La lettera che l’Arciv. Viganò ha inviato al presidente Trump riguardo al “grande reset” ha avuto una certa eco. Riporto la riflessione che padre Dwight Longenecker ha scritto sul suo blog. Ve la riporto nella mia traduzione. 

 

 

La settimana scorsa si è parlato molto dell’ultima lettera che l’arcivescovo fuggiasco Viganò ha inviato al presidente Trump, in cui Viganò mette in guardia dal “Grande Reset”, una cospirazione globale per resettare l’economia mondiale e istituire uno Stato totalitario globale. Potete leggere la lettera e un resoconto abbastanza obiettivo su di essa qui e potete leggere la prevedibile copertura mediatica mainstream della lettera qui.

Ho letto la lettera e ho letto alcuni articoli sul sogno del World Economic Forum (WEF) di un nuovo ordine economico. Se le cospirazioni sono affari segreti, non sembra che ci siano molti segreti. La rivista Time ha pubblicato una storia di copertina sul “grande reset” e i leader del WEF sono in video a discutere su come la pandemia fornisca la scusa perfetta per introdurre il controllo della popolazione, il monitoraggio e l’introduzione di un collasso economico dal quale potrebbe emergere il nuovo ordine economico.

Sto anche leggendo il nuovo libro di Rod Dreher, Live Not By Lies, in cui Dreher discute in dettaglio i progressi compiuti dalle aziende informatiche nel controllo quotidiano e nell’influenza della nostra vita. Parla anche del sistema di “credito sociale” di controllo già in vigore in Cina e lo vede come un modello per la crescente manipolazione da parte di poteri nefasti.

Tutto questo è roba interessante, e come i lettori del mio blog sapranno, sono affascinato dalle teorie cospirative di ogni tipo. Sono sempre scettico nei confronti di esse per ragioni di buon senso, ma anche interessato ad esse per quello che rivelano su di noi, le nostre percezioni della realtà, il nostro bisogno di sentire che qualcuno, da qualche parte, ha il controllo e che chiunque sia “là fuori” è in definitiva una forza malvagia usata dai poteri oscuri.

Nel mettere in evidenza queste cose non sto necessariamente liquidando tutte le teorie di cospirazione come l’immaginazione oscura di una mente febbrile. Penso che spesso lo siano – soprattutto quando le persone diventano ossessionate da loro, ma quasi sempre le teorie di cospirazione hanno solo prove e verità sufficienti per essere convincenti. Il fatto che siano presumibilmente segreti è un motivo in più per essere sospettosi e se non ci sono prove sufficienti diventa una prova di quanto fossero bravi i cattivi a coprire le cose.

Detto questo, cosa penseremo della lettera dell’arcivescovo Viganò e della minaccia del “Grande Reset”? Innanzitutto, come ho scritto, non sembra essere un gran segreto. Il WEF è aperto al desiderio di questa iniziativa globale. Non ho dubbi che abbiano i contatti all’interno dei governi mondiali e del sistema finanziario per cercare di ingegnerizzare e manipolare le cose per cercare di realizzare questo obiettivo. Non ho nemmeno dubbi sul fatto che anche i leader dell’istruzione e della Chiesa siano presenti per sostenere un tale sistema. Il Vaticano, sotto Papa Francesco, sembra avere certamente alcuni attori influenti che si fanno portavoce di tutte le cose che ci si aspetterebbe da un sogno così utopico:

-ambientalismo “Il nuovo mondo che creeremo sarà autentico, creativo e positivo dal punto di vista ambientale!”

-diritti umani “Tutti saranno amati e valorizzati!”

-collettivismo: “Ci sarà un reddito garantito. La povertà sarà eliminata!”

-distruzione della famiglia: “Ci sono molti tipi di famiglia. Tutti sono buoni!”

-proprietà condivisa: “Nessuno possiederà nulla. Tutti condivideremo”.

-ecumenismo e multireligiosità: “Una voce uguale per tutte le religioni! Spiritualità globale!”

comunismo: “La Cina è buona. I cinesi stanno indicando la via da seguire”.

Quindi penso che gli avvertimenti di Vigano siano appropriati? Sì. L’evidenza è che ci sono dei progetti per questo tipo di nuovo ordine mondiale.

Penso che sia una vasta cospirazione segreta architettata da persone ricche e potenti? Non proprio. È questo che fanno i ricchi e i potenti, no? Si riuniscono con altre persone ricche e potenti per diventare più ricche e potenti. Si riuniscono per creare un unico governo mondiale e controllare il mondo intero. Questo è, in effetti, ciò che i ricchi e i potenti hanno fatto dopo la Torre di Babele. In realtà, questo è il modo in cui il mondo intero è stato governato fin dal primo giorno. Il modo di fare del mondo si è sempre comportato (a volte in microcosmo nelle nostre famiglie). L’umanità in ribellione contro Dio ha sempre cercato, sotto l’influenza del Signore di questo Mondo, di controllare questo mondo e di sottometterlo al Principe delle Tenebre.

Questa non dovrebbe essere una novità per i cristiani. Infatti, è ciò contro cui lottiamo da quando il Signore Gesù Cristo è venuto su questa terra per stabilire il suo regno, che, tra l’altro, ci ha insegnato che “non è di questo mondo”. Fin dall’inizio non abbiamo combattuto “contro la carne e il sangue, ma contro i Principati e le Potestà… le forze spirituali nelle regioni celesti”.

Se vediamo emergere una sorta di governo globalista non dovremmo sorprenderci. Questa è la battaglia di una volta. Satana non dorme mai.

D’altra parte sono anche incline a fare un respiro profondo e a guardare e aspettare. I sognatori utopici dell’unico governo mondiale e del nuovo sistema economico sottovaluteranno probabilmente la recalcitranza e il buon senso della gente comune. Le manifestazioni anti-lockdown in Europa sono un accenno alla resistenza che un tale nuovo sistema incontrerà. I sognatori utopici parlano e sognano e pianificano tra loro. Gli elitisti non capiscono mai veramente l’uomo comune che tanto disprezzano e desiderano conformarsi ai loro desideri. Alla fine, vince la gente comune. Il crollo del comunismo dimostra che alla fine prevalgono gli uomini e le donne comuni e i movimenti locali.

Ci sarà anche molta sofferenza, ma la Torre di Babele crolla sempre.

Penso che esista un sogno così globalista e che ci siano forze per cercare di farlo funzionare? Avrebbe senso. Penso che ci riuscirà? Sono dubbioso. Ci sono semplicemente troppe parti in movimento per farlo funzionare. Ci sono troppi elementi imprevedibili, troppe variabili. Ci sono troppe persone e organizzazioni che non collaboreranno e che scivoleranno fuori dalla rete. Certo, un sacco di gente comune sarà una stupida pecora e asseconderà qualsiasi cosa i loro padroni diranno loro, ma c’è un sacco di gente che non lo farà – e che ne è delle moltitudini di persone nel mondo in via di sviluppo? Anche loro saranno messi in riga sotto il comando dei padroni del mondo? Come faranno in modo che ciò avvenga?

D’altra parte, le Scritture ci insegnano che alla fine dei tempi apparirà l’Anticristo e al suo fianco ci sarà il falso profeta. Un leader mondiale apparirà e sarà allineato con un maestro spirituale, e che questi saranno i segni che indicano il ritorno del Signore. È possibile che stiamo entrando in una crisi del genere? Potrebbe essere, ma la storia ha dimostrato che ci sono stati molti anticristi e falsi profeti che hanno cercato di stabilire il loro “nuovo ordine mondiale”. Inoltre, il diavolo esagera sempre con la sua mano. La gente va avanti bevendo il kool-aid (bevanda che si ottiene sciogliendo una polverina, ndr) e accettando la propaganda e credendo alle menzogne, poi si spinge troppo oltre e la gente comune si sveglia e dice: “Aspetta. Fermati lì. Ho capito cosa stai facendo. Io non ne faccio parte. Infatti, io e molte persone come me, resisteremo”.

La visione del mondo che i credenti devono mantenere è la vera convinzione che questa non è la nostra casa. Il Paradiso lo è. Qui siamo pellegrini. Siamo guerrieri della natura selvaggia. Vedete, ogni forma di utopismo (e non fatevi illusioni, i sognatori del Grande Reset sono utopisti classici) si basa sulla convinzione che non ci sono né paradiso né inferno e che dobbiamo quindi creare il nostro paradiso qui sulla terra. Credere in un’utopia è sempre anticristiano e ateo. Per questo attaccano la Chiesa e i cristiani.

Ecco perché tutti i sogni utopici finiscono sempre nel totalitarismo – perché se vuoi creare un’utopia devi avere a che fare con quelle “persone arretrate e testarde” … tutti i deplorevoli che si aggrappano alle loro armi e alla loro religione. Le persone che credono in un’utopia devono, quindi, reprimere coloro che esitano e rifiutano di unirsi ai pianificatori e ai sognatori ad occhi aperti. 

Tuttavia, se crediamo che il regno di Cristo non sia di questo mondo, e se cerchiamo una città celeste il cui costruttore e creatore è Dio, allora non diventeremo dei fanatici dei sogni utopici e totalitari.

Quindi, a questo punto la nostra risposta è quella che è stata negli ultimi duemila anni. State attenti. Guardate e pregate e siate vigili. Sappiate che questo è il modo in cui va il mondo e che qui siamo stranieri e di passaggio. Vivete oggi come se lo status quo continuasse felicemente, ma vivete oggi anche pronti nella preghiera con gli occhi fissi non sui problemi di questo mondo, ma sul Signore Gesù – il Re dell’Universo – che vive e regna nei secoli dei secoli. Se verrà il momento in cui scenderanno le tenebre, pregate perché abbiate il coraggio di difendere ciò che è giusto.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email