Un articolo di Phil Lawler, giornalista e scrittore, esperto della Chiesa. L’articolo è apparso su Catholic Culture e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

vescovi

 

Franz Jägerstätter deve delle scuse al suo vescovo?

Jägerstätter, come si ricorderà, chiese consiglio al suo vescovo prima di sfidare il regime nazista, rifiutando di impegnarsi nel servizio militare, con la motivazione che “non poteva essere sia un nazista che un cattolico”. Il vescovo cercò di dissuaderlo, ma Jägerstätter persistette nella sua solitaria opposizione a un’ideologia brutale e si guadagnò la corona del martirio.

Allora il vescovo Joseph Fliesser deve delle scuse al beato Franz Jägerstätter, per non aver sostenuto la sua potente testimonianza? Il vescovo potrebbe far notare che molte migliaia di cattolici fedeli avevano giurato fedeltà a Hitler, senza apparentemente violare la loro coscienza. Potrebbe assicurare al giovane laico austriaco che la Chiesa non stava incoraggiando la resistenza contro i nazisti. Poteva sostenere che Jägerstätter avrebbe sacrificato la sua vita e il futuro della sua famiglia, in un gesto che non avrebbe avuto alcuna influenza sulle politiche naziste.

Questi sono argomenti potenti. Ma non erano sufficienti a soddisfare la coscienza di Jägerstätter. Il punto, come spiegò questo eroico laico cattolico, non era quello che gli altri potevano giustificare o razionalizzare o spiegare. Il punto era che la sua coscienza gli diceva che non poteva fare il giuramento. Non era costretto dagli insegnamenti della Chiesa a rifiutare la partecipazione alla macchina da guerra nazista; era costretto dalla sua stessa anima.

Oggi molti cattolici americani (me compreso) si sentono obbligati dalla loro coscienza a rifiutare i vaccini Covid che sono stati sviluppati con l’uso di linee di tessuto fetale derivate dall’aborto. Riconosciamo (come avremmo potuto dimenticarlo?) che Papa Francesco ha incoraggiato la vaccinazione, e che decine di vescovi cattolici si sono uniti alla campagna pro-vaccino. Ci rendiamo conto che la Congregazione per la Dottrina della Fede ha concluso che la “grave necessità” creata dall’epidemia è una ragione sufficiente per accettare vaccini moralmente contaminati. Comprendiamo, quindi, che la Chiesa non ci impone di rifiutare i vaccini. Ma la domanda chiave rimane: La Chiesa non ci permette di rifiutarli?

Il Catechismo della Chiesa Cattolica (1782) è chiaro. Ogni individuo deve prendere le proprie decisioni morali. “Non deve essere costretto ad agire contro la sua coscienza. Né gli si deve impedire di agire secondo la sua coscienza, specialmente in materia religiosa”. Se la mia coscienza mi dice di non prendere il vaccino, non dovrei prendere il vaccino – anche se il mio pastore e il mio vescovo e il Vescovo di Roma mi incoraggiano tutti a farlo. I capi della Chiesa hanno l’autorità di dirmi che posso prendere il vaccino; non hanno l’autorità di dirmi che devo farlo. E infatti la Congregazione per la Dottrina della Fede, proprio nella dichiarazione che incoraggia la vaccinazione, stabilisce che “deve essere volontaria”.

(A un certo punto qui dovrei chiarire che non sto suggerendo che la campagna di vaccinazione sia moralmente equivalente alla brutalità nazista. Chiaramente c’è un’enorme differenza tra i due casi. Ciò che la testimonianza di Franz Jägerstätter e quella degli operatori sanitari che resistono alla vaccinazione hanno in comune è l’insistenza sull’integrità della coscienza. Potrei anche aggiungere che c’è un’enorme differenza tra i costi che potrebbero sostenere coloro che resistono. Oggi molti operatori sanitari stanno perdendo il lavoro; Jägerstätter ha perso la vita).

La governatrice di New York Kathy Hochul – che si identifica come cattolica e si è laureata alla scuola di legge dell’Università Cattolica – ha riconosciuto che quando ha elaborato un mandato sui vaccini per il suo stato, “abbiamo lasciato fuori [le esenzioni religiose] nei nostri regolamenti intenzionalmente”. In una breve difesa della politica statale contro una sfida legale, il procuratore generale Letitia James non ha potuto resistere a invocare il sostegno di “Papa Francesco, il leader della Chiesa cattolica romana (a cui tutti i querelanti, tranne uno, sono legati)”. Questi astuti politici riconoscono il valore propagandistico di identificare l’opposizione ai vaccini come una questione cattolica, e poi liquidarla perché (come ha detto Hochul) “tutti, dal Papa in giù, incoraggiano la gente a vaccinarsi”. Ignorano allegramente l’insegnamento formale della Chiesa riguardo alla coscienza individuale.

Ma poi, i politici possono tranquillamente ignorare quell’insegnamento della Chiesa, perché così pochi prelati americani lo hanno proclamato. Mentre migliaia di cattolici (per non parlare di altri cristiani) affrontano la perdita del loro lavoro, o la minaccia della cittadinanza di seconda classe, perché stanno seguendo la loro coscienza, i nostri leader della Chiesa si uniscono al coro dell’opinione pubblica convenzionale, piuttosto che difendere il punto vitale che la Chiesa cattolica è così ben attrezzata per difendere.

Quindi forse ho fatto la domanda sbagliata all’inizio di questa rubrica. I cattolici che si oppongono alla vaccinazione dovrebbero chiedere scusa ai loro vescovi, per non aver seguito il loro consiglio? O i vescovi dovrebbero scusarsi, per non aver protetto i diritti di coscienza dei loro fedeli?

 

 

Facebook Comments