Pierpaolo Sileri, sottosegretario di Stato al Ministero della salute nel governo Draghi, pensa, erroneamente, che i vaccini COVID, solo perché vengono distribuiti a tappeto su tutta la popolazione, siano diventati, come per magia, un prodotto non sperimentale. Forse la politica può anche pensarlo, ma la scienza, di cui ci viene chiesto di fidarci, non funziona così. E Sileri, che è un medico prima che un politico, dovrebbe saperlo. Un trial clinico in corso, e che per giunta si chiuderà nel luglio 2024, è per definizione una sperimentazione in corso. E se il prodotto genico viene inoculato su scala mondiale vuol dire che è una sperimentazione su scala mondiale. Ma sempre sperimentazione rimane. Ciò rende vieppiù delicata e grave la questione.

E allora, caro Sileri, chi sta dicendo le bugie?

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email