La Corte Suprema giovedì ha deciso all’unanimità a favore dei Servizi Sociali Cattolici nella sua causa contro la città di Filadelfia che aveva interrotto i contratti con l’organizzazione cattolica perché non voleva certificare come genitori coppie dello stesso sesso a motivo della fede cattolica. La Corte Suprema ha stabilito che la città ha violato il libero esercizio della religione del gruppo.

Di seguito un articolo scritto da Kate Scanlon, pubblicato su Catholic News Agency, nella mia traduzione.

 

Corte Suprema USA in Washington. (AP Photo/Manuel Balce Ceneta)
Corte Suprema USA in Washington. (AP Photo/Manuel Balce Ceneta)

 

La Corte Suprema giovedì ha deciso all’unanimità a favore dei Servizi Sociali Cattolici nella sua causa contro la città di Filadelfia, stabilendo che la città ha violato il libero esercizio della religione del gruppo.

La città nel 2018 aveva smesso di collaborare con l’agenzia nel suo programma di affido, poiché la Catholic Social Services [CSS] non avrebbe certificato coppie dello stesso sesso come genitori affidatari per motivi religiosi.

Nella sentenza di maggioranza, la Corte Suprema ha stabilito che “Il rifiuto di Filadelfia di stipulare un contratto con il CSS per la fornitura di servizi di affidamento a meno che il CSS non accetti di certificare le coppie dello stesso sesso come genitori affidatari viola la Clausola del Libero Esercizio del Primo Emendamento”.

“La CSS cerca solo una sistemazione che le permetta di continuare a servire i bambini di Filadelfia in modo coerente con le sue convinzioni religiose; non cerca di imporre queste convinzioni a nessun altro”, ha scritto il presidente della Corte Suprema John Roberts nell’opinione della maggioranza. 

“Il rifiuto di Filadelfia di stipulare un contratto con il CSS per la fornitura di servizi di affidamento a meno che non accetti di certificare le coppie dello stesso sesso come genitori affidatari non può sopravvivere allo scrutinio rigoroso e viola il primo emendamento”, ha aggiunto. 

Secondo Becket, uno studio legale per la libertà religiosa che rappresenta le mamme adottive e il Catholic Social Services nel caso, 29 altre agenzie di affidamento a Philadelphia lavorano con coppie LGBTQ, e tre di queste agenzie sono certificate dalla Human Rights Campaign per il loro eccellente servizio alle famiglie LGBTQ. Lo studio ha anche detto che i servizi sociali cattolici non avevano respinto alcuna coppia dello stesso sesso prima che la città ha posto termine ai contratti. 

In un tweet, Becket ha dichiarato giovedì: “Questa è un’enorme vittoria per le eroiche mamme adottive e per #religiousfreedom. Assicura che i gruppi religiosi come i Catholic Social Services – che servono i bambini indipendentemente dalla loro razza, religione, sesso o orientamento sessuale – possano continuare il loro grande lavoro”.

All’opinione di maggioranza di Roberts si sono uniti i giudici Stephen Breyer, Sonia Sotomayor, Elena Kagan, Brett Kavanaugh e Amy Coney Barrett. Il giudice Samuel Alito ha presentato un’opinione concorrente, unita ai giudici Clarence Thomas e Neil Gorsuch. Anche Gorsuch ha presentato un’opinione concorrente, unita a Thomas e Alito, e anche Barrett ha presentato un’opinione concorrente, unita a Kavanaugh e Breyer – in parte.

Il caso – Fulton contro la  citta di Philadelphia – riguarda la più grande città della Pennsylvania che ha interrotto i suoi contratti di affidamento con Catholic Social Services perché l’agenzia basata sulla fede ha detto che non avrebbe certificato coppie dello stesso sesso per essere genitori affidatari; la politica dell’agenzia era religiosa, a causa degli insegnamenti della Chiesa sul matrimonio e la famiglia. L’agenzia inoltre non certifica coppie non sposate come genitori affidatari, indipendentemente dal loro orientamento sessuale. 

La città ha sostenuto che la politica costituiva una discriminazione secondo la sua ordinanza di non discriminazione, e non avrebbe più lavorato con il gruppo. 

Due madri affidatarie che lavoravano con l’agenzia – Sharonell Fulton e Toni Simms-Busch – hanno fatto causa alla città di Filadelfia, sostenendo che nel porre fine ai contratti la città ha violato il diritto alla libertà religiosa dell’agenzia [riconosciuto] dal Primo Emendamento della Costituzione, ndr). 

Un portavoce della città di Philadelphia non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento della CNA. 

I cattolici e i sostenitori della libertà religiosa hanno elogiato la decisione giovedì.

“La decisione di oggi proibisce la discriminazione sancita dal governo contro le agenzie religiose di adozione e affidamento a causa delle loro convinzioni sul matrimonio”, ha dichiarato Ashley McGuire, senior fellow dell’Associazione Cattolica. “Questi sforzi sono radicati in un bigottismo anti-cattolico che rifiuta di tollerare opinioni e credenze pluralistiche”.

“Per più di due secoli, le agenzie cattoliche hanno collocato con successo i bambini più a rischio in case amorevoli e per sempre. Oggi, la Corte Suprema ha giustamente affermato che la Costituzione garantisce alle agenzie basate sulla fede la libertà dalle molestie e dalle discriminazioni del governo a causa delle loro convinzioni religiose sul matrimonio”, ha dichiarato Brian Burch, presidente di CatholicVote.

Altri attivisti pro-LGBT hanno criticato la sentenza.

In una dichiarazione, Alphonso David, presidente della Human Rights Campaign, un gruppo di difesa LGBTQ, ha detto che la decisione “non nega il fatto che ogni famiglia qualificata è valida e degna – i bambini meritano una casa amorevole, attenta e impegnata”. 

Un esperto legale ha detto che la sentenza è significativa per la libertà religiosa.

Il professor Richard Garnett, un esperto del Primo Emendamento, ha detto che la sentenza “avrà un impatto significativo”.

“È sorprendente, e significativo, che i giudici più liberali della Corte si siano uniti alla decisione della Corte”, ha notato Garnett. “La sentenza di oggi illustra che il rispetto della libertà religiosa non dovrebbe essere una questione di parte, o di sinistra-destra. Tutti e nove i giudici sono d’accordo che, quando una norma si rivolge alle pratiche religiose per [esprimere] disapprovazione, o individua il nostro esercizio religioso per [imporre] oneri, è altamente sospetta”.

 

 




Facebook Comments
image_pdfimage_print