Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

vaccini COVID (foto Dado Ruvic/Illustration/Reuters)
vaccini COVID (foto Dado Ruvic/Illustration/Reuters)

 

La proposta di legge introdotta il 5 marzo vorrebbe privare i produttori di vaccini COVID-19 delle tutele di responsabilità, consentendo ai cittadini statunitensi danneggiati dai vaccini di fare causa alle aziende.

Il disegno di legge, proposto dal deputato Chip Roy (R-Texas), eliminerebbe retroattivamente le protezioni previste dal Public Readiness and Emergency Preparedness Act (PREP Act) per i produttori del vaccino COVID-19.

“Nessuna legge federale … può rendere il produttore di un vaccino COVID-19 immune da cause o responsabilità, o limitare la responsabilità di tale produttore, in relazione a richieste di risarcimento per perdite causate da, derivanti da, relative a, o risultanti dalla somministrazione o dall’uso da parte di un individuo di un vaccino COVID-19”, si legge nella proposta di legge.

La legge PREP attualmente protegge i produttori e le persone che somministrano i vaccini dalla responsabilità, in base a una dichiarazione del 2020 inserita dall’allora Segretario alla Sanità Alex Azar durante l’amministrazione dell’ex presidente Donald Trump. L’amministrazione del presidente Joe Biden ha poi esteso la dichiarazione.

L’unica eccezione alla protezione del PREP Act è rappresentata dai casi di morte o lesioni gravi causate da “dolo”.

La protezione copre anche le persone che “potevano ragionevolmente credere” di essere protette anche se, in realtà, non lo erano, secondo un parere del Dipartimento di Salute e Servizi Umani (HHS).

“Milioni di americani sono stati costretti a sottoporsi al vaccino COVID-19 per paura di perdere i propri mezzi di sostentamento e con un falso pretesto. Molti hanno subito danni a causa del vaccino, ma a pochi è stato concesso di fare ricorso”, ha dichiarato Roy in un comunicato.

Roy ha dichiarato di aver presentato il nuovo disegno di legge “per dare potere agli americani di eliminare le protezioni federali di responsabilità per i produttori del vaccino COVID-19 e dare potere agli americani danneggiati”.

“Il popolo americano merita giustizia per la violazione della sua libertà medica personale e coloro che sono stati danneggiati dal punto di vista medico meritano di essere risarciti”, ha dichiarato Roy.

Nell’ambito del sistema federale dei vaccini, le persone che hanno subito lesioni sospette o confermate a causa del vaccino COVID-19 possono richiedere un risarcimento al governo nell’ambito di un programma chiamato Countermeasures Injury Compensation Program. A gennaio, però, solo 11 persone sono state risarcite, e il pagamento più alto è stato di soli 8.961 dollari.

Secondo l’HHS, che gestisce e amministra il programma, la stragrande maggioranza delle richieste elaborate è stata respinta. Alcuni dei dinieghi hanno riguardato persone a cui i medici avevano diagnosticato lesioni da vaccino. Un’azione legale ha contestato la costituzionalità del programma, descrivendolo come un “tribunale canguro”.

La proposta di legge chiarisce che non influisce sulla capacità delle persone di richiedere un risarcimento attraverso il programma di indennizzo.

Pfizer e Moderna non hanno risposto, entro l’ora di stampa, alle richieste di commento del The Epoch Times e non si sono presentati per commentare pubblicamente la proposta di legge.

Un portavoce della Pharmaceutical Research and Manufacturers of America, un gruppo commerciale di aziende farmaceutiche, ha dichiarato a Fox News che “stravolgendo il quadro di responsabilità esistente su cui i produttori fanno affidamento per garantire uno sviluppo prevedibile dei vaccini, la nostra capacità di affrontare le future minacce alla salute pubblica sarà a rischio”.

L’HHS ha dichiarato che la dichiarazione PREP Act “è stata uno strumento fondamentale per garantire agli americani un ampio accesso alle contromisure critiche per il COVID-19, tra cui vaccini, test e terapie” e “ha fornito flessibilità e protezioni a quegli individui e a quegli enti che sono stati coinvolti nella fornitura di questi strumenti critici che hanno aiutato gli Stati Uniti a raggiungere un posto migliore con il COVID-19”.

La proposta di legge del signor Roy ha già 19 co-sponsor, tra cui i rappresentanti. Lauren Boebert (R-Colo.), Clay Higgins (R-La.), Ralph Norman (R-S.C.) e Andy Harris (R-Md.).

“Molti americani sono stati ingiustamente costretti a sottoporsi al vaccino COVID-19”, ha dichiarato in un comunicato il rappresentante Eric Burlison (R-Mo.), un altro co-sponsor. “Naturalmente, dovrebbero essere autorizzati a fare causa se subiscono danni a causa dell’iniezione”.

L’organizzazione no-profit Children’s Health Defense è tra i sostenitori della proposta.

“I danni e i decessi causati dal vaccino COVID-19 esigono responsabilità”, ha dichiarato Mary Holland, presidente del gruppo. “Questa legislazione rappresenta una pietra miliare per correggere queste ingiustizie e aprire la strada a un futuro più responsabile”.

Zachary Stieber

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments