Pubblichiamo il primo di una serie di post comparsi sul blog di Bill Gates, dal 2010 al 2021, nella nostra traduzione e senza commenti. Neretti nostri.

 

Bill Gates
Bill Gates

 

L’influenza H1N1 (nota come influenza suina, ndr) non è stata così grave come previsto, ma non a causa dell’efficacia delle misure adottate per contenerla

Il ceppo dell’influenza H1N1 ha ricevuto molta attenzione nel 2009. La maggior parte dei titoli di giornale lo faceva sembrare pericoloso. All’inizio dell’epidemia pensavamo che una percentuale molto alta di persone infette si stesse ammalando, ed è stato abbastanza spaventoso.

Ma la vera storia non è quanto fosse brutto H1N1. La vera storia è che siamo fortunati che non sia stato peggio, perché eravamo quasi completamente impreparati.

Quando scoppia un’epidemia, ci sono quattro passaggi per cercare di contenerla. Il primo è raccogliere dati sulla malattia, dove si trova e come si sta diffondendo. Il secondo è limitare il movimento delle persone da un luogo all’altro, con la quarantena come ultima opzione. Una volta che una malattia è diffusa, questo è molto difficile da fare. Il terzo è avere farmaci di qualche tipo che riducano quanto qualcuno infetta gli altri e che riducano la gravità della malattia. Il quarto è creare un vaccino efficace contro la malattia e somministrarlo a chiunque sia a rischio.

Abbiamo compiuto un notevole sforzo nella raccolta dei dati, in parte grazie alla capacità che era stata impostata per tracciare l’influenza aviaria. Ma per tutti gli altri passaggi, non siamo riusciti a fare nulla che avrebbe fermato una epidemia più grave. In altre parole, il modesto bilancio delle vittime di questa epidemia di influenza è interamente dovuto al fatto che siamo stati fortunati.

Si spera che questo focolaio serva da campanello d’allarme per indurci a investire in capacità migliori, perché nei decenni a venire arriveranno più epidemie e non vi è alcuna garanzia che saremo fortunati la prossima volta. L’influenza del 1918 uccise più di 50 milioni di persone. Solo il bioterrorismo potrebbe uccidere di nuovo così tante persone e la maggior parte delle cose che dobbiamo fare per ridurre l’impatto di un’epidemia ridurranno anche l’impatto del bioterrorismo.

La capacità di produrre rapidamente un vaccino e di produrlo in enormi quantità è una parte fondamentale di una risposta a un’epidemia. È necessario avviare la produzione in meno di un mese anziché in più di cinque mesi, come in questo caso. Devi anche essere in grado di produrre un vaccino a una velocità dieci volte più veloce di quella raggiunta.

La maggior parte dei vaccini antinfluenzali oggi vengono prodotti iniettando parti del virus nelle uova di gallina, il che è un processo laborioso. Dati gli approcci approvati, l’industria dei vaccini ha fatto un ottimo lavoro nel mettere sul mercato il vaccino con la velocità con cui l’ha fatto. (Ironia della sorte, ora che la malattia si sta rivelando relativamente lieve, molti dei vaccini che si sono affrettati a produrre non verranno acquistati.) Questo è un luogo in cui l’innovazione può fare una grande differenza.

Esistono nuovi approcci di produzione che riducono i tempi di consegna e aumentano il tasso di produzione, ma le regole del governo non consentono ancora alle aziende produttrici di vaccini di utilizzarli a causa di problemi di sicurezza. Sebbene i governi abbiano ragione a essere prudenti sulla sicurezza dei vaccini, devono trovare un modo per aiutare l’industria dei vaccini a incorporare questi nuovi approcci ed espandere le sue capacità nei prossimi anni prima che arrivi la prossima epidemia.

 

 

 

 

Facebook Comments