Rilancio un articolo di AC Wimmer, pubblicato su Catholic News Agency. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Benedetto-XVI

 

Secondo il biografo papale Peter Seewald, l’insonnia cronica ha portato alla decisione di Benedetto XVI di dimettersi nel 2013.

Nella sua ultima lettera al biografo – datata 28 ottobre 2022 – Benedetto scrisse che il “motivo centrale” delle sue dimissioni dalla carica era “l’insonnia”, ha detto Seewald, secondo quanto riportato il 27 gennaio da CNA Deutsch, partner della CNA per le notizie in lingua tedesca.

Il pontefice, morto il 31 dicembre 2022, ha anche scritto che l’insonnia lo ha accompagnato “ininterrottamente dalla Giornata Mondiale della Gioventù di Colonia”.

La Giornata Mondiale della Gioventù di Colonia del 2005 si svolse pochi mesi dopo l’elezione di Benedetto e fu il suo primo viaggio papale.

Il pontefice di origine bavarese è rimasto in carica per quasi altri otto anni prima di annunciare le sue dimissioni – adducendo un calo di forze – l’11 febbraio 2013.

Confermando un rapporto dei media tedeschi, Seewald ha dichiarato all’agenzia KNA che Benedetto XVI non ha voluto “fare clamore sulle circostanze più strette delle sue dimissioni, giustificate dalla stanchezza”, mentre era ancora in vita.

Poiché le voci e le speculazioni sulle dimissioni di Benedetto non si sono spente, Seewald ha detto di essere obbligato a “pubblicare il dettaglio decisivo che mi è stato affidato sulla storia medica del Papa tedesco”.

Il biografo ha detto che Benedetto XVI ha fatto uso di forti sonniferi.

Durante il suo viaggio in Messico e a Cuba nel marzo 2012, Benedetto ha raccontato a Seewald di essersi reso conto di aver “urtato qualcosa nel bagno e di essere caduto”, dopo essersi svegliato scoprendo che il suo fazzoletto era “intriso di sangue”.

Dopo essersi rivolto a un medico, Benedict è stato in grado di continuare il suo programma. Tuttavia, dopo l’incidente, il medico personale del Papa ha ordinato a Benedetto di ridurre l’assunzione di sonniferi e ha sottolineato che dovrebbe partecipare agli appuntamenti pubblici solo al mattino quando viaggia all’estero.

Per questo motivo, Benedetto ha ritenuto di dover lasciare il posto a un nuovo Papa che sarebbe stato in grado di partecipare alla Giornata Mondiale della Gioventù di Rio de Janeiro nel 2013.

AC Wimmer

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments