Suor Jeannine Gramick ha sostenuto che l’insegnamento cattolico che condanna gli atti omosessuali come “intrinsecamente disordinati” “cambierà inevitabilmente” e che pensare che non cambierà è “semplicemente sbagliato”.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Michael Haynes, pubblicato su Lifesitenews. Eccolo nella mia traduzione. 

 

 

Una suora pro-LGBT di spicco, che ha ricevuto ripetuti elogi da Papa Francesco, ha sostenuto che l’idea che la Chiesa cattolica non possa cambiare il suo insegnamento sull’omosessualità “è semplicemente sbagliata”.

Scrivendo sull’eterodosso National Catholic Reporter, sr. Jeannine Gramick – cofondatrice del gruppo dissidente LGBT New Ways Ministry – ha continuato a sostenere per tutta la vita l’ideologia omosessuale e LGBT, una difesa che è sempre stata in opposizione all’insegnamento cattolico.

La Gramick ha una lunga storia di dissenso dall’insegnamento cattolico sull’omosessualità e sull’aborto ed è stata ufficialmente messa a tacere dal Vaticano nel 1999, un ordine che ha ignorato. Nel 2010, la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB) ha dichiarato che il New Ways Ministry “non ha alcuna approvazione o riconoscimento da parte della Chiesa cattolica” per parlare di questioni LGBT.

Nel suo articolo su NCR, la Gramick ha usato i recenti commenti di Francesco contro le leggi anti-sodomia come trampolino di lancio per un nuovo attacco all’insegnamento della Chiesa cattolica sull’omosessualità.

 

L’idea che l’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità non può cambiare “è semplicemente sbagliata”.

La Chiesa cattolica insegna che “gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati” e “contrari alla legge naturale”. Il catechismo è molto chiaro sul fatto che l’attività omosessuale non può mai essere approvata e ripete che “le persone omosessuali sono chiamate alla castità”.

Citando questo linguaggio, Gramick ha sostenuto che “insieme a molti altri cattolici, compresi i vescovi, credo che il linguaggio “disordine” debba essere rimosso dal catechismo e dall’insegnamento ufficiale della Chiesa”.

“Mentre alcuni diranno che la Chiesa non può mai cambiare il suo insegnamento, compreso quello sessuale, questa idea è semplicemente sbagliata”, ha dichiarato, citando un discorso tenuto da Francesco nel 2017 per difendere questa posizione.

Nel suo discorso, Francesco ha sostenuto che la dottrina deve “svilupparsi” lontano da “interpretazioni rigide e immutabili”. La Gramick si è rallegrata di ciò, affermando che le parole di Francesco erano in linea con quanto lei e i suoi colleghi sostenitori LGBT desideravano:

È proprio questo sviluppo della dottrina che i cattolici LGBTQ e i loro alleati chiedono. Non vogliono un’interpretazione “rigida e immutabile” dell’etica sessuale che sarebbe “avvilente per l’opera dello Spirito Santo” nelle loro vite e nella vita della Chiesa.

Ha presentato una sintesi dell’avanzata dell’ideologia LGBT all’interno della Chiesa negli ultimi decenni, culminata con l’attuale Sinodo sulla sinodalità che ha messo in evidenza le richieste di “inclusione radicale” dell’ideologia LGBT.

Tali correnti di pensiero, ha scritto la Gramick, hanno fatto sì che “le persone LGBTQ e i cattolici seriamente pensanti… ignorassero sempre più l’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità e sul genere”.

La Gramick ha elogiato questo stato di cose. Ha aggiunto che “questi cattolici credono che la morale basata su conoscenze obsolete sia sbagliata, sia che venga applicata a persone eterosessuali, omosessuali o transgender”.

 

Citazioni errate di testi vaticani per difendere l’omosessualità

Gramick ha anche citato selettivamente il documento Persona Humana della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) del 1975, affermando che il documento accettava che “alcune persone lesbiche e gay ‘sono definitivamente tali a causa di una sorta di istinto innato’. Questo ‘istinto innato’ implicherebbe che i sentimenti omosessuali sono del tutto naturali per alcune persone”.

Sebbene Persona Humana usi le parole “istinto innato”, lo fa in un modo molto diverso da quello proposto da Gramick. Il documento distingue tra le persone che sperimentano tentazioni omosessuali a causa di una cattiva educazione o abitudine e gli “omosessuali che sono definitivamente tali a causa di un qualche tipo di istinto innato o di una costituzione patologica giudicata incurabile”.

Di quest’ultimo tipo, la CDF ha scritto che alcuni suggeriscono che tale “istinto innato” giustifichi le attività omosessuali. Tuttavia, ha respinto questa proposta, affermando che mentre la “colpevolezza” di queste persone deve essere giudicata “con prudenza”, non c’è alcun argomento pastorale o morale che giustifichi gli atti omosessuali:

Ma non si può utilizzare alcun metodo pastorale che dia una giustificazione morale a questi atti sulla base del fatto che sarebbero consoni alla condizione di queste persone. Infatti, secondo l’ordine morale oggettivo, le relazioni omosessuali sono atti che mancano di una finalità essenziale e indispensabile.

Nella Sacra Scrittura sono condannati come una grave depravazione e persino presentati come la triste conseguenza del rifiuto di Dio. Questo giudizio della Scrittura non ci permette ovviamente di concludere che tutti coloro che soffrono di questa anomalia ne siano personalmente responsabili, ma attesta il fatto che gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati e non possono in nessun caso essere approvati.

Persona Humana afferma inoltre che: “Non vi può essere vera promozione della dignità dell’uomo se non si rispetta l’ordine essenziale della sua natura”.

Nel 1986, la CDF ha pubblicato un documento che istruisce i vescovi sulla cura pastorale delle persone omosessuali. La CDF ammoniva i vescovi a garantire che essi, e qualsiasi “programma pastorale” nella diocesi, “affermassero chiaramente che l’attività omosessuale è immorale”.

Nella sua prima lettera ai Corinzi, San Paolo afferma che le azioni omosessuali sono peccaminose, spiegando che “né i fornicatori, né gli idolatri, né gli adulteri” “erediteranno il regno di Dio”, ma piuttosto, secondo la sua lettera ai Romani, coloro che praticano l’omosessualità riceveranno “nella loro persona la giusta pena per il loro errore”.

 

L’insegnamento della Chiesa “cambierà inevitabilmente

Nonostante il suo travisamento dell’insegnamento della Chiesa, la Gramick era convinta che tale insegnamento avrebbe presto fatto eco alla sua stessa difesa dell’LGBT. “L’insegnamento della Chiesa sulla sessualità cambierà inevitabilmente”, ha affermato, “ma, come in passato, questo cambiamento non avverrà abbastanza rapidamente per alcuni o senza grande angoscia per altri”.

La Gramick non ha delineato i cambiamenti specifici che vorrebbe vedere all’interno della Chiesa sulla questione.

Tuttavia, dopo il responso della CDF del marzo 2021 contro le “benedizioni” dello stesso sesso, Francesco ha rilasciato una serie di dichiarazioni che lodano e sostengono i sostenitori dell’ideologia LGBT e delle unioni civili tra persone dello stesso sesso.

In particolare, nel 2021 Francesco ha scritto una serie di lettere a Gramick e al direttore esecutivo del New Ways Ministry, Francis DeBernardo. Il gruppo ha pubblicato le lettere come mossa politica per dimostrare il sostegno papale di cui godeva dopo che la Segreteria generale del Vaticano per il Sinodo dei vescovi aveva inizialmente rimosso un video di New Ways Ministry dall’elenco delle risorse fornite per il Sinodo pluriennale sulla sinodalità. Il video è stato poi ripristinato dopo che la Segreteria si è scusata alla luce del sostegno del Papa al gruppo.

Consolidando il suo sostegno alla NWM, Francesco ha scritto di nuovo il 10 dicembre 2021, nel bel mezzo della controversia mediatica sul video, lodando la Gramick per i suoi “50 anni di vicinanza, di compassione e di tenerezza”.

Michael Haynes

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments