Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Emily Mangiaracina e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

Emily Mangiaracina

 

Chloe Cole ha supplicato i legislatori di porre fine alle “transizioni” sessuali per i bambini, testimoniando i “danni irreversibili e per tutta la vita” causati dai suoi tentativi di transizione.

 

Chloe Cole, ex [persona] confusa sul suo genere (percezione personale del proprio sesso, ndr) e ora “detransitioner” (che ha fatto il percorso inverso rispetto alla transizione di genere, ndr), ha lanciato ieri un forte appello ai legislatori per fermare le “barbare” transizioni sessuali dei bambini.

Giovedì, davanti alla Commissione giudiziaria della Camera, la Cole ha raccontato come l’affermazione della sua convinzione di essere “nata nel corpo sbagliato” attraverso gli ormoni cross-sex e l’intervento chirurgico mutilante somministratole da bambina le abbia causato “danni irreversibili per tutta la vita”.

“Spero che abbiate il coraggio di porre fine a questo scandalo, in modo che altri adolescenti, bambini e giovani adulti vulnerabili non passino quello che ho passato io”, ha detto la Cole ai legislatori.

Oggi 19enne, la Cole ha raccontato che ciò che le è stato diagnosticato come “disforia di genere” all’età di 12 anni, a posteriori lo vede come un’avversione alla pubertà e un disagio per le nuove attenzioni maschili che ne derivano. Quando ha fatto “coming out” come “transgender” con i suoi genitori, tuttavia, essi hanno ritenuto che avesse bisogno dell’aiuto di professionisti medici che non riconoscevano questo fatto.

“Questo si è rivelato un errore. La nostra famiglia si è immediatamente incamminata lungo un percorso di inganno e coercizione a sfondo ideologico”, ha dichiarato la Cole.

Questa “coercizione” è iniziata con il suggerimento dello specialista di genere ai suoi genitori che la ragazza si sarebbe suicidata se non si fosse sottoposta a interventi cross-sessuali.

“Hanno posto ai miei genitori una semplice domanda: Preferireste avere una figlia morta o una figlia transgender viva?”, ha raccontato la donna, anche se non aveva tendenze suicide, come ha chiarito in seguito.

I genitori hanno quindi acconsentito alla somministrazione di bloccanti della pubertà e alla prima iniezione di testosterone all’età di 13 anni, che ha reso la sua voce “per sempre” più profonda, la sua struttura ossea più mascolinizzata e il suo “pomo d’Adamo più prominente”, al punto che a volte si sente “come un mostro”.

All’età di 15 anni ha subito una doppia mastectomia (asportazione chirurgica della mammella, ndr), che le ha lasciato “enormi cicatrici” sul petto e l’ha privata della possibilità di allattare.

Dopo l’intervento, i suoi voti sono crollati e nessuno dei tentativi di cambiare sesso è servito a curare i suoi “problemi di salute mentale di base”. Anzi, li hanno peggiorati.

“Quando i miei specialisti hanno detto per la prima volta ai miei genitori che potevano avere una figlia morta o un figlio transgender vivo, non mi sono suicidata. Ero una bambina felice che lottava perché era diversa”, ha detto Cole.

“Tuttavia, a 16 anni, dopo l’intervento chirurgico, ho avuto tendenze suicide. Ora sto meglio, ma i miei genitori hanno quasi ottenuto la figlia morta promessa loro dai miei medici. Hanno quasi creato l’incubo che dicevano di voler evitare”, ha detto.

La Cole ha sottolineato che aveva bisogno di amore, compassione e terapia per aiutarla a “superare” le sue difficoltà, non di essere confermata nella sua “illusione che trasformandomi in un ragazzo avrei risolto tutti i miei problemi”.

Ha sottolineato che invece di festeggiare il suo 19° compleanno con la sua famiglia a casa, quel giorno stava trascorrendo il suo tempo facendo un “appello disperato” ai suoi rappresentanti eletti.

“Imparate la lezione da altri scandali medici come la crisi degli oppioidi. Riconoscete che anche i medici sono esseri umani e a volte sbagliano”, ha detto la Cole.

“La mia infanzia è stata rovinata, così come quella di migliaia di detrattori che conosco attraverso le nostre reti. Tutto questo deve finire. Solo voi potete fermarlo”.

“Ci sono già abbastanza bambini vittime di questa pseudoscienza barbara. Per favore, lasciate che io sia il vostro ultimo avvertimento”, ha concluso.

Oltre alla Cole, altri testimoni hanno parlato sia a favore che contro le cosiddette “cure per l’affermazione del genere” per i bambini, tra cui un’ex compagna di squadra della nuotatrice confusa con il genere “Lia” Thomas.

Una delle testimoni a favore degli interventi “trans” per i bambini, Shannon Minter, una donna che si identifica come uomo, ha affermato che l’esperienza di Cole è “l’eccezione, non la regola”, insistendo sul fatto che la maggior parte dei minori che si sottopongono a interventi “trans” “ne hanno davvero bisogno”.

La Minter, insieme ad altri sostenitori dei minori “trans” presenti al panel, ha inquadrato la questione come qualcosa che i genitori dovrebbero essere in grado di decidere da soli, al contrario del “governo”.

Hanno anche fatto notare che le associazioni mediche più importanti degli Stati Uniti hanno approvato gli interventi “trans” per i minori con disforia di genere.

Hanno inoltre sostenuto che tali interventi chirurgici e trattamenti ormonali migliorano i risultati della salute mentale e la qualità della vita per le persone confuse di genere.

Tuttavia, non è raro che i detrattori ammettano che il loro tentativo di cambiare sesso è stato una sorta di “cerotto” per dissociarsi dal disagio emotivo, e alcuni di loro sottolineano che ha dato un sollievo temporaneo.

Per esempio, Jalisa Vine, nella sua testimonianza su come gli interventi chirurgici di genere le abbiano rovinato la vita, ha spiegato che la sua “transizione è stata una risposta al trauma” e che la sua “intera identità è stata radicata nel trauma”.

Allo stesso modo, Grace Lidinsky-Smith, che si è sottoposta a un “intervento chirurgico superiore” all’età di 23 anni ed ha fatto una “detransizione” circa 16 mesi dopo, ha spiegato in un’intervista al New York Times: “Sono lentamente venuta a patti con il fatto che era stato un errore nato da una crisi di salute mentale”.

Gli studi indicano che la maggior parte dei bambini che sperimentano la disforia di genere la superano da soli entro la tarda adolescenza.

È significativo che il più grande studio esistente sulle “transizioni” di genere, secondo JAMA, sia stato corretto nel 2020 per concludere che “non c’è alcun beneficio per la salute mentale dovuto alla chirurgia di conferma del genere (cioè che porta alla transizione, ndr) dopo il confronto con un gruppo di controllo di persone [confuse con il genere] che non si erano ancora sottoposte a chirurgia”.

Gli esperti avvertono inoltre che la conferma della confusione di genere mediante il trattamento chirurgico o chimico comporta danni irreversibili per i bambini, come l’infertilità, la compromissione delle funzioni sessuali adulte e la riduzione dell’aspettativa di vita, oltre al tributo psicologico di essere “bloccati” nelle alterazioni fisiche, indipendentemente dal fatto che cambino idea una volta maturi, come testimoniato da molti individui che hanno effettuato la “detransizione” per tornare al loro vero sesso.

 

Facebook Comments