Con questo editoriale comincia la collaborazione del prof. John Rao con questo blog. 

 

Aleksandr Solzenicyn
Aleksandr Solzenicyn

 

 

di John Rao

 

“E Babbo Natale ha un giocattolo per ogni brava bambina e per ogni bravo bambino;
È un grande fagotto di gioia, scenderà dal camino, scenderà”.
(Count Basie Orchestra, 2015)

“Che cos’è tutta questa gioia?”.
(Alexander Solzhenitsyn, discorso ad Harvard, 1978)

 

Trent’anni fa sembrava che gli Stati Uniti fossero seduti in cima al mondo. Il blocco sovietico era crollato. Il pluralismo americano aveva combattuto e vinto la buona battaglia. La storia era giunta alla fine. In men che non si dica, il Babbo Natale pluralista avrebbe portato la gioia nel mondo e l’intero pianeta avrebbe finalmente sperimentato la pace che supera ogni comprensione.
Sì, è vero che i neoconservatori erano sempre più angosciati dal fatto che la prima guerra del Golfo non aveva annientato del tutto un Saddam Hussein che non era più utile alla politica estera americana, come lo era stato nel recente passato nel suo straordinariamente sanguinoso conflitto con l’Iran. Ciononostante, come i loro omologhi neoliberisti che anelano a una libertà economica globale che faccia risuonare i profitti delle multinazionali su una scala che Zio Paperone non avrebbe mai potuto immaginare, sentono che il futuro appartiene senza dubbio a loro. Sì, forse la strada per la slitta di Babbo Natale potrebbe ancora essere spianata da diverse decine di conflitti purificatori, cambi di regime e migrazioni di massa di coloro che non sono in grado di sopravvivere nelle loro case ancestrali nella nostra nuova Madrepatria globale. Tuttavia, in qualche modo sapevano che il Nuovo Ordine Mondiale proclamato dal primo presidente Bush avrebbe inevitabilmente permesso a Babbo Natale di spingere i suoi giocattoli di gioia giù per i camini di tutti con la stessa facilità con cui si potrebbe dire FBI e CIA.

Alexander Solzhenitsyn aveva un’idea quasi completa di cosa avrebbe significato questa vittoria pluralista, e anni prima della caduta della casa degli orrori sovietica. Egli espresse la sua “previsione” nel suo discorso alla sbalordita classe di laurea di Harvard del 1978, quando disse loro che, pur condannando totalmente il marxismo-leninismo come un male, non poteva raccomandare l’alternativa pluralista americana come rimedio. Perché no? Perché è emersa da quella stessa visione unificata, anticristiana, naturalista, materialista e illuminista che ha distrutto la Ragione e la dignità della persona umana insieme alla Fede in tutte le sue varie manifestazioni: nella sua versione pluralista, abbandonando la società e l’individuo a una falsa concezione della libertà e annegando infine entrambi in beni e piaceri sensuali a buon mercato, che uccidono l’anima.
Non posso quindi immaginare che Solzhenitsyn sarebbe stato sorpreso da ciò che ho visto e sentito durante il mio primo viaggio nel “liberato” blocco orientale nel 1991: ad esempio, un’autostrada deturpata da infiniti cartelli che recitavano “Sono un cartellone pubblicitario, vendo voi e i vostri prodotti”, e il racconto di un amico che raccontava di tre generazioni della sua famiglia, dai nonni ai bambini, che guardavano la pornografia in televisione perché “è quello che deve fare un uomo libero”. Per citare la sua battuta più famosa dal discorso di Harvard, che riassume la bassezza di fondo di tutta l’esaltazione della Teologia della Liberazione pluralista: “Che cos’è tutta questa gioia?”. Liberazione attraverso la pubblicità e la sporcizia?

Ma cosa intendo quando dico che aveva un’idea quasi completa dell’incubo? Ammetto che potrei sbagliarmi, ma non sono certo che egli – almeno nel 1978 – abbia previsto il fatto che la vittoria del pluralismo e il suo degradante senso di libertà (la cui pratica è accompagnata dal disprezzo per ogni autorevole avvertimento religioso, razionale e storico su dove condurrebbe la volontà sfrenata) potessero diventare l’unico serio sostegno rimasto per un marxismo con cui condivideva le radici intellettuali; e che avrebbe fatto causa comune con il suo principale rappresentante politico cinese nel 2022 per assicurare il loro comune profitto.
Due persone che conoscevo in quel periodo avevano previsto questa verità, la prima delle quali era uno storico di nome Georges de Lagarde. La sua brillante opera in più volumi, La nascita dello spirito laico al tramonto del Medioevo, pubblicata nel 1956 e mai tradotta in inglese dal francese, è stata una delle influenze più formative sulla mia carriera. Lagarde dimostra come le radici della nostra attuale situazione, che ai suoi tempi stava ovviamente corrodendo con forza i resti della cristianità, si trovino all’inizio del Secondo Millennio e che abbiano coinvolto, fin dall’inizio, una crescente unione di movimenti eretici, il crudo potere dello Stato, gli interessi del denaro e l’assistenza evangelica di coloro che erano impegnati in un sofisticato “mercimonio di parole”.
L’altra mia “voce profetica” è stata quella del dottor Thomas Molnar, con il quale negli anni Settanta ho avuto lunghe conversazioni sulla maggiore somiglianza tra le esigenze egoistiche della “leadership aziendale” delle diverse forze che dominano la nostra epoca rispetto a qualsiasi preoccupazione comune che si potesse pensare che questi leader aziendali condividessero con le idee e le persone per le quali avrebbero dovuto lavorare o alle quali avrebbero dovuto rivolgersi. Per suggellare la loro alleanza è bastata l’adozione dell’avvertimento di John D. Rockefeller ai suoi colleghi monopolisti: “La concorrenza è il male”. Tutti coloro che sono impegnati nella stessa rapina dovrebbero lavorare pacificamente insieme.

Ora, il motivo per cui tutto questo è fresco nella mia mente è che nel 2022-2023 terminerò il trentunesimo anno di un programma di Storia della Chiesa a New York City per il Forum Romano. Finalmente, dopo tutto questo tempo, ho raggiunto il presente, il periodo che va dal 1978 al 2013. Nell’introdurre l’epoca attuale, ho dovuto naturalmente porre l’accento sulla “rottura” che si è verificata con gli anni 1989-1991. Avendo raggiunto la scomparsa dell’Unione Sovietica nel mio precedente intervento, questa domenica ho dovuto delineare la natura e la forza di tutte quelle idee, forze e istituzioni incoraggiate dal pluralismo che hanno ottenuto una maggiore possibilità di vendere i loro prodotti in un mondo senza il contrappeso del blocco dell’Est, e poi porre la questione dell’impatto che questo avrebbe avuto su ciò che ancora sopravviveva della cristianità cattolica.
Più mettevo insieme i miei appunti e delineavo per la classe gli elementi formatisi negli anni Novanta e le loro conseguenze o che “uscivano dinamicamente allo scoperto” una volta raggiunta la “fine della storia”, più la validità della tesi di Lagarde-Molnar sembrava definitivamente dimostrata. Più logici (e quindi meno inibiti dalla tradizione) neoliberali e neoconservatori, Planned Parenthood, le alleanze gay e lesbiche (che presto diventeranno un enorme conglomerato LGBTQ++++), il Movimento transumanista mondiale (ora Humanity+), le ONG che vanno da Greenpeace, il World Economic Forum, il suo Young/Global Leaders Program e l’Open Society fino alla Bill and Melinda Gates Foundation, tutti possedevano i passaporti eretici richiesti dalle previsioni di Lagarde, che li hanno resi più o meno folli dal punto di vista intellettuale e della passione fisica.
Il denaro affluiva nelle loro casse non solo dalle tasche dei loro membri specifici, ma anche dalla Banca Mondiale, dal FMI, dall’Organizzazione Mondiale del Commercio, da Warren Buffett, da Wall Street e dalla Silicon Valley.
Il potere statale americano ha scioccato e stupito a volontà, difendendosi dalle critiche morali con la dichiarazione del suo status di “eccezionalità”.

Nel frattempo, sia le Nazioni Unite che il Carnevale annuale organizzato dal Forum Economico Mondiale a Davos hanno fornito splendide sedi per gli amministratori delegati di ognuno di questi gruppi per unirsi, darsi pacche sulle spalle mentre mangiavano e bevevano ciò che presto sarebbe stato proibito a tutti gli altri, e riconoscere che avrebbero potuto far progredire le loro cause aziendali seguendo il modello offerto dal Partito Comunista Cinese Multinazionale. Dopo tutto, questo membro dell’Alleanza per la Fine della Storia ha presentato a coloro che hanno risposto in modo sbagliato alla domanda “Vai per la mia strada?” una procedura operativa standard che emerge dal marxismo-leninismo a cui non si può resistere. Molnar aveva ragione!
Inoltre, per non dimenticare la loro parte in tutto questo, i sofisti della macchina mediatica, alla ricerca fin dall’antichità di qualsiasi mezzo per ottenere l’accesso ai grandi guadagni e l’eccitazione di una parte del potere oppressivo, si sono uniti sempre più volentieri al crescente divertimento multieretico di ridefinire la libertà di parola come il tenere la bocca ermeticamente chiusa, tranne che per lodare ciò che è anticristiano, irrazionale, disumano, fisicamente degradante e, francamente, idiota. Il loro successo nell’ingannare gran parte dell’ecumene pluralista “liberata”, aiutati nel farlo dal denaro e dalle manette di alleati da tempo dediti all’istupidimento dei servi della gleba, ha tristemente illustrato l’esattezza di un detto italiano piuttosto sgradevole: “La madre dell’imbecille è sempre incinta”.
Che cos’era, in effetti, tutta la gioia che Solzhenitsyn ha tristemente notato e brillantemente attaccato come una vera e propria ricetta per l’inferno in terra già nel 1978? Che cos’è tutta la gioia che è stata evangelicamente predicata e promessa negli anni ’90 dai neo-liberali e dai neo-conservatori, che non ha portato ad altro che alla creazione di élite politiche e multinazionali super ricche da un lato, e di masse impoverite costrette a lasciare le loro case e a migrare in altre terre gettate nello sfacelo insieme alle loro dall’altro? Che cos’è tutta questa gioia che viene ancora oggi spacciata con grande euforia dai ciarlatani che vendono vaccinazioni e dagli aspiranti dottor Mengele, ispirati dall’eugenetica, che vedono in ogni vittima innocente una creatura che desidera disperatamente essere massacrata attraverso la trasformazione del suo DNA, del suo sesso o del suo patetico, inferiore corpo pre-postumanista, piuttosto che essere perfezionata attraverso l’unica trasformazione che può dare un senso alla vita: la trasformazione in Cristo?

Infine, per non trascurare i traditori in mezzo a noi, cosa c’è di tanto gioioso nelle farneticazioni di Papa Francesco e dei suoi amici della Chiesa sinodale, con la loro pretesa di guidarci verso un “futuro cattolico più luminoso di qualsiasi passato”? La loro pretesa di possedere un “discernimento” dello Spirito e di dove Egli desidera che andiamo è noiosamente ridondante. È solo un altro degli infiniti slogan retorici e intelligenti nel sacco dei mercanti di parole sofisti, inventati per sostituire un mantra simile che ha superato la sua utilità nell’abbagliare gli Untermenschen. Isocrate, il più grande dei fondatori greci della tribù dei mercanti di parole sofiste, usava un termine equivalente per giustificare l’assecondamento dei potenti del suo tempo. Rousseau preferiva appellarsi al suo “sentimento” profetico, universalmente indiscutibile, come guida alla volontà di Dio; un successo al botteghino di un’indicazione apparentemente “spirituale” da seguire, tramandata a molti rivoluzionari carismatici, tra cui il guru cattolico liberale, l’Abbé de Lamennais, da cui Francis & Co. l’hanno ereditata, che lo sappiano o meno. Il loro discernimento è semplicemente una sciocchezza sentimentale interna di un altro uomo. Se fosse vero che ovunque trasuda, come disse James Burnham di Eleanor Roosevelt, si diffonderebbe solo un inchiostro di calamari di sentimenti senza direzione. Ahimè, la sua direzione è stata resa fin troppo chiara! Il Punto Omega verso il quale ci sta conducendo e al quale il Vaticano ha già inviato i suoi rappresentanti per annunciare il nostro arrivo ha la sua capitale a Davos. Papa Francesco è un semplice cappellano del Nuovo Ordine Mondiale, ma Schwab è il suo Sommo Sacerdote.
Che ne è della gioia nel Natale del 2022? Beh, a dire la verità, non mi sono mai sentito così gioioso in vita mia! Grazie Teologia della Liberazione Pluralista! Grazie anni ’90! Grazie Davos! Avete portato allo scoperto tutto ciò che di demoniaco si annidava sotto la superficie fin dagli anni ‘1000. Avete fatto di più per identificare la battaglia della Città di Dio contro la Città dell’Uomo dai tempi di Sant’Agostino. Avete così acutamente delineato le forze in guerra in modo da identificare l’assurdità e la malvagità della visione che rappresentate e la Verità della Fede e della Ragione che assalite così follemente, che avete dimostrato ancora una volta che il bene nasce sempre in qualche modo dal male.

Il bene specifico, la gioia specifica che mi è arrivata attraverso di voi è che avete reso la mia Fede più forte di quanto sia mai stata. Per rimanere in tema natalizio, siete stati così efficaci nel costruire la mia gioia che avete posto fine a una delle principali fonti di infelicità stagionale per me: la tradizionale e volgare riduzione dell’Avvento di New York a una stucchevole stagione di shopping natalizio. Il vigoroso assalto al cristianesimo ha radicalmente limitato l’intero periodo che va da Halloween alla vigilia di Natale, che è solo un momento in cui gli acquirenti corrono a casa con i loro tesori. Più che mai nella mia vita, il Natale appartiene ora ai credenti! Ora è davvero l’unica fonte della nostra gioia: una gioia vera e duratura; una gioia che è radicata in Cristo; una gioia che trasforma tutto ciò che è naturale intorno ad essa in un onesto paese delle meraviglie dell’Avvento che conduce alla vita eterna con Dio in cielo. Ecco cosa è diventata per me la gioia del Natale 2022! Inoltre, non devo più insegnare in un ambiente accademico costruito su un core curriculum di favole frammentate che solo Rocky e i suoi amici volanti degli anni ’60 avrebbero potuto ideare! Posso dedicarmi solo al Roman Forum e alla Chiesa Cattolica! Ancora meglio, l’anno prossimo diventerò anche nonno per la prima volta! Cosa si può chiedere di più? A parte un po’ di caldo alcolico natalizio.
Viva Cristo Re! Gioia al mondo solo sotto il Suo scettro! E Dio benedica un’America che spinga queste frasi giù per il camino, le appenda ai suoi alberi di Natale e gridi pubblicamente dal Campidoglio, dalla Casa Bianca e dalla Corte Suprema ciò che esse significano pienamente. Si tratterebbe sicuramente di una nazione “eccezionale” di cui si potrebbe essere orgogliosi a Natale e che contribuirebbe a proteggere la pace che onestamente supera ogni comprensione.

Qui la versione in inglese.

 

John Rao è un docente e storico statunitense. È professore associato di storia alla St. John’s University di New York, direttore di Roman Forum/Istituto “Dietrich von Hildebrand” ed ex presidente del sito cattolico Una Voce America. Ha conseguito il dottorato in storia moderna dell’Europa presso la prestigiosa Università di Oxford. Da più di vent’anni, Rao organizza il simposio annuale del Roman Forum sul Lago di Garda, che attira studiosi di fama dagli Stati Uniti e dall’Europa.

Vive a New York ed è noto per comporre i suoi editoriali dal Rocco’s Cafe, una pasticceria italiana nel Greenwich Village di Manhattan, New York, vicino alla stazione di West Fourth Street.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email