E’ apparso su una rivista medica la Jama, un articolo che afferma che l’ivermectina non ha alcun effetto significativo sulla riduzione della progressione della malattia grave nei pazienti ad alto rischio con Covid.  Il Prof. Norman Fenton, dopo che lo hanno fatto anche altri, smonta questa conclusione e, anzi, proprio partendo dai dati riportati dall’articolo, conclude dicendo che l’ivermetina è efficace.

Il prof. Norman Fenton, matematico, è Professore di Risk Information Management alla Queen Mary University di Londra, con focus sui modelli Bayesiani, e direttore di Agena, un’azienda specializzata nella gestione dei rischi per i sistemi critici. L’articolo è stato pubblicato sul suo blog ed io ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

ivermectina

 

Alex Berenson ha pubblicato un articolo gongolante che cita un nuovo studio – pubblicato su JAMA (il Journal of the American Medical Association) – che sostiene di dimostrare che l’ivermectina non ha alcun effetto significativo sulla riduzione della progressione della malattia grave nei pazienti ad alto rischio con Covid (e si noti la frecciatina gratuita al dottor Robert Malone).

Ecco l’abstract grafico dell’articolo di JAMA che descrive lo studio con l’uso ridicolo di grafici a torta a ciambella per confrontare le percentuali per riassumere il loro “risultato principale”:

Ma si scopre che l’articolo di JAMA è ancora un altro esempio di ciò che può essere chiamato solo frode editoriale scientifica (trovate simili sono state usate per screditare l’uso dell’idrossiclorochina come spiegato qui) (io ne parlai qui, ndr). L’articolo principale offusca gli esiti del risultato a cui siamo più interessati: se quelli a cui è stata data l’ivermectina avessero meno probabilità di morire rispetto a quelli del gruppo di controllo.

Come sottolineato su twitter da Jikky Kjj e Massimaux in un tweet di risposta a Pierre Kory (e in questo articolo di Jessica Rose) solo 3 dei 241 pazienti a cui è stata data l’ivermectina (1,24%) sono morti rispetto a 10 dei 249 pazienti del gruppo di controllo (4,02%).

Usando l’approccio standard (ma inutile e arbitrario) “p-value” alla significatività statistica, questo cade appena sotto il livello richiesto per affermare che il risultato è “significativo”. Questa informazione sulla mortalità è crudamente sepolta in un paragrafo a pagina 10 di 12 del documento e non è menzionata nell’abstract, nei risultati o nelle conclusioni:

 

Notate la ridicola affermazione “Il ..tasso di mortalità era simile per i gruppi di ivermectina e di controllo”. In realtà, non c’è nulla di “simile” su di essi per nulla. Un’analisi bayesiana dei dati** (supponendo un’assunzione preventiva uniforme per la probabilità di morte in ciascuno dei gruppi ivermectina e controllo) si traduce in un rapporto di rischio con valore mediano 0,356 e 95% range 0,096 a 1,046. La probabilità che il rapporto di rischio sia inferiore a 1 è poco meno del 97% (è il 96,88%). In termini più semplici, si può interpretare come una probabilità del 97% che il tasso di mortalità reale per i pazienti che prendono l’ivermectina sia inferiore a quello di quelli che non la prendono. E giocando al gioco dei ridicoli grafici a torta a ciambella, ecco come appare uno dei grafici per la morte (che loro non hanno incluso (ma che introduce il prof. Fenton, ndr)):

Mentre il documento contiene molte tabelle con alcune informazioni bizzarramente inutili, i dettagli cruciali sulla mortalità (tranne la dichiarazione offuscata) non sono affatto nel documento principale. Dovete andare online e trovare il Supplemento 2 e cercare la eTable 6*:

A differenza del documento principale, questa tabella espone chiaramente i dati di mortalità e include anche la mortalità per stato di vaccinazione. Perché questo non è stato incluso? Inoltre questo supplemento, così come l’articolo completo, non sembrano essere ‘open access’ – ho potuto accedervi solo attraverso un abbonamento universitario. Solo l’abstract, con i suoi risultati fuorvianti, è generalmente accessibile. Così persone come Alex Berenson (e altri che cercano di screditare le terapie precoci per la Covid) sono in grado di pubblicizzare ampiamente informazioni fuorvianti a un pubblico ignaro che generalmente non è in grado di vedere i risultati reali da solo.

JAMA deve essere ritenuto responsabile per aver pubblicato l’articolo in questa forma – nascondendo deliberatamente i risultati più importanti.

Qui c’è un breve video che ho fatto spiegando i problemi con lo studio (i problemi sono generici e siccome è su youtube ho dovuto evitare di menzionare l’Ivermectina o il Covid altrimenti sarebbe stato immediatamente bannato):

 


Aggiornamento: Steve Kirsch ha scritto un articolo al riguardo.


*È anche interessante notare che l’articolo ignora il fatto che questo studio controllato randomizzato correttamente non mostra davvero una diminuzione significativa della mortalità per i pazienti completamente vaccinati (7 morti su 254) rispetto ai mai vaccinati (5 su 159).

 

*******************

 

Fin qui l’articolo del prof. Norman Fenton. Egli nella parte finale ha citato l’articolo di Steve Kirsch, da cui prendo solo alcune parti. Eccole:

Interpretazione dei dati

Ci sono quindi cinque risultati da trarre dallo studio:

  • L’efficacia del vaccino nel mondo reale è piuttosto ridotta. Se ti sei vaccinato, hai ridotto le tue possibilità di morte di appena il 24%. Tuttavia, lo studio NON ha esaminato la mortalità per tutte le cause del vaccino (ha arruolato solo persone che sono sopravvissute al vaccino), quindi la piccola riduzione del rischio assoluto che si ottiene da una riduzione del rischio relativo del 24% (circa il 24% di .25% =.06% di beneficio) è inferiore al rischio assoluto di morire per il vaccino (circa .2%). Vedi Incriminating Evidence per i dettagli su questo.
  • Se non sei stato vaccinato (cosa che non dovresti essere), l’ivermectina ha ridotto la tua probabilità di morte del 72%. Quindi era 3 volte più efficace del vaccino. Ma il rischio dell’ivermectina è trascurabile, quindi il rapporto rischio-beneficio è estremamente favorevole. L’ivermectina ha una dimensione dell’effetto tripla (beneficio) ed è più di 100.000 volte meno rischiosa rispetto al rischio di morte, non uccidendo nessuno (rispetto alle oltre 200.000 persone del vaccino). Quindi è la scelta chiara. È l’unica scelta razionale.
  • Il vaccino ha fornito un PICCOLO beneficio incrementale se li hai presi entrambi (10% di rischio in meno), ma è un controsenso perché l’analisi rischio-beneficio non supporta l’uso del vaccino.
  • Se vogliamo ridurre le morti, l’ivermectina è la strada da seguire. Evitare completamente il vaccino.
  • Non c’è modo di avere un documento come questo con 431.000 visualizzazioni e solo due commenti. Questo implica che praticamente tutti i commenti erano contro-narrativi e sono stati censurati dalla vista pubblica. Questo di per sé è sbalorditivo.

Si noti che i protocolli multi-farmaco che usano l’ivermectina sono molto meglio della sola ivermectina. Per esempio, il protocollo di Fareed Tyson ha trattato 10.000 persone senza morti, mentre in questo studio, 1 delle 75 persone non vaccinate che hanno ricevuto l’ivermectina è morta (1,3%). I protocolli multi-farmaco sono chiaramente la strada da seguire.

 

Facebook Comments