Il governo del Regno Unito dopo una consultazione con l’organismo tecnico della materia in tema di vaccinazione ha deciso che a tutti i ragazzi dai 12 ai 15 anni sia offerta una dose di vaccino Pfizer, dose che però comporta un rischio per la salute. Quello che appare assurda è la motivazione della decisione, che dice molto della incredibile situazione in cui siamo caduti.

Questa assurdità è ben spiegata da David Paton nel suo articolo pubblicato su The Spectator, che vi propongo nella mia traduzione.

 

 

scuola studenti ragazzi

 

Dopo che il JCVI ha raccomandato di non offrire vaccini ai bambini di età compresa tra 12 e 15 anni per motivi di salute, il governo ha chiesto ai quattro direttori medici di considerare il caso più ampio, compreso l’impatto sulla scuola.

Come sappiamo, il governo ha ora accettato la raccomandazione del capo degli ufficiali medici: che a tutti i ragazzi dai 12 ai 15 anni venga offerta una dose di Pfizer perché così facendo si ridurranno i disagi all’istruzione. Il governo ha rilasciato i dettagli del modello alla base di tale logica. L’approccio è stato innanzitutto quello di stimare il numero di infezioni con e senza vaccinazione in diversi scenari di diffusione dell’infezione. Successivamente, hanno usato questo per modellare il numero di giorni di istruzione persi che potrebbero essere prevenuti dalla vaccinazione.

In uno scenario centrale, il documento modello stima che la vaccinazione del 60 per cento dei giovani dai 12 ai 15 anni eviterebbe la perdita di circa 110.000 giorni di scuola nei sei mesi tra ottobre e marzo 2022. A prima vista, sembra un grande numero. Ma se si tiene conto del numero di alunni, si ottiene 41 giorni per mille alunni o, in altre parole, solo 15 minuti per bambino. E sì, questo è il totale per tutti i sei mesi.

Per contestualizzare la cosa, se il governo avesse posto fine al lockdown delle scuole solo un giorno prima a marzo, i bambini avrebbero ottenuto un beneficio 25 volte superiore a quello stimato dalla vaccinazione di oltre un milione di ragazzi dai 12 ai 15 anni.

Ma ci sono domande ancora più preoccupanti che devono essere poste sul modello [alla base dello studio]. In primo luogo, il documento utilizza una cifra di efficacia del vaccino del 55 per cento, ricavata da una ricerca recente, incluso uno studio ONS-Oxford. Quel documento ha scoperto che una dose di Pfizer era efficace al 57% nel prevenire l’infezione.

Il problema è che la cifra del 57 per cento deriva dal confronto di quelli vaccinati contro i non vaccinati che non hanno prove di essere stati precedentemente infettati. Lo stesso studio riporta che la precedente infezione da sola ha ottenuto una protezione del 72% contro la variante indiana, molto più alta di una dose di vaccinazione. La vaccinazione può fornire un’ulteriore protezione, ma l’efficacia relativa della vaccinazione di bambini precedentemente infetti sarà drasticamente inferiore al 55%.

Gli studi sugli anticorpi dell’ONS suggeriscono che quasi la metà dei giovani di 16 e 17 anni è stata precedentemente infettata. Non conosciamo la cifra equivalente per 12-5 anni ma è probabile che sia simile. Ciò significa che l’effetto del vaccino relativo a tutti i non vaccinati (precedentemente infetti e non) sarà drasticamente inferiore alla cifra utilizzata nel modello dello studio. A sua volta, anche i 15 minuti di scolarizzazione persa che si previene saranno una sovrastima significativa.

Il punto sull’infezione precedente è così importante e ovvio che sembra poco credibile che il modello alla base della raccomandazione dei direttori medici lo abbia ignorato. Ma il problema non viene nemmeno menzionato nel documento di modellazione, anche per segnalarlo come un limite dello studio.

Ma questa non è la parte finale della storia. Ci sono altre due omissioni molto significative nel documento, sebbene almeno queste siano indicate come limitazioni. La prima è che il modello non tiene conto della scolarizzazione persa a causa del tempo impiegato per somministrare il vaccino. Se, come sembra probabile, il programma viene somministrato principalmente nelle scuole, dobbiamo tenere conto del tempo fuori dall’aula degli alunni in attesa e che ricevono il vaccino, nonché i 15 minuti di riposo consigliati dopo il vaccino Pfizer in caso di reazioni avverse immediate. Questo da solo eliminerebbe più che i 15 minuti di istruzione persi stimati risparmiati. Il professor Robert Dingwall, ex membro della JCVI, espone un ulteriore argomento secondo il quale sarebbero necessari altri 15-20 minuti per bambino per stabilire che il suo consenso è libero e informato.

L’altra omissione è che il modello ignora qualsiasi [tempo per] educazione persa a causa degli effetti collaterali del vaccino. La ricerca sulle malattie infettive di Lancet ha rilevato che il 13% ha subito effetti collaterali sistemici (in tutto il corpo) come diarrea, febbre e nausea e il 72% ha subito effetti collaterali localizzati. Questo studio era per gli adulti, ma ha scoperto che gli effetti collaterali erano più comuni tra i giovani. Se i numeri per i bambini fossero simili – e anche se solo chi soffre di reazioni sistemiche si prendesse un solo giorno di assenza dalla scuola – l’effetto netto sarebbe ancora una volta più che sufficiente per invertire i (sovrastimati) 15 minuti di istruzione risparmiati.

Il documento del modello indica altre ipotesi che potrebbero suggerire che i loro 15 minuti siano una sottostima. Ma anche se questa cifra fosse raddoppiata o triplicata, una volta che si tiene conto dell’infezione precedente e del tempo perso per la somministrazione del vaccino, l’osservazione e gli effetti collaterali, l’unica possibile conclusione che viene dal modello è che lungi dall’impedire la perdita del tempo scolastico, vaccinare i bambini di 12-15 anni di un anno porterà a una significativa perdita netta di istruzione.

Chiaramente i quattro direttori medici hanno alcune domande serie a cui rispondere. Ma sebbene sia loro compito consigliare i rispettivi governi, alla fine le decisioni politiche restano di competenza dei ministri. Spereresti che parlamentari e giornalisti pongano alcune domande molto urgenti al Primo Ministro e al suo gabinetto sulle prove su cui hanno basato la loro decisione di vaccinare i bambini.

 

 

Facebook Comments