Di seguito la mia traduzione di un articolo scritto da Suzanne Burdick, Ph.D., una giornalista e ricercatrice indipendente con sede a Fairfield, Iowa, apparso su The Defender – Children’s Health Defense’s News & Views.

 

miocardite-cuore

 

Nel più ampio studio finora condotto sui decessi per miocardite correlati alla vaccinazione COVID-19, i ricercatori hanno scoperto che 100 persone in Inghilterra sono morte di miocardite subito dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19.

Lo studio, pubblicato il 22 agosto sulla rivista Circulation dell’American Heart Association, ha rilevato che più della metà (51) dei decessi si sono verificati da 1 a 28 giorni dopo aver ricevuto una dose del vaccino AstraZeneca e poco meno della metà (49) dei decessi si sono verificati da 1 a 28 giorni dopo aver ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech.

Il vaccino di AstraZeneca, non autorizzato per l’uso negli Stati Uniti, utilizza una tecnologia adenovirus simile a quella utilizzata dal vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson (J&J), o Janssen, autorizzato per l’uso di emergenza negli Stati Uniti.

Ricerche precedenti hanno sottolineato il rischio di miocardite fatale associato alla tecnologia mRNA utilizzata nei vaccini COVID-19 di Pfizer e Moderna. Questo studio ha dimostrato che la tecnologia utilizzata nel vaccino di AstraZeneca presenta un rischio simile.

Il dottor Peter McCullough, internista e cardiologo di Dallas, Texas, in un tweet del 15 settembre ha sottolineato l’importanza del nuovo studio.

 

 

“Questo studio conferma che il rischio di miocardite si estende sia ai vaccini a mRNA che a quelli adenovirus“, ha dichiarato McCullough a The Defender.

La tecnologia utilizzata nei vaccini a vettore virale di AstraZeneca e J&J, come riportato in precedenza da The Defender, induce le cellule a produrre la proteina spike, ma in modo diverso rispetto ai vaccini a mRNA.

La tecnologia utilizza un virus familiare – l’adenovirus – che è una causa comune di infezioni respiratorie. Il DNA dell’adenovirus è modificato in modo tale che, quando entra nella cellula ospite, induce i meccanismi della cellula stessa a produrre la proteina spike.

L’adenovirus è anche modificato in modo da non potersi replicare da solo, motivo per cui viene chiamato vaccino ricombinante vettoriale a replicazione difettosa.

 

Come è stato condotto lo studio

Il team di 14 ricercatori – guidato da Martina Patone, Ph.D., data scientist e statistica medica presso l’Università di Oxford – ha analizzato i dati relativi alle persone di età pari o superiore a 13 anni che sono state vaccinate contro la COVID-19 in Inghilterra tra il 1° dicembre 2020 e il 15 dicembre 2021.

Gli autori hanno valutato l’associazione tra vaccinazione e miocardite per gruppi di età e sesso diversi, monitorando i ricoveri ospedalieri e i decessi per miocardite in base all’età e al sesso e in relazione al numero di dosi di vaccino ricevute.

In Inghilterra, i tre vaccini COVID-19 somministrati all’epoca erano quelli di Pfizer, Moderna e AstraZeneca.

Circa 20 milioni di persone hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca, 20 milioni il vaccino Pfizer e poco più di 1 milione il vaccino Moderna.

Nel periodo dello studio, 345 pazienti sono stati ricoverati in ospedale per miocardite da 1 a 28 giorni dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19, hanno dichiarato gli autori.

Tra i pazienti ricoverati per miocardite che avevano ricevuto di recente il vaccino di AstraZeneca, i ricercatori hanno contato 40 decessi dovuti a miocardite da 1 a 28 giorni dopo la prima dose e 11 decessi dovuti a miocardite da 1 a 28 giorni dopo la seconda dose.

Per coloro che hanno ricevuto il vaccino Pfizer, 22 persone sono morte di miocardite entro 1-28 giorni dalla prima dose, 14 sono morte di miocardite entro 1-28 giorni dalla seconda dose e 13 sono morte di miocardite entro 1-28 giorni dalla terza dose.

I ricercatori non hanno riportato alcun caso di miocardite fatale tra coloro che avevano ricevuto di recente il vaccino Moderna.

Tuttavia, quando hanno utilizzato metodi statistici per stimare un “tasso di incidenza” per descrivere la frequenza con cui le persone hanno riportato la miocardite dopo la vaccinazione, hanno riscontrato un aumento del rischio di sviluppare la miocardite dopo tutti e tre i tipi di vaccino, soprattutto dopo una seconda dose del vaccino Moderna.

In seguito alla seconda dose del vaccino Moderna, il rapporto di rischio aumentato per lo sviluppo di miocardite è stato di 11,76 (95% CI, 7,25-19,08).

Gli uomini di età inferiore ai 40 anni, come gruppo, hanno mostrato un aumento del rischio di miocardite dopo tutti e tre i tipi di vaccino.

Dopo la prima dose del vaccino Pfizer, il rapporto di rischio aumentato per gli uomini di età inferiore ai 40 anni era di 1,85 (95% CI, 1,30-2,62). È aumentato a 1,93 (95% CI, 1,51-2,45) dopo la seconda dose e a 1,89 (95% CI, 1,34-2,67) dopo la terza dose.

Allo stesso modo, i ricercatori hanno riportato un elevato aumento del rapporto di rischio di 3,06 (95% CI, 1,33-7,03) dopo la prima dose di vaccino Moderna per gli uomini sotto i 40 anni. Il rischio è salito a 16,83 (95% CI, 9,11-31,1) dopo una seconda dose. Dopo una terza dose, l’aumento del rapporto di rischio è stato di 3,57 (95% CI, 1,48-8,64).

Tra gli uomini sotto i 40 anni che hanno ricevuto il vaccino di AstraZeneca, il rapporto di rischio aumentato per la miocardite dopo la prima dose è stato di 1,33 (95% CI, 1,03-1,72) e dopo la seconda dose di 1,26 (95% CI, 0,96-1,65).

Il team ha dichiarato che i risultati ottenuti consentiranno “una discussione informata sul rischio di miocardite associata al vaccino”.

Sebbene questo studio sia importante perché presenta la più ampia serie pubblicata di casi di miocardite fatale e li collega sia al vaccino mRNA che al vaccino adenovirus COVID-19, McCullough ha affermato che un’altra delle sue conclusioni è “fuorviante”.

 

I ricercatori affermano in modo fuorviante un elevato rischio di miocardite da infezione da COVID

Nello studio, il team di Patone ha cercato di confrontare il rischio di contrarre una miocardite a causa della vaccinazione con il rischio di contrarre una miocardite a causa di un’infezione da SARS e ha concluso che un’infezione da SARS-CoV-2 comportava un rischio più elevato di miocardite rispetto al rischio associato al vaccino COVID-19. I ricercatori hanno concluso che, in generale, “il rischio di ospedalizzazione o di morte per miocardite era più elevato dopo l’infezione da SARS-CoV-2 [COVID].

Hanno concluso che, in generale, “il rischio di ospedalizzazione o morte per miocardite era più alto dopo l’infezione da SARS-CoV-2 [COVID-19] rispetto alla vaccinazione”.

McCullough ha detto che questa conclusione è falsa. “Si preoccupa falsamente la gente che potrebbe contrarre la miocardite con un’infezione respiratoria”, ha detto.

McCullough ha aggiunto:

“Il documento di Patone è fuorviante perché si basa sui codici ICD [International Classification of Diseases] dei pazienti ricoverati con COVID, che non hanno una miocardite accertata come i pazienti ambulatoriali”.

I codici ICD, ha detto, sono la fonte automatizzata di dati ospedalieri che il team di Patone ha usato per determinare se una persona ha avuto una miocardite.

McCullough ha citato questo riferimento nella sezione dei metodi dello studio:

“L’esito primario di interesse era il primo ricovero ospedaliero causato dalla miocardite o il decesso registrato sul certificato di morte con il codice della Classificazione internazionale delle malattie, decima revisione (Tabella S1) relativo alla miocardite entro il periodo di studio (dal 1° dicembre 2020 al 15 dicembre 2022). Abbiamo utilizzato la prima data di ricovero o di morte come data dell’evento”.

I codici ICD sono attivati dalla misurazione della troponina cardiaca in ospedale, ma la misurazione della troponina cardiaca da sola potrebbe non essere un indicatore di miocardite effettiva, secondo McCullough.

“Il motivo per cui i pazienti del gruppo COVID sono ricoverati in ospedale è dovuto a COVID”, ha detto. “Non c’è alcun accertamento [che dimostri che si tratta di un caso effettivo di miocardite]. Non c’è alcuna indicazione che sia stata fatta una risonanza magnetica cardiaca”.

McCullough ha continuato:

“Ora, per i casi di miocardite da vaccino, la pratica clinica abituale prevede elettrocardiogrammi, troponine, ecografie, risonanze magnetiche cardiache – quindi vi garantisco che i casi di miocardite da vaccino [nello studio] sono casi di miocardite vera e propria, mentre i casi COVID non lo sono”.

Citando uno studio del JAMA del 2021, McCullough ha spiegato come l’idea che l’infezione da COVID-19 metta le persone ad alto rischio di miocardite non sia supportata dalla ricerca.

Poiché le ricerche condotte all’inizio degli anni ’90 avevano dimostrato che i coronavirus potevano causare miocardite, quando nel 2020 è emerso il SARS-CoV-2 (il virus che causa l’infezione da COVID-19) i ricercatori erano comprensibilmente preoccupati che potesse causare miocardite.

Un team di 20 ricercatori ha quindi condotto nel 2021 uno studio su 1.597 atleti sottoposti a screening per la miocardite e che avevano un’infezione da COVID-19. Hanno pubblicato i loro risultati su JAMA, dimostrando che l’infezione da COVID-19 aveva un’associazione trascurabile con la miocardite, con meno del 3% di atleti colpiti da miocardite e nessuna segnalazione di ricoveri o decessi dovuti alla miocardite.

Gli autori dello studio JAMA hanno dichiarato che:

“In questo studio di coorte su 1597 atleti agonisti statunitensi con screening CMR dopo l’infezione da COVID-19, a 37 atleti (2,3%) è stata diagnosticata una miocardite clinica e subclinica”.

“Quindi sappiamo da ampi studi sull’infezione respiratoria [COVID-19]”, ha detto McCullough, “che il rischio di miocardite è trascurabile”.

Al contrario, dai dati dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) sappiamo che la miocardite è associata alla vaccinazione contro il COVID-19, ha affermato McCullough. “Il conteggio dei casi negli Stati Uniti che il CDC sta confermando al 2 settembre è di 8.812 casi di miocardite o pericardite”, ha detto McCullough.

E ha aggiunto:

“Si tratta di un numero enorme e sappiamo dai documenti di Tracy Hoeg, M.D., Ph.D., che la maggior parte di questi casi di miocardite richiede l’ospedalizzazione”.

“Come cardiologo, direi che nessun caso di miocardite è lieve, transitorio o insignificante. Tutto ciò è di estrema importanza, poiché segna il cuore. Un caso di miocardite indotta da vaccino è troppo”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments