“Siamo davvero una Chiesa in crisi e troppi di noi sono compiacenti o complici nella diffusione dell’errore e della confusione. Il clero è troppo silenzioso, ma lo sono anche i laici nelle loro case e nella loro testimonianza al mondo.”

Un articolo di Mons. Charles Pope, apparso sul blog Community in Mission dell’ Archidiocesi di Washington, che i presente nella mia traduzione. 

 

Notre Dame di Parigi
Notre Dame di Parigi in fiamme

 

Sono molto contento che il dottor Ralph Martin abbia pubblicato A Church in Crisis: Pathways Forward (Una chiesa in crisi: I sentieri che sono innanzi). Si tratta di una versione riveduta e aggiornata di un libro criticamente importante che ha pubblicato per la prima volta nei primi anni ’80. Lo chiamo un libro criticamente importante per ragioni personali e importanti. Permettete una breve storia prima di esaminare il libro.

Quando sono entrato in seminario nel 1984, era un periodo molto buio nella Chiesa; più buio anche di adesso. A quel tempo non c’era un catechismo ufficiale e condiviso della Chiesa cattolica (che sarebbe arrivato nel 1994), non c’era internet, e pochissimi periodici che presentavano una voce diversa dalle opinioni progressiste prevalenti che dominavano tra i parroci, le cancellerie, i collegi cattolici e i seminari. In un certo senso era come il selvaggio West. Chiunque poteva affermare che quasi tutto era cattolico e “nello spirito del Vaticano II”.

Entrando in seminario, sono stato spesso scioccato da ciò che mi è stato insegnato. Molti dei sacerdoti-professori (non tutti) negavano che Gesù avesse fatto davvero dei miracoli, che avesse affermato di essere Dio, o che addirittura sapesse di essere Dio. Insegnavano” che la maggior parte di ciò che è registrato come detto, non l’ha mai veramente detto, la maggior parte di ciò che è registrato come fatto non l’ha mai veramente fatto, non è risorto corporalmente dai morti, e c’è poco che sappiamo veramente del “Gesù della storia”; è esistito a malapena! Molti di noi sono stati anche trattati con una dieta costante da certa facoltà di cose come il perché le donne dovrebbero essere ordinate e che il rosario e l’adorazione eucaristica erano vestigia della “Chiesa pre-Vaticano II”.

Ero scarsamente catechizzato, essendo passato attraverso le terribili sentinelle del cattolicesimo beige, ma sapevo che qualcosa era profondamente sbagliato qui. Dire che ero costernato, allarmato e arrabbiato sarebbe un eufemismo. Sicuramente non sono entrato in seminario per farmi strappare la fede o per avere la mia vocazione messa in discussione da docenti che non sembravano nemmeno credere nel Credo Niceno o nella veridicità delle Scritture. I pochi di noi che mettevano in dubbio queste cose venivano etichettati come “rigidi” e considerati poveri candidati al sacerdozio. Molti furono cacciati dal seminario a causa delle valutazioni negative della facoltà. Altri impararono a rimanere in silenzio e a consigliarsi con i docenti fedeli e ortodossi che riuscivano a trovare, o a cercare altre fonti di verità spesso pubblicate da quelli che molti docenti consideravano allora come editori “rinnegati” come Tan Books o il giornale Wanderer.

Un libro che ha salvato la mia vocazione e la mia fede: Fu in quel periodo che qualcuno mi segnalò un libro pubblicato da Ralph Martin nel 1982 intitolato A Crisis of Truth: The attack on Faith Morality and Mission in the Catholic Church Una crisi della verità: l’attacco alla fede morale e alla missione nella Chiesa cattolica, ndr) ((Servant Books, Ann Arbor Michigan). Questo è un libro a cui attribuisco il merito di aver salvato la mia vocazione e, francamente, la mia fede! Nel corso degli anni ho ringraziato ripetutamente il dottor Ralph Martin per la sua voce in quei giorni di confusione, ambiguità e dissenso totale. Egli ha esposto in modo conciso e chiaro le radici e i rami del dissenso e dell’errore:

  • La negazione dell’esistenza di un’unica verità a cui tutti erano chiamati.
  • L’indebolimento dell’autorità e dell’infallibilità della Parola di Dio
  • La messa a tacere del Vangelo.
  • Il rifacimento del Gesù biblico.
  • La negazione che Gesù è l’unica via.
  • L’influenza secolare e l’emergere di un vangelo meramente sociale.
  • Il rifiuto e l’indebolimento della moralità sessuale.
  • La minimizzazione del Giorno del Giudizio e la necessità del pentimento.
  • La passività pastorale
  • E anche molti altri argomenti.

Era una analisi magistrale e anche molto credibile. Ralph Martin era un leader dell'”ala” carismatica della Chiesa e difficilmente poteva essere etichettato come parte di qualche movimento reazionario e riflessivamente conservatore. Come un saggio amministratore ha preso dal suo magazzino il meglio del nuovo e il meglio del vecchio. (cfr. Matteo 13:52). Il libro era una guida a tutto ciò che era sbagliato, affermava l’insegnamento chiaro e definito della Chiesa e annunciava la via del ritorno attraverso il coraggio e l’azione.

L’anno scorso ho sentito con gioia la notizia che Ralph avrebbe pubblicato una versione aggiornata del libro. Molti di noi hanno osservato con grande costernazione la ricomparsa della confusione e dell’aperto dissenso che ha segnato gli anni ’70 fino agli anni ’90. Il Dr. Martin lo nota lui stesso nel capitolo di apertura del suo nuovo libro rivisto e ampliato: Una Chiesa in crisi: Pathways Forward:

…I problemi dottrinali, morali e pastorali che sono emersi durante il pontificato di Francesco non sono unici per lui o per questo tempo. In molti modi sono una ricorrenza di confusioni molto simili che il mio libro originale del 1982 aveva identificato. E andando ancora più indietro, le questioni legate alle “eresie moderniste” sono ancora una volta con noi. Sono tornate, a volte con un aspetto molto simile a quello che avevano molti anni fa, e a volte in forme nuove ma portando con sé le stesse infedeltà e ribellioni di fondo.

In A Church in Crisis, Martin non si limita, come alcuni, a criticare il Papa. Egli elogia ciò che è buono, vero e bello negli scritti, nelle dichiarazioni e nelle azioni di Papa Francesco. Ma è una semplice realtà che Papa Francesco è stato ambiguo in molte occasioni e apparentemente ha segnalato che il vecchio dissenso dottrinale e morale può essere tranquillamente riaffermato. Come cattolici, sia clero che laici, abbiamo il diritto e il dovere di entrare in una vigorosa analisi degli errori risorgenti e di chiarire e denunciare, se necessario, tali errori. A Church in Crisis descrive gli errori risorgenti, mette in chiaro il vero e proprio insegnamento della Chiesa e quindi corregge le nozioni erronee confermando la vera fede per i credenti di ogni grado. Il Dr. Martin fa questo con una grande fiducia nella verità infallibile della parola di Dio e negli insegnamenti definitivi della Chiesa attraverso i secoli. Il libro è ben documentato, erudito ma anche molto leggibile.

Mentre gli argomenti fondamentali sono simili al suo libro del 1982 come elencati sopra, sono trattati in modo nuovo con le loro manifestazioni attuali descritte e criticate. Siamo davvero una Chiesa in crisi e troppi di noi sono compiacenti o complici nella diffusione dell’errore e della confusione. Il clero è troppo silenzioso, ma lo sono anche i laici nelle loro case e nella loro testimonianza al mondo.

Il Dr. Martin espande la sua analisi sull’universalismo che si è aggravato a partire dagli anni ’80. L’universalismo è l’errore che afferma che tutte o la grande maggioranza delle anime andranno in paradiso; che l’inferno è una possibilità remota. Questo è in conflitto con centinaia di versetti delle Scritture e con il chiaro e coerente insegnamento di Gesù che molti sono sulla strada della dannazione e “pochi” sono sulla strada della salvezza. Questo sobrio insegnamento di Gesù stesso è respinto da molti a priori. Ovviamente, danneggia la nostra comprensione della necessità di un continuo pentimento e di vivere una vita morale, la necessità dei sacramenti, della preghiera e della Parola di Dio. Trasforma la religione in un passatempo e promuove semplicemente tutti al cielo, indipendentemente dal loro credo, stile di vita, azioni o carattere. L’universalismo rende l’evangelizzazione in gran parte inutile, chiamare le persone al pentimento è anche inutile, persino una forma di odio. L’universalismo pugnala l’urgenza nel cuore e rende la predicazione del vangelo e la chiamata degli altri al pentimento inutili e persino crudeli. È chiaro che se non mettiamo a posto le dottrine del giudizio e dell’inferno, non faremo molti progressi.

Dovete leggere Una Chiesa in crisi e convincere cinquanta dei vostri amici più stretti a fare lo stesso. Ho intenzione di usare il libro per il mio gruppo di studio di giovani adulti dopo Pasqua. Francamente la maggior parte di loro “lo capisce” più della mia generazione e di altre ancora più vecchie. Sono cresciuti nella terra desolata creata dalla generazione iconoclasta dei miei confratelli “baby-boomer”.

Grazie a Dio Ralph Martin ha ripubblicato e aggiornato il suo libro degli anni ’80. Prego che molti altri, come ho fatto io nei terribili anni ’80, possano ora beneficiare in tempi molto bui di questi raggi di verità e chiarezza. Non esagero quando dico che il dottor Ralph Martin ha salvato la mia vocazione e la mia fede negli anni ’80 e prego che raggiunga molti altri in questa importante riedizione e aggiornamento. È un’opera essenziale che deve essere letta da tutti.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1