“I media mainstream non hanno riportato molto sui bambini e i giovani adulti danneggiati da questi vaccini, quindi capisco che le loro storie potrebbero non essere arrivate sotto la tua attenzione. Vorrei parlarti di un paio di loro.”

Una lettera pubblicata da una signora su Facebook e da questo cancellata. Essa è stata riproposta su Lifesitenews sotto pseudonimo. Eccola nella mia traduzione.

 

African American female medical practitioner injecting vaccine into arm of boy in mask near woman during appointment in clinic

 

La seguente lettera è stata originariamente pubblicata sulla pagina Facebook Hear This Well. È stata successivamente cancellata da Facebook e viene ripubblicata qui sotto uno pseudonimo. È stata scritta dopo che l’autrice della lettera ha visto un post di una sua amica che parlava di costringere suo figlio di 8 anni a continuare ad indossare una maschera all’esterno fino a quando un vaccino COVID sarà disponibile per lui in autunno.

Ho notato il tuo post l’altro giorno – quello su come assicurarsi che tuo figlio indossi una mascherina fino a quando non potrà essere vaccinato questo autunno – quando il vaccino COVID della Pfizer riceverà l’autorizzazione di emergenza per l’uso nei bambini sotto i 12 anni. Conosci la mia posizione su questa specifica questione, e naturalmente, io conosco la tua, ma spero che questa nota ti trovi aperta e disposta a ricevere alcune informazioni prima di finalizzare quella decisione importantissima per tuo figlio. 

I media mainstream non hanno riportato molto sui bambini e i giovani adulti danneggiati da questi vaccini, quindi capisco che le loro storie potrebbero non essere arrivate sotto la tua attenzione. Vorrei parlarti di un paio di loro.

La prima è una ragazza di 12 anni di nome Maddie de Garay. I genitori di Maddie hanno permesso a lei e ai suoi due fratelli di iscriversi alla sperimentazione Pfizer in cui 1.100 ragazzi di 12-15 anni hanno ricevuto il vero vaccino Pfizer COVID. Un fratello ha ricevuto un placebo salino. L’altro ha ricevuto il vero vaccino ed è stato rapidamente infettato da un grave caso di COVID, abbastanza grave da fargli perdere molte settimane di scuola. Ma l’esperienza di Maddie è stata diversa. Il suo corpo ha perso la capacità di digerire il cibo e ha anche perso la capacità di camminare. Nonostante questo sia successo il 20 gennaio 2021, lei usa ancora una sedia a rotelle e ha ancora oggi un sondino di alimentazione. Il suo team medico ha dichiarato che il suo nuovo stato di salute è un problema mentale e ha suggerito di ricoverarla in un ospedale psichiatrico. La Pfizer non ha fermato il suo processo e non ha pubblicizzato le lesioni di questa bambina. Potete vedere la madre di Maddie, un ingegnere, testimoniare alla conferenza stampa di un senatore degli Stati Uniti.

(per vedere il video clicca qui)

Il prossimo bambino è Jacob Clynick. Jacob aveva 13 anni quando ha ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer il 13 giugno 2021. È morto tre giorni dopo per un cuore ingrossato e una miocardite, che è un’infiammazione della parete interna del cuore. Il CDC dice che sta “indagando” sulla morte di Jacob. Puoi leggere di Jacob qui.

Poi c’è Kamryn Thomas. Aveva 17 anni il 19 marzo 2021, quando ha preso il vaccino Pfizer. È morta 11 giorni dopo, essendo svenuta a casa ed è stata scoperta dalla sua famiglia. Puoi leggere di Kamryn qui.

Mentre ci sono numerosi giovani di 17-21 anni riportati dai media che sono quasi morti per infiammazioni cardiache o coaguli di sangue nel cervello dopo aver fatto i vaccini, vi darò la storia di Simone Scott come ultimo esempio. Simone era una studentessa universitaria di 19 anni alla Northwestern University quando ha preso il vaccino Moderna il 1 maggio 2021. Mentre la sua scuola stava per rendere obbligatori i vaccini, lei era ansiosa di portarsi avanti e di prenderlo per conto suo. Otto giorni dopo il suo cuore ha cominciato a cedere, innescando una spirale estenuante di deterioramento della salute che ha portato a un trapianto di cuore. E’ morta il 16 maggio 2021. Il miglior resoconto sulla morte di Simone è stato scritto dall’ex scrittore del New York Times Alex Berenson. Puoi leggere il suo lavoro qui.

Il 22 giugno 2021, il Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) ha tenuto una riunione in cui hanno discusso la miocardite dopo la vaccinazione in adolescenti, ragazzi e giovani adulti. Ci sono stati più di 300 casi di miocardite post-vaccinazione riportati al Vaccine Adverse Event Reporting System che, nel migliore dei casi, sta rilevando solo il 10-20% delle reazioni molto gravi post vaccinazione COVID perché i genitori non sanno di segnalare al sistema e i medici si rifiutano di farlo. Il comitato ha deciso che i vaccini mRNA come Moderna e Pfizer riportino un avvertimento della FDA sul foglio informativo – un foglio che pochissime persone leggono. Il nuovo avvertimento afferma che c’è un rischio di infiammazione del cuore per diversi giorni dopo la seconda dose e di cercare aiuto medico se la persona sperimenta dolore al petto o un battito anomalo del cuore. Nessun avvertimento verbale è richiesto per i giovani che ricevono il vaccino e non hanno bisogno di essere indirizzati a leggere o riconoscere specificamente l’avvertimento per iscritto.

Una gran parte della riunione dell’ACIP è stata dedicata a ribadire la conclusione del comitato che, sulla base dei loro calcoli, i benefici della vaccinazione dei giovani sotto i 18 anni con l’mRNA superano i rischi. La loro conclusione era radicata nella loro valutazione dei ricoveri e delle morti per COVID-19 che il vaccino avrebbe presumibilmente prevenuto nei minori. Tuttavia, il CDC mostra che su 74 milioni di residenti americani sotto i 18 anni, ci sono stati solo 321 decessi sotto i 18 anni associati a COVID negli Stati Uniti negli ultimi 18 mesi. Puoi vedere questi dati qui

Questo è un rischio totale di 1 su 230.000, ma sinceramente, i minori che sono morti con COVID avevano tutti complicazioni di salute croniche estremamente gravi, tra cui il diabete e le malattie polmonari. I bambini sani semplicemente non muoiono di COVID.

Per arrivare alla conclusione “i benefici superano i rischi”, l’ACIP ha dovuto fare un piccolo gioco di prestigio. Piuttosto che confrontare tutti i rischi di un’infezione da COVID con tutti i rischi derivanti dall’assunzione del vaccino, o semplicemente confrontare la miocardite nei minori con COVID con la miocardite nei minori dal vaccino, hanno invece confrontato mele e arance. Hanno scelto tutti i rischi da COVID e li hanno messi contro solo la miocardite da vaccino, e hanno dichiarato il vaccino vincitore. L’ACIP dipendeva anche dall’uso di soli casi diagnosticati di COVID nei minori come denominatore, nonostante il fatto che la stragrande maggioranza dei casi di COVID nei minori sono asintomatici o quasi, e non sono stati diagnosticati e mai documentati. Il vero denominatore è più grande di diversi ordini di grandezza e un confronto e un’analisi onesti non si avvicinerebbero a dimostrare che vaccinare chiunque sotto i 18 anni è la scommessa più sicura.

Ciò a cui si riduce è la questione etica della vaccinazione di bambini sani di 12-17 anni e, infine, bambini sani di 6 mesi, per un agente patogeno che presenta un rischio quasi incalcolabile di morte o ricovero in ospedale per loro come individui. Un terzo di tutti i decessi associati a COVID negli Stati Uniti sono avvenuti in persone di età superiore agli 85 anni che avevano già superato le loro aspettative di vita di oltre un decennio. 

Il 95% di tutte le morti associate a COVID negli Stati Uniti erano adulti oltre i 50 anni, il che significa che i nostri bambini sani saranno vaccinati con una nuova tecnologia rischiosa per proteggere presumibilmente persone molto più anziane dalla cosiddetta trasmissione asintomatica da un bambino sano. Tuttavia, anche il dottor Anthony Fauci ha detto: “Nella storia dei virus respiratori, la trasmissione asintomatica non è mai stata il motore delle epidemie”.

I dati sui decessi mostrano una giustificazione ancora più scandalosa per vaccinare i bambini sani: il 94% dei decessi associati a COVID erano in persone con almeno una patologia preesistente, di solito da 2 a 3 patologie gravi sovrapposte. Vedere qui.

E di queste condizioni, il fattore determinante numero uno nel fatto che qualcuno morisse con COVID era l’obesità. In un’analisi di 238 ospedali statunitensi, il 78% dei ricoveri e dei decessi per COVID erano in americani classificati come sovrappeso o obesi, e il rischio di malattia grave sale bruscamente all’aumentare dell’IMC (indice di massa corporea, ndr). Bisogna dirlo: le aziende farmaceutiche e le agenzie di salute pubblica non hanno il potere né il diritto di usare i nostri bambini come scudi per gli anziani o gli obesi.

Spero che riconsidererai la possibilità di vaccinare tuo figlio quando sarà il momento. Non c’è nessuna emergenza per questo uso di emergenza quando si tratta di bambini, e i rischi a lungo termine sulla fertilità e la salute generale non saranno noti per un altro decennio, forse due. Sole, esercizio fisico, poco zucchero, una dieta sana e un po’ di vitamina C e zinco in più sono tutto ciò di cui i nostri piccoli hanno bisogno.

 

 

Facebook Comments