Predicatore di strada cristiano mentre viene arrestato a Londra

Predicatore di strada cristiano mentre viene arrestato a Londra

Condiviso ormai più di due milioni di volte, il video mostra una discussione tra il predicatore non ancora identificato e due agenti di polizia. Il video comincia a metà conversazione e mostra il predicatore dire ai due ufficiali: “Posso essere arrestato se volete”. Il predicatore dice ad un ufficiale: “Dona la tua vita al Signore, Gesù Cristo”. Quando uno degli ufficiali gli chiede cosa stia facendo, il predicatore gli risponde: “Sto predicando”.

L’agente nel video dice all’uomo “Sto per chiederle di andarsene”. Quando il predicatore risponde ai poliziotti che non ha intenzione di farlo, gli ufficiali lo informano che verrà arrestato per violazione della quiete pubblica. In risposta, il predicatore proclama: “Non andrò via perché devo dire loro la verità, perché Gesù è l’unica via, la verità – perché Gesù è l’unica via, la verità e la vita”. A questo, l’ufficiale risponde: “E io lo apprezzo, ma nessuno vuole ascoltarlo.” “Non vuole ascoltarlo? Lo ascolterete quando sarete morti”, dice il predicatore. È stato allora che gli ufficiali lo hanno ammanettato e gli hanno sequestrato la Bibbia. Quando l’uomo ha chiesto agli ufficiali di non prendergli la  Bibbia, l’altro ufficiale ha replicato: “Avrebbe dovuto pensarci prima di essere razzista”.

Anche se non è chiaro che cosa stesse predicando prima che la videocamera cominci a registrare, l’account Twitter che ha pubblicato il video, “Eye on Antisemitism”, ha affermato che la Polizia gli avrebbe detto che era stato arrestato con l’accusa di islamofobia. Eye on Antisemitism ha scritto che poco prima che l’incidente si svolgesse, il predicatore era stato impegnato in un dibattito con un uomo musulmano che si era surriscaldato. Secondo i tweet dell’associazione, l’uomo musulmano che aveva discusso con il predicatore cristiano si sarebbe riferito alla Bibbia come “str **** te” mentre il predicatore cristiano non avrebbe pronunciato frasi anti-islamiche.

“Christian Concern”, un gruppo che difende i valori cristiani e i diritti dei genitori, ha annunciato lunedì che ha contattato il predicatore e gli ha offerto aiuto. Il gruppo offre assistenza legale ai cristiani i cui diritti vengono violati a causa della loro fede.

Secondo il sito di notizie “Premier”, sabato la polizia è stata chiamata alla stazione della metropolitana di Southgate a sud di Londra “in risposta alle preoccupazioni sollevate dal comportamento di un uomo”. L’uomo, secondo la dichiarazione della polizia, è stato quindi arrestato per “impedire una violazione della quiete pubblica” ed è poi stato rilasciato senza alcuna ulteriore azione legale.

Il Rev. Dr. Gavin Ashenden della Chiesa d’Inghilterra, ex cappellano della Regina Elisabetta, ha espresso online profonda preoccupazione e sostegno al predicatore di strada. Secondo “Premier”, il reverendo Ashenden ha detto: “L’arcivescovo di Canterbury e i vescovi della Chiesa d’Inghilterra potrebbero magari voler protestare a favore del povero predicatore di strada maltrattato da poliziotti che non conoscono né applicano la legge?” Altri commentatori si chiedevano se la Polizia avrebbe trattato una copia del Corano nello stesso modo in cui gli ufficiali hanno trattato la Bibbia del predicatore.

Le e-mail che LifeSiteNews ha inviato a “Eye on Antisemitism” e “Christian Concern” ad ora non hanno ricevuto risposta.

Obianuju (“Uju”) Ekeocha, un avvocato pro-vita nigeriano , ha detto in un video di YouTube che la polizia di Londra ha arrestato il predicatore cristiano sulla base di “dicerie”. Ha chiesto alla polizia di scusarsi per l’arresto e di interrogare gli ufficiali coinvolti.

Ecco il video di Obianuju (“Uju”) Ekeocha:

 

di Martin M. Barillas

Fonte: LifeSiteNews

 

========================

 

di Annarosa Rossetto

A conclusione di questa vicenda, e seguendo lo spunto del commentatore che si domandava se la Polizia avrebbe trattato il Corano così come ha trattato la Bibbia, abbiamo trovato un video che compara quanto successo al predicatore cristiano con quanto successo ad un predicatore islamico. La situazione è simile ma  si conclude con il poliziotto che informa i passanti che il predicatore, il quale nel frattempo lo ha sfidato urlandogli in faccia “Allah u akbar” ed insultato (nel video si sente il “beep” della censura audio), ha diritto a predicare per strada.

Ecco il video molto interessante e che vi consigliamo di vedere:

 

(La traduzione dell’articolo di LifeSiteNews è a cura di Annarosa Rossetto)

Facebook Comments