Rilancio un commento pubblicato sulla autorevolissima rivista British Medical Journal sulla questione della vaccinazione anti covid nei bambini. Il commento è stato firmato da Jennie S Lavine, ricercatore, (Emory University, Atlanta GA, USA), Ottar Bjornstad, professore (Department of Biology, Center for Infectious Disease Dynamics, Pennsylvania State University, University Park, PA, USA), Rustom Antia, professore (Emory University, Atlanta GA, USA). Ve lo propongo nella mia traduzione.

 

 

Dopo la diffusa vaccinazione contro la SARS-CoV-2 degli adulti più anziani e di altri gruppi altamente vulnerabili, alcuni paesi ad alto reddito stanno ora prendendo in considerazione la vaccinazione dei bambini; solo pochi giorni fa, la Food and Drug Administration statunitense ha autorizzato l’uso del vaccino Pfizer/BioNTech nei bambini di 12-15 anni. Finora i giovani sono stati largamente risparmiati dalla covid-19 grave,(1)(2) e il valore della vaccinazione infantile contro i virus respiratori in generale rimane una questione aperta per tre motivi: i benefici limitati della protezione nei gruppi di età che sperimentano solo malattie lievi (3); gli effetti limitati sulla trasmissione a causa della gamma di tipi antigenici e del declino dell’immunità indotta dal vaccino (4); e la possibilità di conseguenze indesiderate legate alle differenze nell’immunità indotta dal vaccino e dall’infezione (5) .

 

Protezione

Il bilancio costi-benefici di qualsiasi campagna di vaccinazione dipende dal peso della malattia nella popolazione target e dalle risorse disponibili.(6) La gravità della Covid-19 nei bambini sotto i 12 anni è simile a quella dell’influenza,(7) e poiché le risorse sanitarie sono limitate anche nei paesi ad alto reddito, è improbabile che la vaccinazione dei bambini sia una priorità. I dati preliminari suggeriscono che la malattia causata dalle varianti che destano preoccupazione rimane lieve nei bambini piccoli,(8)(9)(10) anche se un attento monitoraggio delle nuove varianti emergenti rimane essenziale. Se ne emergesse una che causasse gravi malattie nei bambini (come la sindrome respiratoria del Medio Oriente), vaccinare i bambini diventerebbe una priorità.

Inoltre, la vaccinazione può essere particolarmente preziosa per alcuni sottogruppi. Alcune condizioni croniche, tra cui l’obesità, predispongono i bambini a covid-19 più gravi,(11) e quelli con marcatori di infiammazione e sofferenza cardiaca, come alti livelli di proteina C reattiva, interleuchina-6 e peptide natriuretico cerebrale, hanno maggiori probabilità di sviluppare conseguenze gravi come la sindrome infiammatoria multisistemica.(12) Gli studi per identificare se i marcatori di laboratorio prima dell’infezione possono prevedere il rischio di sindrome infiammatoria multistemica dovrebbero essere una priorità di ricerca, per aiutare la vaccinazione mirata ai bambini vulnerabili.

 

Trasmissione

Studi recenti forniscono la prova che la vaccinazione di massa riduce la trasmissione della SARS-CoV-2 nella popolazione.(13) I bambini in età scolare e gli adolescenti hanno generalmente tassi di contatto sociale più alti rispetto agli adulti più anziani,(14) quindi vaccinare i bambini potrebbe ridurre la circolazione dell’agente patogeno e proteggere gli adulti più anziani e vulnerabili dall’esposizione.(15) Tuttavia, i bambini sembrano essere meno suscettibili degli adulti sia all’infezione che alla trasmissione della SARS-CoV-2,(16)(17) e paesi come la Norvegia hanno mantenuto bassi tassi di trasmissione pur mantenendo aperte le scuole primarie. Entrambi suggeriscono un ruolo limitato dei bambini piccoli nel sostenere le catene di trasmissione (18) e che la vaccinazione dei bambini sarà probabilmente di beneficio marginale nel ridurre il rischio per gli altri.

Stanno emergendo nuove varianti man mano che il virus si adatta al suo ospite umano e all’immunità generata dalle precedenti infezioni da SARS-CoV-2 e dalla vaccinazione. È quindi essenziale continuare a monitorare la gravità della malattia in tutte le fasce d’età in modo che le strategie di vaccinazione possano essere adattate rapidamente se necessario. Ad esempio, gli adulti sembrano mantenere un’immunità sostanziale per almeno otto mesi dopo la vaccinazione o l’infezione naturale,(19)(20)(21) ma se l’invecchiamento del sistema immunitario e il declino dell’immunità contro le nuove varianti portano a una protezione più breve dalla malattia grave, potrebbe diventare più auspicabile aggiornare i vaccini per gli adulti e vaccinare i bambini per ridurre la trasmissione. Inoltre, l’emergere di varianti con una maggiore gravità nei bambini, o in adulti con precedente immunità, segnalerebbe un bisogno più urgente di controllare sia la trasmissione che la malattia attraverso la vaccinazione dei bambini.

 

Conseguenze involontarie

Sfortunatamente, mentre la circolazione del virus diminuisce, l’età dell’infezione primaria aumenta, e poiché l’età è direttamente associata alla patogenicità, vaccinare i bambini porterebbe probabilmente a tassi di infezione più bassi ma a tassi di mortalità più alti.(22) Inoltre, a seconda della durata relativa dell’immunità indotta dai vaccini e dall’infezione, e del tasso di cambiamento antigenico del virus, vaccinare i bambini potrebbe aumentare la frequenza di grandi epidemie stagionali, portando a un aumento complessivo della morbilità e della mortalità indotta dal virus.(5)

Infine, i vaccini mRNA contro la SARS-CoV-2 inducono risposte anticorpali maggiori rispetto all’infezione naturale, ma possono suscitare risposte delle cellule T CD8 che sono meno ampiamente protettive contro le varianti future.(23)(24) Ulteriori studi sulle differenze tra immunità indotta dal vaccino e dall’infezione dovrebbero essere fatti per esplorare e quantificare questi trade-off.

 

Decisione equilibrata

Se l’infezione infantile (e le riesposizioni negli adulti) continueranno ad essere tipicamente lievi, la vaccinazione infantile non sarà necessaria per fermare la pandemia. I benefici marginali dovrebbero quindi essere considerati nel contesto delle risorse sanitarie locali, della distribuzione equa dei vaccini a livello globale e di una comprensione più sfumata delle differenze tra immunità indotta dal vaccino e dall’infezione.

Una volta che la maggior parte degli adulti sono stati vaccinati, la circolazione della SARS-CoV-2 può essere in effetti auspicabile, in quanto è probabile che porti a un’infezione primaria all’inizio della vita quando la malattia è lieve, seguita da riesposizioni di richiamo durante l’età adulta quando l’immunità che blocca la trasmissione diminuisce ma l’immunità che blocca la malattia rimane alta.(22)(25) Questo manterrebbe le reinfezioni lievi e l’immunità aggiornata.

Il monitoraggio della gravità della malattia rimane comunque fondamentale, sia nei bambini immunologicamente ingenui che negli adulti vaccinati o precedentemente infettati, in modo da poter adattare le nostre strategie di controllo man mano che il virus si adatta a noi.

 

Riferimenti:



Facebook Comments
image_pdfimage_print
1