Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Martin Barillas e pubblicato su Catholic News Agency. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Polonia-Castellanos
Polonia Castellanos

 

Un numero crescente di cattolici continua a sfidare il governo socialista spagnolo pregando pubblicamente il rosario per il Paese che si trova ad affrontare turbolenze spirituali, politiche ed economiche che, secondo un avvocato pro-vita, derivano da una crisi di valori e da una chiara persecuzione contro la Chiesa cattolica.

La CNA ha recentemente intervistato Polonia Castellanos, un importante avvocato che ha recentemente difeso i cattolici arrestati per aver recitato il rosario fuori da una chiesa di Madrid. Gli Avvocati Cristiani di Spagna (AbogadosCristianos.es), fondati da Castellanos, hanno presentato una denuncia contro il governo municipale di Madrid sostenendo che ha abusato della sua autorità inviando la polizia per fermare la preghiera pubblica fuori dalla chiesa del Cuore Immacolato di Maria.

Il team legale della no-profit ha affermato che il governo cittadino “non ha l’autorità di limitare un diritto fondamentale, che è il diritto alla libertà religiosa”. Castellanos ha dichiarato alla CNA: “Questo governo ha iniziato una vera e propria persecuzione dei cristiani. Non ci scoraggeranno. Questo governo manda in prigione persone pacifiche per aver semplicemente pregato, mentre annulla ogni tipo di condanna penale per i suoi partner”.

Le manifestazioni del Rosario nel Paese hanno coinciso con proteste su larga scala contro una legge di amnistia che il governo ha offerto a socialisti e comunisti per il fallito tentativo del 2017 della Catalogna di secedere dal resto della Spagna.

Su iniziativa di José Andrés Calderón, un giovane studente di legge spagnolo, centinaia di cattolici si sono riuniti ogni giorno nella chiesa del Cuore Immacolato di Maria. La folla si è radunata fuori dalla chiesa per tutto il mese di novembre e continua a crescere in concomitanza con le feste dell’Immacolata Concezione e dell’Avvento. Anche in almeno altre 50 città spagnole l’8 dicembre i cattolici si sono riuniti per recitare il rosario.

Il 28 novembre, Calderón è stato arrestato dalla polizia e multato. Ha fatto notare che il governo spagnolo ha reso illegale pregare sia vicino alla chiesa che all’obitorio DATOR, anch’esso a Madrid. Calderón ha dichiarato ad ACIPrensa, il notiziario in lingua spagnola della CNA, che i cattolici “non dovrebbero avere paura di adorare Dio e venerare la sua purissima Madre”.

Calderón ha detto che da quando è stato fondato Avvocati Cristiani, nel 2008, la situazione è peggiorata.

“L’aborto è più radicale, l’eutanasia è più radicale; i cattolici sono costantemente attaccati”, ha detto. “Sono state lanciate bombe contro una chiesa; sacerdoti e suore sono stati aggrediti… Quando siamo stati insultati o offesi, o quando le nostre croci sono state distrutte, non abbiamo detto nulla. È perché non abbiamo detto nulla che ora ci troviamo in questa situazione”, ha sottolineato.

La Castellanos ha detto che il suo studio ha presentato almeno 100 casi in tribunale per difendere la libertà religiosa e i monumenti cattolici. Teme per il futuro delle sue quattro figlie, tra cui una di 10 mesi, e che la Spagna possa presto assomigliare a Cuba o al Venezuela.

“È per questo che lo faccio. È mio dovere lasciare un mondo migliore alle mie figlie. La prima cosa che io e mio marito facciamo è insegnare loro a cercare di rendere il mondo un posto migliore. È nostro dovere di genitori che, quando non ci saremo più, vivano in un mondo che rispetti la vita umana e la famiglia, con la consapevolezza che una famiglia è quella formata da un uomo e una donna; dove la storia, le radici cristiane e l’eredità della Spagna siano rispettate, e che non siamo perseguitati semplicemente per il fatto di essere cattolici”, ha detto Castellanos.

Castellanos ha detto alla CNA che il governo “non rispetta la legge e la cambia secondo i suoi capricci. Abbiamo presentato una denuncia contro il governo di Madrid perché ha emesso un ordine senza alcuna giustificazione – semplicemente perché è una dittatura. Stiamo resistendo appellandoci alla legge, perché non possono vietarci di pregare pacificamente per strada solo perché lo dice il governo”.

“Ci sono molte volte in cui la Vergine Maria è venuta in aiuto della Spagna”, ha detto Castellanos, “e siamo certi che ci aiuterà anche adesso”.

“Il governo socialista vuole mettere alcune persone al di sopra della legge, che possono infrangere la legge senza subire sanzioni”, ha continuato. “Ha condonato gravi reati di sedizione, narcotraffico, riciclaggio di denaro per alcune persone che possono commettere reati. L’unica richiesta è che continuino a votare per il presidente [Pedro] Sánchez. Questo non solo è illegale, ma discrimina anche gli spagnoli che non hanno commesso crimini così gravi, ma devono comunque pagare”.

Castellanos ha detto che “la crisi economica della Spagna è arrivata in seguito a una crisi di valori”, affermando che l’aborto e l’eutanasia hanno portato all’invecchiamento della popolazione e al declino economico che non sono stati affrontati dai partiti politici. Facendo appello all’aiuto, Castellanos ha chiesto al mondo di prendere atto della situazione della Spagna.

“Tenete la Spagna nelle vostre preghiere perché la situazione è difficile”, ha detto. “Le persone vengono imprigionate per aver recitato il rosario, ma stupratori, pederasti e secessionisti vengono liberati. Pregate per la Spagna e per il popolo spagnolo. Abbiamo Dio e la Madre Maria al nostro fianco. La Spagna è la terra della Vergine Maria, ma stiamo combattendo una battaglia molto dura”.

Martin Barillas 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments