(se il video qui sotto non si carica, fare il refresh di questa pagina o cliccare qui)

 

Il FINE TUNING è l’argomento più potente in favore dell’esistenza di un Designer alla base del nostro universo. Tra i fisici ed i cosmologi, tanti hanno “saltato il fossato” e sono giunti a dichiarare apertamente che solo l’esistenza di Dio può rendere conto dei dati che continuiamo a scoprire, segni chiarissimi di una progettazione tanto nell’infinitamente grande, quanto nell’infinitamente piccolo. Questo rende molto nervoso il “fronte contrario”, quel movimento di studiosi di “fede atea” che per un radicato pregiudizio anti-metafisico non può in alcun modo accettare le conclusioni logiche cui spinge sempre di più lo studio del cosmo, dalle sue fondamenta in avanti. I promotori del “caso e della necessità” hanno quindi proposto alcune obiezioni all’argomento del FINE TUNING, attraverso modelli cosmologici ad hoc, pensati quasi esclusivamente per disinnescare la forza esplosiva di un dato di fatto che, se constatato ed accettato nelle sue implicazioni, non può che condurre a ritenere infinitamente più plausibile l’esistenza di Dio rispetto ad ogni altra spiegazione naturalistica. In questo video ribattiamo alle obiezioni all’argomento del FINE TUNING in favore dell’esistenza di Dio.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1