LifeSiteNews incoraggia tutti coloro che possono a donare alla campagna LifeFunder di Michelle.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo pubblicato su lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

 

Michelle de Oliveira sta affrontando una realtà straziante: il suo cancro al quarto stadio significa che probabilmente dovrà dire addio al figlio Joachim (6 anni) e al neonato dopo il parto a maggio.

La 37enne madre brasiliana ha scoperto di essere incinta lo stesso giorno in cui le è stato diagnosticato un cancro al seno metastatico l’anno scorso.

Il padre del bambino, che nel frattempo l’ha abbandonata, le ha fatto pressioni per abortire, ma ha rifiutato l’opzione di recarsi in Argentina per abortire, preferendo dare alla luce il suo bambino.

“Nonostante la terribile notizia del cancro e l’abbandono del padre del bambino, ho scelto di portare avanti la gravidanza. Da allora, con fede e affrontando molte lotte, il mio desiderio più grande è quello di poter vedere la crescita del mio bambino e di mio figlio di 6 anni”, ha detto Michelle a LifeSiteNews.

La decisione di rifiutare l’aborto è stata presa pur sapendo che il trattamento contro il cancro più leggero che avrebbe ricevuto durante la gravidanza avrebbe potuto non essere sufficiente.

Ora, all’ottavo mese di gravidanza, la signora de Oliveira si sta preparando sia alla nascita che alla morte, con i medici che hanno già iniziato le cure palliative.

Tim Jackson di LifeSiteNews ha incontrato Michelle a gennaio e dice che ha dimostrato un notevole coraggio di fronte alla povertà, all’abbandono e alla morte.

“Mia moglie ha iniziato a parlare con Michelle alla fine dell’anno scorso, dopo essere stata informata del suo caso, e da lì abbiamo lentamente appreso di più sulla sua sofferenza: aver perso la madre per cancro alcuni anni fa e ora affrontare lo stesso destino, essere abbandonata dal padre di suo figlio di 6 anni e ora dal padre del suo bambino non ancora nato, subire pressioni per abortire, e tutto questo mentre lotta per pagare i beni di prima necessità, dato che la sua capacità di lavorare è ostacolata dal trattamento del cancro”, ha spiegato Jackson.

“Ma Michelle sta affrontando queste difficoltà con spirito di sacrificio e amore per entrambi i suoi figli: sta scegliendo di dare la vita al suo bambino nonostante la sua vita sia in pericolo e potrebbe non sopravvivere. Non posso che ammirare il coraggio di questa madre che mette a disposizione la propria vita per il suo bambino”.

Mentre continua le cure palliative in attesa del bambino, Michelle ha bisogno di aiuto per pagare le spese crescenti dell’assistenza sanitaria, del latte artificiale e dei vestiti, e per garantire il futuro dei suoi figli in caso di morte.

“Sono una madre single, ora con due figli”, dice. “Tutti gli aiuti e le preghiere saranno molto apprezzati in questo momento. Quindi, vi ringrazio tutti di cuore”.

 

Aiutate l’eroica Michelle a provvedere ai suoi figli: LifeFunder

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments