Un articolo ripreso dal blog di Resistere agli Intellettuali Illetterati, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

Feto

 

Nella mia comunità, la preoccupazione più importante nella mente di molti esitanti del vaccino, specialmente delle giovani donne in età fertile, è la paura di un effetto negativo sulla fertilità. Forse a causa di questo, le preoccupazioni sulla fertilità sono state beffardamente respinte dai medici con più passione e accanimento che per qualsiasi altro tipo di effetto avverso attribuito ai vaccini. Così, mi sembra che compilare una lista di ragioni per preoccuparsi legittimamente che questi vaccini possano influenzare negativamente la fertilità sia qualcosa che sarebbe utile alla gente. Ciò che segue è una spiegazione semplificata e diretta in linguaggio non specialistico di alcuni degli argomenti più ragionevoli per cui questi vaccini potrebbero influenzare la fertilità.

Mancata richiesta da parte della FDA ai produttori di vaccini di condurre test standard sulla parte di terapia genetica dei vaccini

I vaccini attualmente in uso negli Stati Uniti utilizzano tutti ciò che è noto come una “terapia genetica”, nel senso che utilizza una cellula ospite per convertire il materiale genetico in una proteina. Le terapie geniche dovrebbero essere rigorosamente testate in modi che i vaccini o le terapie standard non lo sono, in modo da capire come funziona la parte della terapia genica nella vita reale e assicurarci che non ci siano azioni impreviste in corso.

Questi test includono la valutazione della tossicità (cioè se interagisce con qualcosa nel corpo umano in modo dannoso) del veicolo di consegna del materiale genetico, dove finisce nel corpo umano (distribuzione), la durata della produzione della proteina, la quantità di produzione della proteina, la distribuzione della proteina nel corpo umano e la tossicità della proteina prodotta.

In maniera critica, questo include anche una speciale batteria di test per valutare specificamente la tossicità riproduttiva. Nessuno di questi test è stato condotto su soggetti umani, e la maggior parte non sembra essere stata eseguita nemmeno sugli animali, un fallimento profondamente preoccupante che va ben oltre le “scorciatoie”. Ricorda, un test o una prova è valido solo quanto la sua progettazione ed esecuzione e, per quanto ne so, non esiste una documentazione ufficiale di test rigorosi per queste cose disponibile nel pubblico dominio, il che implica che non esistono.

Un’ulteriore preoccupazione è che le donne incinte sono state escluse da tutti gli studi sul vaccino, quindi non c’è ancora stato uno studio adeguato con un gruppo di controllo per vedere se ci sono differenze nella interruzione di gravidanza o difetti congeniti tra donne vaccinate e non vaccinate. Inoltre, gli studi sono stati irreversibilmente interrotti dopo pochi mesi quando i bracci di controllo sono stati vaccinati, mettendo fine alla possibilità (minaccia?) di qualsiasi dato a lungo termine che emerga dagli studi. La fertilità è qualcosa che per definizione richiede uno studio a lungo termine per valutare correttamente, che ovviamente non sarà più disponibile in qualsiasi forma dagli studi clinici attuali

Quindi, fin da subito, gli studi non hanno mai stabilito che i vaccini non influissero sulla fertilità, gli “esperti” hanno solo supposto che non fosse così. L’opinione degli esperti non è considerata una prova della sicurezza dei farmaci per una buona ragione, vale a dire che gli esperti di solito si sbagliano quando si tratta di prevedere le cose, specialmente per quanto riguarda i nuovi farmaci (per una varietà di ragioni che vanno molto lontano). Purtroppo, gli esperti raramente riconoscono i limiti della loro competenza, e vis a vis covid sembrano ignorare che esistano del tutto. Se l’opinione degli esperti fosse un metodo valido per giudicare i problemi di sicurezza dei nuovi prodotti medici, la FDA potrebbe andare in pensione, dato che gli esperti presumono quasi sempre che i nuovi farmaci non avranno effetti collaterali imprevisti. Così l’affermazione che “gli esperti dicono” è un ammasso vuoto e insignificante di sciocchezze senza senso.

A guidare questo punto è il fatto che il NIH sta ora finanziando uno studio da 1,76 milioni di dollari per indagare la potenziale relazione tra i vaccini e le gravi irregolarità mestruali ampiamente segnalate, una svolta sorprendente dopo mesi di “esperti” che sostenevano che non era concepibile che i vaccini potessero influenzare i cicli mestruali e che queste segnalazioni fossero probabilmente in gran parte esagerate o false. Alla faccia dell’opinione degli “esperti” che questo non sarebbe successo. Questo fa sì che ci si chieda cos’altro potrebbe causare il vaccino che gli esperti stanno analogamente affermando senza basi che non possa essere causato dai vaccini.

Una nota prima di arrivare alla parte più granulare: praticamente tutti i punti seguenti, anche se veri, sarebbero veri solo entro certi parametri – per esempio, ci vorrebbe una quantità minima di proteine spike per causare qualsiasi danno. Ma dal momento che hanno saltato i test, non abbiamo davvero una buona idea di questi numeri, da qui la preoccupazione.

LNP (nano-particelle di grasso)

Entrambi i vaccini mRNA utilizzano una miscela di composti lipidici come “veicolo di consegna” per trasportare l’mRNA stesso in una cellula ospite dove l’mRNA può poi ” sequestrare” la cellula per produrre proteine spike. Ci sono alcune potenziali preoccupazioni con questi LNP:

1) Il rapporto di biodistribuzione nello studio preclinico farmacocinetico su animali della Pfizer presentato al governo giapponese ha rilevato che gli LNP si accumulavano nelle ovaie in numero significativo.

Ovviamente, la presenza di materiale estraneo accumulato nelle ovaie, che sono anche un organo particolarmente sensibile, è motivo di chiedersi quali siano gli effetti reali sulla funzione ovarica. Forse non ce ne sono. E forse gli LNP vanno alle ovaie solo nei ratti ma non negli esseri umani. Il fatto è che questo non è mai stato testato in soggetti umani, quindi non lo sappiamo.

2) Per necessità, i lipidi caricati positivamente – lipidi cationici – erano necessari per far funzionare il veicolo LNP (più specificamente, per permettere agli LNP di legarsi correttamente con le molecole di mRNA per formare un “guscio” lipidico attorno all’mRNA). I lipidi cationici sono noti per la loro tossicità negli esseri umani. Uno dei primi e più persistenti ostacoli nello sviluppo della tecnologia mRNA era la tossicità dei lipidi. Mentre i produttori di vaccini (ovviamente) pensano di aver risolto questo problema, non c’è mai stato nessun test adeguato per vedere se la “soluzione” usata regge ovunque nel corpo dove gli LNP possono accumularsi. E sicuramente non c’è un lungo track record di uso pubblico della piattaforma mRNA che potremmo vedere non mostri segni di tossicità degli LNP. Di nuovo, questo particolare forse non è affatto tossico, forse sono riusciti a sopprimere qualsiasi proprietà tossica di questo lipide abbastanza da evitare problemi di tossicità, ma questo richiederebbe dei test.

3) Le nanoparticelle di per sé sono state precedentemente pensate come possibili cause di una diminuzione della fertilità – come quello che è documentato nello studio Potential adverse effects of nanoparticles on the reproductive system.

Proteina spike

Tutti questi vaccini fanno sì che le cellule ospiti producano un pezzo del virus covid noto come proteina spike. La funzione della proteina spike per il virus covid è quella di legarsi a una proteina di superficie sulle cellule, che permetterebbe al virus covid di “entrare” in quella cellula. Quando i vaccini sono stati progettati, la teoria convenzionale era che la proteina spike fosse solo una sorta di “chiave”, niente di più. Sfortunatamente, nei mesi successivi sono uscite molte nuove ricerche che hanno mostrato molto chiaramente che la proteina spike era il pezzo del virus covid che faceva la maggior parte dei danni, il che è rilevante perché gli stessi meccanismi si applicano in gran parte anche agli organi riproduttivi. Sappiamo che la proteina spike circola in tutto il corpo, quindi è plausibile che una parte arrivi alle ovaie.

  1. La proteina spike, legandosi semplicemente al recettore ACE2, può innescare una disfunzione cellulare e persino uccidere la cellula. (È interessante notare che una delle modifiche apportate alla proteina spike che i vaccini producono è quella di bloccare la S1 in una conformazione aperta con la RBD esposta (versione molto corta di tipolayman), qualcosa che è virtualmente garantito per aumentare l’affinità di legame della S1 con le proteine recettoriali cellulari). I recettori ACE2 sono ubiquitari in tutto il corpo umano, compresi gli organi/tessuti riproduttivi, quindi il timore ragionevole che le proteine spike circolanti in quantità sufficienti che si legano con gli ACE2 ovarici potrebbero essere deleterie per la fertilità.
  2. Le proteine spike innescano una reazione eccessiva del sistema immunitario, portando a un’infiammazione molto dannosa e ad altra fisiologia nociva. Le proteine Spike che si accumulano nelle ovaie potrebbero quindi potenzialmente causare una reazione immunitaria contro, o che colpisce, i tessuti ovarici, con conseguenze potenzialmente disastrose per le ovaie.
  3. Se uno qualsiasi degli LNP con mRNA ancora all’interno finisse nelle ovaie, le cellule ovariche produrrebbero proteine spike, provocando una risposta immunitaria mirata direttamente contro le cellule ovariche “infette”, di nuovo con conseguenze potenzialmente disastrose per le ovaie.

Diminuzione della fertilità negli esperimenti sugli animali

Il [documento] EMA dall’UE di Moderna  includeva l’ammissione che i ratti hanno perso il 14% delle gravidanze nel gruppo del vaccino contro solo il 7% nel gruppo di controllo. Pfizer ha riportato uno studio limitato sulla tossicità riproduttiva che ha trovato un “aumento di ~2 volte nella perdita pre-impianto – ~9,77% vs 4,1% nei controlli”, e “tra i feti […] c’era un’incidenza molto bassa di gastroschisi, malformazioni bocca/mascella, arco aortico destro, e anomalie delle vertebre cervicali, anche se questi risultati erano entro i dati di controllo storici”. Questi avrebbero dovuto meritare studi di follow-up per determinare se questo effetto era indotto dal vaccino o solo un artefatto statistico. Essere all’interno dei dati storici di controllo non significa che il risultato sia quindi un prodotto del caso, e un chiaro segnale che alcune anomalie erano più prevalenti nel braccio del vaccino rispetto al placebo è una preoccupazione legittima che la prudenza elementare richiede di risolvere attraverso test adeguati e rigorosi.

Anticorpi cross-reattivi

Molto è stato detto sull’affermazione che la proteina spike fosse abbastanza simile a una proteina critica per la gravidanza chiamata syncytin-1, che gli anticorpi prodotti per legarsi con la proteina spike si legassero “accidentalmente” con la syncytin-1. Inizialmente ho pensato che questa affermazione non fosse confermata. Tuttavia, l’unico studio di cui sono a conoscenza che ha tentato di esaminare questo ha trovato un chiaro aumento relativo in quello che stavano misurando come proxy per gli anticorpi anti-sincitina-1 tra pre-vaccinazione e post-vaccinazione (affrontare i livelli di anticorpi anti-sincitina, e la fertilità e le preoccupazioni di allattamento al seno, dopo la vaccinazione BNT162B2 COVID-19 mRNA, Figura 2B). (Questo studio è un disastro particolarmente disordinato di scarsa metodologia e affermazioni incredibilmente imprecisate da parte degli autori, qualcosa che va ben oltre lo scopo di questo saggio per affrontarlo adeguatamente). Penso che questo risultato dovrebbe essere indagato ulteriormente per assicurarsi che questo non sia il caso.

Un altro studio è stato recentemente pubblicato come preprint che ha trovato alcuni anticorpi della proteina spike dall’infezione Covid potrebbe causare l’interruzione della gravidanza (tra le altre cose) nei topi, che è un segnale che questo può potenzialmente verificarsi anche nelle persone:

Anticorpi patogeni indotti dalle proteine spike dei virus COVID-19 e SARS-CoV

Abstract

Questo studio, utilizzando un modello di topo senza virus, esplora i ruoli patogeni di alcuni anticorpi specifici per le proteine spike dei coronavirus altamente patogeni come il COVID-19 e i virus SARS-CoV. I nostri dati hanno mostrato che questi anticorpi patogeni, attraverso un meccanismo di Auto-Attacco Anticorpo Dipendente (ADAA), mirano e si legano alle cellule o ai tessuti vulnerabili dell’ospite, come le cellule dell’epitelio polmonare danneggiate, iniziano una risposta attacco auto-immunitario e portano a gravi condizioni tra cui ARDS, rilascio di citochine e morte. Inoltre, gli anticorpi patogeni inducono anche infiammazione ed emorragia dei reni, del cervello e del cuore. Inoltre, gli anticorpi patogeni possono legarsi a tessuti fetali non maturi e causare aborti, travagli postpartum, parti morti e morti neonatali di topi gravidi. Nuovi interventi clinici, attraverso l’interruzione del legame con l’ospite di questi anticorpi patogeni, possono essere sviluppati per combattere la pandemia di COVID-19. Inoltre, il nuovo concetto di ADAA esplorato da questo studio può essere applicabile ad altre malattie infettive, come le infezioni influenzali altamente patogene. Va notato che la maggior parte degli anticorpi anti-spike non sono patogeni, dato che solo 2 dei 7 anticorpi monoclonali testati hanno mostrato effetti patogeni significativi.

Esiti clinici, specialmente irregolarità mestruali diffuse dai vaccini

Qualunque sia il merito di ciascuna delle proposizioni sopra menzionate individualmente, c’è stata una valanga innegabile di effetti collaterali dei vaccini che riguardano la fertilità:

  1. Problemi mestruali – Questo è probabilmente l’effetto collaterale serio più diffuso. Un’indagine dell’Università di Chicago che sperava di raccogliere 500 donne che avessero sperimentato irregolarità mestruali post-vaccinazione ha finora superato le 140.000! Il Regno Unito ha più di 30.000 rapporti ufficiali nella loro versione di VAERS (Yellowcard). Ricordate, questo è qualcosa che per molte se non la maggior parte delle donne è una questione intensamente privata, il che significa che la segnalazione potrebbe essere ancora più pronunciata che per altri effetti collaterali del vaccino. E alcuni di questi rapporti sono andati ben oltre cose come periodi mancanti o molto pesanti/scomodi. E ‘assiomatico che tutto ciò che colpisce le mestruazioni è automaticamente degno di nota per quanto riguarda la fertilità a meno che non sia dimostrato il contrario.
  2. Gravidanze perse – Oltre 1.000 in VAERS finora, che grossolanamente sotto-rappresenta tutto. Ho sentito o visto un certo numero di casi individuali di strani (e a volte orribili) danni alla placenta dove il ginecologo curante ha pensato che il vaccino fosse l’indicazione più probabile. Abbiamo bisogno di un vero e proprio studio di controllo prospettico di massa che sia onestamente progettato ed eseguito per vedere se ci siano più perdite di gravidanza nel braccio del vaccino che nel braccio di controllo, il che ci direbbe se e in che modo vaccinare le donne incinte abbia un impatto sulla gravidanza.

Non sappiamo quello che non sappiamo

Non abbiamo idea di cosa potremmo scoprire tra un anno, o forse tra 5 o anche 10 anni. Non sappiamo nemmeno di cose che avremmo potuto scoprire se ci fossero stati test rigorosi. Per quanto ne sappiamo, potrebbe esserci una conseguenza secondaria o terziaria di qualche altra interazione del vaccino che abbia un impatto sulla fertilità. Questo è il motivo per cui i nuovi farmaci sono sottoposti a test a lungo termine, che durano almeno alcuni anni, in modo da poter vedere se ci sono risultati inaspettati che i geniali scienziati esperti non sono stati abbastanza geniali da prevedere. “Gli esperti presumono” che qualcosa non accadrà produce poche se non nessuna informazione utile sul fatto che effettivamente non accadrà, specialmente quando i grandi “esperti” sono per lo più o corrotti o sotto il pollice dei diktat politici di altri.

In sintesi

I giovani, specialmente le donne – in altre parole, quelle che rimangono incinte – portano un rischio praticamente insignificante dal covid stesso. Il tropo “la gravidanza è una comorbidità” è solo uno di una litania di affermazioni assurdamente esagerate diffuse come tattica di paura, quindi anche un rischio minuscolo per la fertilità è una considerazione legittima per la maggior parte delle donne che sono o desiderano ad un certo punto rimanere incinte.

 

 

 

Facebook Comments