Un preprint pubblicato nella prestigiosa rivista medica Cell ha trovato che il peccato originale antigenico guidato dal vaccino è profondamente potente. Inoltre, la proteina spike generata dal vaccino circola nel sangue e l’mRNA del vaccino persiste per mesi nei linfonodi.

Un articolo di Alex Berenson, ex reporter del New York Times e autore di 13 romanzi, tre libri di saggistica e gli opuscoli Unreported Truths, pubblicat sul suo blog. La traduzione è mia. 

 

vaccini covid vaccinazione
(Photo by Emily Elconin/Getty Images)

 

L’mRNA dai vaccini Pfizer e Moderna può essere trovato nei linfonodi per almeno 60 giorni dopo l’iniezione.

Le proteine “spike” fluttuanti circolano ad alti livelli nel sangue dopo la vaccinazione.

Le persone vaccinate infettate da varianti di Sars-Cov-2 producono anticorpi orientati verso la variante originale e ora estinta – piuttosto che quella che le ha effettivamente infettate.

Teorie di cospirazione da We Hate Vaxxxines Digest di Dr. Kennedy-Mercola?

No.

Le conclusioni di un preprint in Cell, tra le principali riviste scientifiche del mondo. Quasi 50 ricercatori di tutto il mondo hanno collaborato al lavoro, che Cell ha pubblicato online due settimane fa.

Il preprint ha ricevuto poca attenzione, forse perché discute le potenziali implicazioni dei suoi risultati solo obliquamente. Nel discutere il fatto che l’mRNA ostacoli la risposta immunitaria alle nuove varianti, i ricercatori offrono dosi extra come una soluzione potenziale, per esempio:

Ulteriori dosi di richiamo possono essere in grado di compensare il legame relativamente diminuito ai nuovi antigeni delle varianti virali, diminuendo potenzialmente l’impatto sulla salute pubblica dell’imprinting della risposta anticorpale.

Tuttavia, i risultati del preprint distruggono le finzioni confortanti sui vaccini mRNA, tra cui quella secondo cui il corpo distrugge rapidamente il materiale genetico nelle iniezioni – come Reuters e altri “fact-checkers” hanno a lungo insistito.

Infatti, i ricercatori hanno trovato l’mRNA del vaccino nei centri germinali dei linfonodi per 60 giorni dopo le iniezioni ( fino a quando hanno controllato).

 

 

I centri germinali svolgono un ruolo cruciale nel sistema immunitario, dove le cellule B – che aiutano a produrre l’immunità a lungo termine – maturano e imparano a produrre anticorpi contro le infezioni in modo più efficiente.

I ricercatori hanno anche riferito di aver trovato l’mRNA del vaccino fuori dai centri germinali, anche se raramente.

I vaccini mRNA spingono il corpo a produrre enormi quantità di proteine spike. I sostenitori del vaccino hanno generalmente sostenuto che quelle proteine rimangono legate alle cellule dove sono state prodotte.

Ma i ricercatori hanno anche detto di aver trovato la proteina spike nel sangue in seguito alle iniezioni di mRNA a livelli alti come quelli prodotti dalla stessa infezione da coronavirus:

Almeno una parte dell’antigene spike generato dopo la somministrazione di BNT162b2 (Pfizer) si distribuisce nel sangue. Abbiamo rilevato l’antigene spike nel 96% dei vaccinati nel plasma raccolto da uno a due giorni dopo l’iniezione primaria, con livelli di antigene che raggiungono fino a 174 pg/mL. La gamma di concentrazioni di antigene spike nel sangue dei vaccinati in questo primo momento si sovrappone in gran parte con la gamma di concentrazioni di antigene spike riportate nel plasma in uno studio di infezione acuta.

A parte questo, tutto va bene e non abbiamo nulla di cui preoccuparci.

 

*************

 

Fin qui l’articolo.

 

Vi riporto ora nella mia traduzione la pagina 14 dello studio di cui nel corpo dell’articolo è riportata la foto:

 

Rilevamento prolungato dell’mRNA del vaccino nei LN GC e dell’antigene spike nei LN GC e nel sangue dopo la vaccinazione con mRNA della SARS-CoV-2. 

 

La biodistribuzione, la quantità e la persistenza dell’mRNA del vaccino e dell’antigene spike (cioè della proteina spike, ndr) dopo la vaccinazione, e degli antigeni virali dopo l’infezione da SARS-CoV-2, sono ancora poco conosciuti, ma sono probabilmente i principali determinanti delle risposte immunitarie. Abbiamo eseguito l’ibridazione in situ con sonde RNAScope specifiche per l’mRNA del vaccino SARS-CoV-2 e di controllo nelle agobiopsie del nucleo dei LN (linfo nodi, ndr) ascellari omolaterali che sono stati raccolti 7-60 giorni dopo la seconda dose di mRNA-1273 (Moderna, ndr) o BNT162b2 (Pfizer, ndr) vaccinazione, e rilevato vaccino mRNA raccolti in GCs di LN il giorno 7, 16, e 37 dopo la vaccinazione, con minore ma ancora apprezzabile segnale specifico al giorno 60 (figure 7A – 7E). Solo rari focolai di mRNA del vaccino sono stati visti al di fuori di GCs. Le biopsie ascellari dei LN core di non vaccinati (n = 3) e i campioni dei pazienti COVID-19 erano negativi per l’ibridazione della sonda del vaccino. La colorazione immunoistochimica per l’antigene spike nei LN dei pazienti vaccinati con mRNA variava tra gli individui, ma ha mostrato un’abbondante proteina spike nei GCs 16 giorni dopo la seconda con l’antigene spike ancora presente fino a 60 giorni dopo la seconda dose. Antigene Spike localizzato in un modello reticolare intorno alle cellule GC, simile alla colorazione per i processi delle cellule dendritiche follicolari (Figura 7B).

I LNs dei  pazienti COVID-19 hanno mostrato quantità inferiori di antigene spike, ma una rara GC aveva colorazione positiva (Figura 7F). La colorazione immunoistochimica per l’antigene N nei LN peribronchiali secondari e primari dei pazienti COVID-19 (Figure 7F – 7I) era positiva in 5 dei 7 pazienti, con una percentuale media di follicoli nucleocapside-positivi superiore al 25%. 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email