“Stabell Benn afferma che non si può escludere che l’uso diffuso dei vaccini a mRNA possa essere collegato alle recenti e insolite epidemie globali di infezioni batteriche, oltre che virali. Quest’anno, ad esempio, i casi di virus respiratorio sinciziale (RSV) sono saliti alle stelle in tutta l’Australia, con alcuni stati che hanno registrato un numero di casi quasi 10 volte superiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.”

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Marianne De Masi, Phd, giornalista investigativa, e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

 

immunità naturale corpo uomo virus

 

La scorsa settimana, un nuovo lavoro pubblicato su Frontiers in Immunology ha suscitato preoccupazione per il fatto che le iniezioni di mRNA possano indebolire la risposta immunitaria di una persona.

Il piccolo studio ha coinvolto 29 bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. Sono stati prelevati campioni di sangue dai bambini prima e 28 giorni dopo una seconda dose di vaccino a base di mRNA di Pfizer. I campioni di otto bambini sono stati analizzati anche a sei mesi.

I ricercatori hanno scoperto che la vaccinazione ha determinato una riduzione dei livelli di citochine, molecole che svolgono un ruolo cruciale nella mobilitazione della risposta immunitaria contro virus e batteri.

“Il nostro studio ha dimostrato che, nei bambini, la vaccinazione con l’mRNA del SARS-CoV-2 riduce la risposta infiammatoria delle citochine”, hanno scritto gli autori.

Questo studio si basa su un precedente pre-stampa su volontari adulti, che ha dimostrato che il vaccino a base di mRNA di Pfizer è in grado di modulare la risposta delle cellule immunitarie alle infezioni virali, fungine e batteriche non specifiche.

I due studi sono di piccole dimensioni e non sono stati valutati gli esiti clinici, quindi i ricercatori non possono dimostrare che i vaccini a base di mRNA aumentino la suscettibilità di una persona alle infezioni “aspecifiche” nel mondo reale.

Tuttavia, è stato dimostrato che questo fenomeno si verifica con altri vaccini attualmente in commercio.

Nei Paesi a basso reddito con un’elevata pressione infettiva, i cosiddetti vaccini “non vivi”, come il vaccino contro difterite, tetano e pertosse (DTP), sono stati associati a un aumento della mortalità e della morbilità per tutte le cause.

Christine Stabell Benn, epidemiologa e docente presso la University of Southern Denmark, è all’avanguardia nello studio del fenomeno degli effetti “non specifici” dei vaccini.

“Nel nostro lavoro abbiamo scoperto che tre mesi dopo che i soggetti avevano ricevuto il vaccino DTP, mostravano risposte immunitarie più basse in vitro ad altri stimoli infettivi”, ha detto Stabell Benn.

“In sostanza, le cellule immunitarie si impigriscono e semplicemente non rispondono con lo stesso vigore quando vengono messe alla prova con un agente infettivo”, ha aggiunto.

L’opposto era vero quando venivano somministrati vaccini “vivi” alle persone, come il vaccino BCG (tubercolosi).

“Dopo la vaccinazione BCG, le cellule immunitarie reagiscono più attivamente in risposta ad altri stimoli batterici, riprogrammando le cellule del midollo osseo in modo da produrre cellule immunitarie innate più attive”, ha detto Stabell Benn.

I vaccini covid-19 sono vaccini non vivi e Stabell Benn afferma che i recenti studi che hanno evidenziato una riduzione dei livelli di citochine potrebbero essere il “campanello d’allarme” necessario per condurre ulteriori studi.

“Ora abbiamo due studi immunologici che suggeriscono che i vaccini a base di mRNA potrebbero sopprimere la capacità di risposta ad altri virus, almeno per un certo periodo di tempo, e questo giustifica un’indagine urgente”, ha detto Stabell Benn. “Soprattutto nei bambini, perché stiamo parlando di una popolazione a rischio molto basso di malattia grave da Covid-19”.

La Danimarca ha smesso di raccomandare la vaccinazione dei bambini piccoli contro il covid-19, ma negli Stati Uniti fa ora parte del programma di immunizzazione infantile per gli individui di 6 mesi o più.

Stabell Benn ha dichiarato: “Negli Stati Uniti, dove ancora si vaccinano i bambini piccoli, dovrebbero immediatamente condurre uno studio randomizzato con i vaccini a mRNA e verificare se l’effetto ridotto sulle citochine si traduce in esiti clinici peggiori”.

Stabell Benn afferma che non si può escludere che l’uso diffuso dei vaccini a mRNA possa essere collegato alle recenti e insolite epidemie globali di infezioni batteriche, oltre che virali.

Quest’anno, ad esempio, i casi di virus respiratorio sinciziale (RSV) sono saliti alle stelle in tutta l’Australia, con alcuni stati che hanno registrato un numero di casi quasi 10 volte superiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Stabell Benn ha dichiarato: “Un fattore importante per l’aumento delle infezioni è rappresentato dai lockdown che hanno indebolito i sistemi immunitari che dovrebbero essere continuamente stimolati, ma non possiamo escludere che anche i vaccini abbiano giocato un ruolo significativo”.

Attualmente, il suo team sta conducendo uno studio che confronta bambini vaccinati e non vaccinati di età compresa tra i 5 e gli 11 anni in Danimarca.

“Valuteremo gli esiti clinici di questi bambini e, soprattutto, risponderemo alla domanda se ci sono differenze cliniche in termini di rischio di altre infezioni e malattie nei bambini vaccinati o meno”, ha detto l’esperta.

Stabell Benn ha recentemente chiesto un nuovo quadro di riferimento per la sperimentazione e l’approvazione dei vaccini, in un articolo pubblicato sulla rivista Drug Safety (vedi punti chiave sotto).

 

 

Stabell Benn ha affermato che questo quadro di riferimento avrebbe dovuto essere applicato alle sperimentazioni del covid-19. Uno dei principali difetti dei test è stato quello di non aver valutato se i vaccini a base di mRNA influissero sul rischio di contrarre altre infezioni.

“Pur riportando i casi di covid-19, hanno trascurato la possibilità che le persone potessero sviluppare altre infezioni, come la polmonite, a causa di una risposta immunitaria indebolita dopo la vaccinazione con mRNA”, ha detto Stabell Benn.

Marianne De Masi

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments