I risultati suggeriscono che l’aborto, e non altri fattori, è legato a un maggiore ricorso alle risorse per la salute mentale.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Emily Mangiaracina e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

Monumento al bambino mai nato aborto
Monumento al bambino mai nato

 

Uno studio peer-reviewed di recente pubblicazione dimostra che le donne che interrompono la loro prima gravidanza con un aborto ricorrono ai servizi di salute mentale a tassi significativamente più alti rispetto alle donne che hanno avuto un parto vivo.

Le donne che hanno dato alla luce i loro primi figli hanno effettivamente utilizzato i servizi di salute mentale a un tasso più elevato prima della gravidanza rispetto a quelle il cui primo figlio è stato ucciso attraverso l’aborto, suggerendo che l’aborto stesso aumenta i problemi di salute mentale.

Un team di esperti dell’Istituto Charlotte Lozier ha scoperto i risultati analizzando i dati delle richieste di rimborso Medicaid per oltre 4.800 donne in un periodo di 17 anni negli Stati in cui sono state presentate tutte le richieste di rimborso per quel periodo.

“In questo modo, il team ha evitato le limitazioni delle indagini che si basano sull’autodichiarazione, come la scarsa partecipazione, la perdita di follow-up e la distorsione da richiamo”, ha sottolineato lo Charlotte Lozier Institute.

I ricercatori hanno scoperto che, rispetto alle donne che hanno dato alla luce il loro primo figlio, quelle che hanno subito un aborto hanno aumentato il ricorso ai servizi di salute mentale in tre categorie:

  • Visite ambulatoriali: probabilità di aumento 3,4 volte superiore.
  • Ricoveri ospedalieri ospedalieri: probabilità di aumento 5,7 volte superiore.
  • Giorni di degenza ospedaliera: probabilità di aumento 19,6 volte superiore.

 

Tessa Longbons, ricercatrice senior di Lozier e coautrice dello studio, ha concluso: “Le prove sono chiare: l’aborto di una prima gravidanza è associato a danni sostanziali per la salute mentale delle donne. Le donne hanno il diritto di saperlo e di capire la portata di questi danni prima di prendere una decisione che cambia la loro vita”.

L’autore principale James Studnicki, Sc.D., vicepresidente e direttore dell’analisi dei dati della CLI, ha sottolineato che i risultati dell’équipe confermano gli studi condotti in Finlandia, Italia, Cina, Germania, Corea e Stati Uniti, che hanno tutti collegato l’aborto a un rischio maggiore di peggioramento dei problemi di salute mentale, tra cui ansia, depressione e suicidio.

Alcuni ricercatori insistono sul fatto che qualsiasi limite all’aborto per proteggere madri e bambini crei “danni alla salute mentale””, ha dichiarato Studnicki in una dichiarazione per la CLI. “Il nostro studio, che utilizza anni di dati sulle richieste di risarcimento, si aggiunge a un ampio corpus di dati scientifici internazionali, sottoposti a revisione paritaria, che dimostrano il contrario: l’aborto in sé ha un impatto negativo significativo su diverse misure di salute mentale”.

Gli studi sull’aborto non voluto dell’Istituto hanno rilevato che la maggior parte delle donne che hanno abortito descrivono l’aborto come indesiderato, forzato o incoerente con i propri valori, il che, come ha osservato l’Istituto, è “fortemente associato a un autodescritto declino della salute mentale”.

Un sondaggio condotto su 226 donne con una storia di aborto ha rilevato che il 33% ha definito l’aborto come voluto, il 43% come “accettato ma non coerente con i propri valori e preferenze” e il 24% come non voluto o costretto.

LifeSiteNews ha spesso riportato i risultati di ricerche secondo cui l’aborto è associato a risultati negativi per la salute mentale.

Uno studio pubblicato sul British Journal of Psychiatry ha rilevato che le donne che hanno abortito hanno avuto un aumento dell’81% del rischio di problemi di salute mentale.

La ricerca ha rivelato che l’aborto è stato associato a un aumento del 34% del rischio di disturbi d’ansia; del 37% del rischio di depressione; del 110% del rischio di abuso di alcol e del 220% del rischio di uso/abuso di marijuana.

L’aborto è stato anche collegato a un rischio maggiore del 155% di tentare il suicidio.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments