Studi universitari hanno scoperto che le “donne trans” – cioè uomini – sotto terapia ormonale hanno una probabilità 46 volte più alta di soffrire di cancro al seno. Le donne con confusione di genere che assumono testosterone per effettuare la “transizione” a uomini hanno una probabilità di quasi 60 volte più alta di sviluppare il cancro al seno.

Ce ne parla Calvin Freiburger in questo articolo nella mia traduzione.

Fonte: LifeSiteNews

Bandiera LGBT

Secondo un recente studio di ricercatori olandesi, gli uomini con confusione di genere che assumono gli estrogeni ormonali per “passare” ad una “identità” femminile stanno aumentando drasticamente il rischio di cancro al seno.

Secondo la National Breast Cancer Foundation, solo ad uno su 1.000 uomini viene diagnosticato un cancro al seno. Ma lo studio, pubblicato sul British Medical Journal e condotto dai ricercatori del VU University Medical Centre di Amsterdam, ha scoperto che le “donne trans” – cioè uomini – sotto terapia ormonale avevano una probabilità 46 volte più alta di soffrire la malattia (cancro, ndr), riporta MedPage Today. Le donne con confusione di genere che assumono testosterone per effettuare la “transizione” a uomini hanno una probabilità di quasi 60 volte più alta di sviluppare il cancro al seno.

Lo studio ha seguito pazienti adulti presso la clinica del VU University Medical Centre di Amsterdam, che tratta oltre il 96% dei casi di confusione di genere nei Paesi Bassi. Sono stati osservati 2.260 uomini e 1.229 donne di genere.

“Questo suggerisce che il trattamento ormonale altera il rischio di cancro al seno nelle persone transgender rispetto al rischio iniziale in base al sesso assegnato alla nascita”, hanno dichiarato i ricercatori. Mentre la probabilità è aumentata drammaticamente, i ricercatori hanno sottolineato che i numeri assoluti sono rimasti piccoli: 18 casi su 2.260 “donne trans”, e quattro casi su 1.229 “uomini trans”.

Tuttavia, hanno riconosciuto che lo studio ha indicato che le attuali raccomandazioni di screening del cancro sono insufficienti per la confusione di genere.

“Le attuali raccomandazioni suggeriscono che le donne trans e gli uomini trans che non hanno subìto la mastectomia dovrebbero essere controllati ogni biennio con mammografia dall’età di 50 anni e se stanno usando il trattamento ormonale per più di cinque anni,” hanno detto i ricercatori. Le mammografie non sono fattibili dopo mastectomie sottocutanee, così hanno consigliato che i “trans uomini” conducano auto-esami – avvisando che non non vi è “nessuna prova dell’efficacia”.

Altre ricerche indicano che la terapia ormonale transgender porta altri rischi, in particolare tra i minori.

L’anno scorso, gli Annali di medicina interna ha pubblicato uno studio che ha rilevato che i transgender “donne” (uomini) sotto terapia ormonale avevano dall’80% al 90% più probabilità di sperimentare un ictus o un attacco di cuore rispetto alle donne reali. Altri studi hanno riscontrato che anche la cosiddetta piena chirurgia di riassegnazione di genere spesso non riesce a risolvere la accentuata tendenza degli individui con confusione di genere a mettere in atto azioni di autolesionismo e suicidio.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1