che l’intera serie di dati del CDC deve essere resa pubblica per un’analisi indipendente.

Non c’è motivo per cui questo non possa avvenire domani. I dati possono essere facilmente deidentificati (SQL ha funzioni integrate per questo e l’esportazione di questi dati richiederebbe meno di un’ora di lavoro). È chiaro che le persone che hanno gestito il registro V-safe hanno enormi conflitti di interesse e non ci si può più fidare a fornire questi dati.

A prescindere dal fatto che riusciremo mai a ottenere questi dati e a verificarli, lo scandalo della talidomide dovrebbe averci insegnato che gli aborti spontanei potrebbero essere la punta dell’iceberg. In realtà Lauren Zauche lo sa bene, perché era parte della sua presentazione.

È questo il disastro più grande che si profila[5]:

 

 

Quando è troppo è troppo. Non era giusto che Tom Shimabukuro rifiutasse di rilasciare i dati sulla V-safe o che Lauren Zauche travisasse i tassi di aborto spontaneo. La questione non è chiusa, ma questa serie di articoli avrebbe dovuto fornirvi informazioni sufficienti per sporgere denuncia contro le istituzioni e le persone che hanno agito con malafede o incompetenza e contro coloro che vi hanno detto che era sicuro. Non lo era. Chiunque conosca il funzionamento dei vaccini a base di mRNA sapeva che non si poteva presumere che fossero sicuri in gravidanza.

Il nostro ultimo montaggio Welcome to Gilead è quindi dedicato a coloro che sono stati coinvolti in questo vergognoso assalto propagandistico alle donne incinte. Ma stiamo esaurendo lo spazio a disposizione.

Benvenuti a Gilead.

Parte 8.

 

 

  1. Non crediamo che gli autori abbiano letteralmente sommato le percentuali per ogni settimana per arrivare ai dati finali, ma l’effetto dell’uso dell’analisi di sopravvivenza per stimare il rischio è effettivamente questo, poiché calcola un rischio cumulativo di un evento sommando i rischi in ogni punto temporale. Pertanto, in alcuni casi (come nell’analisi dell’aborto spontaneo) sovrastima il rischio.
  2. Questa deve essere una supposizione a causa della mancanza di chiarezza nei metodi. La distribuzione dei dati suggerisce che questo è ciò che accade perché invece di avere il maggior numero di aborti spontanei nel gruppo delle 6 settimane, come ci viene detto di aspettarci, sono registrati nel gruppo delle 8-9 settimane. Il rischio di aborto spontaneo diminuisce sempre durante le prime settimane di gravidanza, quindi l’unica spiegazione è che i dati di Zauche registrano l’aborto spontaneo durante la settimana dell’evento. Una spiegazione alternativa è che le donne siano state vaccinate alla sesta settimana e che un gruppo di aborti spontanei si sia verificato all’ottava e alla nona settimana, il che è possibile. Senza questi dati grezzi non è possibile stabilirlo.
  3. Questo esclude il gruppo preconcezionale (che è stato comunque escluso) ed effettua un aggiustamento al ribasso del 7% per escludere il piccolo numero di aborti del secondo trimestre, come spiegato in precedenza.
  4. Il codice R per questa analisi è disponibile come file di testo qui:
    https://files.catbox.moe/fmzgil.R
  5. Se si torna all’articolo precedente, si capirà perché questo non è “normale”. Inoltre, è probabile che l’aumento sia una sottostima per lo stesso motivo: probabilmente riguarderebbe solo la minoranza che ha fatto l’iniezione nelle primissime fasi della gravidanza.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments