Mentre si avvicinano le Presidenziali di Novembre, negli USA la discussione anche all’interno della  Chiesa Cattolica si surriscalda.

In questo articolo di LifeSiteNews si parla dell’ultima polemica suscitata dal vescovo Stowe secondo il quale l’aborto non è il principale tema su cui i Cattolici devono focalizzare la loro attenzione per scegliere i candidati. Ve lo proponiamo nella traduzione di Annarosa Rossetto.

 

John Stowe, vescovo di Lexington, Kentucky
John Stowe, vescovo di Lexington, Kentucky con il biglietto con preghiera

 

Il vescovo pro-gay John Stowe ha giustificato il suo dissenso dall’USCCB (Conferenza Episcopale USA, ndt) affermando che “senza un ambiente che sostenga la vita umana, non non ci può essere vita umana”.

Giovedì scorso il vescovo John Stowe ha suggerito che sia l’ambiente la questione preminente da considerare per gli elettori cattolici, non l’aborto. “Sono entrambe questioni critiche”, ha ammesso il vescovo pro-gay di Lexington, Kentucky. “Penso che si potrebbe sostenere che … il Creato sia la questione preminente, perché senza l’ambiente che sostiene la vita umana, non può esserci vita umana.”

Il vescovo di Lexington, Kentucky, ha fatto le sue osservazioni durante un webinar ospitato da Catholic Climate Covenant .

“Dobbiamo esaminare per quale incarico votiamo le persone, quale carica stiamo eleggendo e qual è il loro ruolo in tale ufficio”, ha continuato Stowe. “Abbiamo visto cosa può fare l’attuale Presidente ritirandosi da un trattato internazionale sulla protezione dell’ambiente e l’effetto che ha avuto immediatamente”.

D’altra parte, il vescovo ha detto: “Purtroppo abbiamo convissuto con l’aborto come diritto dal 1973. Dopo molte amministrazioni di entrambi i partiti questo fatto non è cambiato, quindi penso che guardare all’immediatezza e al ruolo dell’ufficio e quale effetto avranno possa influire sulla nostra decisione”.

Mons. Stowe ha anche criticato la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB) per il suo documento ” Forming Consciences for Faithful Citizenship” (Formare le coscienze dei Cittadini  di Fede, ndt) scritto con un linguaggio che qualificava l’aborto come “priorità preminente” per gli elettori.

“La minaccia dell’aborto rimane la nostra priorità preminente perché attacca direttamente la vita stessa, perché avviene all’interno del santuario della famiglia e per il numero di vite distrutte”, hanno scritto i vescovi.

In un altro punto, hanno aggiunto: “Nella nostra nazione,” l’aborto e l’eutanasia sono diventate minacce preminenti alla dignità umana perché attaccano direttamente la vita stessa, il bene umano più fondamentale e la condizione per tutti gli altri “.

“Ho votato contro l’utilizzo di questo linguaggio”, ha detto Stowe, sostenendo che fosse una terminologia confusa.

“Capisco la logica per cui sia considerato preminente”, ha ammesso, “perché senza il diritto alla vita gli altri diritti umani non sussistono. Quindi lo capisco ma sfortunatamente fa sì che le persone possano pensare che sia l’unico che conta, e non credo che fosse l’intenzione del documento “.

“Va contro altre parti del documento che ci dicono di non essere elettori chiamati a decidere su una singola questione, quindi se prendiamo il tipo di spiritualità della rete della vita, vediamo l’interconnessione di tutte queste questioni”, ha sottolineato Stowe. “Papa Francesco ha fatto un ottimo lavoro nel guidarci verso questo. Penso che l’utilizzo non necessario di quella parola sia stato un passo indietro. “

Lo stesso documento della USCCB ha infatti chiesto ai cattolici di concentrarsi non su una sola questione. Comunque ha stabilito che la posizione di qualsiasi candidato su una singola questione non è sufficiente a garantire il sostegno di un elettore. Tuttavia, se la posizione di un candidato su una singola questione promuove un atto intrinsecamente malvagio, come l’aborto legale, la ridefinizione del matrimonio in modo tale da negarne il significato essenziale o un atteggiamento razzista, un elettore può legittimamente ritenere un candidato non degno di ricevere sostegno”.

Per i fedeli cattolici, la posizione di un politico sull’aborto e su altre questioni della vita, inclusa l’eutanasia, è di fondamentale importanza.

Papa Benedetto XVI, nel 2006, ha individuato tre “principi non negoziabili” in politica.

Ha menzionato per primo la “tutela della vita in tutte le sue fasi, dal primo momento del concepimento fino alla morte naturale”.

Inoltre, ha fatto riferimento al “riconoscimento e promozione della struttura naturale della famiglia, quale unione fra un uomo e una donna basata sul matrimonio, e sua difesa dai tentativi di renderla giuridicamente equivalente a forme radicalmente diverse di unione che, in realtà, la danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione, oscurando il suo carattere particolare e il suo insostituibile ruolo sociale”.

Infine, il Papa emerito ha elencato “la tutela del diritto dei genitori di educare i propri figli”.

A luglio, il vescovo Stowe aveva screditato il presidente Trump perché non realmente pro-life.

“Per questo presidente definirsi pro-life, e per chiunque lo appoggi per le sue dichiarazioni di essere pro-life, è quasi un’ignoranza intenzionale”, ha detto. “È così tanto contro la vita perché si preoccupa solo di se stesso, e ci dà molte, moltissime indicazione di questo fatto.”

“Sì, dobbiamo preoccuparci per i bambini non ancora nati”, ha detto il vescovo in quell’occasione, “È fondamentale per noi, ma è tutto connesso” e “quello che noi intendiamo per essere pro-life deve essere una visione globale che è stata descritta come la visione della veste senza cuciture”.

Il termine “veste senza cuciture” si riferisce a una teoria enunciata per la prima volta dal defunto cardinale Joseph Bernardin. Secondo questa teoria, i mali intrinseci come l’aborto essenzialmente sono moralmente equivalenti ai mali della società come la povertà.

“Papa Francesco ci ha dato una grande definizione di cosa significhi essere pro-life”, ha detto Mons. Stowe. “Fondamentalmente ci dice che non possiamo affermare di essere a pro-life se sosteniamo la separazione dei bambini dai loro genitori al confine degli Stati Uniti, se sosteniamo l’esposizione delle persone al confine al COVID-19 a causa delle strutture in cui sono, se neghiamo alle persone che hanno bisogno di un’adeguata assistenza sanitaria l’accesso a tale assistenza sanitaria, se impediamo alle persone di ottenere l’alloggio o l’istruzione di cui hanno bisogno, non possiamo definirci pro-life “.

Il vescovo Stowe ha anche usato il webinar di luglio per esprimere ancora una volta il suo sostegno all’omosessualità e all’ideologia di genere, dicendo esplicitamente: “La nostra idea di famiglia deve cambiare”.

“Dobbiamo avere una diversa comprensione della famiglia, ed è qui che entrano in gioco le questioni LGBT”, ha detto. “Sono completamente d’accordo con (un altro partecipante al webinar) che la nostra credibilità nei confronti dell’intera nuova generazione è in pericolo, e ancor di più, che i giovani che semplicemente non sono interessati a quell’insegnamento, e sanno dalla loro esperienza e sanno dalle persone che conoscono che ci sono persone buone e amorevoli che si identificano come LGBT, e questo fa parte di ciò che sono “.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1